Istat, un paniere pieno di iPad

L'annuale aggiornamento dei calcoli sull'inflazione considera ora anche i tablet. E non più l'affitto dei DVD

Roma – Come ogni anno l’Istat ha cambiato il paniere di beni di riferimento per il calcolo dell’inflazione: per quanto riguarda il settore ICT, è rilevante l’ ingresso dei tablet e l’uscita del noleggio dei DVD .

Per calcolare quanto costa la vita degli italiani, l’Istituto nazionale di statistica provvede a stilare una lista di beni immaginati nel carrello della spesa complessiva di un consumatore. E dal momento che cambiano sia i gusti che, conseguentemente, le offerte sul mercato (per l’innovazione tecnologica o altri fattori), questo paniere di beni ideale è ogni anno aggiornato.

Quest’anno , tra i 1.377 prodotti considerati, accanto al fast food etnico, al salmone affumicato, all’ingresso ai parchi nazionali, ai giardini zoologici e botanici e ai servizi di trasporto extraurbano multimodale integrato, entrano, soprattutto grazie al successo di iPad, anche i tablet, inseriti nell’ambito del segmento Computer portatile, palmare e tablet della divisione Ricreazione, spettacoli e cultura .

Considerata, invece, non più rilevante la spesa sostenuta per il noleggio dei DVD . Inoltre la categoria dei lettori DVD è stata ampliata a tutti i lettori e registratori “di supporti digitali” andando così a comprendere anche anche lettori DivX e Blu-ray.

Tra le posizioni, già contenute nell’indice precedente, che vengono diffuse per effetto della nuova classificazione ci sono i servizi di telefonia mobile (traffico voce ed SMS) e i servizi internet da rete mobile.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Guybrush scrive:
    Illimitato?
    Ho molto apprezzato il contributo di Amedeo e Anziano.Sono vecchietto anche io, per quanto "signore" con il mio primo HDD, un conner CP3000 da ben 40MB. Dopo quasi 3 anni passati a comprimere, doublespaceare, strizzare e compattare (avevo aumentato di 2/3 la capienza) son passato ad un P133 con 128mb di ram e (ohhh) 2.2GB di HDD (un Quantum Fireball e un Quantum Bigfoot) gongolando tra me e me: "addio zip, addio doublespace, ora ho spazio praticamente illimitato, quando mai lo riempirò?Sei mesi dopo stavo cercando un altro disco e da allora, ogni volta che qualche produttore strombazza le uallere del suo bel dispositivo di archiviazione, mi diverto a dire "in quanti mesi lo saturerò?"Mi dispiace per gli utenti di Mozy, ma se la son cercata: spazio illimitato? Era più credibile la promessa del Gatto e della Volpe.GT
  • user 239487 scrive:
    perché nuovo non SIGNIFICA migliore
    Che l'uguaglianza NUOVO = MIGLIORE sia verificata è tutto da dimostrare. E la pratica di solito dimostra che non lo è.Eppure i markettari continuano ad insistere. Lungi dai tecnocrati essere nemici del nuovo "perché si" ... ma tutto va vagliato, provato, testato, standardizzato : allora si passa al nuovo.Solo se è davvero migliore.
    • Guybrush scrive:
      Re: perché nuovo non SIGNIFICA migliore
      - Scritto da: user 239487
      Che l'uguaglianza NUOVO = MIGLIORE sia verificata
      è tutto da dimostrare. E la pratica di solito
      dimostra che non lo
      è.

      Eppure i markettari continuano ad insistere.
      Lungi dai tecnocrati essere nemici del nuovo
      "perché si" ... ma tutto va vagliato, provato,
      testato, standardizzato : allora si passa al
      nuovo.

