Il fotovoltaico che lava via la polvere

Un nuovo design promette risposte alla più sporca delle domande: come si elimina la polvere sedimentata a strati sugli specchi? Il sistema è pensato per le future missioni spaziali, e non solo

Roma – La polvere, il peggior nemico della salubrità dell’ambiente domestico ma soprattutto dell’efficienza di conversione energetica dei pannelli fotovoltaici. Un problema spinoso e urgente quello dei sedimenti stratificati sui pannelli solari, soprattutto in vista di un’ adozione sempre più massiccia e diffusa di questo genere di tecnologie energetiche , sulla Terra come sugli altri pianeti del Sistema Solare nel corso delle prossime missioni di esplorazione spaziale.

“Uno strato di polvere di un 4 grammi per meno di un metro quadrato diminuisce la conversione dell’energia solare del 40 per cento”, dice Malay K Mazumder della Boston University . “In Arizona” continua Mazumder, “ogni mese la polvere che si deposita è quattro volte questa quantità. Il tasso di deposito è persino maggiore in Medio Oriente, in Australia e in India”.

Una riduzione così drastica dell’efficienza nella conversione energetica è una iattura che riduce la funzionalità dei pannelli fotovoltaici in applicazioni “terrestri” ma anche e soprattutto spaziali, e non a caso la soluzione realizzata da Mazumder e il suo team nasce proprio da una partnership con NASA in funzione delle future missioni su Luna e Marte .

Lo studio di Mazumder e colleghi descrive un pannello fotovoltaico “autopulente”, ricoperto di un materiale trasparente elettricamente sensibile integrato nella pellicola di vetro o plastica che ricopre il pannello stesso. Sensori si occupano di monitorare il livello di polvere sedimentato sulla superficie, e quando tale livello viene superato i predetti sensori rilasciano una scarica energetica che funziona da “onda repellente” capace di far scivolare via le particelle di polvere sino a oltre gli orli del pannello.

Il sistema consuma solo una piccola percentuale dell’elettricità generata da un pannello solare, dicono i ricercatori, ma in compenso è in grado di eliminare circa il 90 per cento della polvere stratificata in un processo repellente che dura un paio di minuti . Mazumder sostiene che il suo design di pannello auto-pulente possa essere di grande beneficio nelle zone della Terra particolarmente polverose, e non ci sono limiti di implementazione nei sistemi fotovoltaici “su piccola così come su larga scala”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti