Il secondo che crasha il Web

L'adeguamento degli orologi mondiali al rallentamento della rotazione terrestre provoca problemi ai sistemi informatici. Disservizi per bacheche Web e per alcuni voli di linea
L'adeguamento degli orologi mondiali al rallentamento della rotazione terrestre provoca problemi ai sistemi informatici. Disservizi per bacheche Web e per alcuni voli di linea

Magari non avrà avuto lo stesso effetto (pratico ma soprattutto psicologico-mediatico) dell’oramai mitologico millennium bug , ma il leap second i suoi bei danni li ha provocati eccome: numerosi gli episodi di crash e disservizi in Rete, mentre la probabile matrice di altri incidenti occorsi nello stesso periodo temporale attende conferme.

Introdotto qualche decade fa (1972), il leap second serve a risincronizzare gli orologi terrestri con il rallentamento della rotazione terrestre, un fenomeno progressivo e variabile che costringe i “misuratori di tempo” ad accumulare un ritardo sensibile rispetto al naturale avvicendarsi di giorno e notte.

Di “leap second” (l’aggiunta manuale di un secondo a un giorno scelto dell’anno) ne sono già trascorsi 25, ma diversamente da quello del 2005 l’ultimo arrotondamento temporale ha lasciato una scia fatta di crash, disservizi, siti irraggiungibili o codice impazzito come maionese.

Come in occasione del succitato millennium bug – ancorché su scala molto meno estesa – i danni sono stati tangibili anche se non proprio apocalittici negli effetti: il sito di social news Reddit ha manifestato problemi con Java/Cassandra, il network di blog professionali Gawker è finito completamente “down”, Mozilla ha avuto difficoltà con Java, svariati server basati su Linux sono finiti in crash e la compagnia aerea australiana Qantas è stata costretta a posticipare 50 voli.

Matrice probabilmente comune ancorché non confermata hanno avuto i problemi sperimentati dal social network professionale LinkedIn, dalla image board 4chan, da StumbeUpon, Yelp e molti altri servizi e siti web. I problemi di accessibilità a The Pirate Bay e Foursquare sarebbero invece indipendenti dal leap second , e non sono stati chiariti eventuali incroci con i disservizi causati dal maltempo in Virginia che hanno complicato la vita ai clienti dei servizi cloud di Amazon.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 07 2012
Link copiato negli appunti