Intel con ESL per gli eSports: tra CPU Core e 5G

Le soluzioni hardware di Intel per gli eventi eSports di ESL, con uno sguardo all'impiego del 5G per il futuro del gaming competitivo.

Che gli eSports siano una cosa seria è fuori discussione. L’ennesima conferma arriva oggi, con il rafforzamento della partnership che ormai da lungo tempo lega Intel ed ESL. Il colosso di Santa Clara e una delle realtà più importanti al mondo per quanto riguarda il gaming competitivo siglano un accordo da 100 milioni di dollari che fino al 2021 vedrà alcune delle tecnologie sviluppate dal chipmaker impiegate negli eventi: tra queste i processori della famiglia Core e la componentistica per la connessione ai network 5G.

Intel ed ESL per gli eSports

Le due aziende sono impegnate insieme nell’ambito degli eSports da ben 18 anni e si apprestano a organizzare la 14esima edizione degli Intel Extreme Masters (IEM). Nel concreto, la stretta di mano si tradurrà nella dotazione di processori come i più recenti Core i9 e delle unità Xeon per garantire performance di alto livello durante match e tornei. Come già anticipato, parte dell’accordo prevede inoltre una sperimentazione finalizzata a esplorare le potenzialità del 5G applicate al gaming. Ralf Reichert, fondatore e co-CEO di ESL, ricorda come la collaborazione delle due società sia ormai longeva.

ESL e Intel hanno lavorato fianco a fianco alla crescita degli eSport per quasi due decenni. Insieme abbiamo contribuito a innovare in più occasioni l’industria e aiutato molti giocatori a diventare vere e proprie leggende dello sport. Questa nuova partnership di lungo termine spalanca le porte a ulteriori opportunità e ci consentirà di estendere il nostro impegno su scala globale.

We are proud to announce the extension of our partnership with Intel!

Pubblicato da ESL su Giovedì 13 dicembre 2018

Fino ad oggi sono state 73 le tappe degli IEM andata in scena in tutto il mondo: dal Nord America al Sud America, fino all’Europa e al Medio Oriente, senza dimenticare il Sud-Est Asiatico, la Cina, l’Asia del sud e l’Australia. Di seguito le parole di John Bonini, Vice President and General Manager della divisione VR, Gaming and eSports di Intel.

Questo investimento congiunto con ESL nell’ecosistema eSports rappresenta la continuazione della crescita e il tasso d’innovazione che abbiamo guidato nel corso degli ultimi due decenni. La partnership spingerà la rapida evoluzione del settore e Intel è impegnata a inaugurare una nuova era con soluzioni tecnologiche che mettono al primo posto la community e i fan.

Gli eventi organizzati da ESL in tutto il mondo nel corso del 2018 hanno richiamato un pubblico di circa 15.000 spettatori ogni giorno. Per capire l’importanza degli appuntamenti è sufficiente citare che in quello andato in scena a Katowice (Polonia), si sono riunite ben 169.000 persone, mentre gli appassionati connessi da remoto hanno visualizzato le trasmissioni in streaming per oltre 3,4 miliardi di minuti. Numeri alla mano non è difficile capire quanto l’investimento di Intel possa essere ripagato in termini d’immagine e di marketing.

Fonte: ESLGaming

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti