Il massacro di Columbine? Un videogioco

Controversa iniziativa di un anonimo utente statunitense: lancia un gioco di ruolo dove i protagonisti sono Dylan Klebold ed Eric Harris, i due adolescenti che uccisero 13 persone in una scuola superiore del Colorado
Controversa iniziativa di un anonimo utente statunitense: lancia un gioco di ruolo dove i protagonisti sono Dylan Klebold ed Eric Harris, i due adolescenti che uccisero 13 persone in una scuola superiore del Colorado

Denver (USA) – Il massacro di Columbine è diventato un videogioco gratuito scaricabile dal web: si chiama Super Columbine Massacre RPG ed ha già scatenato le ire delle persone che durante quel triste episodio hanno perduto figli, parenti o amici.

Assemblato grazie ad RPG Maker , uno strumento che permette di realizzare giochi di ruolo senza alcuna conoscenza informatica specifica, Super Columbine Massacre mette il giocatore nei panni dei due assassini. L’obiettivo del gioco è di ripercorrere le fasi della strage , dall’uccisione dei compagni di scuola fino all’epilogo della storia, conclusasi col suicidio dei due assassini. L’intero videogioco contiene numerose immagini prese da quotidiani e telegiornali.

“I giocatori più distruttivi, alla fine, avranno una serie di belle sorprese”, si legge sul sito di Super Columbine Massacre. Per Brian Rohrbough, padre di una delle vittime uccise a sangue freddo dai due studenti Dylan Klebold ed Eric Harris, questo videogioco è una triste rappresentazione della società contemporanea: “Viviamo immersi nella cultura della morte”, ha detto ai reporter di AP , “e questo videogioco mi inorridisce, poiché minimizza le azioni di due assassini che hanno tolto la vita a persone innocenti”.

L’autore del gioco, nascosto dietro il soprannome di “Columbin”, si difende pubblicamente sul sito ufficiale: “Voglio solo spingere le persone a riflettere su quanto accaduto, ed invece di starmene seduto di fronte alla TV ho deciso di fare qualcosa di creativo”. Columbin ha aperto un forum di discussione online , dove non mancano assalti frontali da parte dei parenti delle vittime: “Mi fai schifo, sei un essere abominevole”, si legge in un messaggio rivolto al creatore di Super Columbine Massacre.

Il caso sta suscitando molto interesse negli Stati Uniti, tra sentimenti di disgusto e condanne. Le autorità del Colorado, dopo la strage di Columbine, sono sempre in guardia e sorvegliano Internet alla ricerca di segnali importanti da parte degli adolescenti, nel timore che qualcosa di simile possa ripetersi: molti, negli USA, credono che i videogiochi violenti come Super Columbine Massacre possano generare altrettanta violenza .

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

18 05 2006
Link copiato negli appunti