Internet ha abbandonato gli Stati Uniti

Da protagonisti maggioritari della rete delle scorse decadi, gli States sono oramai relegati a ruolo di comprimari di qualcosa che non possono più controllare. La NSA lamenta: così non potremo più spiare tutto

Roma – Internet? Non è più affare dei soli Stati Uniti d’America: nata concettualmente alla fine degli anni 60 nei Lincoln Lab del MIT, Arpanet e la generazione successiva di network di comunicazione globale è diventata esattamente quello che volevano i suoi ideatori, vale a dire una risorsa distribuita in tutto il mondo senza un punto di controllo centralizzato. Ad abbandonare gli States è la maggioranza del traffico scambiato quotidianamente su Internet, che fa sempre meno affidamento sulle infrastrutture di là dell’Atlantico per compiere il proprio giro intorno al globo.

L’egemonia degli USA su Internet era impossibile da mantenere, e già nel 2006 il direttore della CIA Michael V. Hayden aveva testimoniato davanti al Senato la necessità di sfruttare il vantaggio che ancora esisteva rispetto agli altri paesi. Un vantaggio costituito dalle infrastrutture di routing da proteggere e spremere sino al singolo bit come d’altronde è stato diligentemente fatto nel corso degli anni, ad esempio nell’ambito del noto programma di sorveglianza globale legalizzato dal controverso salvacondotto emanato da George W. Bush.

Quel vantaggio ora, salvacondotto e coinvolgimento di AT&T a parte, non esiste più: il NY Times riporta che il routing del traffico di Internet “filtrato” dai network statunitensi è passato dal 70% di 10 anni fa al 25% di oggi . Da questo punto di vista l’egemonia degli States in rete è nei fatti scomparsa già da tempo, e il passaggio di testimone dei 220 milioni di utenti cinesi (contro i 217 americani) fatto registrare a marzo scorso è un dato poco più che simbolico.

La perdita di importanza della superpotenza nell’ambito dell’economia di rete mondiale ha e continuerà ad avere pesanti ripercussioni in ogni ambito , avvertono gli esperti: gli Stati Uniti sono e saranno sempre più deboli, da un punto di vista economico, militare e di intelligence. A parlare di conseguenze e debolezza sono naturalmente quelle stesse agenzie di intelligence, ma c’è chi come Vint Cerf osserva la questione da un punto di vista molto diverso. “Immaginare che Internet fosse rimasta confinata agli Stati Uniti, come era una volta? Non sarebbe stata utile”, dice Cerf, Internet evangelist di Google e co-inventore del protocollo TCP/IP, grammatica della rete per il numero inusitato di comunicazioni in viaggio ogni giorno su rame, fibra e onde elettromagnetiche.

Gli Stati Uniti si sono indeboliti perché debole è stata la spinta agli investimenti da parte dei provider , secondo l’opinione di ricercatori come K.C. Claffy, in forze all’organizzazione Cooperative Association for Internet Data Analysis di San Diego. Nell’ambito della crescita esponenziale delle infrastrutture globali molti player sono cresciuti, in India, in Cina, in Giappone: dovunque ma non negli USA, dove il business dei cavi in fibra ottica non è mai esploso come altrove.

A riprova della marginalità americana nella Internet globale, i numeri che provengono da Pechino 2008 parlano chiaro: il broadcaster cinese CCTV.com ha stracciato ad agosto la concorrenza internazionale , totalizzando 100 milioni di contatti e sei milioni di visitatori unici al giorno, contro i 4,7 di Yahoo! e i 4,3 di NBC che trasmetteva l’evento negli States.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Overture elevato 3 scrive:
    vdranno
    e si vedranno quelli di linux quando microsoft suonerà le campane sui tavoli da biliardo, allora le scatole dei pc embedded saranno sprofondate fra tuoni e lampi.E poi vedremo se non vinceranno quando microsft sfornerà un OS con le fibre ottiche sulle riviste che smetteranno di distribuire solo delle distro ma dei pacchetti.EEE si poi vedremo .......
  • H5N1 scrive:
    PI e guerre ideologiche
    La maggiorparte degli articoli apparsi nell'ultimo anno (ma non solo) riguardanti sicurezza, sistemi operativi e tecnologie varie hanno dato modo a molti utenti del forum di levare la spada gli uni contro gli altri in difesa della propria (stupida) ideologia pro/contro questo o quel sistema operativo.Ben vengano gli scontri di opinione, sempre costruttivi, e ben vengano le battaglie combattute a colpi di argomentazioni, ma spesso si leggono commenti privi di senso e fatti al solo scopo di offendere e/o criticare senza alcuna costruttività.Recentemente noto un certo compiacimento degli autori di PI (ma forse è una mia impressione) soprattutto dal tenore degli articoli, dalle parole utilizzate e dai toni.Marco Calamari dove sei?
    • dont feed the troll scrive:
      Re: PI e guerre ideologiche
      E' anche una mia impressione
      • Idem scrive:
        Re: PI e guerre ideologiche
        Pure mia...
        • pentolino scrive:
          Re: PI e guerre ideologiche
          mi associo alle perplessità espresse
          • Andrea B. scrive:
            Re: PI e guerre ideologiche
            Quoto e sottoscrivo.
          • eaman1 scrive:
            Re: PI e guerre ideologiche
            Tempo fa e' stato detto che postare su PI e' come giocare a quake: uno sparatutto.L'idea dovrebbe essere che valutano il gradimento degli articoli in base al numero di commenti, e con certi articoli "distruttivi" si scatenano i flames. Poi che la gli svegli scappino a gambe levate non sembra un problema: sara' un problema di target...Un po' colpa degli autori, un po' del sistema di gestione dei commenti, piu' che altro sembra che tiri di piu' un po' di avanspettacolo tecnologico che un sito impostato di informatica. Anche' perche' la concorrenza di siti 'seri' c'e' e con quella e' difficile confrontarsi, far gli articoli per i troll vien sicuramente piu' facile...
    • 0verture scrive:
      Re: PI e guerre ideologiche
      Io piuttosto mi chiedo un'altra cosa: quando la si finisce di mescolare la scienza (quale l'informatica è) con l'ideologia ed il fanatismo ?
      • ullala scrive:
        Re: PI e guerre ideologiche
        - Scritto da: 0verture
        Io piuttosto mi chiedo un'altra cosa: quando la
        si finisce di mescolare la scienza (quale
        l'informatica è) con l'ideologia ed il fanatismo
        ?Hai provato a inoltrare il suggerimento a Ballmer ?? (Linux is a cancer....)
      • pabloski scrive:
        Re: PI e guerre ideologiche
        - Scritto da: 0verture
        Io piuttosto mi chiedo un'altra cosa: quando la
        si finisce di mescolare la scienza (quale
        l'informatica è) con l'ideologia ed il fanatismo
        ?soprattutto bisognerebbe mettere a tacere i videogamer che credono di essere ingegneri informatici solo perchè passano intere giornate a giocare a Crysisquando t'arriva il tipo che giustifica il consumo di risorse di Vista paragonandolo ad una Ferrari, come se la potenza di un motore fosse equivalente ad una maggior quantità di RAM o cicli CPU consumati ( qui se Vista ne consuma di più vuol dire che è meglio )cioè a questo punto non ci può essere discussione, il problema è che molto spesso gente totalmente incompetente si crede in diritto di esprimere giudizi e questo sia da una parte che dall'altrapoi ci si mettono pure, come giustamente ha fatto notare un altro utente, i tipi come Ballmer che s'inventano l'esperimento Mojava per dire che sono gli utenti e gli OEM che non hanno capito niente di Vista, che il sistema è veloce, stabile, compatibile e consuma pochissimose vogliamo vedere le cose con obiettività possiamo riconoscere nel primo movimento OSS un'ideologia anticapitalistica, volta a far capire quanto potere hanno le società IT ( ricordiamo il patto tra CIA, Comcast e AT&T per lo spionaggio su larga scala )poi è subentrata una sottoideologia fatta di fighetti che vogliono dimostrare la loro superiorità perchè usano un OS complesso com'era Linux fino a 3-4 anni fa, quando molti pseudo geek si vantavano di essere riusciti ad installare Gentoo sui loro PCperò oggi stiamo anche assistendo ad un rinato furore religioso da parte dei winboys i quali vogliono a tutti i costi dimostrare che se un cosa è gratis è merda, se la si paga a peso d'oro è ottima....in sostanza nell'IT ormai prevalgono le mode più che i contenuti tecnici, questo almeno nell'IT di massa, quello dei cellulari alla moda, degli iPod e compagniaquindi è chiaro che il livello dei commenti sia scaduto e penso che la situazione peggiorerà sempre più
        • nome e cognome scrive:
          Re: PI e guerre ideologiche

