InterTrust: eccovi l'erede (protetto) del CD

Un'alleanza fra due aziende impegnate nel settore dei media digitali darà vita ad una nuova piattaforma per la distribuzione di contenuti su Web e su supporti fisici poco più grandi di una moneta. Saranno questi i successori del CD?

Santa Clara (USA) – Nel settore discografico le alleanze fra etichette, fornitori di tecnologie per la protezione dei contenuti e produttori di media si stanno moltiplicando, e l’obiettivo è quasi sempre lo stesso: trovare nuove forme di distribuzione della musica che non siano soggette alla pirateria “selvaggia” che oggi affligge i CD ed il formato MP3.

L’ultima in ordine di tempo, ma fra le prime per importanza, è la nuova partnership stipulata ad inizio settimana fra InterTrust , nota sviluppatrice della tecnologia Digital Rights Management (DRM), e DataPlay , produttore di media digitali.

Le due aziende daranno vita ad una piattaforma per la distribuzione di contenuti, fra cui musica, che integri la tecnologia di protezione dei diritti d’autore sviluppata da InterTrust e i mini-dischi da 500 MB di DataPlay.

Il duo si è già garantito l’appoggio di Universal Music Group, EMI Recorded Music e BMG Entertainment, giganti del settore discografico che hanno pianificato il rilascio di musica sui supporti fisici di DataPlay. I player compatibili con questo formato saranno invece inizialmente prodotti da Samsung, Toshiba e SONICblue.

Le due aziende non nascondono che la loro più grande ambizione è quella di sostituire, un giorno, il CD.

“Uno standard per i media portatili che garantisca la protezione dei contenuti è essenziale per creare il successore del CD”, ha detto Talal Shamoon, vice presidente di InterTrust. “Un formato protetto e standard che si ponga al di là del CD è il solo modo per arrestare definitivamente la pirateria musicale, consentendo nello stesso tempo di fornire ai consumatori quella ricca esperienza che loro vogliono”.

Secondo DataPlay, il proprio formato vanta almeno due fondamentali vantaggi rispetto ad un comune CD, come la portabilità – i dischi hanno un diametro di poco superiore a quello di una moneta da 500 lire – e la capacità – un solo disco da 500 MB è in grado di contenere fino a 11 ore di musica compressa in qualità CD. Ora, con l’apporto della tecnologia DRM di InterTrust, si aggiunge anche la protezione dei contenuti.

Oltre a questo, i dischi di DataPlay, persino quelli pre-registrati, possono essere scritti dall’utente e aprono la strada alla convivenza fra due diverse forme di distribuzione della musica: quella tradizionale, attraverso i canali di vendita al dettaglio, e quella on-line, attraverso il download di musica protetta.

