Il telefono? Prossimo alla pensione

Trilli e scambi di link a mezzo messaggeria istantanea: uno studio conferma che gli impiegati si destreggiano bene con le chat veloci. Un mezzo di comunicazione più agile di telefono e email

Roma – Un trillare incessante, un lampeggiare scomposto sugli schermi degli uffici, dita che battono sulla tastiera. L’instant messaging non è solo un’occasione per trastullarsi con colleghi e conoscenti che si avvicendano online. È piuttosto uno strumento di interazione agile e rapido, che permette ai lavoratori di risparmiare tempo e di mantenere alta la concentrazione sui lavori in corso.

ufficio A minare la convinzione che l’instant messaging sia un passatempo distraente, a confermare invece le potenzialità dei servizi di messaggeria istantanea è uno studio condotto da ricercatori dell’ Università dell’Ohio e dell’ Università Statale della California , finanziato dalla National Science Foundation. I lavoratori si rivelano più responsabili del previsto, sono concentrati sulla produttività e utilizzano messaggini e chat per sostituire forme di comunicazioni più dispersive .

Lo studio, un’elaborazione di dati raccolti nel 2006, ha coinvolto 912 persone, lavoratori a tempo pieno che si trovano a svolgere le proprie attività per almeno cinque ore al giorno di fronte ad un computer. Hanno rivelato ai ricercatori che i servizi di instant messaging consentono di comunicare in maniera più tempestiva e agile : per questo motivo spesso li preferiscono rispetto a mezzi di comunicazione asincroni come l’email, ma anche rispetto alle conversazioni telefoniche e alle interazioni face to face.

La chiave della produttività degli impiegati intervistati sta nell’utilizzo responsabile dei mezzi di comunicazione: hanno sviluppato dei codici di interazione per le comunicazioni a mezzo instant messaging, regole di comportamento che consentono loro di ingaggiare conversazioni più immediate e meno distraenti, di portare avanti il proprio lavoro mentre si relazionano e si coordinano con i colleghi mediante pillole di conversazione frequenti ma non invasive .

“Abbiamo riscontrato che l’effetto dell’instant messaging è davvero positivo – ha spiegato R. Kelly Garrett , docente di comunicazione presso l’università statale dell’Ohio – le persone che usano questo mezzo di comunicazione hanno rivelato di avere la sensazione di venire interrotte meno frequentemente”.

Ciò si deve, chiosa il docente, al modo in cui le persone interagiscono con questo mezzo, sdoganato sul posto di lavoro dopo anni di confinamento nelle relazioni di natura non professionale: le persone hanno imparato ad adattare la tecnologia all’utilizzo che ne devono fare , hanno imparato a sfruttare al meglio la messaggeria istantanea sul posto di lavoro basandosi sull’esperienza accumulata negli anni.

Orchestrano dunque le relazioni con i colleghi cambiando il proprio status, mostrandosi disponibili o occupati; giostrano i rapporti con i propri contatti facendo affidamento sulla regola implicita che consente loro di rispondere nel momento più opportuno, senza interrompere attività in corso d’opera. Ma, soprattutto, hanno individuato per l’instant messaging l’uso più consono sul posto di lavoro e non si impegnano in conversazioni complesse che richiederebbero strumenti di interazione più ricchi di sfumature: “Le persone usano questa tecnologia per sollecitare risposte rapide a domande semplici e per coordinare le proprie conversazioni e distribuirle nei momenti più opportuni”, ha spiegato Garrett.

Nulla da fare, però, con gli impiegati che si abbandonano alle distrazioni che la rete può offrire loro: è probabile siano coloro che alla scrivania si intrattengono in amabili conversazioni con i propri contatti, i primi ad essere bloccati dai dipendenti diligenti che riscontrano nell’instant messaging un utile strumento di interazione da ufficio.

