Illinois, lavorare senza password

Le aziende non potranno chiedere le credenziali d'accesso ai vari social network. Adottata una legge come quella del Maryland. I dipendenti non dovranno piegarsi e consegnare le informazioni
Le aziende non potranno chiedere le credenziali d'accesso ai vari social network. Adottata una legge come quella del Maryland. I dipendenti non dovranno piegarsi e consegnare le informazioni

Grande soddisfazione da parte dei responsabili dell’ Electronic Privacy Information Center (EPIC), dopo l’adozione del disegno di legge per la tutela delle informazioni personali nel delicato rapporto tra social network e ambienti di lavoro. Il Governatore dello stato dell’Illinois ha di fatto bloccato la consegna coatta delle credenziali d’accesso di piattaforme come Facebook .

Nella scorsa primavera, le autorità del Maryland avevano probito per legge la pratica generalmente adottata dai datori di lavoro per la richiesta ai dipendenti di username e password ai siti di social networking . Un’abitudine che si stava estendendo a macchia d’olio tra le aziende.

“Data la continua espansione dei siti sociali, questa nuova legge proteggerà i lavoratori e il loro diritto alla privacy”, ha dichiarato in un comunicato ufficiale il Governatore dell’Illinois Pat Quinn. Nessun datore di lavoro potrà mai punire un dipendente per la mancata consegna delle informazioni personali utili all’accesso a siti come Twitter .

L’iniziativa intrapresa dagli stati del Maryland e dell’Illinois potrebbe ora avere un seguito anche nel quadro legislativo degli stati di Washington, Delaware e New Jersey. In attesa dell’imminente adozione di una legge simile nello stato californiano, che impedirà alle divisioni per il reclutamento del personale di imporre la consegna delle password social come requisito per l’assunzione .

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 08 2012
Link copiato negli appunti