Intel, verso l'infinitamente piccolo e oltre

Santa Clara svela nuovi particolari sul futuro tecnologico della corporation, il passaggio a nuovi nodi produttivi e la perdurante validità della legge di Moore anche al di sotto dei 10nm. Presto Chipzilla sostituirà il silicio

Roma – Intel coglie l’occasione dell’edizione 2015 della International Solid-State Circuits Conference (ISSCC) organizzata da IEEE per fare luce su tre ricerche dedicate al processo produttivo a 14 nanometri – usato per la produzione delle attuali CPU Core – e anticipa quel che bolle in pentola per il prossimo futuro.

Chipzilla ha assicurato di avere le necessarie capacità per rispettare la roadmap già fissata , con la finalizzazione del processo produttivo a 10 nanometri nel 2016 e l’avvento dei 7nm per il 2018. La periodicamente defunta legge di Moore sul raddoppio di transistor e performance ogni due anni sarà valida anche oltre i 10nm, promette Intel, anche se modalità le con cui tale “miracolo” verrà compiuto restano ancora abbastanza nebulose.

Legge di Moore 10nm

Per ora, la corporation delle CPU x86 ha dichiarato di voler continuare a macinare nanometri senza l’uso della litografia estrema agli ultravioletti (EUV), una tecnologia di incisione che continua a promettere molto ma che è tuttora in fase di sviluppo – e continuerà a esserlo mentre Intel realizza i propri chip a 7 e 10nm.

Un’altra novità importante, di portata storica qualora venisse confermata dai fatti, è la sostituzione del silicio per i processi produttivi al di sotto dei 10nm: per i 7nm Intel pianifica di usare un nuovo materiale semiconduttore, un composto tratto dal gruppo “III-V” della tavola periodica degli elementi e dotato di una mobilità elettronica molto superiore al silicio.

La conferenza ISSCC è poi occasione per parlare di nuove tipologie di package per i vari elementi costitutivi delle moderne unità computazionali (CPU e GPU), con Intel che al momento è impegnata a valutare un sistema “2,5D” (con die separati posizionati uno di fianco all’altro) e l’uso di un modello “3D” con un die posizionato sopra all’altro. L’obiettivo in questo caso è ridurre ulteriormente i consumi energetici.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giuseppe Rossi scrive:
    Boldrini
    Se averessero interpellato/fatto sapere qualcosa magari si poteva intervenire, comunque immagino come stia andando, la Boldrini avrà messo in chiaro alcuni punti:1° Parlare male della Boldrini è reato.2° Mettere in ridicolo la Boldrini è reato.3° Fare satira sulla Boldrini è reato.4° Fatta una legge di salvaguardia della Boldrini sulla rete5° Idee diverse da quelle della Boldrini su internet sono reato6° La Boldrini e compagnia migliorano internet con le loro idee7° Si possono avere idee proprie ma devono essere simili a quelle della Boldrini e compagnia altrimenti sono reato.8° Per ogni Boldrini offesa sulla rete 10 italiani verrano processati e giustiziati.Detto questio siete liberi.Giusto dimenticavo, avere idee diverse dalla massa di pecore italiane è reato il cervello non va usato in modo autonomo, ma solo incanalando le idee sulla massa del popolo bue.Eventuali pensatori singoli e che si permettono di avere idee diverse verranno derattizzati!Questa è l'Italia signori, la signora è di sinistra e gradisce la satira ma non fatta su di lei per dirla chiara (esattamente come D'Alema, che se ricordate bene, il tipo di sinistra che per gistificare il possesso di una barca aveva fatto costituire un gruppo di appassionati di vela sinistrorsi che giustificasse il fatto che uscisse con la sua bella barchetta che naturalmente apparteneva al gruppo e abitava in una casa di affittopoli se avete memoria).
    • thepassenge r scrive:
      Re: Boldrini
      certa gente purtroppo si maschera dietro buoni propositi per cercare di arginare le idee scomode.in questi ultimi anni da quando il M5S è entrato in politica, ho potuto constatare che quelli di sinistra sono tali e quali se non peggiori a quelli di destra.praticamente un invito a usare TOR sempre di più solo per farli rodere.- Scritto da: Giuseppe Rossi
      Se averessero interpellato/fatto sapere qualcosa
      magari si poteva intervenire, comunque immagino
      come stia andando, la Boldrini avrà messo in
      chiaro alcuni
      punti:

      1° Parlare male della Boldrini è reato.
      2° Mettere in ridicolo la Boldrini è reato.
      3° Fare satira sulla Boldrini è reato.
      4° Fatta una legge di salvaguardia della Boldrini
      sulla
      rete
      5° Idee diverse da quelle della Boldrini su
      internet sono
      reato
      6° La Boldrini e compagnia migliorano internet
      con le loro
      idee
      7° Si possono avere idee proprie ma devono essere
      simili a quelle della Boldrini e compagnia
      altrimenti sono
      reato.
      8° Per ogni Boldrini offesa sulla rete 10
      italiani verrano processati e
      giustiziati.