      Solo se è davvero migliore.In campo informatico vale sempre il teorema:Il numero di bachi presenti in un software è inversamente proporzionale all'età meno il numero di "minor version" e direttamente proporzionale al quadrato del numero di patch pubblicate.Corollariil termine Alpha vicino al numero di versione giustifica qualunque malfunzionamentoil termine Beta vicino al numero di versione giustifica qualunque funzionamento imprevistoTradotto in italiano significa che un prodotto "nuovo" è pieno di bachi sconosciuti, mentre uno vecchio è pieno di bachi conosciuti.GT
  • amedeo scrive:
    limiti all'illimitato
    Personalmente ritengo improponibile un'offerta gratuita di 'spazio illimitato' in base ad alcune semplici considerazioni nate dalla mia esperienza.Ricordo che il primo disco fisso che acquistai, era da ben 20MB; per quei tempi era un gran lusso, dato che la media era sui 10MB ma, potendomelo permettere e pensando che non sarebbe mai andato alla fine (nel senso di essere saturato), affrontai la spesa (900.000 lire). Ovviamente arrivò il tempo in cui quei 20MB non bastavano più.Col passare degli anni, i dischi hanno aumentato le dimensioni ed abbassato i prezzi; i PC si sono evoluti ed hanno iniziato a trattare dati più ingombranti. Tanto che ora un disco da 160GB (8.000 volte quello di allora) costa 1/10 del prezzo di allora.Ma il problema di saturazione rimane, la disponibilità di spazio tende ad abituare l'utente a riempirlo e non preoccuparsi di effettuare selezioni e pulizia, così si accumulano le 300 fotografie scattate durante le ferie (ormai con la digitale non ci si preoccupa di sprecare rullino e sviluppo), che potrebbero essere sfoltite tenendone 30 ma per pigrizia vengono lasciate, si accumulano i filmati ed una quantità industriale di altro materiale digitale che evitiamo accuratamente di selezionare e limitare. Ormai per tanti non è difficile riempire un disco da 1TB.Bisogna ricordare che chi offre servizi di storage, utilizza apparecchiature e dischi con tecnologia più avanzata rispetto al mercato consumer (guardate la differenza di costo tra un disco SATA e uno SAS), i dischi hanno una usura maggiore (accesi 24/24 365/365) e vanno sostituiti per obsolescenza e per sicurezza più spesso.Regalare spazio si traduce quindi in una spesa costante dovuta ai costi di infrastruttura e di consumi energetici che probabilmente tendono a superare il rientro dovuto a pubblicità ed immagine per l'azienda che offre quel servizio.
    • anziano scrive:
      Re: limiti all'illimitato
      - Scritto da: amedeo
      Personalmente ritengo improponibile un'offerta
      gratuita di 'spazio illimitato' in base ad alcune
      semplici considerazioni nate dalla mia
      esperienza.sembra simile alla mia, vediamo
      Ricordo che il primo disco fisso che acquistai,
      era da ben 20MB;si, ne tenevo mezzo in doublespace e l'altro mezzo zippa zippa zippa rezippa ad ogni versione, comprimi, testa, benchmarka chi comprime mezzo byte di più, filldisk, e tanta attenzione[...]
      Col passare degli anni, i dischi hanno aumentato
      le dimensioni ed abbassato i prezzi; i PC si sono
      evoluti ed hanno iniziato a trattare dati più
      ingombranti. chiamala evoluzione.quello che fa funzionare il pianeta continua a funzionare con manciate di byte.
      Tanto che ora un disco da 160GB
      (8.000 volte quello di allora) costa 1/10 del
      prezzo di
      allora.allora diciamo che il prezzo di produzione, derivante da tecniche e da mercato... ecc ecc.ma non è una evoluzione vera e propria
      Ma il problema di saturazione rimane, la
      disponibilità di spazio tende ad abituare
      l'utente a riempirlo e non preoccuparsi di
      effettuare selezioni e pulizia, confermo, sottolineo, piango e concordo
      così si
      accumulano le 300 fotografie scattate durante le
      ferie (ormai con la digitale non ci si preoccupa
      di sprecare rullino e sviluppo), che potrebbero
      essere sfoltite tenendone 30 ma per pigrizia
      vengono lasciate, per non parlare di quando questo succede al lavoro con le foto della fiera, del party aziendale e altre str... amberie
      si accumulano i filmati ed una
      quantità industriale di altro materiale digitale
      che evitiamo accuratamente di selezionare e
      limitare. Ormai per tanti non è difficile
      riempire un disco da
      1TB.beh, video allora.
      Bisogna ricordare che chi offre servizi di