          quindi è chiaro che il livello dei commenti sia
          scaduto e penso che la situazione peggiorerà
          sempre
          piùSi capiva che sei un fighetto dalle prime 5 righe, le altre sono spreco di banda ...
  • Ivan scrive:
    E c'è anche un italiano
    tralaltro uno degli sviluppatori-impiegati, Emmanuele Bassi, è anche un italiano emigrato a Londra... La classica fuga di cervelli...
    • anonimo scrive:
      Re: E c'è anche un italiano
      - Scritto da: Ivan
      tralaltro uno degli sviluppatori-impiegati,
      Emmanuele Bassi, è anche un italiano emigrato a
      Londra... La classica fuga di
      cervelli...Da Wikipedia:Emmanuele Bassi è un amante del Python e adora fare i bindings per Clutter. Appena può va a Venezia di cui adora l'architettura o nello Stato del Vaticano di cui invece ammira la religione.Apprezza molto la politica e l'imprenditoria italiana e sente spesso una forte nostalgia del Bel Paese.Notevoli le sue capacità nei rapporti umani caratterizzati dalla sua grande umiltà. Per le strade di Londra mostra spesso il suo fisico scultoreo e privo di grassi.
    • Torello scrive:
      Re: E c'è anche un italiano
      Chi quello che odia python e fa i flames su KDE ?TENETEVELO......
    • pabloski scrive:
      Re: E c'è anche un italiano
      - Scritto da: Ivan
      tralaltro uno degli sviluppatori-impiegati,
      Emmanuele Bassi, è anche un italiano emigrato a
      Londra... La classica fuga di
      cervelli...e a che ci servono in Italia i geni? abbiamo le veline, i calciatori, i tifosi camorristi, le mantenute di Stato e i presidenti della Camera che fanno immersioni in aree protette usando le imbarcazioni dei vigili del fuocosiamo proprio una gran bel Paese...di MERda
  • benvenuto nell AIZZ scrive:
    FENOMENO LINUX
    winari anche le vostre riviste preferite ormai ve lo dicono! rassegnatevi, l'estinzione è vicina![img]http://www.pcprofessionale.it/stappro61/uploads/2008/08/210-cover-piccola.jpg[/img]
    • r p scrive:
      Re: FENOMENO LINUX
      Anche io ieri ho visto quella rivista in edicola ed ho pensato la stessa cosa :)
      • pabloski scrive:
        Re: FENOMENO LINUX
        - Scritto da: r p
        Anche io ieri ho visto quella rivista in edicola
        ed ho pensato la stessa cosa
        :)è ovvio se MS si ostina a produrre sistemi operativi squallidinon è normale che Vista impieghi 3 minuti e 40 secondi a partire su un portatile Centrino 2, senza parlare che ha problemi con l'ACPI del suddetto portatile e freeza ogni volta che va in sleeppoi ci sono ancora molte incompatibilità con i driver, nel mio caso all'improvviso compaiono striscie multicolore sullo schermo e si blocca tuttook forse ATI e NVidia potrebbero fare di più ma non mi pare che in passato abbiano battuto la fiacca, evidentemente nel modello di programmazione di Vista dev'esserci qualcosa che rende molto difficoltoso implementare dei driver stabili
        • 0verture scrive:
          Re: FENOMENO LINUX

          non è normale che Vista impieghi 3 minuti e 40
          secondi a partire su un portatile Centrino 2,
          senza parlare che ha problemi con l'ACPI del
          suddetto portatile e freeza ogni volta che va in
          sleepBrrr... appena ho letto sta roba mi è venuto in mente questohttp://www.youtube.com/watch?v=EBktIoTHuwgSe cerchi poi le specifiche del pegasos 2 ti prende pure male...
    • gringo scrive:
      Re: FENOMENO LINUX
      E tra poco ci sarà il Linux Day!
      • benvenuto nell AIZZ scrive:
        Re: FENOMENO LINUX
        - Scritto da: gringo
        E tra poco ci sarà il Linux Day!ah già, vero!sabato 25 ottobrehttp://www.linuxday.it
    • pentolino scrive:
      Re: FENOMENO LINUX
      beh qualche mese fa non avevo rinnovato l' abbonamento di lunga data a tale rivista poichè mi sembrava che parlasse (quasi) solo di windows, sistema che ho abbandonato. Che sia un cambiamento di rotta? Me ne comprerò una copia al più presto, anche per sventolarla in faccia ad un mio collega winaro sfegatato! :-DEDIT: ho appena acquistato la mia copia, che gusto! :-D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 settembre 2008 14.24-----------------------------------------------------------
      • benvenuto nell AIZZ scrive:
        Re: FENOMENO LINUX
        - Scritto da: pentolino
        beh qualche mese fa non avevo rinnovato l'
        abbonamento di lunga data a tale rivista poichè
        mi sembrava che parlasse (quasi) solo di windows,
        sistema che ho abbandonato. Che sia un
        cambiamento di rotta? Me ne comprerò una copia al
        più presto, anche per sventolarla in faccia ad un
        mio collega winaro sfegatato!
        :-Dquoto, per quello dicevo che era una delle riviste preferite del perfetto winaro :Dcomunque più che un cambio di rotta, semplicemente un titolone così in questo momento ti fa vendere di più, la curiosità intorno al mondo linux è tanta
        • pentolino scrive:
          Re: FENOMENO LINUX
          beh chiaro che loro la rivista la fanno per venderla :-)Io non pretendo che su tale rivista si parli solo di linux, ci mancherebbe, ma trovo che relegare linux in un angolino per una rivista che di autodefinisce "professionale" sia un gorsso errore.Se correggeranno il tiro sarò di nuovo tra i loro lettori
        • Demistificatore scrive:
          Re: FENOMENO LINUX
          L'anno scorso, il numero di Marzo, lo intitolarono e io passo a LINUX..se vai sul loro sito, trovi il pdf da scaricare...tutta l'annata 2007 e anche quella in corso, ogni articolo è scaricabile..Questa di questo mese la compro...visto che ho smesso di fumare se pò fare...ahahahahaIn ogni caso è da un pò che allegano Ubuntu, questo mese han messo tutte quelle recensite..e in ogni caso si stanno aprendo.La cosa comica è però leggere riviste tipo Windows Vista (magazine ufficale o Vista magazine....aiutano nella normale liberazione corporale...Si stanno rendendo conto pure loro che Vista è un sistema OSCENO o che comunque non giustifica l'esborso di centinaia di per chi ha già xp sp3...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 settembre 2008 14.42-----------------------------------------------------------
          • 0verture scrive:
            Re: FENOMENO LINUX

