Intel Xeon D, SoC con l'anima di un server

Santa Clara presenta una nuova linea di processori Xeon, destinati a gestire i dispositivi che governano i "confini" delle reti telematiche e non solo. Xeon D è un chip x86 ma anche un SoC, consuma poco e può fare tanto

Roma – Intel ha presentato i processori Xeon D, una nuova famiglia di prodotti basati su un design SoC (System-on-a-Chip) capaci di fornire, in una forma compatta, tutte le funzionalità tipiche di un server a una frazione dei consumi.

Le CPU Xeon D non sono pensate per i grossi carichi di lavoro computazionale, ambito ancora appannaggio della famiglia Xeon E : quello che i nuovi processori x86 sono in grado di fare, secondo Intel , è di “ottimizzare l’infrastruttura” dei fornitori di servizi telematici sia nei data center che negli apparati di rete intermedi.

La famiglia Xeon D include un modello quad-core (D-1520) e un octa-core (D-1540), con supporto alla tecnologia Hyperthreading (due thread per core) e una comune micro-architettura Broadwell realizzata su nodo produttivo a 14 nanometri. Per appartenere alla famiglia Xeon, le CPU hanno consumi contenuti pari rispettivamente a 25 (D-1520) e 40 watt (D-1540) massimi.

I processori Xeon D includono tutte le funzionalità tipiche delle CPU server per virtualizzazione, crittografia ad alta velocità (AES-NI), tecnologia Trusted Execution, Ethernet 10Gbit, 28 linee PCI-Express e via elencando. Una novità specifica dei nuovi processori è invece un sistema di controllo dei consumi energetici integrato, che si incarica di decidere quanta energia elettrica usare prima ancora che a farlo sia il sistema operativo dell’host.

Intel pianifica di vendere i nuovi Xeon D ad aziende che operano in ambiti quali hosting Web, caching di memoria, “warm storage” e anche apparati di rete (router, stazioni base wireless) definiti in software. Un mercato quest’ultimo in cui abbondano (90 per cento) i dispositivi proprietari o single-purpose, e a cui Chipzilla vuole ovviamente fornire una soluzione general-purpose con processori x86 in formato SoC.

I costi? 199 dollari per un singolo pezzo di Xeon D quad-core e 581 dollari per il modello octa-core. Secondo Intel, il nuovo SoC con l’anima di un server è già in via di implementazione in 50 diversi design per dispositivi di networking, controller per connessioni IoT (Internet of Things), storage e altro ancora.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    "le prove in grado di scagionare"
    tsk..... l'avvocato puo' cavillare sull'iter processuale e agitarsi come un ghedini qualunque, ma sul fatto che sia colpevole lo sa anche lui :P
    • ghedini scrive:
      Re: "le prove in grado di scagionare"
      - Scritto da: bubba
      tsk..... l'avvocato puo' cavillare sull'iter
      processuale e agitarsi come un ghedini qualunque,
      ma sul fatto che sia colpevole lo sa anche lui
      :PE' innocente, capito??? :@ :@ :@ :@E con la prossima legge ad personam diverrà legale qualunque cosa di cui è accusato, capito??? :@ :@ :@ :@
      • bubba scrive:
        Re: "le prove in grado di scagionare"
        - Scritto da: ghedini
        - Scritto da: bubba

        tsk..... l'avvocato puo' cavillare sull'iter

        processuale e agitarsi come un ghedini
        qualunque,

        ma sul fatto che sia colpevole lo sa anche
        lui

        :P

        E' innocente, capito??? :@ :@ :@ :@
        E con la prossima legge ad personam diverrà
        legale qualunque cosa di cui è accusato,
        capito??? :@ :@ :@
        :@con la 'compravendita senatori' quasi ci siamo infatti..... non proprio "innocente" ma prescritto.... va bene uguale :P l'importante e' andare avanti
  • Leguleio scrive:
    Mica tanto
    "Se si dimostrasse l'illegalità delle operazioni degli investigatori statunitensi, molte delle prove a carico di Ulbricht potrebbero decadere".Negli Usa non è sempre così, ahimè. Una prova acquisita illegalmente fa andare nei guai chi l'ha acquisita, e questo si giudica a parte, ma ai fini del proXXXXX può rimanere valida. :|
    • ... scrive:
      Re: Mica tanto
      - Scritto da: Leguleio
      Negli Usa non è sempre così, ahimè. Una prova
      acquisita illegalmente fa andare nei guai chi
      l'ha acquisita, e questo si giudica a parte, ma
      ai fini del proXXXXX può rimanere valida.
      :|perchè 'ahimè'?Se prova la colpevolezza è giusto che il colpevole vada in galera, assieme a chi se l'è procurata illegalmente.
      • Leguleio scrive:
        Re: Mica tanto