      storage, utilizza apparecchiature e dischi con
      tecnologia più avanzata rispetto al mercato
      consumer (guardate la differenza di costo tra un
      disco SATA e uno SAS), i dischi hanno una usura
      maggiore (accesi 24/24 365/365) e vanno
      sostituiti per obsolescenza e per sicurezza più
      spesso.opinabile che sia così, ma ottimisticamente fiducioso e quindi diciamo che è vero
      Regalare spazio si traduce quindi in una spesa
      costante dovuta ai costi di infrastruttura e di
      consumi energetici che probabilmente tendono a
      superare il rientro dovuto a pubblicità ed
      immagine per l'azienda che offre quel
      servizio.ma con roba vecchia puoi garantire ridondanza a pacchi a costi infimi; la velocità di trasferimento su internet sarà sempre più bassa di quella del più vecchio hard disk *ragionevolmente a disposizione*
  • Federico Buonanno scrive:
    Coerenza di quest'articolo
    Mi scusi sig. Mariuccia, in base a quale razionale Lei associa il cloud computing allo spazio illimitato? In base a quali informazioni associa i servizi di Google /Amzon free o a pagamento allo spazio illimitato? Se così fosse mi può fornire le fonti perchè la cosa mi interessa anche da un punto di vista professionale, perbacco. Le chiedo questo perchè l'articolo si basa in qualche modo sull'assunto per cui la revisione di un modello di business da parte di un azienda (legato alla fornitura di spazio illimitato) sia legato a limiti dell'architettura (lei non lo documenta però) . Infine da questo lei arriva a a dire che siccome l'architettura cloud (in un certo senso smarcata da Google) implica la fruizione di spazio illimitato, allora la revisione del business model di Mozy sancisce il fallimento dell'architettura.Quindi se ritiene il Suo ragionamento coerente dovrebbe (acciderboli, perdirindina) almeno sentire il dovere di fornire indicazioni su dove,quando e come Amazon e Google abbiano iniziato a fornire spazio illimitato e sulla relazione fra cambiamento di modelli di business e limiti dell'architettura adottata da Mozy (giusto?).Lei è un giornalista, non una persona che propone un argomento di discussione su un forum e quindi mi aspetto proprio che Si documenti e che approfondisca i fatti. Sinceramente irritato da questo articolo pur non avendo posizioni preconette sull'argomento.Cordiali Saluti, Federico Buonanno
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: Coerenza di quest'articolo
      Condivido e preciserei che cloud non è solo storage ma molto altro.
      • user 239487 scrive:
        Re: Coerenza di quest'articolo
        - Scritto da: Zucca Vuota
        Condivido e preciserei che cloud non è solo
        storage ma molto
        altro.molto altro che per la maggior parte delle aziende è ancora assai conveniente tenere sotto il proprio diretto controllo.e non fare i fighi solo perché è nuovo
  • CapSnake scrive:
    FUD su Flickr
    Ma avete scritto voi che le foto sono state recuperate!! allora perché scrivere ancora della perdita (temporanea) delle foto??http://punto-informatico.it/3082361/PI/News/flickr-foto-recuperate.aspx
    • anonimo scrive:
      Re: FUD su Flickr
      - Scritto da: CapSnake
      Ma avete scritto voi che le foto sono state
      recuperate!! allora perché scrivere ancora della
      perdita (temporanea) delle
      foto??
      http://punto-informatico.it/3082361/PI/News/flickrMariuccia è per partito preso contro il cloud computing da quando se ne parla.Poi Google non offre lo storage illimitato, quindi nell'articolo di quale cavallo di battaglia parla? Per Gmail c'è un limite, è ampio ma c'è e per Google App Engine devi pagare.
      • Sgabbio scrive:
        Re: FUD su Flickr
        Nella notizia dicono che gli hanno recuperato gran parte dei dati persi, non hanno recuperato tutto...
        • anonimo scrive:
          Re: FUD su Flickr
          - Scritto da: Sgabbio
          Nella notizia dicono che gli hanno recuperato
          gran parte dei dati persi, non hanno recuperato
          tutto...Il gran parte c'è solo nell'articolo di PI, negli articoli in inglese linkati nell'articolo invece pare che le abbiano recuperate tutte. Così come Google che fa dello storage infinito il suo cavallo da battaglia, fai clic sul link presente nell'articolo e non dice questo.PI è come Nostradamus, va interpretato.
          • user 239487 scrive:
            Re: FUD su Flickr
            - Scritto da: anonimo
            - Scritto da: Sgabbio