Gaia Bottà

( fonte immagine )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • denis scrive:
    sollecitazioni?
    mi preoccupa assai la reazione del povero disco magneticosottoposto a delle simili sollecitazioni (calore irradiato localmente nelle breve unità di tempo, vibrazioni, campi EM dovuti alla rotazione)... siamo sicuri che siano affidabili come storage? magari come swap o cache ma come storage mi fanno un po' paura, troppe probabilità di rottura!
  • aldo mongia scrive:
    ma pare che non siano ancora affidabili
    sarò un tradizionalista ma ancora la tecnologia magnetica mi pare la più affidabile. Mi da un senso di irrevocabilità traserire i miei (o peggio quelli di clienti) su un supporto che è così "ermetico" alle riparazioni. Un problema di file system si ripara in entrambi i casi HD o CHIP-DISK, un problema fisico credo che sia ben altra faccenda da risolvere. In ambito enterprise credo che ci vorrà parecchio tmepo prima di adottare i chip-disk sebbene il consumo elettrico, il calore prodotto più basso possano attrarre ma...se devo ridondare abbondantemente i dispositivi di storage il vantaggio diminuisce e comunque un errore nel file system prodotto da un dispositivo di storage poco affidabile potrebbe essere più costoso. Quindi chip-disk per gli usi "consumer" posso accettarli (così la grande massa di utonti li usa, li collauda e li paga) in ambito enterprise credo che sarà meno facile. E poi mi viene da pensare a quanto sarà più facile aggiungere un chip (NSA-CIA-FBI compliant of course)ai nuovi dispositivi di storage non magnetici che fornisca utili funzioni di "gestione" del disco. Paranoide?.... si lo so.
    • Fox Mulder scrive:
      Re: ma pare che non siano ancora affidabili

      E poi mi viene da pensare a quanto sarà più facile
      aggiungere un chip (NSA-CIA-FBI compliant of
      course)ai nuovi dispositivi di storage non
      magnetici che fornisca utili funzioni di
      "gestione" del disco. Paranoide?.... si lo
      so.Non penso... :)
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: ma pare che non siano ancora affidabili
        - Scritto da: Fox Mulder

        E poi mi viene da pensare a quanto sarà più
        facile

        aggiungere un chip (NSA-CIA-FBI compliant of

        course)ai nuovi dispositivi di storage non

        magnetici che fornisca utili funzioni di

        "gestione" del disco. Paranoide?.... si lo

        so.

        Non penso... :)Eventuali Fritz chip li possono aggiungere anche sugli HD magnetici, da questo punto di vista non cambia niente
    • vivo scrive:
      Re: ma pare che non siano ancora affidabili
      mah, se la priorita' e' l' affidabilita dei dati non ti fidare di nessuno.Suggerimento, comprati uno/due disco/i SSD e mettilo in test per qualche mese.Il test dovrebbe essere effettuato con flussi di I/O equivalenti alla macchina di produzione.Do per scontato che il costo non ti spaventi, visto che il prezzo (di parecchie migliaia di Euro) di recupero dati dai dischi fissi rotazionali (effettuato ancora da pochi) 'e un opzione accettabile.
  • Guido La Vespa scrive:
    Non si parla di consumi...
    ma una roba che gira a 20000 RPM, mi sa che consuma un botto!Probabilmente ha senso solo in ambito server, e su quei server dove è richiesta sia elevata capacità che performance (quindi in primis data storage....)
    • lellykelly scrive:
      Re: Non si parla di consumi...
      ho visto lavorare finalcut su dischi sas, ed è tutta un'altra cosa rispetto a quelli tradizionali, quindi ben vengano le alte velocità. basta non fare come con alcune automobili che aumentano i cavalli e la velocità massima ma non adeguano freni e carrozzeria...
    • fred scrive:
      Re: Non si parla di consumi...
      WD produce gia' anche hd a basso consumo denominati Green Power da 5400rpm fino a 1 TB di dimensione; il consumo e' decisamente basso perche' va dai 3 watt idle a circa 6 durante le operazioni di seek intensivo;sono estremamente silenziosi e sono tiepidi, le prestazioni sono di poco inferiore agli altri dischi per cui e' difficile percepire la differenza se non cronometrando.I prezzi sono allineati ma sono un po' difficili da provare, non capisco il perche'.
  • Frederik Cochrane scrive:
    Gravitoni
    Per le velocità ci siamo......mancano solo le particolari leghe metalliche pesanti;Chissà se sarà proprio WD ad aprire la strada per i primi GCU-Wallace! (geek)
    • nino scrive:
      Re: Gravitoni
      - Scritto da: Frederik Cochrane
      Per le velocità ci siamo...
      ...mancano solo le particolari leghe metalliche
      pesanti;