DataPlay si rende anche conto che non è possibile pensare di rimpiazzare il CD da un giorno all’altro, specie considerando l’immensa base di lettori installati nel mondo. Per il momento, l’obiettivo è quello di conquistare il mercato dei player portatili, un settore dove sarà più facile per il mondo discografico imporre standard proprietari e protetti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'unbundling del local loop è free?
    Sarebbe interessante capire alcune cose.Quanto costa ad un operatore alternativo a Telecomitalia stipulare un contratto per usufruire dell'ultimo miglio?Chi stabilisce queste tariffe?All'estero come si sono regolati?Gli operatori alternativi hanno intenzione o tendono comunque a creare un local loop proprietario?Spero che pubblichiate un articolo che tratta questi argomenti...Grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: L'unbundling del local loop è free?
      - Scritto da: Guido S
      Quanto costa ad un operatore alternativo a
      Telecomitalia stipulare un contratto per
      usufruire dell'ultimo miglio?Le ultime voci affermano che si parli di 22 mila lire al mese per ogni linea gestita in alternativa al gestore "ex-monopolista".
  • Anonimo scrive:
    Solo annunci...
    Dell'ultimo miglio se ne sta parlando da qualche anno. Occorrerebbe un intervento straordinario dello stato, anche clamoroso, per aprire le porte alla vera concorrenza. Nessuna azienda privata ha il diritto di rallentare lo sviluppo di un paese!
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo annunci...
      L'intervento c'e' stato ed era a suo modo clamoroso: infatti, non si e' fatto alcun rumore intorno alle DUE multe che la Comunita' Europea ho inflitto allo Stato Italiano (NON alla Signora Telecom) per NON aver favorito con tempestivita' lo sviluppo della concorrenza nelle TLC. Sto parlando di diverse decine di miliardi, per la cronaca.
      Nessuna azienda privata ha il diritto di
      rallentare lo sviluppo di un paese!Tranne Telecom Italia, a quanto sembra...Ah, se non ricordo male, anche microsoft e' stata accusata in questo senso. Poi non so piu' com'e' andata a finire...Carlo S.
      • Anonimo scrive:
        Re: Solo annunci...
        Non è paragonabile, Microsoft è competente nel suo lavoro e non rallenta lo sviluppo. Porta acqua al suo mulino approfittando del suo sistema operativo, forse, ma non impedisce (con delle leggi dello stato) ad altre società di software di vendere quello che vogliono e al prezzo che vogliono.Se quello che è successo in Italia sarebbe successo in america sono sicuro che il governo degli Stati uniti in pochi giorni avrebbe preso misure a dir poco drastiche nei confronti dei responsabili.- Scritto da: Carlo S.
        L'intervento c'e' stato ed era a suo modo
        clamoroso: infatti, non si e' fatto alcun
        rumore intorno alle DUE multe che la
        Comunita' Europea ho inflitto allo Stato
        Italiano (NON alla Signora Telecom) per NON
        aver favorito con tempestivita' lo sviluppo
        della concorrenza nelle TLC. Sto parlando di
        diverse decine di miliardi, per la cronaca.


        Nessuna azienda privata ha il diritto di

        rallentare lo sviluppo di un paese!

        Tranne Telecom Italia, a quanto sembra...
        Ah, se non ricordo male, anche microsoft e'
        stata accusata in questo senso. Poi non so
        piu' com'e' andata a finire...

        Carlo S.
        • Anonimo scrive:
          Re: Solo annunci...
          Ribadisco quanto gia' detto.Se non ricordo male, anche microsoft e' stata accusata di impedire sviluppo. Fra l'altro.E non esistono leggi che in Italia difendono Telecom, ma nemmeno leggi pronte a condannarla in caso di errore.L'esperienza passata (in Italia come in America) insegna che la legge in questi casi deve agire preventivamente, senza attendere che i fatti la colgano di sorpresa.Infine, per quanto riguada il tuo commento personale, la competenza di microsoft sembra essere piu' commerciale/legale che tecnologica.Non risulta, infatti, che abbiano contribuito in alcun senso alla creazione ed allo sviluppo del personal computer negli anni passati.Inoltre, il numero di brevetti "significativi" registrati da microsoft e' assolutamente trascurabile: indice di un'incidenza scarsa o nulla nella serie dei fattori che hanno determinato lo sviluppo del personal computer come lo usiamo oggi.Risultano, invece, noti a tutti i rapporti non eccellenti che quest'azienda ha avuto e continua ad avere con la Giustizia statunitense e altrettanto note sono le sue (chiamiamole cosi') pratiche commerciali.Francamente, vedo poco di cui vantarsi rispetto a Telecom Italia.Carlo S.
          • Anonimo scrive:
            Re: Solo annunci...
            carlo, ma ci sei o ci fai ?i tuoi soliti discorsi da bar ....- Scritto da: Carlo S.
            Ribadisco quanto gia' detto.

            Se non ricordo male, anche microsoft e'
            stata accusata di impedire sviluppo. Fra
            l'altro.

            E non esistono leggi che in Italia difendono
            Telecom, ma nemmeno leggi pronte a
            condannarla in caso di errore.

            L'esperienza passata (in Italia come in
            America) insegna che la legge in questi casi
            deve agire preventivamente, senza attendere
            che i fatti la colgano di sorpresa.

            Infine, per quanto riguada il tuo commento
            personale, la competenza di microsoft sembra
            essere piu' commerciale/legale che
            tecnologica.
            Non risulta, infatti, che abbiano
            contribuito in alcun senso alla creazione ed
            allo sviluppo del personal computer negli
            anni passati.
            Inoltre, il numero di brevetti
            "significativi" registrati da microsoft e'
            assolutamente trascurabile: indice di
            un'incidenza scarsa o nulla nella serie dei
            fattori che hanno determinato lo sviluppo
            del personal computer come lo usiamo oggi.
            Risultano, invece, noti a tutti i rapporti
            non eccellenti che quest'azienda ha avuto e
            continua ad avere con la Giustizia
            statunitense e altrettanto note sono le sue
            (chiamiamole cosi') pratiche commerciali.

            Francamente, vedo poco di cui vantarsi
            rispetto a Telecom Italia.

            Carlo S.
          • Anonimo scrive:
            Re: Solo annunci...
            Gli schiaffi presi su altri post rodono parecchio, eh?Caro paristexas, te l'ho gia' detto: P.I. e' piena di gente come te.Ai feticisti dell'ultima parola, lascio proprio l'ultima parola. Esattamente come ai somari (cosi' si dice dalle mie parti).Come vedi, non ti ho risposto nell'altro thread e non rispondero' ad ulteriori tuoi interventi qui.La gente come te va trattata proprio cosi': il silenzio e' quanto di peggio vi si possa offrire ed eccomi qui pronto a servirtelo.I tuoi complessi sfogali altrove, possibilmente senza spreco di banda.Internet ed io te ne saremo eternamente grati.Carlo S.
          • Anonimo scrive:
            Re: Solo annunci...
            ahahahah non hai resistito alla tentazione dell'ultimo post ....- Scritto da: Carlo S.
            Gli schiaffi presi su altri post rodono
            parecchio, eh?

            Caro paristexas, te l'ho gia' detto: P.I. e'
            piena di gente come te.

            Ai feticisti dell'ultima parola, lascio
            proprio l'ultima parola. Esattamente come ai
            somari (cosi' si dice dalle mie parti).
            Come vedi, non ti ho risposto nell'altro
            thread e non rispondero' ad ulteriori tuoi
            interventi qui.

            La gente come te va trattata proprio cosi':
            il silenzio e' quanto di peggio vi si possa
            offrire ed eccomi qui pronto a servirtelo.
            I tuoi complessi sfogali altrove,
            possibilmente senza spreco di banda.
            Internet ed io te ne saremo eternamente
            grati.

            Carlo S.
  • Anonimo scrive:
    non dimentichiamo che ... ?
    ogni operatore alternativo a Telecom dovra' versare circa 22 mila lire al mese per ogni linea da affittare a noi consumatori ?o ricordo male?
    • Anonimo scrive:
      Re: non dimentichiamo che ... ?
      - Scritto da: news
      ogni operatore alternativo a Telecom dovra'
      versare circa 22 mila lire al mese per ogni
      linea da affittare a noi consumatori ?
      o ricordo male?Riporto quello che ho già scritto in merito ad un altro articolo sulla flatrate.Visto che non è pensabile che ogni gestore telefonico si costruisca le proprie centrali, l' unico sistema per liberalizzare davvero l' ultimo miglio sarebbe quello di espropriare le centrali (intese come locali in muratura) a Telecom per portarle in mano pubblica e sotto il controllo tariffario degli affitti dello spazio all' interno di esse da parte dell' autority delle TLC (come succede negli USA).Finché Telecom si farà pagare l' affitto per ospitare nelle proprie centrali le schede degli altri gestori telefonici (e comunque finché le centrali saranno di sua proprietà) non saremo mai in regime di ultimo miglio veramente libero.
      • Anonimo scrive:
        Re: non dimentichiamo che ... ?
        - Scritto da: FlatNegate
        - Scritto da: news

        ogni operatore alternativo a Telecom dovra'

        versare circa 22 mila lire al mese per ogni

        linea da affittare a noi consumatori ?
        ... l' unico sistema per liberalizzare
        davvero l' ultimo miglio sarebbe quello di
        espropriare le centrali a Telecom ...Espropriare ??Sembra una parola degna dei peggiori "comunisti": non credo sia una strada percorribile dall'attuale governo.Per non parlare di quello che sarebbe l'alternativa :-(
        • Anonimo scrive:
          Re: non dimentichiamo che ... ?
          - Scritto da: newz
          - Scritto da: FlatNegate