        Negli Usa non è sempre così, ahimè. Una prova

        acquisita illegalmente fa andare nei guai chi

        l'ha acquisita, e questo si giudica a parte, ma

        ai fini del proXXXXX può rimanere valida.

        :|

        perchè 'ahimè'?
        Se prova la colpevolezza è giusto che il
        colpevole vada in galera, assieme a chi se l'è
        procurata
        illegalmente.Nel sistema europeo è generalmente esclusa, anche se ci sono eccezioni qua e là. Pensa alla lista Falciani, un elenco di correntisti presso banche svizzere fornito spontaneamente da un ex impiegato alle autorità dei vari Paesi. Solo la Germania l'ha potuta utilizzare contro gli evasori fiscali, a quanto so io. Se ho ben capito, perché era entrata in vigore una legge di scambio informazioni nel frattempo.La <I
        ratio </I
        della norma è di evitare che queste pratiche siano implicitamente incoraggiate: ad esempio, si tortura un sospetto, le affermazioni che fa sono utili ad accusare un terzo e sono coerenti col resto delle indagini, e quindi si condanna il terzo, assieme alla persona che ha torturato il sospettato.Facendo terra bruciata attorno a queste pratiche si evitano ambiguità del genere.
        • ... scrive:
          Re: Mica tanto
          - Scritto da: Leguleio
          Nel sistema europeo è generalmente esclusanon ho mai detto il contrario e no si parlava dell'Europa: off topic.
          La <I
          ratio </I
          della norma è di
          evitare che queste pratiche siano implicitamente
          incoraggiate: ad esempio, si tortura un sospetto,
          le affermazioni che fa sono utili ad accusare un
          terzo e sono coerenti col resto delle indagini, e
          quindi si condanna il terzo, assieme alla persona
          che ha torturato il
          sospettato.tre casi:Se non può dimostrare di essere stato torturato che sia innocente o colpevole andrà in galera.Se può dimostrare di essere stato torturato ed è colpevole è giusto che vada in galera insieme a chi l'ha torturato.Se può dimostrare di essere stato torturato ed è innocente è normale che possa ritrattare confessioni estorte sotto tortura e in galera ci va solo chi l'ha torturato.Nel caso uno la giustizia perde sia permettendo prove raccolte illegalmente sia non permettendole.Nel caso due la giustizia vince solo permettendo prove raccolte illegalmente perché andranno in galera tutti i colpevoli.
          • Leguleio scrive:
            Re: Mica tanto


            Nel sistema europeo è generalmente esclusa

            non ho mai detto il contrario e no si parlava
            dell'Europa: off
            topic.Noi siamo in Europa, e commentiamo dall'Europa, anche se è un caso americano.Sottolineare di essere più avanzati, almeno su questo, attenua il senso di inferiorità.

            La <I
            ratio </I
            della norma
            è
            di

            evitare che queste pratiche siano
            implicitamente

            incoraggiate: ad esempio, si tortura un
            sospetto,

            le affermazioni che fa sono utili ad
            accusare
            un

            terzo e sono coerenti col resto delle
            indagini,
            e

            quindi si condanna il terzo, assieme alla
            persona

            che ha torturato il

            sospettato.

