Intel lancia Core 2 Duo

Il chipmaker presenta ufficialmente i primi dieci modelli di Core 2 Duo, i primi processori ad unificare l'architettura alla base dei processori mobili e desktop del big di Santa Clara. Ecco versioni e prezzi

Santa Clara (USA) – Ieri Intel ha ufficialmente lanciato la sua nuova generazione di processori a doppio core, i Core 2 Duo, già più volte preannunciata nel corso degli ultimi mesi. Questi chip adottano la nuova architettura Core già utilizzata dagli Xeon serie 5100 , e si rivolgono a PC desktop, notebook e workstation.

“I processori Core 2 Duo sono semplicemente i più evoluti del mondo”, ha affermato Paul Otellini, president e CEO di Intel. “Dopo l’introduzione del processore Pentium non si era mai verificata nel settore una reinvenzione del componente di base del computer come questa”.

I Core 2 Duo, precedentemente noti con i nomi in codice Conroe (desktop) e Merom (notebook), contengono 291 milioni di transistor e consumano, secondo Intel, il 40% in meno di energia rispetto ai predecessori. I nuovi processori hanno già ottenuto un successo di critica, primeggiando in buona parte dei benchmark pubblicati nelle scorse settimane sui siti dedicati all’hardware.

I modelli di Core 2 Duo desktop sono cinque: l’E6300 a 1,86 GHz (183$), l’E6400 a 2,13 GHz (224$), l’E6600 a 2,4 GHz (316$), l’E6700 a 2,66 GHz (530$), e l’Extreme X6800 a 2,93 GHz (999$). I primi due modelli hanno 2 MB di cache L2, gli altri 4. Il front-side bus è in tutti i casi di 1.066 MHz.

Cinque anche i modelli mobile: il T5500 a 1,66 GHz, il T5600 a 1,83 GHz, il T7200 a 2 GHz, il T7400 a 2,16 GHz e il T7600 a 2,33 GHz. Anche in questo caso i primi due chip sono dotati di 2 MB di cache L2, gli altri di 4. L’FSB è di 667 MHz. Di questi chip Intel non ha ancora rivelato il prezzo.

I primi PC basati sui Core 2 Duo desktop arriveranno sul mercato tra pochi giorni, mentre per i notebook bisognerà attendere la fine di agosto.