            Si stanno rendendo conto pure loro che Vista è un
            sistema OSCENO o che comunque non giustifica
            l'esborso di centinaia di per chi ha già xp
            sp3...Infatti non bisogna essere dei linari con profonde tare mentali per rendersi conto di una simile cosa.
    • pippo75 scrive:
      Re: FENOMENO LINUX
      - Scritto da: benvenuto nell AIZZ
      winari anche le vostre riviste preferite ormai ve
      lo dicono! rassegnatevi, l'estinzione è
      vicina!
      molti winari lo sperano da anni.E' da anni che aspettiamo un concorrente per MicioSoft.Al tempo ci eravano illusi con os/2.Purtroppo per il mercato desktop vedo poche speranze a breve termine, tranne nel caso di cambi radicali.Per battere windows, credo che ci vogliano programmi commerciali, al momento di commerciali vedo solo qualche distro ( mandriva, suse, redhat ).( il tutto, secondo mai opinion )
  • pentolino scrive:
    Ottima notizia
    Così ci caviamo dalle scatole Windows Mobile; con Android sostenuto da google da una parte e quest' altro sostenuto da intel il futuro del mobile mi sembra decisamente (linux).
    • dandan scrive:
      Re: Ottima notizia
      Concordo sul fatto che sia una notizia positiva, ma lasciami dire che hai le idee un po' confuse, questo OS potrà andare ad ostacolare la presenza di Windows XP sui netbook, ma non c'entra proprio nulla con Win Mobile e Android che sono OS fatti per girare su Smartphone evoluti...
      • pentolino scrive:
        Re: Ottima notizia
        in effetti prima del caffè ogni tanto faccio minestrone :-)Sono semplicemente contento che linux mobile da una parte o dall' altra stia crecendo parecchio negli ultimi tempi, probabilmente android e moblin si traineranno a vicenda a svantaggio sia di WinXp sia di Windows Mobile.Rileggendo il mio post mi rendo conto che tale pensiero era espresso in maniera troppo criptica :-)
        • Strappapanni scrive:
          Re: Ottima notizia
          Spezzo una lancia in favore di pentolino anche se ha parzialmente ritrattato. Come al solito Microsoft cerca di sfruttare le sue posizioni dominanti a 360° (anche legittimo, magari): un palmare windows mobile obbliga ad avere windows su desktop e addirittura Vista (!) dato che dei macroscopici errori di sincronizzazione mobile-desktop sono (volutamente?) stati corretti solamente per tale OS. Quindi l'avvento di Android estirperà un'altro artiglietto che MS aveva piantato sui nostri maroni (mobile).
      • pabloski scrive:
        Re: Ottima notizia
        - Scritto da: dandan
        Concordo sul fatto che sia una notizia positiva,
        ma lasciami dire che hai le idee un po' confuse,
        questo OS potrà andare ad ostacolare la presenza
        di Windows XP sui netbook, ma non c'entra proprio
        nulla con Win Mobile e Android che sono OS fatti
        per girare su Smartphone
        evoluti...non è detto però il settore dei MID è trasversale a quello degli smartphone, per esempio iPhone non è chiaro se sia un MID o uno smartphone, di fatto viene usato per fare tutto ciò che normalmente si farebbe con un MIDquesti dispositivi tendono sempre più a convergere ed è questo trambusto che in parte sta mettendo in confusione Microsoft
  • Enjoy with Us scrive:
    Altro colpo a Vista!
    Ormai non passa giorno in cui gli annunci della diffusione di Linux compaiano sempre più evidenti, per M$ è suonata ormai la campana dell'ultimo giro.Esagero? Esperti nell'IT prevedono che i Netbook raggiungeranno nell'arco di due/tre anni il 20% dell'intero mercato dei pc (ossia notebook+desktop), se su questi sarà installato prevalentemente Linux, se un 10% sarà costituito da Mac se un'altro 10% sarà costituito da notebook/desktop con installato comunque Linux quale sarà la quota residua per M$?Il 60%, vi sembra tanto? Vedrete che crollo ci sarà in borsa e l'effetto domino negli anni successivi e poi ne riparliamo!
    • felixthecat scrive:
      Re: Altro colpo a Vista!
      Vista c'entra poco visto che si parla di dispositivi mobili.Io Opened hand non l'ho scoperta certo oggi con l'acquisizione di Intel. E' l'azienda che sta dietro a Clutter, una straordinaria libreria open source.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Altro colpo a Vista!
        - Scritto da: felixthecat
        Vista c'entra poco visto che si parla di
        dispositivi
        mobili.

