Il wikipasticcio videoludico

Sta diventando un caso il passaggio di mano di GameWikis, ossia la sua trasformazione in entità commerciale. I gestori prendono i dindi, ma i contributori volontari temono lo scippo di diritti

Roma – La comunità dei contributori di GameWikis , il wiki dei giochi, fondato e portato avanti in un’ottica collaborativa e con la benedizione di una licenza Creative Commons, si è risvegliata in questi giorni con una novità di sicuro rilievo: l’intera community, tutti i suoi link e i suoi contributi, sono passati di mano, sono andati a Wikia , l’azienda che sta tentando di rendere profittevole la diffusione e la partecipazione in quella che viene definita “free culture”.

Il problema sta tutto nella licenza con cui GameWikis ha fin qui gestito i contributi. I creatori di GameWikis ammettono candidamente la propria scelta, spiegando che, sebbene non siano il motivo principale, i denari di Wikia hanno influito sull’idea di dare il tutto in mano a quest’ultima. Spiegano anche che con quei fondi, Wikia ha “comprato” anche e specificamente i testi pubblicati. D’altro canto fanno notare che tutti i materiali rimangono disponibili come prima e che chiunque in qualsiasi momento può scegliere di partecipare e contribuire. Epperò c’è, come accennato, la licenza Creative Commons scelta da GameWikis che, come suggerisce Slashdot , impedisce un uso commerciale di quei contributi .

La page di GW Si tratta, infatti, di una licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 ( qui i dettagli sul sito di Creative Commons) che, come spiega lo stesso GaeWikis, “sebbene il contributore mantenga i diritti d’autore dei propri contenuti (…), noi avremo sempre il diritto di distribuirli gratuitamente. In più, dal momento che distribuiamo con questa licenza a chiunque acceda al sito, chiunque al mondo ha il diritto di distribuire i tuoi contributi, e qualsiasi modifica ad essi, gratuitamente, con la clausola che non siano mai usati con uno scopo commerciale”.

Ed è qui, evidentemente, che GameWikis sembra aver preso il largo nell’accordo con Wikia, una novità che alza attenzione anche perché si tratta di una delle primissime volte in cui lo stretto, anzi fiorente rapporto tra Creative Commons e il mondo wiki viene messo alla prova.

Ancora su Slashdot si fa notare come vi siano siti, ad esempio Arena.net , che non hanno osato sfruttare i materiali di Guild Wiki, parte di GameWikis, proprio per via di quella licenza. “Se Wikia continua a fornire annunci pubblicitari sui contenuti di Guild Wiki – suggerisce chi ha segnalato la vicenda – come possono migliaia di contributori del sito fermarli senza doversi rivolgere ad un avvocato (o al rozzo percorso del vandalismo di massa)?”. La domanda è conseguente: “Se esce che il gestore del sito ne ha tratto un profitto grazie alle inserzioni, cosa si fa?”

La risposta non sarà agevole né per i gestori di GameWikis e Guild Wiki né per Wikia. Alla prova viene messa la terminologia “Commerciale” della licenza CC, ma anche la sua effettiva sussistenza.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • raven shield scrive:
    rainbow six
    counterstrike è solo un allenamento per imparare a colpire i conigli salterini, la vera tattica si fà sui titoli rainbow six.Raven Shield docet
    • dioniso scrive:
      Re: rainbow six
      - Scritto da: raven shield
      counterstrike è solo un allenamento per imparare
      a colpire i conigli salterini, la vera tattica si
      fà sui titoli rainbow
      six.

      Raven Shield docetblasfemo!cmq CS e CS:source riescono a girare su macchine impensabili e non dipendono da una UI enormemente complessa.a quel punto la tattica vincente stà nei FPS quando giochi online e nella velocitàa maneggiare i tasti quando sei contro la CPU.la vera tattica è quella che si prova sulla propria pelle con UNREAL, chi riesce a tenere le palpebre aperte più a lungo vince!mi sà che è più vicino questo a come deve essere nella vita reale che un'ora di CS:source
  • ... scrive:
    Grandissima ca
    • Gunny35 scrive:
      Re: Grandissima ca
    • codroipo scrive:
      Re: Grandissima ca offrirà mai l'immensa varietà di variabili di uno
      scenario reale (senza contare i bug che in un
      gioco si "possono" anche sfruttare a fini
      strategici) ma come si possono definire, in un
      gioco, delle strategie da usare nella realtà
      soprattutto dal momento che lo scopo è preparare
      degli agenti a salvare dei probabili ostaggi
      umani e non
      bitmapped?
      Posso ancora capire i soldati, da mandare in
      guerra, che sparano a doom dove la strategia è
      "abbatti tutto quello che si muove in direzione
      nord" ma qui lo scopo è un tantino più, come
      dire,
      chirurgico...Questo perché non hai mai giocato a CSS.
      • dioniso scrive:
        Re: Grandissima ca
        Tolto il fatto che un videogioco non offre e non

        offrirà mai l'immensa varietà di variabili di
        uno

        scenario reale (senza contare i bug che in un

        gioco si "possono" anche sfruttare a fini

        strategici) ma come si possono definire, in un

        gioco, delle strategie da usare nella realtà

        soprattutto dal momento che lo scopo è preparare

        degli agenti a salvare dei probabili ostaggi

        umani e non

        bitmapped?