            Nella notizia dicono che gli hanno recuperato

            gran parte dei dati persi, non hanno recuperato

            tutto...

            Il gran parte c'è solo nell'articolo di PI, negli
            articoli in inglese linkati nell'articolo invece
            pare che le abbiano recuperate tutte.ma pare o è?
            Così come
            Google che fa dello storage infinito il suo
            cavallo da battaglia, fai clic sul link presente
            nell'articolo e non dice
            questo.
            PI è come Nostradamus, va interpretato.ahi ahi ahi ... Maruccia... ma non dici nulla?
  • boboyeah scrive:
    su mozy.ie è ancora illimitato
    Mozy dall'anno scorso ha anche aperto un data center in Irlanda, relativo sito mozy.ie e prezzi in euro con l'equivalenza 1 euro = 1 dollaro, ma sappiamo che in Europa ci sono costi maggiori e più tasse, quindi ci può anche stare. E soprattutto ad ora l'offerta è ancora "illimitata".Inoltre essendo i server in Europa e meno carichi la velocità di ripristino è notevole. Con l'account free mi scarica il restore a 1.2 MB/s con adsl 20 mega. Adesso sto usando Crashplan che mi convince di più, sfortunatamente il restore arrivando dagli USA è più lento, sui 300KB/s.
  • Sergio Nasi scrive:
    Affidabilità morta e defunta?
    Mi perdoni Sig.Mariuccia ma davvero a lei basta il piccolo incidente capitato a un utente Flickr (tra l'altro risolto in poco tempo) per decretare la morte dei servizi di online storage?I server di Flickr ospitano circa 5 miliardi di immagini. Se anche l'utente del caso da lei citato avesse effettivamente perso per sempre il suo patrimonio digitale fatto di 4000 immagini, staremmo parlando dello 0,0008% di tutto lo storage di Flickr.Non lavoro per Flickr (anche se ne sono cliente), non mi occupo di cloud computing nè di online storage e trovo il suo commento assai superficiale.Saluti
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Affidabilità morta e defunta?
      Affidabile = non si deve perdere niente. NIENTE!O posso cancellare qualche file a caso sul tuo pc?
      • Talking Head scrive:
        Re: Affidabilità morta e defunta?
        Mi perplimi... cerca di essere ragionevole.Affidabile è una qualità, si può essere più o meno affidabili. Non esiste l'affidabilità infinita, ci sono i terremoti, gli alluvioni, la terra che finisce nel 2012, etc etcNon puoi azzerare la probabilità di perdere dati, puoi ridurla però tanto da diventare trascurabile rispetto alla probabilità che i dati non ti servano più per morte improvvisa da infarto.Dire che "La Cloud è _più_ affidabile del locale" è correttissimo, e proprio l'esempio riportato nell'articolo ne è la prova. Nessun sistema locale ha un'affidabilità tale che la sparizione di un account su decine di servizi esistenti con milioni di account fa notizia.I sistemi locali personali? Su una statistica tra le persone che conosco, direi che circa 1 su 2 ha perso dati in qualche modo almeno una volta nella vita. HD bruciato per sbalzo di tensione o botta, virus, format dimenticandosi i dati dentro, chiavetta cancellata dal fratello per metterci del XXXXX, chiavetta fisicamente persa, etc etcMettere i dati sulla nuvola è sicuramente più sicuro di tenerli in locale, a meno di non fare enormi investimenti in sicurezza che le aziende fanno e il privato non si può permettere.Dire "Eh, ma non è vero, c'è un tipo nel mondo che ha perso i dati" permette all'autore dell'articolo di andare in quell'angolo dell'inferno particolarmente caldo dove vanno i giornalisti che manipolano i fatti per sostenere una tesi (in particolar modo se la tesi la portano avanti non per ideologia ma solo per creare una notizia dal nulla).
        • Alfonso Maruccia scrive:
          Re: Affidabilità morta e defunta?
          E scommetto che Ruby è la nipotina di Mubarak, giusto?
          • anonimo scrive:
            Re: Affidabilità morta e defunta?
            - Scritto da: Alfonso Maruccia
            E scommetto che Ruby è la nipotina di Mubarak,
            giusto?Se Berlusconi non avesse perso i suoi dati backuppati in locale ora ti potrebbe rispondere con certezza.
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: Affidabilità morta e defunta?
            - Scritto da: Alfonso Maruccia
            E scommetto che Ruby è la nipotina di Mubarak,
            giusto?Questo commento non è bello. Porta un inizio di discussione seria verso una qualità da gossip o anche peggio. Era da evitare.Anche io condivido l'opinione che lo storage su cloud sia mediamente più affidabile proprio in virtù del fatto che l'utente solitamente non ha lo skill o il denaro per affrontare problematiche di business continuity o disaster recovery.
          • krane scrive:
            Re: Affidabilità morta e defunta?
            - Scritto da: Zucca Vuota
            - Scritto da: Alfonso Maruccia

