Intel: fermeremo le CPU di Via

Come due maneschi bimbetti sporchi e spettinati Intel e Via continuano la loro zuffa legale a suon di avvocati e brevetti. Dove finirà?


Santa Clara (USA) – Quella fra Intel e Via sta assumendo i connotati di una vera e propria zuffa combattuta a suon di cause legali, brevetti e ricatti.

Dopo che lo scorso mese Intel aveva trascinato in tribunale Via che avrebbe infranto, con il rilascio dei suoi chipset P4X266 e P4M266 , cinque brevetti legati al Pentium 4, e dopo che pochi giorni dopo Via aveva aperto una contro-causa ai danni della rivale, accusandola di aver violato, proprio con il Pentium 4, brevetti di sua proprietà, ieri è stata nuovamente la volta di Intel: stavolta il colosso dei microchip accusa la concorrente di aver violato, nel progettare i suoi processori C3, alcuni altri suoi brevetti.

Intel sostiene infatti che Via, insieme alla sua sussidiaria Centaur, avrebbero utilizzato, all’interno della sua ultima famiglia di processori per PC, tecnologie protette da 5 suoi brevetti.

Intel, che non ha specificato di quali brevetti si tratti, ha fatto sapere di aver chiesto alla rivale un’ingente risarcimento danni ed il blocco della produzione delle sue CPU.

A questo punto si attende la replica di Via, a cui farà seguito, puntuale, un contrattacco di Intel che, con tutta probabilità, vedrà un’altra replica di Via, a cui farà seguito…

Un tempo, per calmarli, le mamme usavano gli sculaccioni…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dogliotti giuseppe scrive:
    12x cd-rw.
    buonasera a tutti, non sò come si usa riscrivibile,,,,,,potete aiutarmi? grazie
  • Anonimo scrive:
    Plextor RULEZ!
    Il mercato è in mano a PLEXTORAndate viiiiaaaaa!
  • Anonimo scrive:
    e poi parlano di diritti d'autore!
    Della serie viva la coerenza!Da una parte le major discografiche fanno di tutto per impedire che la gente copi i cd, i dvd e quant'altro.Poi però non battono ciglio quando i produttori di hardware producono sistemi apposta per duplicare prima i cd, poi i dvd, poi chissà cosa!Se poi pensiamo che alcune case che producono hardware sono *anche* major discografiche, forse ci viene da pensare che sono UN PO' in malafede...
    • Anonimo scrive:
      Re: e poi parlano di diritti d'autore!
      - Scritto da: Crononauta
      Della serie viva la coerenza!

      Da una parte le major discografiche fanno di
      tutto per impedire che la gente copi i cd, i
      dvd e quant'altro.

      Poi però non battono ciglio quando i
      produttori di hardware producono sistemi
      apposta per duplicare prima i cd, poi i dvd,
      poi chissà cosa!

      Se poi pensiamo che alcune case che
      producono hardware sono *anche* major
      discografiche, forse ci viene da pensare che
      sono UN PO' in malafede...Guarda che masterizzare non è un sinonimo di rubare i diritti. Solo il mercato Home compera un masterizzatore per copiare sw e giochi. Nell'area aziendale i cd servono per il trasporto e lo scambio di dati. E quando creo l'immagine del mio hd mi piacerebbe non doverlo dividere su 6 cd ma avere 4Gb di spazio, quando porto ai clienti filmati promozionali non posso dividerli su più cd. Noi ad esempio stiamo già sperimentando la produzione di filmati pibblicitari su dvd.Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: e poi parlano di diritti d'autore!
        Diglielo alla Siae che impone un "dazio" su ogni supporto registrabile, perche' l'uso che se ne _potrebbe_ fare _potrebbe_ incidere sul fatturato delle majors...In sostanza c'e' la presunzione non solo di colpevolezza, ma anche di malafede, nei confronti dell'utente finale... La solita italietta...
    • Anonimo scrive:
      Re: e poi parlano di diritti d'autore!
      - Scritto da: Crononauta
      Poi però non battono ciglio quando i
      produttori di hardware producono sistemi
      apposta per duplicare prima i cd, poi i dvd,
      poi chissà cosa!Il DVD+RW (il formato che sicuramente prevarrà sugli altri nel prossimo futuro) non è in grado di contenere un DVD intero, infatti ha la capacità massima di circa 4GB, contro i 18GB massimi del supporto DVD.Comunque, le informazioni sui DVD sono, per così dire, "criptate": anche oggi, con semplici programmini reperibili in Internet (come DVDx), è possibile fare copie dei film DVD su SVCD (servono almeno 2 o 3 di CD). Domani, con i DVD+RW, le cose non cambieranno più di tanto... magari basterà un solo CD.Ovviamente, non potendo copiare TUTTO un DVD, si perde gran parte del valore aggiunto di questo magnifico supporto: i contenuti speciali, le tracce audio alternative, ecc. Quindi, forse, le attività di "copia" dei DVD saranno meno "dannose" di quelle dei CD odierni (perfettamente e completamente replicabili).Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: e poi parlano di diritti d'autore!
        - Scritto da: Angelo - Roma
        Il DVD+RW (il formato che sicuramente
        prevarrà sugli altri nel prossimo futuro)
        non è in grado di contenere un DVD intero,
        infatti ha la capacità massima di circa 4GB,
        contro i 18GB massimi del supporto DVD.Nessun film che io conosca occupa 18GB. Che io sappia, sono arrivati a 9GB (cioè singola faccia, doppio strato o doppia faccia singolo strato).
        Comunque, le informazioni sui DVD sono, per
        così dire, "criptate": anche oggi, con
        semplici programmini reperibili in Internet
        (come DVDx), è possibile fare copie dei film
        DVD su SVCD (servono almeno 2 o 3 di CD).
        Domani, con i DVD+RW, le cose non
        cambieranno più di tanto... magari basterà
        un solo CD.In che senso, scusa? Un solo CD per contenere un film intero è insufficiente...
        Ovviamente, non potendo copiare TUTTO un
        DVD, si perde gran parte del valore aggiunto
        di questo magnifico supporto: i contenuti
        speciali, le tracce audio alternative, ecc.
        Quindi, forse, le attività di "copia" dei
        DVD saranno meno "dannose" di quelle dei CD
        odierni (perfettamente e completamente
        replicabili).L'artista della copia non è colui che preme un bottone e, dopo poco tempo, si ritrova con una copia esatta dell'originale.Ci sono dei sistemi per far entrare un DVD da 9GB in cinque giga o meno... Certo, occorre rinunciare a qualcosa ma non è vero che "si perde gran parte del valore aggiunto".mARCOs
Chiudi i commenti