Il vetro è liquido

Una pellicola a base di silice proteggerebbe da qualsiasi agente esterno, mandando in pensione gli attuali prodotti per la pulizia

Roma – Il suo nome ufficiale è SiO2 ultra-thin layering , ma è già stato ribattezzato dagli addetti ai lavori come Liquid Glass . Si tratta un composto chimico capace di formare una pellicola pressoché impenetrabile ad agenti esterni come microrganismi, pioggia e macchie di caffè: in pratica consente di applicare alla parola repellente i più svariati prefissi. Ovvero, trasformare praticamente qualsiasi oggetto in anti-macchia.

Oltre al composto di Silice non sono stati utilizzati ulteriori additivi: l’unica differenza è l’aggiunta di acqua o etanolo a secondo dal tipo di superficie da rivestire . Inoltre si tratta di un composto traspirante, il che significa che può essere utile anche in ambito biologico: esperimenti effettuati in alcuni vigneti hanno comprovato la validità di questa tesi, osservando anche una maggiore resistenza del vitigno all’attacco di parassiti.

L’invenzione è stata realizzata in Turchia dall’azienda tedesca Nanopool, la quale ha portato avanti parte delle ricerche presso il Saarbrücken Institute for New Materials . Terminata la fase sperimentale pare che il vetro liquido possa debuttare molto presto sul mercato, e qualcuno ha già predetto per questo prodotto un ruolo da game changer: una soluzione del genere, realizzata in varianti specifiche a seconda dell’uso, renderebbe obsoleti gli attuali prodotti per la pulizia.

Alcuni test sono già stati condotti sia in Germania che nel Regno Unito in ambienti di vario tipo: ristoranti, alberghi e treni sono stati oggetto di esperimenti, e proprio la terra di Albione sembra essere il terreno ideale per il lancio ufficiale di Liquid Glass , il cui costo si dovrebbe aggirare intorno alle 5 sterline per flacone.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Massimilian o Adamo scrive:
    non solo OpenOfffice è a rischio.
    fosse solo openoffice il problema, potremmo anche essere soddisfatti.Che fine faranno SunDS e OpenDS? Oracle continuerà a svilupparli o si concentrerà esclusivamente su Oracle Internet Directory?E che dire della suite di Identity Management, fatta sia da Sun, sia da Oracle?E pure il futuro di MySQL non è proprio cristallino.
  • ifox scrive:
    una mia considerazione
    Secondo me OpenOffice dovrebbe migliorare l'interfaccia ai dati esterni...A mio avviso c'è tanto lavoro da fare.Per fare una semplice pivot su un file Access non è il massimo della velocità!
    • doyoulikeme scrive:
      Re: una mia considerazione
      Andrebbe tutto migliorato, ad esempio l'impaginazione di piè di pagina complessi lascia molto a desiderare...Io mi accontenterei di non trovarmi il progetto chiuso tra qualche mese/anno, se poi lo migliorano è tutto di guadagnato.
Chiudi i commenti