In caso di furto, navigare online

Due curiosi episodi negli Stati Uniti. Un pensionato di Dallas ritrova la sua vecchia auto rubata su eBay. Un allenatore del Texas sfrutta Craigslist per riavere indietro una serie di biciclette

Roma – Le vie del web sono infinite. Bob Russell, pensionato di Dallas, ha miracolosamente ritrovato la sua Austin Healy del 1967 su eBay, 42 anni dopo aver subito un furto nei sobborghi di Philadelphia . Acquistata per 3mila dollari nel lontano 1970, l’auto è stata finalmente ritrovata dopo decenni di indefesse ricerche. Rintracciata dal legittimo proprietario perché messa all’asta dal Beverly Hills Car Club .

Con aria trionfale, Russell ha contattato il rivenditore per riavere indietro la sua preziosa autovettura. Il numero identificativo del veicolo corrispondeva infatti a quello rimasto in possesso dell’uomo. Ma i responsabili del Beverly Hills Car Club hanno chiesto 24mila dollari per la Austin Healy. Con l’intervento della polizia, Russell è tornato a guidare la sua auto con circa 800 dollari in spese di spedizione .

Le piattaforme online sono davvero utili per il ritrovamento di oggetti perduti? Un allenatore sportivo del Texas ha sfruttato Facebook per lanciare un appello dopo il furto di una serie di biciclette per un valore complessivo di 18mila dollari. Un utente in blu ha reindirizzato l’uomo verso un annuncio pubblicato su Craigslist . Le mountain bike erano le stesse. Gli agenti di polizia sono intervenuti per restituire il maltolto. (M.V.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • 379ni729001 scrive:
    Mi cadete sul wordpress
    Lapsus freudiano per il buon autore ;)
  • mah scrive:
    bah
    Brand defunti che per campare devono attaccarsi addirittura a problemi su win95 nel 2012... non ho parole. A quando una denuncia per win 3.1?
    • Sgabbio scrive:
      Re: bah
      Però non si può di certo dire che molti software usati in passato, furono polverizzaati dalle pratiche poco legali di microsoft, eh ?
      • Brainless scrive:
        Re: bah
        Che Microsoft abbia tenuto comportamenti poco ortodossi non è una novità, nel caso specifico tuttavia il problema è che Novell ha snobbato Windows per anni ( il DOS è meglio, ai nostri clienti non servono delle finestre colorate ) finchè non è stato troppo tardi, il patetico tentativo di opporsi a Office mettendo insieme 4 applicazioni per DOS comprate da diverse aziende non poteva che finire in un disastro.La discesa all' inferno di Novell è stata tratteggiata bene da Merril Chapman ( In Search of Stupidity : Over 20 Years of High-Tech Marketing Disasters ), un bel libro per chi vuole approfondire il periodo degli anni 80 e 90
        • panda rossa scrive:
          Re: bah
          - Scritto da: Brainless
          Che Microsoft abbia tenuto comportamenti poco
          ortodossi non è una novità, nel caso specifico
          tuttavia il problema è che Novell ha snobbato
          Windows per anni ( il DOS è meglio, ai nostri
          clienti non servono delle finestre colorate )C'e' un altro soggetto che recentemente ha detto una cosa del genere, o se non lo ha detto, lo ha ammesso implicitamente, proponendo un sistema operativo basato su piastrellone a tutto schermo.Ma non mi sovviene il nome di costoro...
          finchè non è stato troppo tardi, il patetico
          tentativo di opporsi a Office mettendo insieme 4
          applicazioni per DOS comprate da diverse aziende
          non poteva che finire in un
          disastro.Patetico mica tanto.Gli hanno tolto da sotto il naso il framework...
          • Brainless scrive:
            Re: bah
            Con due impiegati in tutto che ci lavoravano sopra è dura far funzionare qualcosa ...Wordperfect era un corpo estraneo all' azienda ed è questo il motivo del fallimento-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 luglio 2012 16.07-----------------------------------------------------------
        • Nemo scrive:
          Re: bah
          - Scritto da: Brainless
          Novell ha snobbato Windows per anni Mah, Novell ha posseduto WordPerfect per meno di due anni (6/94 - 1/96) quindi non può avere fatto quanto dici, se mai chi lo produceva prima, comunque WordPerfect7 era un ottimo prodotto con funzioni come il revealcodes che pagherei per averla in office o openoffice oggi.Aveva allora quello che usano il 99% degli utenti in Word/Excel di oggi, certo competere con MS che preinstallva Word OEM a poco prezzo era duro.Poi hanno avuto un po' di sfortuna in Corel, hanno investito in Linux ed era troppo presto per quel mercato, e sono stati stroncati da OpenOffice poco dopo.
          • Brainless scrive:
            Re: bah
            Parlavo dell' azienda in generale, Novell NetWare ha dovuto aspettare il nuovo millennio per avere una GUI non basata su DR-Dos, su Wordperfect c' è poco da dire è stato un acquisto compulsivo di un prodotto che poco o nulla aveva da spartire con il business dell' azienda e che è stato rivenduto subito dopo, Novell è stata danneggiata da Microsoft per la storia del DR-Dos ( e qua hanno vinto la causa ), ma su Wordperfect hanno fatto tutto da soli.
          • Andrea Zino scrive:
            Re: bah
            revealcodes non sarà come quello di WP ma meglio di niente http://www.howtogeek.com/?post_type=post&p=104940
        • Funz scrive:
          Re: bah
          - Scritto da: Brainless
          tentativo di opporsi a Office mettendo insieme 4
          applicazioni per DOS comprate da diverse aziendehai dato la definizione di MS Office :p
  • Sgabbio scrive:
    errore!
    Che sia arrivata finalmente la fine per la querelle "vintage" su WordPress , Windows 95 e tecnologie connesse? Microsoft si dice ovviamente soddisfatta della sentenza, mentre Novell continua a promettere battaglia e si prepara a presentare un appello. Wordpress e un software di blogging... :D
Chiudi i commenti