            E scommetto che Ruby è la nipotina di Mubarak,

            giusto?
            Questo commento non è bello. Porta un inizio di
            discussione seria verso una qualità da gossip o
            anche peggio. Era da evitare.Bhe... Quindi il livello di P.I.
          • Sergio Nasi scrive:
            Re: Affidabilità morta e defunta?
            - Scritto da: Alfonso Maruccia
            E scommetto che Ruby è la nipotina di Mubarak,
            giusto?Ma che razza di argomento è questo?
          • krane scrive:
            Re: Affidabilità morta e defunta?
            - Scritto da: Sergio Nasi
            - Scritto da: Alfonso Maruccia

            E scommetto che Ruby è la nipotina di

            Mubarak, giusto?
            Ma che razza di argomento è questo?Una cosa simile a "combatti come una mucca" direi...
        • user 239487 scrive:
          Re: Affidabilità morta e defunta?
          - Scritto da: Talking Head
          Mi perplimi... cerca di essere ragionevole.
          Affidabile è una qualità, si può essere più o
          meno affidabili. Non esiste l'affidabilità
          infinita, ci sono i terremoti, gli alluvioni, la
          terra che finisce nel 2012, etc
          etc(intanto alluvione è femminile, ma facciamo finta di niente)Se per te quella è l'affidabilità, io che osservo io tuo servizio dico "ah ok".Per me goldone non significa "potrebbe essere bucato".Allora me lo faccio io col budello, penso alla pillola, mi faccio la vasectomia... insomma "ci penso io" e non mi fido di te.Affidabilità nello storage è affidabilità. Quando ci pensi tu per te stesso cosa fai? Ridondanza, non so quanta, ma ridondanza a pacchi.
          Dire che "La Cloud è _più_ affidabile del locale"
          è correttissimo, e proprio l'esempio riportato
          nell'articolo ne è la prova. Nessun sistema
          locale ha un'affidabilità tale che la sparizione
          di un account su decine di servizi esistenti con
          milioni di account fa
          notizia.fa notizia perché la novità viene venduta come "passate al cloud" mentre invece dovrebbe essere "ma forse no"
          I sistemi locali personali? Su una statistica tra
          le persone che conosco, direi che circa 1 su 2 ha
          perso dati in qualche modo almeno una volta nella
          vita.tutte persone impreparate.
          HD bruciato per sbalzo di tensione o botta,gruppo, ridondanza
          virus,software , backup
          format dimenticandosi i dati dentro,cultura, ridondanza, backup
          chiavetta cancellata dal fratello per metterci
          del XXXXX, chiavetta fisicamente persa, etc
          etccultura, ridondanza
          Mettere i dati sulla nuvola è sicuramente più
          sicuro di tenerli in locale, a meno di non fare
          enormi investimenti in sicurezza che le aziende
          fanno e il privato non si può
          permettere."non si può permettere" è un po' grossa.
          Dire "Eh, ma non è vero, c'è un tipo nel mondo
          che ha perso i dati" permette all'autore
          dell'articolo di andare in quell'angolo
          dell'inferno particolarmente caldo dove vanno i
          giornalisti che manipolano i fatti per sostenere
          una tesi (in particolar modo se la tesi la
          portano avanti non per ideologia ma solo per
          creare una notizia dal