      Chissà se sarà proprio WD ad aprire la strada per
      i primi GCU-Wallace!
      (geek)ti piacerebbe, he? :D
  • Guybrush scrive:
    Canto del cigno
    Siamo al limite o molto vicini ad esso... prima o poi torneranno a fare il vuoto nel case dell'hard disk per spingere ancora oltre la velocita' di rotazione, ma 'sta solfa prima o poi finira'.Gli SSD possono migliorare ancora tantissimo, i dischi tradizionali hanno seri problemi di transfer rate rispetto alla quantita' di dati prodotta dalla CPU
    GT
    • chojin scrive:
      Re: Canto del cigno
      - Scritto da: Guybrush
      Siamo al limite o molto vicini ad esso... prima o
      poi torneranno a fare il vuoto nel case dell'hard
      disk per spingere ancora oltre la velocita' di
      rotazione, ma 'sta solfa prima o poi
      finira'.

      Gli SSD possono migliorare ancora tantissimo, i
      dischi tradizionali hanno seri problemi di
      transfer rate rispetto alla quantita' di dati
      prodotta dalla
      CPUNon sai di che stai parlando.
      • palle scrive:
        Re: Canto del cigno
        - Scritto da: chojin
        - Scritto da: Guybrush

        Siamo al limite o molto vicini ad esso... prima
        o

        poi torneranno a fare il vuoto nel case
        dell'hard

        disk per spingere ancora oltre la velocita' di

        rotazione, ma 'sta solfa prima o poi

        finira'.



        Gli SSD possono migliorare ancora tantissimo, i

        dischi tradizionali hanno seri problemi di

        transfer rate rispetto alla quantita' di dati

        prodotta dalla

        CPU

        Non sai di che stai parlando.Cavolo!!! Ha parlato il dio dell'informatica!!!Come mai sei qui a trollare e non sei nel tuo ufficio di Rettore al MIT?
        • krane scrive:
          Re: Canto del cigno
          - Scritto da: palle
          - Scritto da: chojin

          - Scritto da: Guybrush


          Siamo al limite o molto vicini ad esso...
          prima

          o


          poi torneranno a fare il vuoto nel case

          dell'hard


          disk per spingere ancora oltre la velocita' di


          rotazione, ma 'sta solfa prima o poi


          finira'.





          Gli SSD possono migliorare ancora tantissimo,
          i


          dischi tradizionali hanno seri problemi di


          transfer rate rispetto alla quantita' di dati


          prodotta dalla


          CPU



          Non sai di che stai parlando.

          Cavolo!!! Ha parlato il dio dell'informatica!!!
          Come mai sei qui a trollare e non sei nel tuo
          ufficio di Rettore al
          MIT?Perche' ??? Dici che non hanno accesso a PI dagli uffici dei rettori al MIT ???(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • chojin scrive:
          Re: Canto del cigno
          - Scritto da: palle
          - Scritto da: chojin

          - Scritto da: Guybrush


          Siamo al limite o molto vicini ad esso...
          prima

          o


          poi torneranno a fare il vuoto nel case

          dell'hard


          disk per spingere ancora oltre la velocita' di


          rotazione, ma 'sta solfa prima o poi


          finira'.





          Gli SSD possono migliorare ancora tantissimo,
          i


          dischi tradizionali hanno seri problemi di


          transfer rate rispetto alla quantita' di dati


          prodotta dalla


          CPU



          Non sai di che stai parlando.

          Cavolo!!! Ha parlato il dio dell'informatica!!!
          Come mai sei qui a trollare e non sei nel tuo
          ufficio di Rettore al
          MIT?Basterebbe leggersi gli annunci delle multinazionali IT e vedere i brevetti che depositano per capire dove stanno investendo e quale sarà il futuro.
          • palle scrive:
            Re: Canto del cigno
            - Scritto da: chojin
            - Scritto da: palle

            - Scritto da: chojin


            - Scritto da: Guybrush



            Siamo al limite o molto vicini ad esso...

            prima


            o



            poi torneranno a fare il vuoto nel case


            dell'hard



            disk per spingere ancora oltre la velocita'
            di



            rotazione, ma 'sta solfa prima o poi



            finira'.







