Intel insiste sugli Ultrabook touch

Il colosso di Santa Clara sprona i partner e azzarda la conferma: i prossimi Ultrabook proporranno schermi con multi-touch capacitivo
Il colosso di Santa Clara sprona i partner e azzarda la conferma: i prossimi Ultrabook proporranno schermi con multi-touch capacitivo

Intel continua a chiedere a gran voce computer portatili con schermo touch. La caratteristica da tablet potrebbe rappresentare la proverbiale ciliegina sulla torta per gli Ultrabook , che già propongono un form-factor slim, insieme a funzionalità istantanee e consumi contenuti.

I costruttori hardware, che già stanno faticando a tenere bassi i prezzi degli Ultrabook attuali, preferirebbero rimandare l’introduzione di display multi-touch, per non gonfiare ulteriormente il prezzo. Il product manager Intel Anand Kajshmanan conferma però che la prossima generazione di super-laptop proporrà pannelli sensibili al tocco.

A quanto pare, Santa Clara sta “fortemente incoraggiando” i partner al lavoro sui nuovi portatili mossi dai più efficienti chip Ivy Bridge, a 22 nanometri. Il progetto di riferimento per gli Ultrabook, aggiornato con i nuovi requisiti minimi, parla di touchscreen capacitivo in grado di gestire input a 10 dita. I primi esemplari potrebbero arrivare nei negozi verso la fine dell’anno.

Con il touch-screen su PC si potrebbe ovviamente sfruttare al massimo l’interfaccia grafica adottata da Windows 8 . Resta da capire quanto risulterà comodo, alla lunga, compiere gesture in un’area sensibile che è posta in verticale, di fronte all’utente, rispetto al classico touchpad orizzontale collocato in basso, nei pressi della tastiera fisica.

Roberto Pulito

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 04 2012
Link copiato negli appunti