          - Scritto da: news


          ogni operatore alternativo a Telecom
          dovra'


          versare circa 22 mila lire al mese per
          ogni


          linea da affittare a noi consumatori ?

          ... l' unico sistema per liberalizzare

          davvero l' ultimo miglio sarebbe quello di

          espropriare le centrali a Telecom ...

          Espropriare ??
          Sembra una parola degna dei peggiori
          "comunisti": non credo sia una strada
          percorribile dall'attuale governo.
          Per non parlare di quello che sarebbe
          l'alternativa :-(A parte che l' attuale governo è tutto meno che liberale e a parte che sta ipotizzando non solo di riportare in mano pubblica le centrali ma anche tutta la rete Telecom (si veda http://punto-informatico.it/p.asp?i=36866), comunque Telecom verrebbe, come giusto, pagata bene per cedere le proprie centrali ed inoltre anche negli Stati Uniti, quando hanno scisso l' AT&T (monopolista di allora) per creare 7 nuovi gestori di telefonia, è stato fatto lo stesso.In fondo sarebbe un provvedimento che va a favore della libera concorrenza e del libero mercato.Diversamente non si avrebbe mai una VERA liberalizzazione del cosiddetto "ultimo miglio".Prendiamo l' esempio delle FS: ora è stata giustamente scissa in due aziende (Trenitalia per il trasporto e RFI per la rete) e dal 10 giungo di quest' anno possono correre sui binari ferroviari anche treni di altre società di trasporto che fanno concorrenza a Trenitalia la quale verrà altrettanto giustamente privatizzata a breve.Però, per ovvi motivi, ogni società di trasporto non può avere una sua rete ferroviaria e dunque l' attuale rete FS deve rimanere in mano pubblica per essere a disposizione di ogni società di trasporto (Trenitalia compresa) alle medesime condizioni.Tanto per esemplificare, nella telefonia si è in una situazione nella quale una delle società di trasporto è anche proprietaria della rete ferroviaria con evidenti storture della libera concorrenza.
  • Anonimo scrive:
    ISDN
    Ho fatto sisdetta a mezzo racc.rr il 7/6/2001, per tornare alla linea analogica e ho anche inviato, in seguito alla raccomandata, due fax. Non ho avuto nessun riscontro e mi arriva ancora la bolletta con il canone isdn!! Sono davvero dei gran farabutti!!Vorrei sapere cosa posso fare. Poi, parlare col 188 è un'impresa...
    • Anonimo scrive:
      Re: ISDN
      In effetti parlare con il 188 è difficile molto difficile: il numero di assistenza ai clienti è il 187 per i privati e il 191 per le aziende!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: ISDN
      se fossi in te farei staccare la linea telefonica e userei solo il cellulare...
      • Anonimo scrive:
        Re: ISDN
