Intel ed Ericsson: nostro sarà l'antifurto GPS per laptop

Ci lavorano insieme, per dar vita ad una sorta di interruttore definitivo, capace di inibire l'operatività in caso di furto e aiutare i derubati a recuperare il maltolto

Roma – Novità in vista per chi ha la necessità di garantire la sicurezza delle informazioni sensibili custodite sui computer portatili, evitando possibilmente di continuare una emorragia che ha origini di vecchia data e sta diventando una regola piuttosto che un’eccezione. Una partnership tra Ericsson e Intel estende le funzionalità “anti-furto” presenti nei laptop di nuova produzione con un modulo di connettività mobile integrato, offrendo inoltre la possibilità di individuare facilmente il portatile grazie a un trasmettitore GPS.

Che a farselo soffiare sia un agente dell’FBI, un manager di alto rango o un ingegnere informatico, il danno causato dal furto di un portatile può variare dal grave al gravissimo, ed è per questo che Ericsson ha fatto sì che i suoi Mobile Broadband Modules , componenti di connettività 3G o 3.5G integrati nella circuiteria del sistema, fossero resi compatibili con la Anti-Theft Technology di Intel.

Grazie alla nuova integrazione tra i due componenti, un servizio online può inviare un SMS al modulo Ericsson in caso di furto : in questo modo viene allertato l’anti-theft di Intel che si occupa di bloccare in maniera completa il PC, renderlo inutilizzabile o persino cancellare le chiavi crittografiche utilizzate, ad esempio, negli algoritmi alla base dei nuovi dischi FDE .

Nulla, comunque, che non sia stato già reso disponibile sul mercato ad esempio dal colosso cinese Lenovo. La caratteristica unica e innovativa del nuovo “anti-furto” informatico è appunto la possibilità di impiegare le funzionalità GPS del modulo di Ericsson per sapere in ogni istante dove si trovi il portatile , una caratteristica che, in caso di furto, rappresenta un jolly di sicuro valore per il tentativo di recupero del sistema trafugato.

Disponibile a partire dalla seconda metà del 2009, Mobile Broadband Modules è ottimizzato per la piattaforma Intel Centrino 2 e, assieme a Intel Anti-Theft Technology, rappresenta l’entrata “in una nuova era di sicurezza per i businessman sempre in viaggio, dove perdere un notebook o vederselo scippare può avere conseguenze disastrose”, come dice il general manager della tecnologia anti-theft George Thangadurai.

L’utilizzo di un trasmettitore GPS è in effetti una novità rispetto a quanto sin qui visto all’opera, e se la sua implementazione non è esattamente gratuita come il tool open source Adeona di certo farà contenti quanti si trovano costretti ad affidare compiti di “intelligence” informatica a personale che tende a dimenticarsi il carico per strada.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    E' un'anatra zoppa
    Può starnazzare quanto vuole, tanto ha solo più un mese per continuare a fare danni.
    • ciaspolo scrive:
      Re: E' un'anatra zoppa
      - Scritto da: Funz
      Può starnazzare quanto vuole, tanto ha solo più
      un mese per continuare a fare
      danni.In un mese, per la fretta, potrebbe fare ancora un mucchio di danni...
  • Nathaniel Hornblower scrive:
    Una domanda.
    Ma perché sull'articolo che parla solo ed esclusivamente degli USA usate come prima parola "Roma"? Forse solo perché il giornalista che scrive è di quella città? Ma che interesse ha ai fini della notizia?
Chiudi i commenti