          nulla).dev'essere lo stesso posto dove finiscono i commentatori che allo stesso identico modo dicono "non puoi garantire l'assoluta impossibilità di perdere i dati"Chi dice la verità? Entrambi.Se poi mi vuoi dire che il sistema di trasporto più sicuro è l'aereo ecc ecc, ti dico: io non ci salgo e sono più al sicuro.
          • Sergio Nasi scrive:
            Re: Affidabilità morta e defunta?
            - Scritto da: user 239487
            Se per te quella è l'affidabilità, io che osservo
            io tuo servizio dico "ah
            ok".
            Per me goldone non significa "potrebbe essere
            bucato".
            Allora me lo faccio io col budello, penso alla
            pillola, mi faccio la vasectomia... insomma "ci
            penso io" e non mi fido di
            te.Immagino quindi che quando si tratta di prendere un aereo (sempre che non abbia scartato questo mezzo di trasporto) utilizzi solo modelli autocostruiti perché, sai, gli aerei cadono.E quandi ti sposti sulla superficie terrestre percorri solo strade progettate da te perché su tutte le altre avvengono incidenti.E poi il tuo argomento è mal posto perché si basa sull'assunzione che l'utente Flickr abbia effettivamente smarrito tutti i dati, cosa falsa.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Affidabilità morta e defunta?
      Mi ricorda tanto quelle due volte che AVG aveva fatto un aggiornamento che uccideva windows per errore, tutti a dire che è innafidabile come AV!
      • user 239487 scrive:
        Re: Affidabilità morta e defunta?
        - Scritto da: Sgabbio
        Mi ricorda tanto quelle due volte che AVG aveva
        fatto un aggiornamento che uccideva windows per
        errore, tutti a dire che è innafidabile come
        AV!e infatti.fatti qualche giro di VIRUSTOTAL con la tua collezione di malware preferita e vedrai come sta messo
    • user 239487 scrive:
      Re: Affidabilità morta e defunta?
      - Scritto da: Sergio Nasi
      Mi perdoni Sig.Mariuccia ma davvero a lei basta
      il piccolo incidente capitato a un utente Flickr
      (tra l'altro risolto in poco tempo) per decretare
      la morte dei servizi di online
      storage?a me pare solo corretto rilevare l'imperfezione dei suddetti: non di solo marketting vive il techno
      I server di Flickr ospitano circa 5 miliardi di
      immagini. Se anche l'utente del caso da lei
      citato avesse effettivamente perso per sempre il
      suo patrimonio digitale fatto di 4000 immagini,
      staremmo parlando dello 0,0008% di tutto lo
      storage di
      Flickr.anche tu sei circa lo 0,0000000125% della popolazione mondiale, ma credo che per te questa percentuale, dal tuo punto di vista, sia il 100%.Se perdi i MIEI dati, mi importailXXXXX se per TE è una percentuale irrisoria. a ME devi garantire il 100% con ridondanza e tutto ciò che io da solo a casetta mia mi sarei garantito. Oppure continuo a farlo. E se la tua risposta è "e contento te" significa che il tuo business è questo che dimostra di essere.
      Non lavoro per Flickr (anche se ne sono cliente),
      non mi occupo di cloud computing nè di online
      storage e trovo il suo commento assai
      superficiale.... il quale però sembra essere seguito da commenti altrettanto superficiali da altre angolazioni.
      • Sergio Nasi scrive:
        Re: Affidabilità morta e defunta?
        - Scritto da: user 239487