        Io Opened hand non l'ho scoperta certo oggi con
        l'acquisizione di Intel. E' l'azienda che sta
        dietro a Clutter, una straordinaria libreria open
        source.Perchè i notebook cosa sono dispositivi fissi?Vedrai come centrerà la diffusione di Linux sui netbook!
        • felixthecat scrive:
          Re: Altro colpo a Vista!
          - Scritto da: Enjoy with Us
          Perchè i notebook cosa sono dispositivi fissi?
          Vedrai come centrerà la diffusione di Linux sui
          netbook!sì hai ragione non sono fissi, ma ormai con tutta la roba che bisogna portarsi dietro e loro peso... mentalmente li vedo come fissi.Cmq il vantaggio del loro sistema operativo è da vedere in apparecchi più piccoli dei tradizionali notebook, dove Vista è difficile che possa aspirare.
          • pabloski scrive:
            Re: Altro colpo a Vista!
            - Scritto da: felixthecat
            Cmq il vantaggio del loro sistema operativo è da
            vedere in apparecchi più piccoli dei tradizionali
            notebook, dove Vista è difficile che possa
            aspirare.beh Vista non può proprio aspirare, dato che va una schifezza persino su un Centrino 2cioè il funzionamento è abbastanza fluido anche se ci sono dei cali di performance in alcune situazioni, ma il boot è un calvario roba da darti il tempo di fare uno spuntino
          • pentolino scrive:
            Re: Altro colpo a Vista!
            quindi possiamo dire che vista contribuisce alla diffusione dell' obesità? ;-)
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Altro colpo a Vista!
            - Scritto da: pentolino
            quindi possiamo dire che vista contribuisce alla
            diffusione dell' obesità?
            ;-)Almeno quanto la coca-cola!
    • 0verture scrive:
      Re: Altro colpo a Vista!
      Il giorno che microsoft si venderà le sedie su ebay ne potremo anche parlare ma fino a quel giorno sarà microsoft la sola ed incontrastata padrona del vapore.Per cui, invece di stare qua a crogiolarsi in un futile elenco di ottimistiche speranze sarebbe anche ora di fare qualcosa di concreto.E' incredibile che nonostante la presenza di un elemento di primaria grandezza quale intel, linux riesca solo ad avanzare di pochi, piccoli e discutibili passi.
      • krane scrive:
        Re: Altro colpo a Vista!
        - Scritto da: 0verture
        Il giorno che microsoft si venderà le sedie su
        ebay ne potremo anche parlare ma fino a quel
        giorno sarà microsoft la sola ed incontrastata
        padrona del vapore.A me sembra che la vedi un po' troppo 1 o 0 (del resto siamo tra informatici (rotfl)), anche di IBM si diveva che non sarebbe mai fallita, infatti non lo e', ma si e' molto ridimensionata e non e' piu' la padrona del vapore come era un tempo da un bel po'.
      • benvenuto nell AIZZ scrive:
        Re: Altro colpo a Vista!
        - Scritto da: 0verture
        Il giorno che microsoft si venderà le sedie su
        ebaysempre che Ballmer non le lanci via tutte!! :Dhttp://battellemedia.com/archives/001835.php At that point, Mr. Ballmer picked up a chair and threw it across the room hitting a table in his office. Mr. Ballmer then said: "Fucking Eric Schmidt is a fucking pussy. I'm going to fucking bury that guy, I have done it before, and I will do it again. I'm going to fucking kill Google." ....
        • 0verture scrive:
          Re: Altro colpo a Vista!
          E vabbè... si venderanno i ricambi, i tavoli, il trono del re del mondo di billy (quello sarà almeno pesante quindi...)
          • Petengy scrive:
            Re: Altro colpo a Vista!
            - Scritto da: 0verture
            E vabbè... si venderanno i ricambi, i tavoli, il
            trono del re del mondo di billy (quello sarà
            almeno pesante
            quindi...)manca la sedia di ebay (vedi sotto) e il vapore .....
      • pabloski scrive:
        Re: Altro colpo a Vista!
        - Scritto da: 0verture
        Il giorno che microsoft si venderà le sedie su
        ebay ne potremo anche parlare ma fino a quel
        giorno sarà microsoft la sola ed incontrastata
        padrona del
        vapore.
        Per cui, invece di stare qua a crogiolarsi in un
        futile elenco di ottimistiche speranze sarebbe
        anche ora di fare qualcosa di
        concreto.
        E' incredibile che nonostante la presenza di un
        elemento di primaria grandezza quale intel, linux
        riesca solo ad avanzare di pochi, piccoli e
        discutibili
        passi.beh veramente Garnter lo dà al 7% nel mercato desktop e al 64% nel mercato server, poi ci sono i settori embedded dominati all'80% da Linux, il settore industriale dove Linux raggiunge un 25-30% e il resto è in mano a mostri sacri come QNX e quello dei supercalcolatori dove Linux ha il 98%considerando che MS sta perdendo significative quote di mercato a causa dell'incompetenza dimostrata nel realizzare Vista direi che ci sono buone possibilità che su questa strada MS crollerà in 2-3 anni anche perchè il mondo PC si sta disgregando sempre di più a favore della convergenza tra smartphone, MID, home server piccolissimi e netbook....insomma piccolo è bello cosa che solo MS sembra non aver capito
        • 0verture scrive:
          Re: Altro colpo a Vista!


          beh veramente Garnter lo dà al 7% nel mercato
          desktop Quindi andando a mediaworld, contando 100 scatole di software e 100 computer venduti, almeno 7 delle prime e 7 delle seconde sono powered by pinguino ?
          e al 64% nel mercato server, Percentuale sicuramente più meritata di quella del mondo desktoppoi ci sono
          i settori embedded dominati all'80% da Linux,beh è alquanto ridicolo parlare di windows xp embedded e di certo non si può tutto ridurre ai plc con il dos... il
          settore industriale dove Linux raggiunge un
          25-30% e il resto è in mano a mostri sacri come
          QNX e quello dei supercalcolatori dove Linux ha
          il
          98%Robe che però a noi gente comune interessano poco almeno fino a quando non ci permetteranno di produrre in casa la corrente attraverso la raffinazione dell'uranio

