Internet, giovani e paure

Cyberbullismo e molestie tra i pericoli. La maggioranza degli adolescenti statunitensi divulga informazioni personali in Rete e il 28 per cento si intrattiene con sconosciuti

Roma – Secondo uno studio commissionato da McAfee circa la metà dei teeenager che passano del tempo online ha condiviso informazioni personali con sconosciuti.

“Anche se i ragazzi sanno che non devono parlare con estranei, online si viene a creare un senso di fiducia e anonimato che fa loro abbassare la guardia”, spiega Tracy Mooney, responsabile di cybersicurezza di McAfee.

Lo studio, condotto negli Stati Uniti su 955 ragazzi tra i 13 e i 17 anni, ha cristallizzato le paure dei nuovi genitori, quelli che si trovano a crescere ragazzi in un tempo in cui oltre alle consuete apprensioni, dilaga anche la paura del mondo connesso. In cui spesso i figli si muovono più velocemente dei genitori, evitandone il controllo.

La ricerca ha mostrato infatti che il 69 per cento degli adolescenti statunitensi effettua aggiornamenti del proprio stato presso i social network divulgando anche la propria posizione esatta , il 28 per cento chatta con persone che non conosce nel mondo offline , il 43 per cento rivela il proprio nome, il 24 l’email, il 18 foto, il 12 addirittura arriva a dare il proprio numero di cellulare.

Il 14 per cento, inoltre, ammette di aver adottato qualche tipo di comportamento da “cyberbullo” nel corso del 2010. E quasi la metà non sa come difendersi e reagire se diventasse vittime di cyberbullismo o di molestie. A consolare, il fatto che tale dato, in effetti, mostra un lieve miglioramento rispetto agli anni precedenti e che una linea viene tracciata dai giovani circa le informazioni aggiuntive come l’indirizzo, il cognome, la scuola e il Social Security number , di cui si mantiene la riservatezza.

Inoltre i controlli da parte dei genitori non sono semplici , anche perché più della metà (il 55 per cento) dei teenager nasconde loro la propria attività in Rete: il 23 per cento chiude o nasconde il browser appena i genitori entrano in stanza, il 32 cancella la cronologia. L’87 per cento, poi, si collega anche da postazioni fuori da casa.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti