India, BlackBerry RIMarrà altri 60 giorni

L'azienda canadese sembra aver ceduto alle richieste dotanto le autorità di soluzioni tecniche per monitorare i suoi servizi. Nuova Dheli si riserva due mesi per valutarne l'efficacia

Roma – L’India dà altri 60 giorni di tempo a RIM prima di decidere se i suoi dispositivi possono continuare a vendere liberamente sul suo mercato .

Le autorità locali avevano infatti chiesto (pena il bando dei suoi prodotti ) all’azienda canadese la possibilità di intercettare le comunicazioni che passano attraverso Blackberry : il riferimento è in particolare alla messaggistica, alle email e alla navigazione sul Web che hanno una cifratura particolare che passa attraverso server dedicati situati in Canada.

La situazione sembra ora essersi sbloccata con l’ impegno assunto dall’azienda canadese a mettere a disposizione delle agenzie di sicurezza locali “alcune soluzioni tecniche” per monitorare il servizio di email criptate dei dispositivi RIM. Fino a poco tempo fa aveva invece dichiarato di non poter neanche lei decifrare i contenuti che passano sui suoi canali: nel frattempo dovrebbe aver quindi sviluppato un sistema ad hoc per rispondere alle esigenze indiane.

Nessun altro dettaglio, tuttavia, è stato divulgato dalle autorità su queste “soluzioni” non meglio specificate, a parte che saranno immediatamente adottate dal Governo che si concederà 60 giorni per decidere definitivamente circa la presenza o meno di RIM sul mercato indiano.

E per un gigante ICT che ha ceduto alle richieste, altri due sono finiti nel mirino di Nuova Delhi: la stessa minaccia è stata fatta ora a Google e Skype. Alla prima è stato chiesto l’accesso agli account Gmail, già interessati in passato dalle richieste subcontinentali, e al nuovo servizio di telefonia offerto, alla seconda al VoIP. Per entrambi la richiesta sembrerebbe essere quella di utilizzare server indiani, in modo tale da permettere alle autorità un accesso più facilitato alle informazioni che passano da essi. A tale richiesta ha già provveduto Nokia, che sta appunto programmando di costruire alcuni server in India per ospitare i suoi servizi email.

RIM, invece, ha già ceduto alle richieste delle autorità in Arabia Saudita: a preoccupare le autorità del posto come quelle indiane la possibilità che il sistema di cifratura di Blackberry possa essere utilizzato dai terroristi. Negli Emirati Arabi Uniti, invece, vi è ancora l’intenzione di bloccare dall’11 ottobre i servizi email, navigazione Web e messaggistica dei dispositivi RIM.

La stessa cosa, invece, RIM non può permettersi che accada in India, il cui mercato degli smartphone è in continua crescita: solo quest’anno sarebbero 600mila i Blackberry venduti e secondo le stime si punta per il prossimo anno ai 12 milioni e entro il 2015 ad una domanda da 40 milioni di dispositivi.

D’altra parte, RIM dovrà considerare le conseguenze che la scelta di ottemperare alle richieste delle autorità indiane potrebbe avere in altri paesi: non solo circa le responsabilità nei confronti del materiale a cui si è dato accesso (come nel caso che vede sul banco degli imputati Nokia Siemens Networks per i mezzi messi a disposizione del governo iraniano), ma anche nei confronti della sua immagine. La possibilità di garantire un sistema di comunicazione sicuro era finora uno dei punti di forza del Blackberry, preferito, anche in India, dai clienti aziendali.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Guada scrive:
    lunga vita agli standard web!
    come sempre si spara a zero senza tener in considerazione l'esperimento in sé, che è molto interessante. le prestazioni miglioreranno in futuro, dopotutto anche Flash alla prima versione era una scheggia vero? -.- e sopratutto nessuno ha preso in considerazione l'idea che Flash ha bisogno del suo plugin, HTML5 no, nel momento in cui HTML5 verrà ottimizzato a dovere, così come i vari motori JS, si potrà tranquillamente dire addio a Flash (finalmente)...
  • trullo scrive:
    Firefox/4.0b5pre
    gira anche con Firefox/4.0b5pre
    • r1348 scrive:
      Re: Firefox/4.0b5pre
      Gira anche con firefox 3.6, anche se è piuttosto pesante...
      • Valeren scrive:
        Re: Firefox/4.0b5pre
        FF 3.6.8, arriva al 91% del caricamento e si inchioda.
        • r1348 scrive:
          Re: Firefox/4.0b5pre
          A me (su Fedora) parte ma tende ad andare a scatti ed i video non si coordinano bene tra loro.
          • raccolgo i tuoi dati scrive:
            Re: Firefox/4.0b5pre
            - Scritto da: r1348
            A me (su Fedora) parte ma tende ad andare a
            scatti ed i video non si coordinano bene tra
            loro.Perchè è una XXXXXta.Anche su Win gira malissimo.
  • Steve Robinson Hakkabee scrive:
    Pesante come il cotechino
    a ferragosto in spiaggia...bell'idea ma se queste sono le prestazioni multimediali di html5+js+canvas mi tengo stretto flash...
    • Uno scrive:
      Re: Pesante come il cotechino
      e che pensavi che un impasto di due interpretati potesse superare un pcode.......
      • ndr scrive:
        Re: Pesante come il cotechino
        Considerando poi che più gente di quanto si pensi in Italia viaggia ancora forzatamente su 56k...sarebbe già bello riuscire a spedire una mail, altro che Spielberg virtuali...
      • SCF IS EVIL scrive:
        Re: Pesante come il cotechino
        Primi tentativi, più o meno decenti, Flash è a un altro livello
    • ruppolo scrive:
      Re: Pesante come il cotechino
      - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
      a ferragosto in spiaggia...
      bell'idea ma se queste sono le prestazioni
      multimediali di html5+js+canvas mi tengo stretto
      flash...A me gira in modo fluido, MacBook Pro 13" del 2009, Snow Leopard e Safari.Molto bello.
      • lordream scrive:
        Re: Pesante come il cotechino
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee

        a ferragosto in spiaggia...

        bell'idea ma se queste sono le prestazioni

        multimediali di html5+js+canvas mi tengo stretto

        flash...

        A me gira in modo fluido, MacBook Pro 13" del
        2009, Snow Leopard e
        Safari.

        Molto bello.provato con windows seven e chrome.. molto bello davvero e molto fluido.. strano esperimento.. stimolante
      • AS 4ever scrive:
        Re: Pesante come il cotechino
        - Scritto da: ruppolo
        A me gira in modo fluido, MacBook Pro 13" del
        2009, Snow Leopard e
        Safari.

        Molto bello.A te gira sempre tutto bene. Hai guardato la CPU qanto sale?Si prende il 50% ed è molto male. ActionScript no.Hai mai provato a vedere quanto impegna la CPU un gioco commerciale?Meno del 50%, fatica ad arrivare al 30%.Prima di parlare, guarda bene e non soffermarti alle solite boiate superficiali come fanno tutti gli utonti, che non sono un esclusiva di Microsoft, anzi, a giudicare dai commenti... :DBocciato in pieno.
    • Paolo scrive:
      Re: Pesante come il cotechino
      - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
      a ferragosto in spiaggia...
      bell'idea ma se queste sono le prestazioni
      multimediali di html5+js+canvas mi tengo stretto
      flash...Su dispositivi mobile è di gran lunga più fluido il flash... ed è tutto dire!!!
Chiudi i commenti