Internet Archive, 10 Petabyte di cultura digitale

Gli storici archivi di San Francisco festeggiano il traguardo. E, contestualmente, annunciano altri due importanti successi d'archivio

Roma – È stata una giornata da ricordare per le centinaia di volontari, dipendenti e semplici fan dell’ormai storico progetto Internet Archive : la biblioteca digitale fondata nel 1996 da Brewster Kahle ha raggiunto un patrimonio di dati pari a 10.000.000.000.000.000 di byte.

Dopo la recente acquisizione di oltre 350mila filmati provenienti dai programmi di informazione e di oltre un milione di contenuti multimediali in file torrent , gli archivi di Internet con sede a San Francisco comunicano lo storico traguardo annunciando , contestualmente, il completamento della raccolta digitale delle opere appartenenti alla letteratura balinese e la disponibilità per i ricercatori di 80 nuovi Terabyte di file WARC , raccolti presso 2,7 miliardi di pagine .

I file presentano contenuti testuali, immagini, video, animazioni in Flash, catturati fra il primo milione di siti Web classificati Alexa, nel periodo di tempo che va dal 9 marzo 2011 al 23 dicembre 2011.

Nato nel 1996, il progetto Internet Archive offre “un accesso permanente alle collezioni storiche in formato digitale rivolte a ricercatori, storici, accademici, individui con disabilità e persone comuni”.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    niente nanocosi: bene!
    e' gia' il secondo articolo in cui Alfonso non cita i nano"cosi". A furia di prendee bastonate sui denti (effetto pavlov) sta imparando. C'e' evidentemente speranza per tutti :)
Chiudi i commenti