iPad Pro, tra lancio e rilancio per Apple

Apple annuncia l'imminente disponibilità del voluminoso tablet che ambisce a sostituire i PC. Cupertino riuscirà a invertire la tendenza negativa che affligge il mercato delle tavolette?

Roma – Apple ha annunciato l’avvio degli ordini per iPad Pro, il tablet maggiorato con cui Cupertino auspica di rilanciarsi in un mercato che langue, nel mondo e in Italia , e in cui gli iPad non fanno eccezione, segmento da tempo negativo nelle trimestrali della Mela.

Annunciato a settembre in abbinamento a Smart Keyboard e Apple Pencil, il tablet da 12,9″ pollici equipaggiato con chip A9X a 64-bit e display Retina da 2732×2048 pixel a 264 ppi è stato presentato come un dispositivo tanto per l’intrattenimento quanto, soprattutto, per l’utilizzo professionale. Il CEO di Apple Tim Cook, in queste ore, conferma : “iPad Pro può sostituire il notebook e il desktop per molte, molte persone. Inizieranno ad usarlo e capiranno che non si avrà bisogno di altro, oltre ai loro telefoni”.

Disponibile per le ordinazioni dall’11 novembre su Apple Store online e distribuito negli Apple Store fisici italiani a partire dalla fine della settimana, iPad Pro parte da un prezzo di 919 euro per il modello WiFi con storage da 32GB e da 1.249 euro per il modello WiFi + Cellular da 128GB. Apple Pencil sarà venduta a 109 euro e la Smart Keyboard avrà un prezzo di 179 euro.

Gli analisti, in prospettiva, suggeriscono che Apple gioverà del lancio del voluminoso tablet: saranno soprattutto le imprese ad accogliere la proposta di Cupertino e a proiettarsi nel mercato post-PC e, forse , post-Macbook.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Darth Vader scrive:
    Notizia falsa
    Linux è opensurs e si sa che gli opensurs non sono soggetti a bug, fanno crescere i capelli ai calvi e donano la vista ai ciechi.Mica come quella porcheria di Windoz.
    • Passante scrive:
      Re: Notizia falsa
      - Scritto da: Darth Vader
      Linux è opensurs e si sa che gli opensurs non
      sono soggetti a bug, fanno crescere i capelli ai
      calvi e donano la vista ai ciechi.Confermo: tipicamente ed a parità di età il sistemista linux è capellone quello windows mezzo pelato...
  • winaro 2 scrive:
    ...
    Accidenti che rogna. Panda Rossa pensaci tu. (linux)
    • panda rossa scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: winaro 2
      Accidenti che rogna. Panda Rossa pensaci tu.
      (linux)Ci hanno gia' pensato.http://magento.com/security/patches/supee-6788-%E2%80%93-addresses-vulnerability-zend-framework
    • collione scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: winaro 2
      Accidenti che rogna. Panda Rossa pensaci tu.
      (linux)e che c'entra linux? il malware sfrutta una vulnerabilità di magento per installarsi e da lì va a criptare dei file ( e ha bisogno di essere root per farlo )è un programma per linux solo perchè windows non se lo fila nessuno in ambito web
      • Passante scrive:
        Re: ...
        - Scritto da: collione
        - Scritto da: winaro 2

        Accidenti che rogna. Panda Rossa pensaci tu.

        (linux)

        e che c'entra linux? il malware sfrutta una
        vulnerabilità di magento per installarsi e da lì
        va a criptare dei file ( e ha bisogno di essere
        root per farlo
        )

        è un programma per linux solo perchè windows non
        se lo fila nessuno in ambito
        webMi ricorda quel virus che prendeva root in linux... Bucandosi i windows a portata e cercando la password di root salvata sui programmi windows :D
      • nome e cognome scrive:
        Re: ...

        è un programma per linux solo perchè windows non
        se lo fila nessuno in ambito
        webMa come? Ci stai dicendo che chi scrive malware colpisce i sistemi più diffusi?
        • Passante scrive:
          Re: ...
          - Scritto da: nome e cognome

          è un programma per linux solo perchè

          windows non se lo fila nessuno in ambito

          web
          Ma come? Ci stai dicendo che chi scrive malware
          colpisce i sistemi più diffusi?Ci prova, ma alla fine va a colpire i più fragili.
Chiudi i commenti