        Non pagare più la bolletta ti espone all'accusa di insolvenza: dovresti quindi ri-scrivere alla Telecom Italia indirizzando all'Agenzia territoriale di competenza e per conoscenza alla Sede Generale, al Garante per le TLC e al Ministero delle Comunicazioni (all'attenzione di uno dei sottosegretari con delega per questo tpo di problemi), facendo presente la situazione e gli importi da te pagati malgrado la disdetta. Se poi in indirizzo ci metti anche qualche associazione dei consumatori è meglio. Dunque perseverare e dare più pubblicità possibile al trattamento ingiusto della società nei tuoi confronti.
        • Anonimo scrive:
          Re: ISDN
          io ho avuto la stessa idea circa 1 anno fastufandomi del carciofo isdn e del borchione di lato alla porta di casa, dopo un momento di confusione perché non capivano come mai volessi ritornare al "passato" dopo alcuni mesi ed alcune chiamate mi sono venuti a trovare due tizi che mi hanno tolto l'accrocchio di casa, all'epoca avevo scritto di eliminarmi tutti i servizi aggiuntivi che con isdn sono gratis (si fa per dire) e con l'analog no, la sig;ra telecom mi ha fatto pagare 100 sacchi di conversione linea, e mi ha rimborsato la differenza dei canoni dalla data di Ricezione della RR, tu comunque ri-sciaquagli le orecchie echiedi sempre il nome al tipo dell'assistenza, in questo modo se lo prende come fatto di responsabilità personale...
  • Anonimo scrive:
    E tira fino all'ultimo come sempre
    come sempre la tira per le lunghe Telecom la vecchiarda. Strano che Colannino, in vacanza alle bahamas non si sia suicidato quando ha sentito la notizia
    • Anonimo scrive:
      Re: E tira fino all'ultimo come sempre
      Aggiornati!!Colaninno NON E' PIU' il proprietario della Telecom.Adesso e' tutto nelle mani di Tronchetti-Provera
  • Anonimo scrive:
    liberal vs comunisti
    non si e' mai costruito un mercato libero sugli espropri, ma sulla libera iniziativa
    • Anonimo scrive:
      Re: liberal vs comunisti
      Dipende se la libera iniziativa e', di fatto, libera.- Scritto da: paristexas
      non si e' mai costruito un mercato libero
      sugli espropri, ma sulla libera iniziativa
    • Anonimo scrive:
      Re: liberal vs comunisti
      Non si costruiscono mercati liberi nemmeno svendendo cio' che e' di pubblica proprieta' ad un gruppuscolo di individui senza l'esperienza necessaria per guidare un gigante di questo tipo, ma capaci solamente di chiedere ancora ai risparmiatori di finanziarli per il (ri)acquisto della societa'.Naturalmente, parlo di "svendita" perche' - nonostante l'apparente immensita' della cifra - cablare tutta l'Italia (pur con del volgare doppino di rame) costa ben piu' di centomila miliardi. E non ho ancora parlato di immobili, parco auto, organizzazione.La privatizzazione andava fatta, per carita', ma anche questa e' stata portata avanti "all'italiana".Un'ultima nota: per questioni di coerenza, si dovrebbe scrivere "liberal vs progressisti" o, se preferisci, "fascisti vs comunisti". Ma non ti preoccupare eccessivamente: l'Italia e' ben abituata a questo genere d'incongruenze. E Punto Informatico e' zeppa di gente come te...Carlo S.
      • Anonimo scrive:
        Re: liberal vs comunisti

