Intel, chip per esperimenti quantistici

Santa Clara annuncia una nuova unità di "calcolo" (che al momento non calcola alcunché, in effetti) per il quantum computing, un processore sperimentale destinato ai laboratori di ricerca olandesi

Roma – In attesa della rivoluzione prossima ventura del computer quantistico , i colossi dell’IT sperimentano con una tecnologia che, almeno per il momento, continua a rappresentare una promessa molto lontana nel tempo. Tra le aziende interessate al potenziale business dei qubit c’è ovviamente anche Intel, che in questi giorni ha appunto tirato fuori dal cilindro un nuovo chip avanzato da dare in pasto ai ricercatori specializzati.

La novità annunciata da Santa Clara è un chip superconduttivo equipaggiato con 17 qubit (gli elementi fondamentali di un chip quantistico), un processore sperimentale che migliora in maniera sensibile il design delle precedenti generazioni ed è pronto per i test che vorranno compiere gli esperti di QuTech, azienda olandese partner di Intel per il calcolo quantistico.

Intel Quantum 17-Qubit

In uno spazio corrispondente alle dimensioni di una moneta da 25 centesimi di dollaro, dice Intel, il chip superconduttivo può sfoggiare una nuova architettura più affidabile , con una migliore performance termica e minore interferenza radio tra i qubit , uno schema di interconnessione scalabile che incrementa fra le 10 e le 100 volte il numero di segnali in entrata e in uscita, e l’uso di materiali avanzati per un processo produttivo migliorato.


Come tutti i chip quantistici, anche quello di Intel continua a necessitare di condizioni di laboratorio ben definite – a cominciare da una temperatura molto vicina allo zero assoluto. In tal senso, la partnership con QuTech avviata nel 2015 serve proprio a ottimizzare il processo di sperimentazione delle caratteristiche del chip.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • La domanda scrive:
    Magia?
    Non ci ho capito niente.Latex sarebbe una specie di Publisher free?E come fa a sapere che impaginazione è necessaria, se parto da Writer con una impaginazione grossolana?Mah...
    • effeuno scrive:
      Re: Magia?
      No, LaTeX non è proprio equivalente a Publisher, LaTeX (e il suo antenato TeX) permettono di scrivere testi con un controllo sull'impaginato più granulare, ma quanto a facilità di uso e similitudine con Publisher, esistono altri prodotti Open Source più semplici, come ad esempio Scribus.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 ottobre 2017 12.35-----------------------------------------------------------
  • panda rossa scrive:
    Produttivita' al cubo
    E questa e' una delle infinite dimostrazioni dell'inarrivabile superiorita' del software open.Dal sistema operativo, ai tool applicativi per l'elaborazione testi.Tutto libero, tutto gratis.
Chiudi i commenti