CPU, i nuovi Ivy Bridge di Intel

Il chipmaker statunitense rinnova la linea Ivy Bridge presentando nuovi processori di fascia media e medio-bassa. Spazio ai Core i3 e Core i5, in attesa delle novità della prossima architettura
Il chipmaker statunitense rinnova la linea Ivy Bridge presentando nuovi processori di fascia media e medio-bassa. Spazio ai Core i3 e Core i5, in attesa delle novità della prossima architettura

Sul finire dell’estate Intel presenta nuovi processori della famiglia Ivy Bridge: la più recente architettura di microprocessore di Santa Clara – quella che ha introdotto per la prima volta i transistor tridimensionali sul mercato consumer – include ora nuovi modelli adatti a tutte le tasche e gli scenari di utilizzo.

Non che Sandy Bridge – microarchitettura 35-nm “tick” precedente all’upgrade “tock” a 22 nm di Ivy Bridge, usando il gergo interno di Intel – sparisca del tutto, visto che i processori di fascia bassa con indicativo “T” continuano a essere basati sulla vecchia architettura.

I nuovi processori autunnali di Intel comprendono dunque i quad-core Core i5 con clock da 2,70 GHz a 3,10 GHz (i5-3350P, i5-3330, i5-3334S, i5-3330S), tutti dotati di tecnologia Turbo Boost di seconda generazione per l’overclock automatico e “di fabbrica” nel caso in cui venga impiegato un numero ridotto di core. Prezzo variabile fra i 177 e i 194 dollari, mancanza di tecnologia Hyperthreading e della GPU integrata nel caso dei modelli classificati con suffisso “P”.

La fascia bassa comprende invece i modelli Core i3 (i3-3240, i3-3225, i3-3220, i3-3240T, i3-3220T), processori dual-core privi di HyperThreading e Turbo Boost dal prezzo più che abbordabile compreso fra 117 e 138 dollari.

Intel punta a espandere la sua linea di processori per continuare a mantenere i suoi abituali ritmi di crescita anche in un periodo economicamente difficile come quello attuale, mentre per il futuro immediato c’è già la microarchitettura “Haswell” che bussa alla porta : i processori “Core” di quarta generazione faranno miracoli soprattutto dal punto di vista del consumo energetico, tagliando per metà il TDP e i Watt necessari a far funzionare la CPU.

Il business di Santa Clara va più che bene, la tecnologia c’è e migliorerà (ancora) in futuro ma gli analisti predicono nuvole nere all’orizzonte: il predominio del duopolio “Wintel” verrà messo in crisi dall’esplosione di vendite dei gadget mobile, sostiene IHS iSuppli.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 09 2012
Link copiato negli appunti