        Se perdi i MIEI dati, mi importailXXXXX se per TE
        è una percentuale irrisoria. a ME devi garantire
        il 100% con ridondanza e tutto ciò che io da solo
        a casetta mia mi sarei garantito. Oppure continuo
        a farlo. E se la tua risposta è "e contento te"
        significa che il tuo business è questo che
        dimostra di essere.Il turpiloquio non aiuta a dare più sostanza ai tuoi argomenti.Come ho già avuto modo di dire nella risposta a un tuo messaggio sopra, l'affidabilità al 100% non esiste o gli aerei smetterebbero di cadere e gli hard disk durerebbero in eterno.Se davvero sei capace di fornire un servizio di storage affidabile al 100% mettiamoci in società e facciamo un sacco di soldi.Cordialità
  • Aldus scrive:
    Ma EMC2 non aveva...
    ... la DEDUPLICAZIONE A BLOCCHI?Quella che dicevano "fa salvare l'80/90% dello spazio?";)Allora abbiamo scoperto che era magia e alla fine la realtà li ha sopraffatti o cosa?
    • boboyeah scrive:
      Re: Ma EMC2 non aveva...
      da quanto ho capito la deduplicazione viene effettuata sui soli dati dell'utente, e ciò porta a un bel ridimensionamento del vantaggio della deduplicazione. Più che altro penso venga usata per caricare gli aggiornamenti dei backup più rapidamente, dovendo caricare solo i blocchi cambiati.Solo Memopal dice di usare deduplicazione a livello globale tra i dati dei suoi utenti, peccato sia incredibilmente lento nell'upload, 100Kilobit/s è inaccettabile!
  • Teo_ scrive:
    Google e storage illimitato
    In che servizio Google dà storage illimitato?Io ho provato questo http://code.google.com/intl/it-IT/apis/storage/docs/overview.html#pricingma preferisco restare con Amazon S3 http://aws.amazon.com/s3/#pricing per ora
    • Aldus scrive:
      Re: Google e storage illimitato
      Beh...allora leggiti anche questo ;)http://punto-informatico.it/3067407/PI/News/wifi-crack-cloud-computing.aspx
      • Teo_ scrive:
        Re: Google e storage illimitato
        - Scritto da: Aldus
        Beh...
        allora leggiti anche questo ;)
        http://punto-informatico.it/3067407/PI/News/wifi-cEC2 non lho ancora provato e forse non mi servirà mai.2,10$/ora per provare a bucare il WPA del vicino potrei anche permettermeli, ma non saprei da dove partire né cosa farmene :D
    • dimmi chi sei scrive:
      Re: Google e storage illimitato
      - Scritto da: Teo_
      In che servizio Google dà storage illimitato?
      Io ho provato questo
      http://code.google.com/intl/it-IT/apis/storage/doc
      ma preferisco restare con Amazon S3
      http://aws.amazon.com/s3/#pricing per
      oranon so che utilizzo ne fai (quanti gb/tb hai utilizzati, query ecc), ma quanto costa amazon s3 per un utilizzo medio? :)
      • Teo_ scrive:
        Re: Google e storage illimitato
        - Scritto da: dimmi chi sei
        - Scritto da: Teo_

        In che servizio Google dà storage illimitato?

        Io ho provato questo


        http://code.google.com/intl/it-IT/apis/storage/doc

        ma preferisco restare con Amazon S3

        http://aws.amazon.com/s3/#pricing per

        ora
        non so che utilizzo ne fai (quanti gb/tb hai
        utilizzati, query ecc), ma quanto costa amazon s3
        per un utilizzo
        medio?

        :)Io spendo da 0,8 a 2 dollari al mese. Qui cè un comodo calcolatore http://calculator.s3.amazonaws.com/calc5.htmlCosta più di Mozy se usato per lo stesso fine. Io ho scelto S3 dopo aver trovato limiti in servizi come Dropbox e simili, mentre trovo comodo S3 che ha ACL e possibilità di sub-account, oltre a trovare script già pronti in diversi prodotti: sul mio NAS http://www.synology.com/enu/products/features/backup_server.php , nel software di backup che uso per alcuni siti ecc.Unalternativa che sto osservando è http://www.rackspacecloud.com/cloud_hosting_products/files/
        • Silver scrive:
          Re: Google e storage illimitato
          - Scritto da: Teo_
          - Scritto da: dimmi chi sei

          - Scritto da: Teo_


          In che servizio Google dà storage illimitato?


          Io ho provato questo





          http://code.google.com/intl/it-IT/apis/storage/doc


          ma preferisco restare con Amazon S3


          http://aws.amazon.com/s3/#pricing per


          ora

          non so che utilizzo ne fai (quanti gb/tb hai

          utilizzati, query ecc), ma quanto costa amazon
          s3

          per un utilizzo

          medio?



