Il robot del MIT fa il pesce

E' pronto a colonizzare i sette mari. L'obiettivo è fare il lavoro sporco dell'uomo, controllando il livello di inquinamento delle acque

Roma – È un robot ma sembra un pesce, e si muove anche alla stessa maniera. Al MIT proseguono sulla strada del robo-zoo sviluppando un prototipo di robo-pesce innovativo, idealmente utilizzabile in quegli anfratti sottomarini in cui gli altri underwater autonomous vehicle (UAV) non arrivano e tra le tante sporcizie riversate nel mare dalla razza umana.

Il design del robo-pesce del MIT è stato pensato con in mente principi di economicità, ma anche con la possibilità di replicare il movimento proprio dei pesci in carne e spine: il drone è composto da un corpo unico ricoperto di un materiale polimerico flessibile , la qual cosa permette all’unità di muoversi in libertà senza pericoli di tensioni eccessive allo “scafo” con conseguenti danni irreparabili all’elettronica interna.

Il movimento del drone mima quello dei pesci reali , capaci di contrarre i muscoli delle due estremità del corpo per solcare le acque: al centro del robot è presente un singolo motore, da cui si irradia un impulso che si diffonde per tutto il corpo spingendolo in avanti. Composto da appena 10 parti, l’UAV subacqueo è caratterizzato dal vantaggio (tra gli altri) di avere un costo di produzione più basso rispetto alle soluzioni concorrenti.

Tra le possibili applicazioni per un robo-pesce al MIT citano il monitoraggio delle condutture sottomarine, dei relitti di navi e dell’inquinamento. L’attuale prototipo misura circa 30 centimetri ed è meno veloce della sua controparte animale, con un consumo energetico di 2,5-5 watt e l’obbligo di una fonte di alimentazione esterna. Le batterie interne, dicono i ricercatori, arriveranno quanto prima.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • an0nim0 scrive:
    Wireless Mania
    Wireless in generale, può aver senso, da una certa distanza in poi. Dopo l'auricolare blutooth, le cuffie hifi senza fili, la tastiera x PC senza fili, ora ci propinano pure questo inutile oggetto.Finta comodità che AVANZA... in entrambi i sensi.
  • Informatico perpassion e scrive:
    carica cosa ?
    assolutamente inutile. Cosa cambia appoggiarlo piuttosto che mettere la spina ? Non era meglio qualcosa nel telefono che assorbiva, come gli esperimenti di tesla del 1800, le onde stazionarie, e si ricaricava !! Visto che siamo continuamente immersi nel campo magnetico terrestre naturale e artificiale a tutte le latitudini ???
    • Funz scrive:
      Re: carica cosa ?
      - Scritto da: Informatico perpassion e
      assolutamente inutile. Cosa cambia appoggiarlo
      piuttosto che mettere la spina ? Non era meglio
      qualcosa nel telefono che assorbiva, come gli
      esperimenti di tesla del 1800, le onde
      stazionarie, e si ricaricava !! Visto che siamo
      continuamente immersi nel campo magnetico
      terrestre naturale e artificiale a tutte le
      latitudini
      ???E come trasformi il campo magnetico terrestre in energia elettrica?Se ci riesci, hai risolto il problema energetico mondiale :DPoi Tesla era un genio, ma tanti di quelli che lo osannano oggi no di sicuro :p
    • krane scrive:
      Re: carica cosa ?
      - Scritto da: Informatico perpassion e
      assolutamente inutile. Cosa cambia appoggiarlo
      piuttosto che mettere la spina ? Che ad esempio puo' essere completamente stagno.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 agosto 2009 10.28-----------------------------------------------------------
  • ottomano scrive:
    Bella, bella.... bella cac..ta!
    Ma scusate.Uno deve avere la piastra, gli adattatori, un trasformatore a cui collegare la piastra... e si deve portare dietro tutto questo ambaradan!Io mi porto dietro il cellulare e un cavo usb che posso collegare ovunque (all'autoradio, al pc, al notebook, ai caricatori usb....), con il vantaggio che, se mi dimentico il cavetto a casa, trovo sempre qualche collega che ha un caricatore usb.Addirittura, quando sono in viaggio, posso anche unificare le due cose, portandomi un unico cavetto per trasferire le immagini dalla macchina fotografica al pc e per caricare il cellulare.Senza contare la comodità di avere un caricatore tradizionale che consente di piazzare il telefonino per terra o sul divano, senza necessariamente aver bisogno di una base d'appoggio verticale.Sarà un flop.Nicola
    • Lord Kap scrive:
      Re: Bella, bella.... bella cac..ta!
      - Scritto da: ottomano
      Sarà un flop.Concordo. Come va di moda dire in questi tempi: epic fail.-- Saluti, Kap
      • Daniele scrive:
        Re: Bella, bella.... bella cac..ta!
        Calcolando anche che con questo sistema per mandare un messaggio, rispondere ad una chiamata o leggere un numero in rubrica si deve togliere il telefono dal caricabatterie . E queste sono le tipiche cose che ammazzano una batteria, che sia litio o meno.
  • Gianei scrive:
    Rivoluzione inutile
    Che sia rivoluzionario sono in molti a dirlo (anche se poi mi sembra un po' esagerato), ma l'utilita' mi sembra scarsa.L'unico vantaggio che vedo e' che si occupa una presa di corrente sola anziche' 3.In compenso:- se vado in giro mi devo portare dietro una piastra di dimensioni e peso maggiori del mio vecchio caricabatterie- deve comunque esserci un contatto fisico tra il mio telefono e la presa nel muro, quindi tutto sommato non mi sembra molto diverso- siamo sicuri che sta cosa e' energeticamente efficiente?- fino a che tutti i telefoni non avranno incorporato la clip si dovra' comunque avere un aggeggino in piu' da attaccare al telefonoNon so se qualcuno si ricorda il caricabatterie dei primi Motorola; era una basetta su cui si potevano appoggiare una batteria e un telefono o 2 batterie (2 batterie erano necessarie per una giornata di utilizzo intenso).
  • Pietro scrive:
    Spazzolino elettrico
    Io ho uno spazzolino elettrico di quelli economici (
    • Wolf01 scrive:
      Re: Spazzolino elettrico
      - Scritto da: Pietro
      Io ho uno spazzolino elettrico di quelli
      economici ( appoggiarlo sulla sua base di plastica
      (ovviamente quest'ultima è attaccata alla
      corrente).

