Il 2013 è l'anno di HP

Il nuovo amministratore delegato di HP preconizza un 2012 duro. Promettendo di tornare ai valori fondanti dell'azienda per recuperare il terreno perduto. E basta alle acquisizioni alla Palm

Roma – Per Hewlett-Packard e il suo nuovo CEO Meg Whitman è tempo di bilanci: l’amministratore delegato del colosso statunitense dei PC che voleva vendersi i PC ha comunicato agli azionisti i dati (negativi) dell’ultimo trimestre dell’anno fiscale, preannunciando un futuro immediato ancora duro da digerire e una possibile ripresa nel 2013.

Nel 2011 HP perde, e naturalmente tra le cause principali c’è l’acquisizione andata a male di webOS : i numeri dicono che lo “scherzetto” dell’ex-CEO Apotheker e del business fallimentare dei tablet TouchPad è costato alla corporation la bellezza di 3,3 miliardi di dollari.

HP è riuscita a trasformare quella che veniva considerata come un’impresa sulla carta vincente – la realizzazione appunto da parte di Palm di webOS sotto l’ala protettiva del primo produttore al mondo di PC – in un disastro di cui ancora si vede costretta a pagare le conseguenze.

E le conseguenze della situazione contingente HP continuerà a pagarle anche nel 2012, dice Whitman agli azionisti, perché oltre al fallimentare business webOS/TouchPad c’è da mettere in conto la contrazione di acquisti di hardware informatico dovuto alle difficilissimi condizioni economiche nelle regioni mature (USA, EMEA).

Che cosa intende fare dunque HP per continuare a restare a galla e provare ad agganciare il rimbalzo nel 2013? Whitman parla di un “ritorno alle basi del business” della corporation durante tutto il 2012, la riorganizzazione delle risorse e una rinnovata scommessa sulla capacità di innovare proveniente dall’interno. E webOS? HP deciderà cosa farne entro dicembre.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • BlaBla scrive:
    Per attivarla con Firefox o Chrom
    Per attivare la nuova interfaccia: Aprite Youtube. In Chrome, premete Ctrl-Shift-j e si aprirà la console degli sviluppatori. Se invece avete Firefox , premete Ctrl-Shift-k per aprire la console web. Inserite il valore document.cookie="VISITOR_INFO1_LIVE=ST1Ti53r4fU" nella console. Aggiornate la pagina premendo F5 e avrete il nuovo layout impostato.
  • Roberton scrive:
    Roberton
    Con flash non si pone nessuno dei problemi elencati nei commenti. Io continuo ad utilizzare Flash e sono apposto.
    • Sviluppator e scrive:
      Re: Roberton
      - Scritto da: Roberton
      Con flash non si pone nessuno dei problemi
      elencati nei commenti. Io continuo ad utilizzare
      Flash e sono
      apposto.Auguri.
    • Si e indirizzo scrive:
      Re: Roberton
      Per adesso,almeno flash e' spanne piu' avanti. C'e' anche supporto per il captioning
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Roberton
        - Scritto da: Si e indirizzo
        Per adesso,almeno flash e' spanne piu' avanti.
        C'e' anche supporto per il
        captioningDa tempo è attivo anche in HTML5 su youtube.
    • Lucio, addome cianciugliante scrive:
      Re: Roberton
      - Scritto da: Roberton
      Con flash non si pone nessuno dei problemi
      elencati nei commenti. Io continuo ad utilizzare
      Flash e sono
      apposto.Sei patetico.
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Roberton
      - Scritto da: Roberton
      Con flash non si pone nessuno dei problemi
      elencati nei commenti. Io continuo ad utilizzare
      Flash e sono
      apposto.Perché usi solo il PC.
  • bertuccia scrive:
    interfaccia youtube
    mi chiedo perchè nei video 'recommended' (quelli a destra del video che sto guardando) non compaiano i likes/notlikesps. manca i link a reddit.com, c'è solo quello allo screenshot, ripetuto per 2 volte
  • uno nessuno scrive:
    HTML5...
    Perchè anche Tamburrino (che pur lavorando a Punto Informatico non mi sembra uno stupido) scrive HTML5 come se fosse un formato per i video? HTML5 non fa altro che introdurre il tag , che peraltro da un punto di vista formale non dovrebbe nemmeno esistere, visto che si sarebbe potuto/dovuto ottenere lo stesso risultato con .La novità è che ora i browser supportano 3 formati video. E sarebbe stato più interessante dire quali di questi userà YouTube, visto che i browser, come al solito, nella loro XXXXXXXXXtà inarrivabile, hanno pensato bene di farsi ognuno gli affari propri. Nel senso che nessuno di questi 3 formati è supportato da tutti i maggiori browser. (il tag video contiene un tag che i produttori dei browser hanno ideato per rimediare a questo problema, visto che avevano già deciso in anticipo di riconfermare la loro inarrivabile XXXXXXXXXtà anche in questa occasione)
    • Alessandrox scrive:
      Re: HTML5...
      Html5 è solo il linguaggio che dice al browser di elaborare gli streaming tipo WEBM <video src="movie.webm" poster="movie.jpg" controls
      This is fallback content to display if the browser does not support the video element. </video
      Quindi cio che conta NON è tanto l' html5 quanto le librerie in grado di fare elaborare direttamente nel browser il <b
      formato webM </b
      e il codec che incorpora.qundi più che html5 (che nel caso dei video consiste nel tag <video
      </video
      <b
      è il supporto WEBM </b
      nelle librerie del browser la vera novità, purtroppo però sto constatando che le prestazioni di WEBM sono, a parità di sistema e browser, molto inferiori a quelle di FLASH, i video sono lenti da morire e impegnano più CPU del sistema con FLASH
      • Carlo scrive:
        Re: HTML5...
        - Scritto da: Alessandrox
        Html5 è solo il linguaggio che dice al browser di
        elaborare gli streaming tipo
        WEBM

        <video src="movie.webm" poster="movie.jpg"
        controls


        This is fallback content to display if
        the
        browser
        does not support the video element.
        </video


        Quindi cio che conta NON è tanto l' html5 quanto
        le librerie in grado di fare elaborare
        direttamente nel browser il <b
        formato
        webM </b
        e il codec che
        incorpora.

        qundi più che html5 (che nel caso dei video
        consiste nel tag <video
        </video


        <b
        è il supporto WEBM </b
        nelle
        librerie del browser la vera novità, purtroppo
        però sto constatando che le prestazioni di WEBM
        sono, a parità di sistema e browser, molto
        inferiori a quelle di FLASH, i video sono lenti
        da morire e impegnano più CPU del sistema con
        FLASHConfermo, invece che reinventare la ruota di volta in volta, ogni browser dovrebbe appoggiarsi alle tecnollogie sottostanti come ffmpeg o directshow così da delegar loro la decodifica e risolvere in un sol colpo la causa dell' "XXXXXXXXXtà" intrinseca dei brevetti *264
        • Stargatto scrive:
          Re: HTML5...
          Se attivo il supporto HTML5 io i video continuo a vederli in Flash... credo che sono una minima parte del loro archivio sia stato convertito in WEBM, che cmq non verrebbe letto nativamente da Internet Exploder
        • Si e indirizzo scrive:
          Re: HTML5...
          HTML 5: nato morto, standardizzato mai. Particolarmente per i videoSembra quasi che sta manica di testicoli con braccia e gambe lo faccia apposta a creare ancora piu' problemi di incompatibilità di quanti ne esistono già.Incredibile.- Scritto da: Carlo
          - Scritto da: Alessandrox

          Html5 è solo il linguaggio che dice al
          browser
          di

          elaborare gli streaming tipo

          WEBM



          <video src="movie.webm"
          poster="movie.jpg"

          controls




          This is fallback content to display
          if

          the

          browser

          does not support the video element.

          </video




          Quindi cio che conta NON è tanto l' html5
          quanto

          le librerie in grado di fare elaborare

          direttamente nel browser il <b

          formato

          webM </b
          e il codec che

          incorpora.



          qundi più che html5 (che nel caso dei video

          consiste nel tag <video

          </video




          <b
          è il supporto WEBM </b

          nelle

          librerie del browser la vera novità,
          purtroppo

          però sto constatando che le prestazioni di
          WEBM

          sono, a parità di sistema e browser, molto

          inferiori a quelle di FLASH, i video sono
          lenti

          da morire e impegnano più CPU del sistema con

          FLASH

          Confermo, invece che reinventare la ruota di
          volta in volta, ogni browser dovrebbe appoggiarsi
          alle tecnollogie sottostanti come ffmpeg o
          directshow così da delegar loro la decodifica e
          risolvere in un sol colpo la causa dell'
          "XXXXXXXXXtà" intrinseca dei brevetti
          *264
  • alpha977 scrive:
    errore nel titolo
    Non dovrebbe essere "redesign"?
Chiudi i commenti