        Posso ancora capire i soldati, da mandare in

        guerra, che sparano a doom dove la strategia è

        "abbatti tutto quello che si muove in direzione

        nord" ma qui lo scopo è un tantino più, come

        dire,

        chirurgico...


        Questo perché non hai mai giocato a CSS.il videogioco allena (o meglio stimola) determinate aree del cervello, inoltre migiora i tempi di risposta (non impari la strategia, ma impari a premere il grilletto + velocemente qando il terrorista sbuca dall'angolo od a decidere se sparare o meno perchè ha un ostaggio, i videogamers incalliti hanno tempi di risoosta muscolare a stimoli audio-visivi che sono circa 1/3 di quelli della gente "Normale").LO dici tu che l'addestramento dei soldati che vanno in guerra è alla doom "vai avanti ed ammazza tutti", secondo te non usano strategie i marines?
        • ... scrive:
          Re: Grandissima ca
        • codroipo scrive:
          Re: Grandissima ca
          - Scritto da: ...


          Tolto il fatto che un videogioco non offre e
          non


          offrirà mai l'immensa varietà di variabili di

          uno


          scenario reale (senza contare i bug che in un


          gioco si "possono" anche sfruttare a fini


          strategici) ma come si possono definire, in un


          gioco, delle strategie da usare nella realtà


          soprattutto dal momento che lo scopo è
          preparare


          degli agenti a salvare dei probabili ostaggi


          umani e non


          bitmapped?


          Posso ancora capire i soldati, da mandare in


          guerra, che sparano a doom dove la strategia è


          "abbatti tutto quello che si muove in
          direzione


          nord" ma qui lo scopo è un tantino più, come


          dire,


          chirurgico...





          Questo perché non hai mai giocato a CSS.

          il videogioco allena (o meglio stimola)
          determinate aree del cervello, inoltre migiora i
          tempi di risposta (non impari la strategia, ma
          impari a premere il grilletto + velocemente qando
          il terrorista sbuca dall'angolo od a decidere se
          sparare o meno perchè ha un ostaggio, i
          videogamers incalliti hanno tempi di risoosta
          muscolare a stimoli audio-visivi che sono circa
          1/3 di quelli della gente
          "Normale").

          LO dici tu che l'addestramento dei soldati che
          vanno in guerra è alla doom "vai avanti ed
          ammazza tutti",

          secondo te non usano strategie i marines?Oltre ad aver sbagliato a quotare (ma non è colpa tua, segnalerò il 3d alla redazione per evidenti problemi tecnici), continuo a sottolineare che non conosci il gioco in questione.Css contiene missioni con ostaggi, dove ad ucciderli si rischia il fallimento della missione.Inoltre in css la strategia di andare avanti e far fuoco a tutto ciò che si vede credendosi quasi invulnerabili non funziona. Un solo colpo ben assestato può ucciderti, e la mira non è "idealizzata" come in molti fps meno realistici, sparare a caso da lontano fa una rosata decisamente ampia, e non mancano i casi in cui anche a distanze relativamente breve i colpi non vanno a segno dove dovrebbero, semplicemente per "sfiga".Questo spiega come l'elemento tattico in css sia importante.
      • nec scrive:
        Re: Grandissima ca
        Tolto il fatto che un videogioco non offre e non

        offrirà mai l'immensa varietà di variabili di
        uno

        scenario reale (senza contare i bug che in un

        gioco si "possono" anche sfruttare a fini

        strategici) ma come si possono definire, in un

        gioco, delle strategie da usare nella realtà

        soprattutto dal momento che lo scopo è preparare

        degli agenti a salvare dei probabili ostaggi

        umani e non

        bitmapped?

        Posso ancora capire i soldati, da mandare in

        guerra, che sparano a doom dove la strategia è

        "abbatti tutto quello che si muove in direzione

        nord" ma qui lo scopo è un tantino più, come

        dire,

        chirurgico...


        Questo perché non hai mai giocato a CSS.io quando gioco al lasergame uso le tattiche dunreal tournament e funzionano :)
  • codroipo scrive:
    si metteranno a surfare
    già li vedo, le teste di cuoio cinesi, appena vedranno una pendenza diranno "ganzo, una mappa surf!" e si sfracelleranno malamente al suolo :D (rotfl)
    • nec scrive:
      Re: si metteranno a surfare
      - Scritto da: codroipo
      già li vedo, le teste di cuoio cinesi, appena
      vedranno una pendenza diranno "ganzo, una mappa
      surf!" e si sfracelleranno malamente al suolo :D
      (rotfl)LOLLISSIMO ;D
      • codroipo scrive:
        Re: si metteranno a surfare
        - Scritto da: nec
        - Scritto da: codroipo

        già li vedo, le teste di cuoio cinesi, appena

        vedranno una pendenza diranno "ganzo, una mappa

        surf!" e si sfracelleranno malamente al suolo :D

        (rotfl)


        LOLLISSIMO ;DOppure a terroristi appostati con fucili da cecchino grideranno: "awp is 4 n00b!!"
Chiudi i commenti