        Un'ultima nota: per questioni di coerenza,
        si dovrebbe scrivere "liberal vs
        progressisti" o, se preferisci, "fascisti vs
        comunisti". Ma non ti preoccupareeheheheheh chiamali come vuoi, la sostanza e' quella ... .... pero' .. per tua conoscenza la politica economica del governo fascista non era assolutamente liberal, ma era molto simile a quella dei regimi totalitari dell'est ...mi dispiace per te, ma fascisti = comunisti e' l'equazione che preferisco ...........
        eccessivamente: l'Italia e' ben abituata a
        questo genere d'incongruenze. E Punto
        Informatico e' zeppa di gente come te...grazie a dio ...
        • Anonimo scrive:
          Re: liberal vs comunisti

          eheheheheh chiamali come vuoi, la
          sostanza e' quella ... .... pero' .. per tua
          conoscenza la politica economica del
          governo fascista non era assolutamente
          liberal, ma era molto simile a quella dei
          regimi totalitari dell'est ...Perche'? Quella dei governi cosiddetti "liberal" e' diversa? Parliamo di microsoft, dai...
          mi dispiace per te, ma fascisti = comunisti e'
          l'equazione che preferisco ..............quindi liberal=progressisti. Sono daccordo con te.
          grazie a dio ...Dio si scrive con la "d" maiuscola.O si fa a meno di ringraziarlo... Ah, la coerenza!Carlo S.
          • Anonimo scrive:
            Re: liberal vs comunisti
            eheheheheh carlo .... fai sempre confusione .. prima di tutto esprimi le opinioni per te ... che io esprimo le mie .. certe cavolate le dici tu, non io; poi come vedi mi sa che ho qualche problema nella tastiera .. non mi esce la maiuscola neanche per il tuo nome ...'notte ...- Scritto da: Carlo S.


            eheheheheh chiamali come vuoi, la
            sostanza
            e' quella ... .... pero' .. per tua

            conoscenza la politica economica del

            governo fascista non era assolutamente

            liberal, ma era molto simile a quella dei

            regimi totalitari dell'est ...

            Perche'? Quella dei governi cosiddetti
            "liberal" e' diversa? Parliamo di microsoft,
            dai...




            mi dispiace per te, ma fascisti = comunisti
            e'
            l'equazione che preferisco ...........

            ...quindi liberal=progressisti. Sono
            daccordo con te.





            grazie a dio ...

            Dio si scrive con la "d" maiuscola.
            O si fa a meno di ringraziarlo...
            Ah, la coerenza!

            Carlo S.
          • Anonimo scrive:
            Re: liberal vs comunisti

            eheheheheh carlo .... fai sempre confusione .. davvero? Non me ne ero accorto...
            prima di tutto esprimi le opinioni per te ... Mi sembrava ovvio. E mi sembra che tu non faccia niente di diverso, peraltro.
            certe cavolate le dici tu, non io; Ecco, questo e' un ottimo esempio di TUA opinione.
            poi come vedi mi sa che ho qualche problema
            nella tastiera .. non mi esce la maiuscola
            neanche per il tuo nome ...Non mi sembra il tuo unico problema, ne' il piu' grave.Ciao, ciao.Carlo S.
          • Anonimo scrive:
            Post Scriptum
            Vedo che il tono della conversazione sta IMPREVEDIBILMENTE scendendo.Non mi pare il caso di andare oltre.Carlo S.
          • Anonimo scrive:
            Re: Post Scriptum
            potevi chiudere prima .. ma non ci sei riuscito .. vero ?- Scritto da: Carlo S.
            Vedo che il tono della conversazione sta
            IMPREVEDIBILMENTE scendendo.
            Non mi pare il caso di andare oltre.

            Carlo S.
          • Anonimo scrive:
            Re: liberal vs comunisti
            ah .. ecco la tua vera natura : aria fritta e cervello a vuoto pneumatico ... peccato non sembravi cosi' all'inizio - Scritto da: Carlo S.

            eheheheheh carlo .... fai sempre confusione
            ..

            davvero? Non me ne ero accorto...



            prima di tutto esprimi le opinioni per te
            ...

            Mi sembrava ovvio. E mi sembra che tu non
            faccia niente di diverso, peraltro.



            certe cavolate le dici tu, non io;

            Ecco, questo e' un ottimo esempio di TUA
            opinione.



            poi come vedi mi sa che ho qualche problema

            nella tastiera .. non mi esce la maiuscola

            neanche per il tuo nome ...

            Non mi sembra il tuo unico problema, ne' il
            piu' grave.

            Ciao, ciao.

            Carlo S.
          • Anonimo scrive:
            Re: liberal vs comunisti
            mammamia che confusione ... ma quante te ne fai al giorno per conciarti cosi'? hai confuso la tastiera del mio pc con me ... hai qualche problema ? .. curati ...- Scritto da: Carlo S.

            poi come vedi mi sa che ho qualche problema

            nella tastiera .. non mi esce la maiuscola

            neanche per il tuo nome ...

            Non mi sembra il tuo unico problema, ne' il
            piu' grave.
  • Anonimo scrive:
    Un solo grido...
    ALEEEE OOOoooo aleeee ooooo!
Chiudi i commenti