          considerando che MS sta perdendo significative
          quote di mercato a causa dell'incompetenza
          dimostrata nel realizzare Vista direi che ci sono
          buone possibilità che su questa strada MS
          crollerà in 2-3 anni anche perchè il mondo PC si
          sta disgregando sempre di più a favore della
          convergenza tra smartphone, MID, home server
          piccolissimi e netbook....insomma piccolo è bello
          cosa che solo MS sembra non aver
          capitoCome già dissi tempo fa, l'unico modo per silurare seriamente microsoft è creare una distribuzione per il desktop/studio/piccolo ufficio UNICA che garantisca l'accesso al supporto anche e soprattutto dove la gente non può godere di una fibra ottica per scaricarsi gli aggiornamenti da internet potendo però ripiegare sulle riviste che sarebbero ben felici di poter distribuire i pacchetti (invece delle solite distro) senza impazzire a fornire più versioni della stessa cosa per futili e discutibili differenze.Discorso analogo per tutte quelle software house interessate a linux in quanto alternativa commerciale a windows ma non alla questione open source (sempre ammesso che certi fanatici concedano al prossimo il diritto di scegliere come distribuire il proprio lavoro).Una bella distro come ho appena detto e microsoft si sega non solo il mercato desktop ma pure quello server delle piccole aziende.Diversamente, continuino pure i blablabla a vuoto, così magari un giorno microsoft compie il miracolo, sforna un os da favola ed il pinguino tornerà a svernare al polo sud...
          • pabloski scrive:
            Re: Altro colpo a Vista!
            - Scritto da: 0verture
            Quindi andando a mediaworld, contando 100 scatole
            di software e 100 computer venduti, almeno 7
            delle prime e 7 delle seconde sono powered by
            pinguino
            ?
            però fai caso che di certo 5-6 offerte con linux preinstallato le trovi, fino all'anno scorso manco quelleio abito nel sud italia in un paesino e vedere nel locale ipermarket linux preinstallato, credimi, indica che l'aria è cambiatac'è pure il fenomeno netbook ( che è catalogabile nel settore pc ), lì linux vende alla grande, se guardi le statistiche di vendita di amazon tra i primi 10 netbook più richiesti, 6 sono linux
            Come già dissi tempo fa, l'unico modo per
            silurare seriamente microsoft è creare una
            distribuzione per il desktop/studio/piccolo
            ufficio UNICA che garantisca l'accesso alperò ammetterei che particolare di distro unica è un pò vago....cosa si intende per unica? a livello di sistema lo standard LSB 3.0 impone restrizioni sui sistemi di packaging, sulla gerarchia del filesystem e impone una totale aderenza allo standard SysVcosì facendo i driver diventano intercambiabili, i pacchetti di una si possono installare sulle altre, i file di determinati tipi si troveranno sempre negli stessi posti indipendentemente dalla distribuzione
            supporto anche e soprattutto dove la gente non
            può godere di una fibra ottica per scaricarsi gli
            aggiornamenti da internet potendo però ripiegare
            sulle riviste che sarebbero ben felici di poter
            distribuire i pacchetti (invece delle solite
            distro) senza impazzire a fornire più versioni
            della stessa cosa per futili e discutibili
            differenze.certamente, anche se l'accesso ad internet dovrebbe essere garantito a tutti altrimenti che facciamo il digital divide all'italiana? vabbè nella realtà non è cosìperò le riviste già oggi possono, per esempio, fornire 2-3 DVD con la copia dei repository....per esempio esce Ubuntu 8.10, loro ci piazzano accanto 2 DVD con tutti i pacchetti dentro...Canonical già distribuisce questi DVD che permettono di usare Ubuntu senza la necessità di essere connessi
            Discorso analogo per tutte quelle software house
            interessate a linux in quanto alternativa
            commerciale a windows ma non alla questione open
            source (sempre ammesso che certi fanatici
            concedano al prossimo il diritto di scegliere
            come distribuire il proprio
            lavoro).
            ma lo si può fare già oggi....io posso benissimo scrivere un software commerciale per Linux e distribuirlo come software closed sourceFlash player è closed source, Java è closed source, Cedega è closed source e a pagamentoquesto problema non esiste più da annidiverso è il discorso se io prendo Linux ci aggiungo due righe al kernel e poi pretendo di venderlo come software proprietario e sotto una licenza proprietariaquesto comportamenteo stupido è tipico della licenza BSD che in 40 anni ha permesso a società tra cui Microsoft, Apple, IBM di scopiazzare codice e poi rivenderlo come proprio
            Una bella distro come ho appena detto e microsoft
            si sega non solo il mercato desktop ma pure
            quello server delle piccole
            aziende.
            qui dipende molto da come le aziende agiscono....quante aziende accetterebbero di cambiare OS e fare aggiornamento per i propri dipendenti, assumere sistemisti Unix, ecc...i sysadmin Windows Server costano poco, sono totalmente incapaci, ma si accontentano di 600 al mese
            Diversamente, continuino pure i blablabla a
            vuoto, così magari un giorno microsoft compie il
            miracolo, sforna un os da favola ed il pinguino
            tornerà a svernare al polo
            sud...beh se MS sfornasse un OS da favola ( tipo Singularity ) io sarei tra i primi ad andare nel negozio sotto caso per comprarne una copia, solo che sono 15 anni che aspettiamo quest'OS da favolail meglio che hanno saputo fare è incasinare il codice di NT e produrre sVista, adesso con Windows 7 produrranno uno sVista col multitouchMS ha prodotto 3 OS in totale, il DOS che fu comprato da un'altra società, Xenix che fu un tentativo di Gates di produrre uno unix proprio perchè DOS non era adatto alle moderne necessità elaborative e NT che fu creato ad hoc da un team di professori universitari assoldati per lo scopo ed è in sostanza un ibrido tra Unix e VMS, non che questo sia male ma di certo è un'architettura datata e poco plastica a differenza di quella di Linux che è datata ma è plastica per cui la si può adattare ai vari casi e sorvolare sulla sua vetustitàallo stato attuale senza un progetto ad hoc Microsoft non riuscirà a combinare nulla e poi c'è il problema che ha perso il supporto di Intel e IBM che sono state le vere creatrici dell'impero MS...oggi queste due aziende rivogliono il potere sul software, vogliono tornare agli anni '70 quando avevano potere di vita e di morte sul software e non erano ostaggio dei software vendorper quanto riguarda Linux ho citato i vari campi di applicazione per mettere in chiaro che allo stato attuale è molto usato e quindi di sparire non se ne parla....non so magari per te è lampante questa realtà ma c'è gente ancora oggi che ventila una morte di Linux come se nel mondo gli unici computer fossero i PCi PC rappresentano si e no un 20% dell'insieme delle macchine computerizzate e il grosso è in mano a Linux che sta sostituendo man mano altri sistemi tipo iTron, QNX, RTEMS, ecc...l'unico settore in cui linux è minoranza è proprio quello PC ma non è un settore strategicamente rilevante....basti pensare ai milioni di bombe, aerei, navi che funzionano grazie a linux, il pentagono ha convertito da due anni tutte le sue apparecchiature passando a linux, quindi linux è ben lontano dal morire anzi direi che è in ottima salute
          • 0verture scrive:
            Re: Altro colpo a Vista!


            però fai caso che di certo 5-6 offerte con linux
            preinstallato le trovi, fino all'anno scorso
            manco
            quelleDa mediaworld ? Al massimo ne hanno due (eeepc e acer one) e sinceramente non è roba di cui vantarsi visto che non vengono proposti come computer ma come "cosetti" chiusi per andare su internet.

            io abito nel sud italia in un paesino e vedere
            nel locale ipermarket linux preinstallato,
            credimi, indica che l'aria è
            cambiataIo sto parlando di pc in vendita non di quello nel box informazioni.

            c'è pure il fenomeno netbook ( che è catalogabile
            nel settore pc ), lì linux vende alla grande, se
            guardi le statistiche di vendita di amazon tra i
            primi 10 netbook più richiesti, 6 sono
            linuxGià peccato che questi netbook come dice il nome vengono spacciati per dei giochini buoni solo ad andare a vedere youtube ed a leggere le mail. In questo modo non si devono neanche preoccupare della compatibilità e diffusione del software: scelgono la prima distro a muzzo che gli capita a tiro e via così. Appena li fanno un po' più potenti (MSI Wind) ecco che linux sparisce e torna windows (voci parlano anche di una versione con suse ma è più facile trovare il wind con la batteria a 6 celle a confronto)



            Come già dissi tempo fa, l'unico modo per

            silurare seriamente microsoft è creare una

            distribuzione per il desktop/studio/piccolo

            ufficio UNICA che garantisca l'accesso al

            però ammetterei che particolare di distro unica è
            un pò vago....cosa si intende per unica?Cosa fanno, a quale mercato si rivolgono queste distro:Suse, Fedora, Mandriva, Ubuntu, Xandros ?Sempre agli stessi ovvero utilizzo casalingo, ufficio, eventualmente workstation quindi dal momento che nessun sviluppatore si farà mai il mazzo per far andare i propri programmi su 5 distribuzioni diverse (e più, perchè sicuramente ne esistono altre con destinazione simile) non vedo perchè non creare una base comune controllata che garantisca la compatibilità binaria dei pacchetti.Tutte le altre distro con altri scopi possono continuare ad esistere come meglio credono ma quelle desktop devono convergere ad una soluzione maggiormente praticabile.


