Iraq, defacer a briglie sciolte

Aumentano rapidamente i casi di attacchi a siti web tesi a modificare le home page e proclamare slogan pacifisti. Aumentano anche le rivendicazioni filo-islamiche anti-americane


Roma – C’è un singolare e sempre più stretto rapporto tra le tensioni del mondo fisico di questi giorni e quelle del mondo elettronico. Nel momento in cui nei paesi arabi sale la contestazione contro l’intervento militare americano in Iraq, infatti, viene segnalato anche un aumento notevole degli attacchi a siti web da parte di defacer pacifisti o anti-americani.

Agli sporadici episodi dei giorni scorsi si aggiungono ora attacchi più sistematici.

Viene, segnalato, ad esempio, l’aggressione al sito della televisione irachena www.iraqtv.ws , un assalto compiuto da defacer filo-americani che hanno ritenuto di dover rendere pubblico in questo modo le proprie propensioni politiche. Andando su quella pagina mentre scriviamo si possono ancora leggere le lunghe dichiarazioni, i link e le documentazioni messi online dai defacer.

Quasi fosse una sorta di risposta, nelle ore immediatamente successive il Washington Post ha segnalato il defacement di più di 400 siti americani da parte di quello che si è auto-definito Unix Security Guards, un gruppo chiaramente filo-islamico.

Questo gruppo ha lasciato sulle pagine che ha “ritoccato” un messaggio che chiede la fine della guerra e mescola frasi religiose tratte dal Corano con una invettiva anti-americana, nella quale si sostiene che la “cyberguerra a lungo promessa” è finalmente iniziata e che “questo è solo l’inizio”. Secondo gli autori di queste incursioni, “proprio come gli Stati Uniti fanno quello che pare loro nel mondo, noi faremo quello che ci pare su Internet”. Come riportato anche da Geek.com, il messaggio lasciato sui siti americani termina con: “Fermate i terroristi statunitensi e noi ci fermeremo”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Compilate l'indirizzo...
    Potete farvela mandare anche in Iraq!!! Come sono democratici....Magari insieme ad una bomba USA ti gettano dall'aereo anche il pacco!!
  • Anonimo scrive:
    E le chiamate 166?
    Ho visto ieri sera una trasmissione che per fare un sondaggio telefonico sull'argomento "Cosa farà Bush adesso?" proponeva un numero 166 a 0,79 Euro al minuto.Sarà stata anche trasparente come comunicazone però mi è sembrato veramente triste....
  • Anonimo scrive:
    Anche le TSHIRT!!!!!
    C'e' uno spam che dice: "Sei sei un PATRIOTTICO americano COMPRA la TSHIRT"cioe'......
  • Anonimo scrive:
    Che c'e' di strano ?
    Penso siano persone ben peggiori quelle che nel nostro stato, da anni in modo legalizzato vendono numeri dell' otto...
    • Anonimo scrive:
      Re: Che c'e' di strano ?
      Diciamo che se la battono ...Saluti,Piwi
    • s. scrive:
      Re: Che c'e' di strano ?
      - Scritto da: Anonimo
      ... vendono numeri dell'otto...Numeri dell'otto?estrazioni dell'otto: ottoestrazioni del nove: noveestrazioni del dieci: dieci:-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Che c'e' di strano ?
        trovo che le persone che sono solo capaci di sbeffaggiare un errore di battitura su un post significativo siano tutte povere di mente.
      • Anonimo scrive:
        X la Redazione
        Anche i messaggi di riposta precedenti erano OT, visto che si prendevano gioco di un errore di battitura del post originale.. fare un po' dia ttenzione no eh ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Che c'e' di strano ?
      - Scritto da: Anonimo
      legalizzato vendono numeri dell' otto...Acc... vendono già i numeri dell'otto? Mi hanno fregato, ho appena comprato tutti quelli del sette...
    • Anonimo scrive:
      Re: Che c'e' di strano ?
      Io invece penso siano peggiori le persone che scrivono in una lingua non identificata come te :)Dopo l'otto ci sarà il otocalcio e il otogol passando per il nalotto e l'uperenalotto :)
Chiudi i commenti