      Ne la base ne lo spazzolino hanno parti
      metalliche a vista, si tratta di plastica contro
      plastica.

      Che dite? Sono io che la faccio troppo semplice?si
  • www scrive:
    ecco come funziona
    Qui c'e' il libretto di istruzioni ufficiale:http://www.duracell.com/us/mygrid/myGrid-instructions.pdfin pratica quello che viene chiamato "PowerClip" è un aggeggio che si inserisce nei connettori mini-usb, gira attorno al cellulare e finisce con una placca si appiccica nella parte posteriore del cellulare, questa placca fa fisicamente contatto elettrico con il pannello principale.Giustamente non centra nulla l'induzione elettrica.Alla fin dei conti non sembra poi così rivoluzionario... anzi il meccanismo del PowerClip mi sembra pure poco comodo... secondo me sarà un flop!
  • EffeGGI scrive:
    Rivoluzione
    Questa sarà la nuova rivoluzione!
    • Wolf01 scrive:
      Re: Rivoluzione
      Cioè come far passare corrente elettrica tra due superfici metalliche messe a diretto contatto?Già tanto che non ci si tosta la mano appoggiandola sopra alla griglia.. e poi quegli affaruncoli costano un fottio, 35$ l'uno? Ma siamo completamente matti?Già uno deve spendere 75$ per prendersi la base con 1 o 2 piastre di collegamento, poi deve prendere gli adattatori perchè sicuramente non saranno compatibili con ogni telefono, inoltre almeno finchè non avremo tutti i telefoni con carica tramite micro usb avranno tutti tensioni di carica diverse.Ogni tanto non so se sono io che non capisco o veramente stanno tentando di vendere solo fuffa inutile.
      • harvey scrive:
        Re: Rivoluzione
        - Scritto da: Wolf01
        Ogni tanto non so se sono io che non capisco o
        veramente stanno tentando di vendere solo fuffa
        inutile.L'importante non e' l'utilità, ma quanto e' alla moda :P
  • Lukolo scrive:
    conduzione?
    "itll provide a inductive charging solution"infatti, mi pareva: induzione, non conduzione
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: conduzione?
      Mi ri-correggo: sembrava evidente anche a me, ma ho sentito Giorgio e mi ha fatto presente che anche TechCrunch era caduta nell'errore. È stata la stessa Duracell a fare presente che si tratta di CONDUZIONE e non di induzione.Capiremo meglio più avanti, probabilmente. ;)--Naturalmente.Errore nostro: correggiamo subito, grazie mille. :)L-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 agosto 2009 15.42-----------------------------------------------------------
      • Giorgio Pontico scrive:
        Re: conduzione?
        Leggete l'articolo di Crunchgear fino in fondo. :P"After this was published, we got some more information from the manufacturer. Its conductive, not inductive charging"-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 agosto 2009 15.42-----------------------------------------------------------
        • Trunk scrive:
          Re: conduzione?
          Si ma la conduzione elettrica avviene attraverso i fili mentre i campi elettromagnetici attraversano l'aria ... non mi torna.
Chiudi i commenti