            Gli SSD possono migliorare ancora
            tantissimo,

            i



            dischi tradizionali hanno seri problemi di



            transfer rate rispetto alla quantita' di
            dati



            prodotta dalla



            CPU





            Non sai di che stai parlando.



            Cavolo!!! Ha parlato il dio dell'informatica!!!

            Come mai sei qui a trollare e non sei nel tuo

            ufficio di Rettore al

            MIT?

            Basterebbe leggersi gli annunci delle
            multinazionali IT e vedere i brevetti che
            depositano per capire dove stanno investendo e
            quale sarà il
            futuro.Ah, ora ho capito!Sei il Megapresidente Galattico della Mutinazionale A.C.M.E. di Paperopoli!Leggiti il paginone centrale di Playboy, la prossima volta...
  • Enjoy with Us scrive:
    Povera W.D., povera Seagate ecc...
    Credo che ormai sia chiaro a tutti quello che vado ripetendo da più di un anno (vedi i miei post precedenti sull'argomento).Gli HD tradizionali sono ormai alla frutta, le soluzioni a stato solido ormai si diffondono a macchia d'olio e nel giro di 2-3 anni vedrete che soppianteranno gli HD tradizionali anche in ambito desktop.Certo che oggi sono più convenienti gli HD tradizionali, almeno per lo storage, ma ad esempio visto che 16 Gb già oggi si trovano a 40 euro, se dovessi comprare un nuovo PC ci penserei molto seriamente a installare un piccolo HD da 16 - 32 Gb a stato solido per installarci SO e pricipali applicativi!Non credo proprio che correrei a pendere 300 e più euro per un Velociraptor o simili!
    • chojin scrive:
      Re: Povera W.D., povera Seagate ecc...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Credo che ormai sia chiaro a tutti quello che
      vado ripetendo da più di un anno (vedi i miei
      post precedenti
      sull'argomento).
      Gli HD tradizionali sono ormai alla frutta, le
      soluzioni a stato solido ormai si diffondono a
      macchia d'olio e nel giro di 2-3 anni vedrete che
      soppianteranno gli HD tradizionali anche in
      ambito
      desktop.
      Certo che oggi sono più convenienti gli HD
      tradizionali, almeno per lo storage, ma ad
      esempio visto che 16 Gb già oggi si trovano a 40
      euro, se dovessi comprare un nuovo PC ci penserei
      molto seriamente a installare un piccolo HD da 16
      - 32 Gb a stato solido per installarci SO e
      pricipali
      applicativi!
      Non credo proprio che correrei a pendere 300 e
      più euro per un Velociraptor o
      simili!Non sai di che stai parlando. Gli HDU da 300,000GB sono attesi entro il 2010-2011 ... vedi tu... Se credi che le flash raggiungano velocità e costi paragonabili per allora sbagli di grosso.
      • grigio scrive:
        Re: Povera W.D., povera Seagate ecc...
        - Scritto da: chojin
        Non sai di che stai parlando. Solo tu lo sai
        Gli HDU da 300,000GB sono attesi entro il
        2010-2011 ... vedi tu... In un anno? un incremento di capacita' del 300.000% ? fonti?
        Se credi che le flash
        raggiungano velocità e costi paragonabili per
        allora sbagli di
        grosso.A breve no sicuramente, almeno per i costi. Per le velocita' gia' ora sono oltre
    • Athlon64 scrive:
      Re: Povera W.D., povera Seagate ecc...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Credo che ormai sia chiaro a tutti quello che
      vado ripetendo da più di un anno (vedi i miei
      post precedenti
      sull'argomento).
      Gli HD tradizionali sono ormai alla fruttaVeramente ormai è chiaro a (quasi) tutti che i tempi degli SSD non sono ancora maturi, tutti speriamo e pensiamo che lo saranno fra pochi anni, ma per ora è evidente che non sono una soluzione accettabile se non in pochi casi di nicchia.