      Detto questio siete liberi.

      Giusto dimenticavo, avere idee diverse dalla
      massa di pecore italiane è reato il cervello non
      va usato in modo autonomo, ma solo incanalando le
      idee sulla massa del popolo
      bue.
      Eventuali pensatori singoli e che si permettono
      di avere idee diverse verranno
      derattizzati!

      Questa è l'Italia signori, la signora è di
      sinistra e gradisce la satira ma non fatta su di
      lei per dirla chiara (esattamente come D'Alema,
      che se ricordate bene, il tipo di sinistra che
      per gistificare il possesso di una barca aveva
      fatto costituire un gruppo di appassionati di
      vela sinistrorsi che giustificasse il fatto che
      uscisse con la sua bella barchetta che
      naturalmente apparteneva al gruppo e abitava in
      una casa di affittopoli se avete
      memoria).
  • Pirlun scrive:
    Internet = pericolo
    Avete notato quanti crimini ci sono stati da quando esiste internet?INTERNET = PERICOLO!!!
    • NOLEGGINO RAMPANTE scrive:
      Re: Internet = pericolo
      - Scritto da: Pirlun
      Avete notato quanti crimini ci sono stati da
      quando esiste
      internet?

      INTERNET = PERICOLO!!!Bravo! Lo internet serve solo a:-terorisdi-petofili-rottinXXXXGALERA, MANETTE ERGASTOLO ALLI SCARRICONI!!!!Bisogna chiudere lo internet, eddare i lavori rafforzati alli scariconi per ricostruire le videoteche! Così potrò pagare le rate di sta panda!HASTA LA VIDEOTECA, SIEMPRE!
  • smej3n3n3nw n32wnw456w m scrive:
    Andatevi a leggere i commenti all'art. 9
    ...quello sul diritto all'anonimato in rete. L'articolo già di suo è scritto male: prima sancisce il diritto all'anonimato (ottimo!), poi però dice che le autorità devono comunque "poter risalire all'autore di una comunicazione" (quindi Tor diventa illegale come in Cina?!). Forse chi l'ha scritto non si rende conto che le due cose sono tecnicamente inconciliabili, o una o l'altra, senza dimenticare che gli standard tecnologici della rete li decide l'IETF, non certo il parlamento italiano (per fortuna!). Ma la cosa più curiosa sono i commenti. I primi post sono favorevoli all'anonimato, anzi alcuni chiedono di rendere tale diritto ancora più esplicito e senza eccezioni. Poi però di colpo sono misteriosamente spuntate fuori le macchiette del web "a misura di bambino": "l'anonimato aiuta i criminali", "dobbiamo proteggere i minori" (un grande classico!), per finire col grottesco "dobbiamo tutelarci dalle recensioni negative".Chi sa perchè ho la VAGHISSIMA sensazione che la discussione non sia particolarmente spontanea.
    • Pianeta Hotel scrive:
      Re: Andatevi a leggere i commenti all'art. 9
      - Scritto da: smej3n3n3nw n32wnw456w m
      ...quello sul diritto all'anonimato in rete.
      L'articolo già di suo è scritto male: prima
      sancisce il diritto all'anonimato (ottimo!), poi
      però dice che le autorità devono comunque "poter
      risalire all'autore di una comunicazione" (quindi
      Tor diventa illegale come in Cina?!). Forse chi
      l'ha scritto non si rende conto che le due cose
      sono tecnicamente inconciliabili, o una o
      l'altra, senza dimenticare che gli standard
      tecnologici della rete li decide l'IETF, non
      certo il parlamento italiano (per fortuna!).


      Ma la cosa più curiosa sono i commenti. I primi
      post sono favorevoli all'anonimato, anzi alcuni
      chiedono di rendere tale diritto ancora più
      esplicito e senza eccezioni. Poi però di colpo
      sono misteriosamente spuntate fuori le macchiette
      del web "a misura di bambino": "l'anonimato aiuta
      i criminali", "dobbiamo proteggere i minori" (un
      grande classico!), per finire col grottesco
      "dobbiamo tutelarci dalle recensioni
      negative".Giusto! Chi fa recensioni negative andrebbe denunciato! @^
    • Kilo_oliK_m iao_oaim scrive:
      Re: Andatevi a leggere i commenti all'art. 9
      - Scritto da: smej3n3n3nw n32wnw456w m
      ...quello sul diritto all'anonimato in rete.
      L'articolo già di suo è scritto male: prima
      sancisce il diritto all'anonimato (ottimo!), poi
      però dice che le autorità devono comunque "poter
      risalire all'autore di una comunicazione" (quindi
      Tor diventa illegale come in Cina?!). Forse chi
      l'ha scritto non si rende conto che le due cose
      sono tecnicamente inconciliabili, o una o
      l'altra, senza dimenticare che gli standard
      tecnologici della rete li decide l'IETF, non
      certo il parlamento italiano (per fortuna!).