            a livello di sistema lo standard LSB 3.0 impone
            restrizioni sui sistemi di packaging, sulla
            gerarchia del filesystem e impone una totale
            aderenza allo standard
            SysV

            così facendo i driver diventano intercambiabili,
            i pacchetti di una si possono installare sulle
            altre, i file di determinati tipi si troveranno
            sempre negli stessi posti indipendentemente dalla
            distribuzione
            Peccato che a quanto pare non risulti sufficiente altrimenti nel momento in cui compreresti una stampante, troveresti sulla scatola il logo del LSB 3.0 che garantirebbe la presenza all'interno di un cd con dei driver come dici te interscambiabili. Stesso discorso con il software.Il bollino "Designed for Microsoft Windows" non se lo sono inventato per insozzare i case dei portatili e le scatole delle periferiche ma proprio per sancire una certezza di funzionalità anche agli occhi di chi non sa e/o non vuole correre dietro alla libreria della versione corretta secondo il capriccio del programma da installare sul momento.
            certamente, anche se l'accesso ad internet
            dovrebbe essere garantito a tutti altrimenti che
            facciamo il digital divide all'italiana? vabbè
            nella realtà non è
            cosìl'accesso ad internet dovrebbe essere garantito a tutti così come a tutti dovrebbe essere garantito il pane quotidiano, così come a tutti dovrebbe essere garantita la pace, l'accesso alle fonti energetiche ecc.ecc.ecc.Facciamo i conti con la realtà please.La fibra ottica spesso non copre completamente il territorio delle grandi città. L'adsl non arriva a poche decine di chilometri fuori dai grandi centri abitati e se ci riesce lo fa con prestazioni infime.Altrove avere l'isdn è un lusso e la telecom se ne frega di dare di più perchè secondo loro non conviene.Chi è tagliato fuori dalla rete dei cavi o si lancia all'avventura con strani giri con i telefonini umts/edge e tariffe dati assurde o sempre per rimanere in tema, si fa il collegamento satellitare che ha la qualità di un adsl di basso livello, è tariffato a consumo e costa un patrimonio, cifre a 2 zeri al mese. La stragrande maggioranza della gente non è attualmente raggiungibile da linux con l'attuale combinazione di situazioni, ecco come stanno le cose.
            però le riviste già oggi possono, per esempio,
            fornire 2-3 DVD con la copia dei
            repository....per esempio esce Ubuntu 8.10, loro
            ci piazzano accanto 2 DVD con tutti i pacchetti
            dentro...Canonical già distribuisce questi DVD
            che permettono di usare Ubuntu senza la necessità
            di essere
            connessiE' una soluzione ridicola perchè di fatto dovrebbero aggiornare il tutto ogni 6 mesi con l'uscita della nuova distro e poi trasmetterebbero il messaggio che linux è un coso chiuso che per installare un programma nuovo bisogna ranzare la distro ogni volta.Ma soprattutto, ti pare che esistano tante riviste anche quante sono solo le distro che ho elencato sopra, disposte a rilasciare i dvd con i repository, o una sola dovrebbe rilasciare decine di dvd per far felici tutti ?
            ma lo si può fare già oggi....io posso benissimo
            scrivere un software commerciale per Linux e
            distribuirlo come software closed
            sourceLo so, scrivi il codice, lo compili con le librerie statiche e crei lo stesso pastrocchio che anima da sempre windows, con i suoi conflitti e rischi di sicurezza.Proprio prima ha parlato di LSB e di Standard di base del mondo unix. Lo sai che una delle basi concettuali di unix è proprio quella di utilizzare pervasivamente le librerie condivise ?Scrivere software closed e non usare librerie statiche è possibile se c'è un controllo su quelle condivise.La libertà di poter prendere dei sorgenti e di modificarli è una gran cosa ma sotto questo aspetto sta strafottendo le possibilità di diffusione di linux.
            questo comportamenteo stupido è tipico della
            licenza BSD che in 40 anni ha permesso a società
            tra cui Microsoft, Apple, IBM di scopiazzare
            codice e poi rivenderlo come
            proprioLa licenza BSD non è nata pensando al bimbetto che crede di diventare ricco con l'open source. E' una licenza, una ottima licenza, nata in ambito accademico dove grandi aziende e soprattutto enti governativi investono fior di soldoni in progetti (spesso segreti e direi pure in certi casi rivoluzionari) portati avanti nelle grandi università americane. Quelle dove i ricercatori vengono pagati veramente.La BSD (insieme alla MIT) è probabilmente l'unica licenza realmente open source esistente. La GPL è una cosa condita da troppe ideologie (in costante crescita di estremismi) per attrarre grandi masse di investimenti (per lo meno non ne attira come la bsd)
          • 0verture scrive:
            Re: Altro colpo a Vista!