      le
      soluzioni a stato solido ormai si diffondono a
      macchia d'olioAh sì? Ma dove scusa? A parte gli Asus EEE non ho visto questa gran diffusione di SSD. E anche in questo caso si tratta in realtà di chip a bassissime prestazioni.
      esempio visto che 16 Gb già oggi si trovano a 40
      euro16 GB a 40 euro? Forse, ma le prestazioni? I cicli di scrittura? Ancora decisamente insufficienti. Se vuoi un "vero" SSD da 16 GB devi spendere ben più che 40 euro...
    • Tutto Vero scrive:
      Re: Povera W.D., povera Seagate ecc...
      Se lo stai dicendo da piu' di un anno, evidentemente stai dicendo cose che non si sono avverate, o per smaltire questa presunta frutta ci vuole piu' di un anno? :-) :-) :-)Aivoglia a pedalare!!
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Povera W.D., povera Seagate ecc...
        Sto dicendo da più di un anno che il futuro sono le memorie a stato solido e che è prevedibile nel giro di un paio di anni che soppiantino gli Hd anche dai desktop.Per chi non vede una diffusione a macchia d'olio di queste tecnologie, perchè non si chiede che fine hanno fatto gli HD da 1.5 pollici o minori?Le memorie a stato solido poi le stanno implementando su molti subnotebook non solo sugli eeepc.Per chi spara che gli Hd magnetici attuali avranno incrementi prestazionali significativi nei prossimi due anni devo ricordare il trend recente:2003 circa 90 euro per un HD da 120 Gb - 2008 circa 80 euro per un 500 Gb2003 SD da 64 Mb a circa 50 euro 2008 SD da 16 Gb a circa 32 euro.Quindi la via è segnatagià oggi ci sono SD (basta dare un'occhiata su Ebay) da 16 Gb 150X quindi con ottime velocità di accesso a poco più di 30 euro, il fatto che gli HD li sparino a cifre ben più alte è unicamente legato al fatto che si tratta di una novità, visto che le memorie montate sono le stesse e che mettendole in parallelo si possono ottenere prestazioni anche molto più elevate di quanto non pubblicizzato fino ad oggi. Per quanto rigurda l'affidabilità 100.000 cicli di scrittura per cella, considerando che non si devono deframmentare, le rendono più affidabili degli HD magnetici.Facciamo un rapido calcolo mettiamo in parallelo 4 SD da 16 Gb, spendo 120 euro ho 64 Gb con transfert rate sostenuto di 100-120 Mb/s, un velociraptor quanto lo pago più di 300 euro?Quanto ci metteranno gli utenti a richiedere HD a stato solido di piccole dimensioni ma velocissimi per installarci solo SO e programmi? Secondo me già dalla fine di quest'anno ne vedremo delle belle!
  • Lino Maia scrive:
    Ocio ocio.....
    Che se parte il piattello fa una strageeeee!!!!
  • Nilok scrive:
    Inutile
    Augh,WD sta esalando gli ultimi respiri e cerca sostegno nel Marketing: tutto inutile.I Dischi allo Stato Solido sono il futuro.Ho parlatoNilok
  • haran banjo scrive:
    sveglia WD!!
    western digital e' attualmente il miglior produttore di hd per desktop sia come performance che come affidabilita'mai avuti problemi con hd della wd a differenza dei maxtor che erano molto propensi all'autodistruzione PERO' CAZZO, devono svegliarsi alla western!il futuro e' negli SSD, non si scappa da questo, se ne sono accorti tutti tranne loro che invece di cominciare a proporre degli SSD tirano fuori un bidone a 20K giri ..non voglio dover assistere tra qualche anno al funerale di questo mitico produttore!
    • chojin scrive:
      Re: sveglia WD!!
      - Scritto da: haran banjo
      western digital e' attualmente il miglior
      produttore di hd per desktop sia come performance
      che come
      affidabilita'