      Ma la cosa più curiosa sono i commenti. I primi
      post sono favorevoli all'anonimato, anzi alcuni
      chiedono di rendere tale diritto ancora più
      esplicito e senza eccezioni. Poi però di colpo
      sono misteriosamente spuntate fuori le macchiette
      del web "a misura di bambino": "l'anonimato aiuta
      i criminali", "dobbiamo proteggere i minori" (un
      grande classico!), per finire col grottesco
      "dobbiamo tutelarci dalle recensioni
      negative".

      Chi sa perchè ho la VAGHISSIMA sensazione che la
      discussione non sia particolarmente
      spontanea.Ho visto anch'io. Una discussione patetica, è evidente che quelli "contro" l'anonimato si siano organizzati per intasare la discussione, non mi stupirebbe se fossero solo uno o 2 che hanno usato più nicknames.
    • Guybrush scrive:
      Re: Andatevi a leggere i commenti all'art. 9
      - Scritto da: smej3n3n3nw n32wnw456w m
      ...quello sul diritto all'anonimato in rete.[...]
      Chi sa perchè ho la VAGHISSIMA sensazione che la
      discussione non sia particolarmente
      spontanea.Mi sembri eccessivamente prevenuto, boh, magari mi sbaglio io.Per riprova ho inserito un commento pesantemente PRO anonimato, con citazione "chi non ha nulla da nascondere..." e chi era solito usarla.Vediamo che esce.GT
      • qwerty scrive:
        Re: Andatevi a leggere i commenti all'art. 9
        - Scritto da: Guybrush
        Per riprova ho inserito un commento pesantemente
        PRO anonimato, con citazione "chi non ha nulla da
        nascondere..." e chi era solito
        usarla.

        Vediamo che esce.mi date il link, per cortesia?
  • bubba scrive:
    se i Champions li coltivate cosi', te
    te credo che poi passa la voglia di partecipare.....http://italiani.digital/domande/che-cosa-vuol-dire-wifi/PS: notate anche il tld "figo"(?) ...
  • .... scrive:
    il solito teatrino
    siamo democratici, ascolitamo tutti (ma poi facciamo come ci pare, sempre genuflissi ai nostri mandanti)
  • Guybrush scrive:
    Quello che la signora Boldrini ignora...
    ...è che Internet funziona bene perché non l'hanno progettata i politici.Bella l'idea, pessimo il fine. Internet non la controlli, puoi usarla nei modi e nei tempi che le tue conoscenze tecniche ti consentono. Più ne sai e più puoi fare. Vuoi cambiare la Rete? Studia.Knowledge is Power.GT
    • .... scrive:
      Re: Quello che la signora Boldrini ignora...
      - Scritto da: Guybrush
      ...è che Internet funziona bene perché non
      l'hanno progettata i
      politici.

      Bella l'idea, pessimo il fine. Internet non la
      controlli, puoi usarla nei modi e nei tempi che
      le tue conoscenze tecniche ti consentono. Più ne
      sai e più puoi fare.

      Vuoi cambiare la Rete? Studia.
      Knowledge is Power.

      GToh hai tolto il link, molto bene.
  • dino scrive:
    lel
    Internet ha funzionato fino ad ora benissimo senza interventi di Stati e Statini vari. Lasciateci in pace.
    • webwizard scrive:
      Re: lel
      - Scritto da: dino
      Internet ha funzionato fino ad ora benissimo
      senza interventi di Stati e Statini vari.
      Lasciateci in pace.Internet non è il problema, ma chi ci va sopra. C'è una tale valanga di letame trolling sui social che un qualche tipo d'intervento non sarebbe fuori luogo. C'è gente che si è impiccata per questo...
      • 735040 scrive:
        Re: lel
        - Scritto da: webwizard
        - Scritto da: dino

        Internet ha funzionato fino ad ora benissimo

        senza interventi di Stati e Statini vari.

        Lasciateci in pace.

        Internet non è il problema, ma chi ci va sopra.
        C'è una tale valanga di letame trolling sui
        social che un qualche tipo d'intervento non
        sarebbe fuori luogo. C'è gente che si è impiccata
        per questo...Quindi il problema solo per persone.Quindi la soluzione sta nella scuola.
      • Sg@bbio scrive:
        Re: lel
        Il problema sono le persone, non li mezzo.
Chiudi i commenti