Il Linux telefonico è sempre più mobile

La LiMo Foundation raccoglie l'esperienza di produttori e operatori per ottenere una piattaforma standard che infili il Pinguino nel maggior numero possibile di telefoni cellulari

Roma – L’alleanza siglata lo scorso giugno tra Motorola , Vodafone , NTT DoCoMo , Samsung , NEC e Panasonic , con l’obiettivo di creare una piattaforma open source per la telefonia mobile, ora ha un’identità concreta: si chiama LiMo Foundation .

La nuova organizzazione non profit che si è presentata ufficialmente come LiMo Foundation , evidenzia ZDnet , non deve essere confusa con il LiPS (Linux Phone Standardization Forum) che unisce produttori come Texas Instruments , ZTE e Freescale Semiconductor , operatori come France Telecom (che ha il controllo di Orange ) e Telecom Italia (che controlla TIM ) e società di software come Trolltech , Palmsource e McAfee .

Le due organizzazioni condurranno attività complementari: obiettivo di LiPS è quello di collaborare con la Mobile Linux Interactive, gruppo di lavoro aperto dall’ OSDL (Open Source Development Labs), che si occupa di “tutto ciò che è legato al kernel”, cioè le soluzioni per migliorare l’efficienza della gestione di memoria ed energia dei dispositivi Linux-based. La LiMo Foundation intende invece puntare sulla collaborazione fra le varie aziende per realizzare una piattaforma software accoglibile sul maggior numero di prodotti.

Il risultato è nelle cose: un Pinguino sempre più spesso “motore” dei cellulari di nuova concezione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti