Il Bing va giù, il Bing va su

Il decisional engine di BigM ha vacillato per mezzora prima tornare a rispondere. Colpa di un aggiornamento al sistema
Il decisional engine di BigM ha vacillato per mezzora prima tornare a rispondere. Colpa di un aggiornamento al sistema

Nella giornata di ieri Bing è stato offline per circa trenta minuti a causa di un cambio di configurazione che ha evidentemente generato più problemi del previsto. Satya Nadella, reponsabile della Online Services Division di Microsoft, ha spiegato che il malfunzionamento ha fatto sì che le query degli utenti non venissero processate dal motore decisionale.

“Non appena il problema è stato rilevato – ha proseguito Nadella – l’aggiornamento della configurazione è stato annullato, facendo tornare il sito alla normalità”. BigM in ogni caso ha avviato un’indagine per comprendere l’origine del guasto e riprendere il processo interrotto.

Sin dal suo debutto sulla Rete, Bing è stato sostenuto dai suoi creatori utilizzando i mezzi più disparati: da una massiccia campagna pubblicitaria antecedente il lancio a continui aggiornamenti e novità, l’azienda di Redmond si è dimostrata particolarmente premurosa nei confronti del suo motore decisionale.

Attualmente il terzo engine più utilizzato negli Stati Uniti, Bing sin dai primordi non ha mai mantenuto troppo a lungo lo stesso aspetto. Twitter e Wolfram Alpha sono stati tra i primi obiettivi del search made in Redmond, che dopo aver ghettizzato la pornografia si è concentrato sullo sviluppo di feature parallele quali Bing Maps, aggiornato proprio questa settimana.

Giorgio Pontico

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

04 12 2009
Link copiato negli appunti