            qui dipende molto da come le aziende
            agiscono....quante aziende accetterebbero di
            cambiare OS e fare aggiornamento per i propri
            dipendenti, assumere sistemisti Unix,
            ecc...Fondamentalmente windows server esiste per tenere in piedi il dominio active directory dei client a loro volta windows.Già adesso nelle reti windows, si usano server linux per lavoretti quali dns, proxy e firewall.Togli i client e sparisce anche la necessità del server.Si faccia in modo che gli sviluppatori closed perdano interesse per windows (anche ad esempio nello sviluppo di server per distribuire le licenze ai singoli applicativi).Il mondo desktop è la chiave di volta.
            i sysadmin Windows Server costano poco, sono
            totalmente incapaci, ma si accontentano di 600
            al
            meseLe licenze di windows server costano migliaia di euro e fanno pagare pure le CAL, poi ci sono tutte le utility sempre ad uso server come antivirus per le reti.Penso che 1200 euro per un sistemista serio si possano anche rimediare se linux riesce ad evolvere al punto da non risultare più un compromesso rispetto alla soluzione preferita windows.
            beh se MS sfornasse un OS da favola ( tipo
            Singularity ) io sarei tra i primi ad andare nel
            negozio sotto caso per comprarne una copia, solo
            che sono 15 anni che aspettiamo quest'OS da
            favolaMicrosoft non ha fretta di sviluppare qualcosa di buono. Non c'è nessuno capace o interessato a metterle il pepe al culo. Vista dovrebbe essere un flop e nonostante le resistenze degli utenti si sta imponendo poco alla volta. Del resto l'alternativa sarà rimanere col vecchio computer o passare ad apple.Magari con l'arrivo di Haiku le cose cambieranno un po' ma anche questo sistema per adesso è solo nel mondo dei sogni.
            per quanto riguarda Linux ho citato i vari campi
            di applicazione per mettere in chiaro che allo
            stato attuale è molto usato e quindi di sparire
            non se ne parla....non so magari per te è
            lampante questa realtà ma c'è gente ancora oggi
            che ventila una morte di Linux come se nel mondo
            gli unici computer fossero i
            PCAl massimo linux può sparire dai desktop visto che è l'unico settore dove dopo quasi 20 anni di vita ha raccolto poco più che le briciole. Gli altri settori sono andati meglio anche perchè sono rivolti ad altri tipi di utenze.In ambito server è la normalità avere a che fare con le assistenze, in quello embedded la normalità è avere il programmatore specializzato in firmware e codicilli altamente ottimizzati, in ambito desktop invece la normalità è andare nel negozio sotto casa per farsi installare un programma e togliere un virus, altro che convivere con un sistema che ruota intorno ad una shell di testo (mascherata sotto tonnellate di frontend e script, ma sempre shell rimane)
            i PC rappresentano si e no un 20% dell'insieme
            delle macchine computerizzate e il grosso è in
            mano a Linux che sta sostituendo man mano altri
            sistemi tipo iTron, QNX, RTEMS, ecc...l'unico
            settore in cui linux è minoranza è proprio quello
            PC ma non è un settore strategicamente
            rilevante....Microsoft non è rilevante in molti settori che indichi eppure non mi sembra stia con le pezze al culo quindi il mercato pc è un settore che la sa lunga...basti pensare ai milioni di bombe,
            aerei, navi che funzionano grazie a linux, il
            pentagono ha convertito da due anni tutte le sue
            apparecchiature passando a linux, quindi linux è
            ben lontano dal morire anzi direi che è in ottimagiusto per curiosità, ma la gpl che a forza di farne una questione di principio è ottenebrata bella forte (la v3 poi non parliamone) non dice niente in proposito sull'utilizzo bellico del codice posto sotto licenza ?Forse invece di preoccuparsi tanto del TiVo, sarebbe carino, preoccuparsi di cose un po' più serie o dal momento che si potrebbe vendere assistenza al generale che non sa quale pulsante rosso premere in questo caso si chiude benissimo un occhio ?
          • Petengy scrive:
            Re: Altro colpo a Vista!
            ah ah aha aha non si è capito nulla, ma era simpatica questa straparlata a vanevera..... man mano che ti conosco e piu' ti apprezzo aha aha ah ah
      • Petengy scrive:
        Re: Altro colpo a Vista!
        dunque speta.... riassumo.....allora ... "fino a quando microsoft non vendera' le sedia su ebay... sarà padrona del vapore ?????? " ma quando scrivi ste cose vedi anche i cicisbei che volano nell'aree ???
  • Alessandrox scrive:
    ATOM
    Ho preso un AcerOne e devo dire che si effettivamente Atom non e' proprio il massimo in prestazioni (va molto meno di un celeron ma e' comunque superiore al C7 Via) pero' consuma veramente poco e scalda pure poco, direi il record della categoria...per ottenere questo pero' hanno dovuto castrargli l' esecuzione OOO, l' HyperThreading abbinato a pipeline piuttosto lunghe sopperisce solo in parte a questa mancanza (che evidentemente ha un grosso impatto prestazionale), pero' il suo lavoro da ufficio lo fa' piu' chhe dignitosamente...Quanto alla graficaInsomma a PlanetPenguinRacer ci si gioca bene ma non chiediamogli molto di piu'
    • tmx scrive:
      Re: ATOM
      io ho l'atom "fisso" su board minitx: devo dire che come prestazioni mi trovo bene, niente da dire! per i consumi invece mi aspettavo un chipset migliore di quello che è stato scelto (945gclf)...
      • QuiQuoQua scrive:
        Re: ATOM
        Confermo: l'ATOM consuma poco (e rende poco). Ma il lato tragico è invece che l'unica scheda madre acquistabile è la D945GCLF, che ha un chipset che consuma sette volte l'atom stesso e richiede pure una ventola di raffreddamento (il chipset, non la cpu !). Io misuro 35W hard disk e ram inclusi, esattamente 7 in più del mio portatile con il monitor acceso, pentium m e scheda video indipendente e molto più veloce. Insomma... Intel mi hai deluso.
        • non autenticat o scrive:
          Re: ATOM

          cpu !). Io misuro 35W hard disk e ram inclusi,Vero, ma quanto costa il tuo portatile?Certo un sistema con Atom costerà almeno un terzo.L'alimentatore switching che hai usato per la scheda dell'Atom quanto consuma di suo inutilmente? Se vuoi un sistema che consumi poco per una scheda madre Atom dovresti trovare un alimentatore da massimo 150W! ma chi li vende ancora?Un hdd da 3,5" consuma già' una decina di watt in più di uno da 2,5" per portatile.Se vuoi fare un sistema economico non devi guardare solo MoBo e Proc.Ad esempio sul mio pc il proc consuma 65W al massimo carico, mentre la scheda video si succhia 100W in Idle e 175W quando videogioco.
    • sylvaticus scrive:
      Re: ATOM
      io ho provato l'acer one solo sullo store Mediworld prima che terminasse...però devo ammettere che vedermi operativo con OpenOffice a 20 secondi dalla pressione del tasto d'accensione è stata un'inpressione tutt'altro che negativa..
      • AtariLover scrive:
        Re: ATOM
        - Scritto da: sylvaticus
        io ho provato l'acer one solo sullo store
        Mediworld prima che
        terminasse...
        però devo ammettere che vedermi operativo con
        OpenOffice a 20 secondi dalla pressione del tasto
        d'accensione è stata un'inpressione tutt'altro
        che
        negativa..Potere dell'ottimizzazione?Io sto risparmiando per prendere un eee o un Acer One, voglio vedere cosa può fare una Gentoo ad hoc su un hardware del genere (linux)Questi aggeggini sono davvero interessanti, ma ancora costano un po troppo per i miei pareri...
        • nome e cognome scrive:
          Re: ATOM

          Io sto risparmiando per prendere un eee o un Acer
          One, voglio vedere cosa può fare una Gentoo ad
          hoc su un hardware del genere
          (linux)Con lo spazio su disco che ti offre un eee, gentoo non va proprio bene...
          • AtariLover scrive:
            Re: ATOM
            - Scritto da: nome e cognome

            Con lo spazio su disco che ti offre un eee,
            gentoo non va proprio
            bene...Perchè? io ho gentoo su una pennuzza da 2 GB.Basta montare in bind l'albero di portage da una macchina potente con NFS e compilare sulla stessa tramite chroot...In tal modo non ti serve lo spazio sull macchina da "installare" perchè tutto viene compilato sulla macchina potente in rete e solo POI viene copiato sul disco dell'eee...
          • nome e cognome scrive:
            Re: ATOM

            Perchè? io ho gentoo su una pennuzza da 2 GB.
            Basta montare in bind l'albero di portage da una
            macchina potente con NFS e compilare sulla stessa
            tramite
            chroot...
            In tal modo non ti serve lo spazio sull macchina
            da "installare" perchè tutto viene compilato
            sulla macchina potente in rete e solo POI viene
            copiato sul disco
            dell'eee...Certo, però converrai che è una soluzione piuttosto macchinosa e ti costringe a fare qualsiasi aggiornamento alla tua gentoo usando due macchine (o un disco esterno).
          • AtariLover scrive:
            Re: ATOM
            - Scritto da: nome e cognome

