Il proiettile che aggiusta il tiro

I laboratori della Difesa USA lavorano alla realizzazione di una nuova genia di proiettili, capace di teleguidarsi fino all'obiettivo e di centrare il bersaglio a due chilometri di distanza
I laboratori della Difesa USA lavorano alla realizzazione di una nuova genia di proiettili, capace di teleguidarsi fino all'obiettivo e di centrare il bersaglio a due chilometri di distanza

Un nuovo tipo di proiettile altamente tecnologico, capace di correggere autonomamente la “rotta” fino all’obiettivo – a oltre un miglio di distanza dall’arma da fuoco da cui è stato sparato. Ci lavorano gli ingegneri di Sandia National Laboratories , joint venture tra DARPA e Lockheed Martin che ha appena presentato uno di questi nuovi super-proiettili autoguidati.

In effetti somigliano più a piccoli missili che a colpi di arma da fuoco, i proiettili di Sandia: lunghi 4 centimetri, contengono sufficiente strumentazione elettronica da essere in grado di correggere la traiettoria trenta volte al secondo .

L’obiettivo da colpire viene “messo a fuoco” da un apposito segnale laser “sparato” in anticipo sul proiettile, e la distanza massima entro la quale la tecnologia è in grado di colpire il segno è di ben 2 chilometri.

La funzionalità di autoguida del proiettile dovrebbe impedirgli di mancare il bersaglio anche in casi di forte vento e condizioni atmosferiche avverse. E per avere prova del risultato positivo dello sparo, è prevista la presenza di un piccolo display LED sull’arma attraverso cui osservare la traiettoria del colpo.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 02 2012
Link copiato negli appunti