          :)

          Io spendo da 0,8 a 2 dollari al mese. Qui cè un
          comodo calcolatore
          http://calculator.s3.amazonaws.com/calc5.html

          Costa più di Mozy se usato per lo stesso fine. Io
          ho scelto S3 dopo aver trovato limiti in servizi
          come Dropbox e simili, mentre trovo comodo S3 che
          ha ACL e possibilità di sub-account, oltre a
          trovare script già pronti in diversi prodotti:
          sul mio NAS
          http://www.synology.com/enu/products/features/back
          Unalternativa che sto osservando è
          http://www.rackspacecloud.com/cloud_hosting_producCosa sarebbe un elastic IP?
          • anonimo scrive:
            Re: Google e storage illimitato
            - Scritto da: Silver
            - Scritto da: Teo_

            - Scritto da: dimmi chi sei


            - Scritto da: Teo_



            In che servizio Google dà storage
            illimitato?



            Io ho provato questo









            http://code.google.com/intl/it-IT/apis/storage/doc



            ma preferisco restare con Amazon S3



            http://aws.amazon.com/s3/#pricing per



            ora


            non so che utilizzo ne fai (quanti gb/tb hai


            utilizzati, query ecc), ma quanto costa amazon

            s3


            per un utilizzo


            medio?





            :)



            Io spendo da 0,8 a 2 dollari al mese. Qui cè un

            comodo calcolatore

            http://calculator.s3.amazonaws.com/calc5.html



            Costa più di Mozy se usato per lo stesso fine.
            Io

            ho scelto S3 dopo aver trovato limiti in servizi

            come Dropbox e simili, mentre trovo comodo S3
            che

            ha ACL e possibilità di sub-account, oltre a

            trovare script già pronti in diversi prodotti:

            sul mio NAS


            http://www.synology.com/enu/products/features/back

            Unalternativa che sto osservando è


            http://www.rackspacecloud.com/cloud_hosting_produc

            Cosa sarebbe un elastic IP?E' un ip con l'elastico, se lo tiri diventa così:1 9 2 . 168 . 0 . 1
          • Teo_ scrive:
            Re: Google e storage illimitato
            - Scritto da: Silver
            - Scritto da: Teo_

            - Scritto da: dimmi chi sei


            - Scritto da: Teo_



            In che servizio Google dà storage
            illimitato?



            Io ho provato questo









            http://code.google.com/intl/it-IT/apis/storage/doc



            ma preferisco restare con Amazon S3



            http://aws.amazon.com/s3/#pricing per



            ora


            non so che utilizzo ne fai (quanti gb/tb hai


            utilizzati, query ecc), ma quanto costa amazon

            s3


            per un utilizzo


            medio?





            :)



            Io spendo da 0,8 a 2 dollari al mese. Qui cè un

            comodo calcolatore

            http://calculator.s3.amazonaws.com/calc5.html



            Costa più di Mozy se usato per lo stesso fine.
            Io

            ho scelto S3 dopo aver trovato limiti in servizi

            come Dropbox e simili, mentre trovo comodo S3
            che

            ha ACL e possibilità di sub-account, oltre a

            trovare script già pronti in diversi prodotti:

            sul mio NAS


            http://www.synology.com/enu/products/features/back

            Unalternativa che sto osservando è


            http://www.rackspacecloud.com/cloud_hosting_produc

            Cosa sarebbe un elastic IP?IP statici assegnati al cliente, non a una macchina, poi a seconda delle esigenze, lo punti sullistanza che vuoi autonomamente. Un nome commerciale per cose normali.Nel link di prima mi riferivo al servizio S3 http://calculator.s3.amazonaws.com/calc5.html?key=calc-DC853834-71C1-4719-A0B0-1DC449C1E7CF
  • lol scrive:
    Finalmente!
    Quando leggo "spazio infinito" mi puzza alla grande.Datemi i limiti dove posso girare e i termini, e sono contento.Datemi l'infinito, e vi ignorerò.
    • user 239487 scrive:
      Re: Finalmente!
      - Scritto da: lol
      Quando leggo "spazio infinito" mi puzza alla
      grande.

      Datemi i limiti dove posso girare e i termini, e
      sono
      contento.

      Datemi l'infinito, e vi ignorerò.meno tasse per tuttichiùppilu pe' tutti"basta tasse"Eppure ci cascano tutti.Io concordo con te.
Chiudi i commenti