Ieri Intel ha anche tagliato il prezzo di molti Pentium D e ha introdotto due nuovi modelli: il 945 (3,4 GHz, FSB a 800 MHz e 4 MB di cache L2) e l’805 (2,66 GHz, FSB a 533 MHz, 2 MB di cache L2), rispettivamente prezzati 163$ e 93$.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    niente paura
    introdurranno il taglio delle mani, e vedrete che diminuirà di un buon 20 %
  • soulista scrive:
    Come i Black Sabbath...
    Quando ero ragazzo non mi interessava il metal e se non fosse stato per organizzazioni cattoliche integraliste che setacciavano - e setacciano tuttora - ogni tipo di media per cercarvi messaggi subliminali del demonio (leggete http://digilander.libero.it/subliminale e fatevi 'du risate), all'epoca non avrei nemmeno saputo dell'esistenza dei Black Sabbath.Qui succede la stessa cosa: quando la crociata delle varie RIAA MPAA e affiliate in tutto il mondo non passa sotto silenzio (come avviene in Italia), il tam-tam mediatico che si scatena spinge sempre più utenti a provare 'sto "pitupì", dal quale difficilmente poi ci si stacca.La domanda é: questo va contro gli interessi delle case discografiche? può essere invece un modo più moderno ed efficace di cavalcare il fenomeno della pirateria? come fanno le balene quando cacciano: spingono branchi e branchi di pesciolini in un luogo ristretto che poi attraversano con la bocca aperta, alla cieca, così le case discografiche spingono sempre più utenti verso il P2P per poi sparare denunce nel mucchio e ottenere un sacco di soldi con i patteggiamenti.Ma forse sto dicendo un mucchio di stronzate... forse esagero nell'attribuire loro una tale astuzia predatoria: del resto i cetacei hanno una intelligenza superiore alla gran parte degli esseri umani ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 luglio 2006 11.13-----------------------------------------------------------
    • Cobra Reale scrive:
      Re: Come i Black Sabbath...
      Dalla vita c'è da aspettarsi di tutto, perché non dovrebbe essere vero? Forse è poco probabile, comunque pare che le major abbiano fatto una fortuna in accordi extragiudiziali e denunce contro semplici privati e società che, a loro dire, avrebbero "lucrato sulla condivisione illegale". Molti pensano che ne abbiano fatto un vero e broprio business .
    • Anonimo scrive:
      Re: Come i Black Sabbath...
      "del resto i cetacei hanno una intelligenza superiore alla gran parte degli esseri umani"Solo i delfini (e i topi...) ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Come i Black Sabbath...
        I Delfini appartengono ai cetacei ? Non lo sapevo (!?!?)...ma sono più che sicuro che i topi non vi appartengono :o
        • Brontoleus scrive:
          Re: Come i Black Sabbath...
          - Scritto da:
          I Delfini appartengono ai cetacei ? Non lo
          sapevo (!?!?)Delfini, balene, orche e capodogli sono tra i più diffusi cetacei (mammiferi marini). Ce ne sono altri ovviamente, meno noti. Vedi:http://it.wikipedia.org/wiki/Delfinohttp://it.wikipedia.org/wiki/Cetacea
      • Cobra Reale scrive:
        Piccola precisazione
        Mi sono espresso male, forse avrei dovuto scrivere: "denunce contro semplici privati, e società che a loro dire avrebbero "lucrato sulla condivisione illegale".Il "che" era relativo solo a quelle aziende che le major avevano accusato di aver fatto soldi a palate proprio grazie alla condivisione illegale di film e soprattutto musica, tramite i programmi di scambio.Per quanto riguarda i privati, alle major è sempre bastato sorprenderli a condividere file protetti dai diritti d'autore, anche se non a scopo di lucro. Certo, la condivisione a scopo di lucro rappresentava e rappresenta tutt'ora un forte aggravante.
      • Anonimo scrive:
        Re: Come i Black Sabbath...
        ah ah isreale governa il mondo .. ma va fanculo va :D
  • logiq scrive:
    the pirate bay
    a parte che credo che la questione degli ad su tpb, il controllo di targetpoint su empornium (e su tpb?) meriterebbero un articolo a se´ , volevo precisare che non e´vero che le critiche al tracker svedese non provengono dalla comunita´ p2p, tutt'altro!andatevi a cercare qualche post sul blog di meganova , torrentfreak e sul forum di slyck.com ..a me pare un regolamento di conti tutto interno al mondo del filesharing.. e abbastanza inquietante anche :(
    • Anonimo scrive:
      Re: the pirate bay
      I troll e le liti sono ubiquitarie su Intenet, perchè mai il mondo dei tracker dovrebbe esserne esente? :) :) :) :( :(
  • Anonimo scrive:
    troppi soldi
    Ora, dopo il reato di "procurato mancato guadagno" per aver scaricato musica non a scopo di lucro, si configura il nuovo analogo reato per aver dirottato la pubblicita' lontano dai canali "normali".Tutti quei "bei soldi" (tanto per citare) che finiscono lontano dalle manine dei bisognosi...k1
  • Anonimo scrive:
    In giappone..
    A 30 euro il mese hai una 10 Mbit simmetrica, compresi 5 ip pubblici. :|
    • Anonimo scrive:
      Re: In giappone..
      - Scritto da:
      A 30 euro il mese hai una 10 Mbit simmetrica,
      compresi 5 ip pubblici.
      :|bhe, credevi che abitassimo in un paese evoluto?altro che "primo mondo", al massimo siamo in categoria Z se ci siamo dentro!(che poi un caffè costi 3 euro, è un altro discorso...ma per 700-100yen si mangia assai!http://piazzagrande.blog.tiscali.it/ja1861402/http://www.toonshill.it/portale/modules.php?name=News&file=article&sid=97)
      • Anonimo scrive:
        Re: In giappone..
        Il giappone è il posto dove puoi magiare spendendo 3 euro o 100 euro, e non riuscire a capire quale dei due è il posto economico
        • Anonimo scrive:
          Re: In giappone..
          - Scritto da:
          Il giappone è il posto dove puoi magiare
          spendendo 3 euro o 100 euro, e non riuscire a
          capire quale dei due è il posto
          economico :) è vero....
Chiudi i commenti