            tre casi:
            Se non può dimostrare di essere stato torturato
            che sia innocente o colpevole andrà in
            galera.E farà andare in galera un terzo, non lo dimenticare mai. I processi "politici" nelle dittature si svolgevano esattamente così.
            Se può dimostrare di essere stato torturato ed è
            colpevole è giusto che vada in galera insieme a
            chi l'ha
            torturato.Mah... giusto in base a quale principio?Se i diritti dell'uomo sono universali, non si capisce perché si utilizzi il risultato diretto della loro violazione.Ripeto, per l'ordinamento della maggior parte degli Stati europei non sono accettabili.
            Se può dimostrare di essere stato torturato ed è
            innocente è normale che possa ritrattare
            confessioni estorte sotto tortura e in galera ci
            va solo chi l'ha
            torturato.La fai facile. Per timore di ulteriori torture si confessa anche con un avvocato a fianco e personale diverso che fa l'interrogatorio, e anche nell'aula di un tribunale. E a quel punto è troppo tardi per ritrattare.
          • ... scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: Leguleio
            Noi siamo in Europa, e commentiamo dall'Europainfatti tu (non io, non NOI, non VOI) hai iniziato il messaggio a cui rispondevo con " <b
            Negli Usa </b
            non è sempre così, ahimè".Ti hanno per caso rubato la coerenza?
          • Scrivi il codice antispam scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: Leguleio


            Noi siamo in Europa, e commentiamo
            dall'Europa


            infatti tu (non io, non NOI, non VOI) hai
            iniziato il messaggio a cui rispondevo con

            " <b
            Negli Usa </b
            non è sempre
            così,
            ahimè".

            Ti hanno per caso rubato la coerenza?Si: quando aveva 6 mesi.Perche ??
          • ... scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: Leguleio
            Noi siamo in Europa, e commentiamo dall'Europa,
            anche se è un caso
            americano.ed io che pensavo di aver risposto ad un messaggio che esordisce così:" <i
            Negli Usa non è sempre così </i
            "! (rotfl)
          • legulamer scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: Leguleio
            Noi siamo in Europa, e commentiamo dall'Europa,
            anche se è un caso
            americano.certo che ce ne hai messo di tempo a far rimuovere il messaggio che ti smentiva.Chissà quante segnalazioni a ripetizione hai dovuto fare!
          • Passante scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: legulamer
            - Scritto da: Leguleio


            Noi siamo in Europa, e commentiamo
            dall'Europa,

            anche se è un caso

            americano.

            certo che ce ne hai messo di tempo a far
            rimuovere il messaggio che ti
            smentiva.
            Chissà quante segnalazioni a ripetizione hai
            dovuto
            fare!Fa un pò pena quando fa così vero ?Oltre che schifo ovviamente.
          • ... scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: Passante
            Fa un pò pena quando fa così vero ?
            Oltre che schifo ovviamente.la prima no, la seconda sì.E molto.E la redazione complice nell'assecondare i suoi capricci non è da meno.
          • ... scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: Leguleio
            Noi siamo in Europa, e commentiamo dall'EuropaE io ho risposto a un tuo messaggio in cui scrivi così:" <i
            Negli Usa non è sempre così, ahimè. </i
            "come la mettiamo?
          • ... scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: Leguleio
            Noi siamo in Europa, e commentiamo dall'EuropaE io ho risposto a un tuo messaggio in cui scrivi così:" <i
            Negli Usa non è sempre così, ahimè. </i
            "come la mettiamo?
          • Leguleio scrive:
            Re: Mica tanto


            Noi siamo in Europa, e commentiamo
            dall'Europa

            E io ho risposto a un tuo messaggio in cui scrivi
            così:
            " <i
            Negli Usa non è sempre così, ahimè.
            </i

            "

            come la mettiamo?Lo mettiamo in dispensa (cit).
          • qwerty scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: Leguleio


            Noi siamo in Europa, e commentiamo

            dall'Europa



            E io ho risposto a un tuo messaggio in cui
            scrivi

            così:

            " <i
            Negli Usa non è sempre così,
            ahimè.

            </i


            "



            come la mettiamo?

            Lo mettiamo in dispensa (cit).oppure la mettiamo che qualche diversamente onesto non riesce più a far cancellare un messaggio che gli dà fastidio (rotfl)
          • ... scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: Leguleio
            Noi siamo in Europa, e commentiamo dall'EuropaE io ho risposto a un tuo messaggio in cui scrivi così:" <i
            Negli Usa non è sempre così, ahimè. </i
            "come la mettiamo?
          • ... scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: Leguleio


            Nel sistema europeo è generalmente
            esclusa



            non ho mai detto il contrario e no si parlava

            dell'Europa: off

            topic.