            Certo, però converrai che è una soluzione
            piuttosto macchinosa e ti costringe a fare
            qualsiasi aggiornamento alla tua gentoo usando
            due macchine (o un disco
            esterno).Sisi questo è poco ma sicuro ;) non è semplice...
          • rafj scrive:
            Re: ATOM
            - Scritto da: AtariLover
            Perchè? io ho gentoo su una pennuzza da 2 GB.
            Basta montare in bind l'albero di portage da una
            macchina potente con NFS e compilare sulla stessa
            tramite
            chroot...mai provato distcc? :)
          • AtariLover senza pw scrive:
            Re: ATOM
            Ho provato a dare un occhio a distcc ma se ben ho capito va bene finchè ho più macchine medio-potenti, mentre aggiungendo la potenza di un Celeron dell'eee a quella del core 2 duo credo non cambi poi molto... Anche perchè non avrei altre macchine in rete e l'overhead di rete mi pare abbastanza elevato...
          • non autenticat o scrive:
            Re: ATOM

            Con lo spazio su disco che ti offre un eee,
            gentoo non va proprio
            bene...Ma daiii, l'eepc esce con due dischi, 4GB+16GB, non mi dire che 16GB non sono sufficienti per montarci la partizione che serve per portage e quell'altra (non ricordo dove) per la compilazione...Basta ricordarsi ogni tanto di fare un bel make clean
  • Guido Angeli scrive:
    linux ci sta bene su atom
    su un processore lento quanto un 486 che però te lo fanno pagare a peso d'oro.Alè mettiamoci linux che windows è pesante.Se ci mettevano il dos era la stessa cosa, anzi meglio perché è ancora più leggero.W WINDOWS E I COMPUTER POTENTI!(win)
    • dfgdfbdgthf scrive:
      Re: linux ci sta bene su atom
      - Scritto da: Guido Angeli
      Se ci mettevano il dos era la stessa cosa"se ci avessero messo il dos sarebbe ecc.."le hai fatte le elementari?
      • Guido Angeli scrive:
        Re: linux ci sta bene su atom
        - Scritto da: dfgdfbdgthf
        - Scritto da: Guido Angeli

        Se ci mettevano il dos era la stessa cosa

        "se ci avessero messo il dos sarebbe ecc.."

        le hai fatte le elementari?sì ma tanto tempo fa, permetti che qualcosa me lo dimentico?
        • pentolino scrive:
          Re: linux ci sta bene su atom
          brutta la trollata iniziale ma tanto di cappello per questa risposta :-)
          • fan di avve scrive:
            Re: linux ci sta bene su atom
            - Scritto da: pentolino
            brutta la trollata inizialecome osi offendere avvelenato? :@
          • pentolino scrive:
            Re: linux ci sta bene su atom
            dai mi sento a posto, ho pure osannato la risposta successiva :-D
      • sei708 scrive:
        Re: linux ci sta bene su atom
        - Scritto da: dfgdfbdgthf
        - Scritto da: Guido Angeli

        Se ci mettevano il dos era la stessa cosa

        "se ci avessero messo il dos sarebbe ecc.."

        le hai fatte le elementari?Questa volta vi devo dar ragione (da winmac-ista), ma quelle "linee comando" sono un po' troppo frequenti.
    • anonimo scrive:
      Re: linux ci sta bene su atom
      - Scritto da: Guido Angeli
      su un processore lento quanto un 486 che però te
      lo fanno pagare a peso
      d'oro.
      Alè mettiamoci linux che windows è pesante.
      Se ci mettevano il dos era la stessa cosa, anzi
      meglio perché è ancora più
      leggero.

      W WINDOWS E I COMPUTER POTENTI!(win)Grande avve! :D
    • eaman1 scrive:
      Re: linux ci sta bene su atom
      Scheda madre della Intel con atom completa = 47 euro.Un dim di ram da 512 rimasto in giro, un vecchio HD, un vecchio alimentatore (ovviamente scheda montata dentro la sua scatola).Ci gira pure compiz col treddi' e senza bisogno di metterci driver binari :P
    • www.aleksfalcone.org scrive:
      Re: linux ci sta bene su atom
      - Scritto da: Guido Angeli
      su un processore lento quanto un 486 che però te
      lo fanno pagare a peso d'oro.Basta questa frase per qualificarti come un troll.
    • www.polimi. it scrive:
      Re: linux ci sta bene su atom
      - Scritto da: Guido Angeli
      su un processore lento quanto un 486 che però te
      lo fanno pagare a peso
      d'oro.
      Alè mettiamoci linux che windows è pesante.
      Se ci mettevano il dos era la stessa cosa, anzi
      meglio perché è ancora più
      leggero.

      W WINDOWS E I COMPUTER POTENTI!(win)La tua affermazione è sulla falsa riga del più classico VLF, solo di qualità decisamente inferiore.
    • pabloski scrive:
      Re: linux ci sta bene su atom
      - Scritto da: Guido Angeli
      su un processore lento quanto un 486 che però te
      lo fanno pagare a peso
      d'oro.
      Alè mettiamoci linux che windows è pesante.
      Se ci mettevano il dos era la stessa cosa, anzi
      meglio perché è ancora più
      leggero.

      W WINDOWS E I COMPUTER POTENTI!(win)ah ecco tu sei tra quelli che crede all'equazione Windows=Ferrariinvece la realtà è Windows=ciofecaquand'è che capirete che consumare più RAM e cicli CPU non è segno di superiorità ma di cattiva programmazione e ottimizzazione?
    • Peco scrive:
      Re: linux ci sta bene su atom
      Sai quanta energia hai sprecato per scrivere il tuo sermone e sprechi per bazziccare su PI
    • gnulinux86 scrive:
      Re: linux ci sta bene su atom
      Peccato che nei SuperComputer installino Linux.
      • pabloski scrive:
        Re: linux ci sta bene su atom
        - Scritto da: gnulinux86
        Peccato che nei SuperComputer installino Linux.no ma quando mai e poi che sono questi supercomputer, giocattoli per ritardati? :Dè inutile che gli dice queste cose, il winaro comune è convinto che il computer è quella scatoletta rettangolare col monitor che sta sulla sua scrivania, non ha la mia idea che pure quei cassoni che si trovano sulle portaerei nucleari sono computer, che quelle scatolotte nere nei missili sono computer, che quella cosina curiosa nel forno a microonde è un computer e tutti questi dispositivi usano linux
    • Petengy scrive:
      Re: linux ci sta bene su atom

      Alè mettiamoci linux che windows è pesante.quoto quoto e straquoto..... windows è solo pesante, come un gatto attaccato ai maroni :)
  • Gold Partner scrive:
    Che noia
    Oggi nessuna notizia trollosa.Però linux fa schifo lo stesso.(win)
    • rbvuyubf scrive:
      Re: Che noia
      - Scritto da: Gold Partner
      Oggi nessuna notizia trollosa.

      Però linux fa schifo lo stesso.

      (win)Il vero troll è capace di trollare su qualsiasi argomento 8)
Chiudi i commenti