      mai avuti problemi con hd della wd a differenza
      dei maxtor che erano molto propensi
      all'autodistruzione


      PERO' CAZZO, devono svegliarsi alla western!
      il futuro e' negli SSD, non si scappa da questo,
      se ne sono accorti tutti tranne loro che invece
      di cominciare a proporre degli SSD tirano fuori
      un bidone a 20K giri
      ..
      non voglio dover assistere tra qualche anno al
      funerale di questo mitico
      produttore!Ma quale futuro è l' SSD ?!E' un futuro mooolto remoto. Almeno 2018-2020 o oltre. Per il 2010-2011 sono previsti HDU da 300,000GB
      • demi scrive:
        Re: sveglia WD!!
        2020... lol, tu vivi proprio in un altro mondo
      • meksONE scrive:
        Re: sveglia WD!!
        @ chojin:scusa il leggero OT, ma le previsioni temporali che hai supposto sono UN PO' sballate...2018? quindi fra 10 anni.Nel 2000, quindi solo 8 anni fa, sia Intel che AMD diedero grande risalto al fatto che finalmente si stava arrivando ai processori da 1 GHz. 256 MB di RAM erano sufficienti e 6 GB di hard disk bastavano a chiunque.Ora non si parla di GHz ma di Core, la RAM si misura in GB e gli HD in Tera...Credo proprio che nel 2018-2020, gli SSD siano sicuramente lo standard e anzi, azzardo a dire che saranno già obsoleti, soppiantati magari da HD a livello sub-molecolare ;)
        • chojin scrive:
          Re: sveglia WD!!
          - Scritto da: meksONE
          @ chojin:
          scusa il leggero OT, ma le previsioni temporali
          che hai supposto sono UN PO'
          sballate...
          2018? quindi fra 10 anni.
          Nel 2000, quindi solo 8 anni fa, sia Intel che
          AMD diedero grande risalto al fatto che
          finalmente si stava arrivando ai processori da 1
          GHz. 256 MB di RAM erano sufficienti e 6 GB di
          hard disk bastavano a
          chiunque.
          Ora non si parla di GHz ma di Core, la RAM si
          misura in GB e gli HD in
          Tera...

          Credo proprio che nel 2018-2020, gli SSD siano
          sicuramente lo standard e anzi, azzardo a dire
          che saranno già obsoleti, soppiantati magari da
          HD a livello sub-molecolare
          ;)Sì, vabbè.. fantastica. Non sai di che parli.
          • palle scrive:
            Re: sveglia WD!!

            Sì, vabbè.. fantastica. Non sai di che parli.Tu sai tutto eh? Ma chi sei? Il Mago Gabriel?http://straguardacaso.altervista.org/gabriele.htm
          • demi scrive:
            Re: sveglia WD!!
            non gli postare link, che non li sa aprire :D
          • Gaetano scrive:
            Re: sveglia WD!!
            Continui a dire alla gente che non sa di cosa parla, ma credo che questo si addica di piùa te.Gli SSD prenderanno piede nel 2020 e tra solo 1 anno si avranno dischi da 300 TB? Te sei proprio fuori...
    • carobeppe scrive:
      Re: sveglia WD!!
      tirano fuori
      un bidone a 20K giriquando uscirono i raptor da 10.000 giri tutti quanti esaltavano le prestazioni... i meglio hard disk per mercato desktop, prestazioni incredibili... ora con sti SSD la gente schifa i dischi di tipo "vecchio". Ma mica perché sono inaffidabili o rumorosi.. solo perché sono di vecchia concezione. Personalmente credo che resterò al vecchio piattello rotante ancora per un bel pezzo, visto che come prestazioni con gli SSD ancora non mi è parso di vedere risultati entusiasmanti, a fronte di prezzi stratorferici.
      • demi scrive:
        Re: sveglia WD!!

        Personalmente credo che
        resterò al vecchio piattello rotante ancora per
        un bel pezzo, visto che come prestazioni con gli
        SSD ancora non mi è parso di vedere risultati
        entusiasmanti, a fronte di prezzi
        stratorferici.ti pare male, perchè gli ultimi SSD sono già più veloci in tutto, anche rispetto ai nuovi arrivati velociraptor... l'unico problema al momento è il prezzo.
        • carobeppe scrive:
          Re: sveglia WD!!
          - Scritto da: demi

          Personalmente credo che

          resterò al vecchio piattello rotante ancora per

          un bel pezzo, visto che come prestazioni con gli

          SSD ancora non mi è parso di vedere risultati

          entusiasmanti, a fronte di prezzi

          stratorferici.

          ti pare male, perchè gli ultimi SSD sono già più
          veloci in tutto, anche rispetto ai nuovi arrivati
          velociraptor... l'unico problema al momento è il
          prezzo.Due hard disk da 7200 in raid 0 vanno quanto se non di più di un ssd e costano un quinto a parità di capacità
          • demi scrive:
            Re: sveglia WD!!


            Due hard disk da 7200 in raid 0 vanno quanto se
            non di più di un ssd e costano un quinto a parità
            di capacitàse è per questo potresti mettere in raid anche le SSD... finanze permettendo ;)Comunque mettendo in raid HD da 7200 non migliori se non marginalmente i tempi di accesso, e con gli SSD non c'è proprio paragone.
          • carobeppe scrive:
            Re: sveglia WD!!
            - Scritto da: demi



            Due hard disk da 7200 in raid 0 vanno quanto se

            non di più di un ssd e costano un quinto a
            parità

            di capacità

            se è per questo potresti mettere in raid anche le
            SSD... finanze permettendo
            ;)
            Comunque mettendo in raid HD da 7200 non migliori
            se non marginalmente i tempi di accesso, e con
            gli SSD non c'è proprio
            paragone.Sul discorso dei tempi di accesso mi cospargo il capo di cenere perché hai ragione. E non nego che il raid di SSD mi arrapi sebbene non avendo reddito fisso in quanto studente nessuno mi può concedere un mutuo per l'acquisto :-) intendiamoci, io non voglio spalare m***a sui SSD, ma, ripeto, chi critica tanto i vecchi dischi meccanici che ha usato fino a pochi mesi fa solo perché ora ci sono i SSD mi pare un po' eccessivo. Se davvero le prestazioni di WD saranno quelle di cui si parla nell'articolo non vedo dove sia il problema ad acquistare un disco meccanico dalle prestazioni eccellenti che presumibilmente costerà più di un 7200 ma sempre molto meno rispetto ad un SSD. Poi magari gli SSD fra qualche anno soppianteranno i dischi meccanici, ma pensionarli già mi pare prematuro!
          • demi scrive:
            Re: sveglia WD!!
            hai perfettamente ragione... poi bisognerà vedere quanto costerà questo HD, perché già i velociraptor costano quasi 300 euro, e sicuramente questi da 20K rpm costeranno ancora di più. Visto il ritmo con cui crescono le prestazioni degli SSD e calano i prezzi, bisognerà valutare bene.
          • Jiraya scrive:
            Re: sveglia WD!!
            Inoltre se non sbaglio i Raptor sono tra i pochi che concedono garanzia quinquennale, no?Altro motivo in piu' per pensarci due volte prima di prendere un ssd, magari basandosi solo sul fattore durata/sicurezzaPero' nel campo dei notebook mi sa che entro breve gli hdd a piatti rotanti scompariranno molto presto
          • Gaetano scrive:
            Re: sveglia WD!!

            Due hard disk da 7200 in raid 0 vanno quanto se
            non di più di un ssd e costano un quinto a parità
            di
            capacitàE il controller RAID? C'è anche quel costo da calcolare.Per precisazione dico anche che le schede madri che forniscono il supporto RAID in realtà non lo fanno del tutto: integrano un fake RAID che scarica i calcoli di gestione al processore, per cui le prestazioni calano...Secondo me il RAID non sempre è economico come sembra...
    • lellykelly scrive:
      Re: sveglia WD!!
      non per sminuirti o offenderti, ma te sei uno qualunque come me, e loro fanno gli hd, se hanno fatto questa mossa probabilmente avranno il loro buoni motivi.
  • Athlon64 scrive:
    Ehm... meglio una rilettura eh?
    Cara redazione... avete notato che avete scritto una bella panzana? Il VelociRaptor è Western Digital... come d'altronde avete scritto all'inizio parlando della famiglia Raptor.
  • Larry scrive:
    ahi ahi ahi!
    Seagate sull'ultimo modello di VelociRaptor: qui qualcuno si lamenterà!
  • fabio scrive:
    velociraptor e' di W.d non di seagate
    c'e un errore nell'articolo :velociraptor e' di W.d non di seagate
    • Alessandro Del Rosso scrive:
      Re: velociraptor e' di W.d non di seagate
      Sistemato, grazie ;-)- Scritto da: fabio
      c'e un errore nell'articolo :
      velociraptor e' di W.d non di seagate
Chiudi i commenti