            Noi siamo in Europa, e commentiamo dall'Europa,
            anche se è un caso
            americano.
            Sottolineare di essere più avanzati, almeno su
            questo, attenua il senso di inferiorità.




            La <I
            ratio </I
            della
            norma

            è

            di


            evitare che queste pratiche siano

            implicitamente


            incoraggiate: ad esempio, si tortura un

            sospetto,


            le affermazioni che fa sono utili ad

            accusare

            un


            terzo e sono coerenti col resto delle

            indagini,

            e


            quindi si condanna il terzo, assieme
            alla

            persona


            che ha torturato il


            sospettato.



            tre casi:

            Se non può dimostrare di essere stato
            torturato

            che sia innocente o colpevole andrà in

            galera.

            E farà andare in galera un terzo, non lo
            dimenticare mai. I processi "politici" nelle
            dittature si svolgevano esattamente
            così.



            Se può dimostrare di essere stato torturato
            ed
            è

            colpevole è giusto che vada in galera
            insieme
            a

            chi l'ha

            torturato.

            Mah... giusto in base a quale principio?
            Se i diritti dell'uomo sono universali, non si
            capisce perché si utilizzi il risultato diretto
            della loro
            violazione.
            Ripeto, per l'ordinamento della maggior parte
            degli Stati europei non sono
            accettabili.



            Se può dimostrare di essere stato torturato
            ed
            è

            innocente è normale che possa ritrattare

            confessioni estorte sotto tortura e in
            galera
            ci

            va solo chi l'ha

            torturato.

            La fai facile. Per timore di ulteriori torture si
            confessa anche con un avvocato a fianco e
            personale diverso che fa l'interrogatorio, e
            anche nell'aula di un tribunale. E a quel punto è
            troppo tardi per
            ritrattare.ma davvero pensi di cavarti dalla FIGURA DI XXXXX CHE STAI FACENDO continuando a richiedere la rimozione dei messaggi? (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • ... scrive:
            Re: Mica tanto
            Scritto da: Leguleio
            Noi siamo in Europa, e commentiamo dall'EuropaE io ho risposto a un tuo messaggio in cui scrivi così:" <i
            Negli Usa non è sempre così, ahimè. </i
            "come la mettiamo?
          • ... scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: Leguleio
            Noi siamo in Europa, e commentiamo dall'EuropaE io ho risposto a un tuo messaggio in cui scrivi così:" <i
            Negli Usa non è sempre così, ahimè. </i
            "come la mettiamo?
          • Galileo Galilei scrive:
            Re: Mica tanto
            Devo dare ragione a Leguleio, io per evitare la tortura ho pure dichiarato che il sole girava intorno alla terra.
          • Vanguld scrive:
            Re: Mica tanto
            - Scritto da: Galileo Galilei
            Devo dare ragione a Leguleio, io per evitare la
            tortura ho pure dichiarato che il sole girava
            intorno alla
            terra.Ma grazie all'abiura hai scritto il libro che solo tu o sommo potevi scrivere...
      • gennaro gattuso scrive:
        Re: Mica tanto
        vorresti che i carabinieri potessero farti la multa per ecXXXXX di velocità in un punto in cui non è segnalato l'autovelox?Il concetto è quello
        • . . scrive:
          Re: Mica tanto
          - Scritto da: gennaro gattuso
          vorresti che i carabinieri potessero farti la
          multa per ecXXXXX di velocità in un punto in cui
          non è segnalato l'autovelox?
          Il concetto è quelloL'autovelox in italia viene segnalato in altri paesi no.
        • qwerty scrive:
          Re: Mica tanto
          - Scritto da: gennaro gattuso
          vorresti che i carabinieri potessero farti la
          multa per ecXXXXX di velocità in un punto in cui
          non è segnalato
          l'autovelox?Se è illegale e i carabinieri lo fanno, io pagherò la multa e loro (di persona) pagano per l'ecXXXXX e loro la multa per aver illegalmente messo un autovelox non segnalato.Non vedo perché i due illeciti si debbano annullare a vicenda
Chiudi i commenti