Italia, identità online maltrattate

Il 30 per cento degli utenti del Belpaese ha subito il furto dei dati relativi ai propri account. Una disattenzione che si rivela anche nella scarsa frequenza con la quale sono cambiate le password

Roma – La maggior parte degli italiani presterebbe poca attenzione alla sicurezza dei propri dati in Rete. È quanto rileva Cpp Italia, filiale della multinazionale britannica specializzata nella tutela della sicurezza dei dati personali e nella protezione delle carte di credito. Secondo i dati emersi dalle interviste, il 30 per cento degli utenti è stato vittima di furto di identità digitale su posta elettronica e social network.

Il danno economico subito, secondo Cpp , arriva fino a 5mila euro. Inoltre, il 16 per cento degli utenti è stato vittima almeno una volta della violazione dell’accesso ai vari servizi Internet , subendo, nel 35 per cento dei casi, conseguenze sul piano economico. Il 2 per cento ha subito danni economici limitati a 100 euro, mentre per 3 intervistati su 100 i danni sono stati contenuti entro i mille euro. Tra i mille e i 5mila euro sono stati i danni economici per il 2 per cento degli utenti, mentre solo l’1 per cento ha registrato danni superiori ai 5mila euro .

Disattenzione rilevata anche nel 42 per cento degli intervistati che ha dichiarato di non modificare mai , a meno che non sia obbligato a farlo, le password di accesso ai servizi email e home banking , mentre l’11 per cento lo fa a cadenza annuale o più lunga. Soltanto il 17 per cento degli intervistati ha mostrato una maggiore consapevolezza dei pericoli che si possono correre, dichiarando di modificare proprie password una volta al mese, rispetto al 18 per cento che lo fa ogni tre mesi e il 12 per cento due volte l’anno.

Dai risultati della ricerca emerge inoltre che il 14 per cento del campione utilizza una sola password per tutti i tipi di accessi a Internet , dall’home banking ai social network, mentre il 13 per cento ne usa due: una per gli accessi ai servizi finanziari e un’altra per social network e i servizi per il tempo libero. Infine, il 31 per cento degli intervistati rivela la propria password a terze persone, soprattutto a coniugi (25 per cento) e figli (8 per cento).

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • freude scrive:
    linux 3 fa la sua
    Dopo un paio d'ore che ca##eggio su un portatile di due anni fa che faceva fatica con vista, usando :Linux enzo-machine 3.0.0-7-generic #8-Ubuntu SMP Fri Jul 22 20:24:22 UTC 2011 i686 i686 i386 GNU/Linuxcon lxde come desktop manager, firefox 6, libreoffice 3,3,2, torcs e altro, mi sono accorto del seguente consumo di memoria:enzo@enzo-machine:~$ free total used free shared buffers cachedMem: 1990004 1045124 944880 0 125168 630084-/+ buffers/cache: 289872 1700132Swap: 1951740 0 1951740In pratica, per fare le stesse cose dopo due ore Vista mi aveva swappato alcuni giga di disco ed era diventato lento fino all'inusabile.Qui la ram effettivamente utilizzata è meno di 300 mb e di swapping non se ne parla, potrei toglierlo. Certo, i portatili in genere allocano piu ram per le loro funzioni aggiuntive e su un desktop consumerei meno memoria, ma anche cosi non mi sembra di esagerare....
    • linux mint scrive:
      Re: linux 3 fa la sua
      Guarda non dirmelo, io avevo un problema simile. Avevo preso un netbook con sopra Windows 7 starter: non puoi capire che delirio hanno combinato i tizi che hanno realizzato Windows 7 starter, per fare anche la più semplice operazione(tipo aprire VLC per vedere un video) vanno via anche più di 35 secondi! Così ho installato Linux Mint è ora va molto ma molto meglio!!!In sostanza, M$ Windows = XXXXX
      • RealENNECI scrive:
        Re: linux 3 fa la sua
        - Scritto da: linux mint
        In sostanza, M$ Windows = XXXXXPoche parole ma ben scelte.. ti quoto!
      • collione scrive:
        Re: linux 3 fa la sua
        windows 7 starter non sarebbe proprio dovuto esistere, è un obbrobrio, una mostruosità che solo a Redmond potevano crearese windows 7 ha delle specifiche hardware ben precise, allora fissate quelle e bastama no, loro devono far vedere di avercelo più lungo, e di riuscire a far girare 7 pure sul tostapane e allora vengono fuori mostruosità come la starter
    • attonito scrive:
      Re: linux 3 fa la sua
      - Scritto da: freude
      Dopo un paio d'ore che ca##eggio su un portatile
      di due anni fa che faceva fatica con vista,
      usandoanche, tu, pero'! te le vai a cercare: Vista... ahahahahha
    • Fai il login o Registrati scrive:
      Re: linux 3 fa la sua
      Vabbéddài, non puoi paragonare GUI come quella di Vista con LXDE, tutt'alpiù il paragone si può fare con KDE (che comunque con 2 giga di RAM gira alla grande!).A parte questo LXDE è veramente gustosissimo da utilizzare, quando avranno messo a posto un paio di cosette penso che sarà il mio desktop preferito (ovviamente con base Debian non Ubuntu).
      • Matteo Italia scrive:
        Re: linux 3 fa la sua
        - Scritto da: Fai il login o Registrati
        Vabbéddài, non puoi paragonare GUI come quella di
        Vista con LXDE, tutt'alpiù il paragone si può
        fare con KDE (che comunque con 2 giga di RAM gira
        alla
        grande!).Ecco infatti. :)
        A parte questo LXDE è veramente gustosissimo da
        utilizzare, quando avranno messo a posto un paio
        di cosette penso che sarà il mio desktop
        preferito (ovviamente con base Debian non
        Ubuntu).L'avevo provato un annetto fa e non era male, anche se soffriva ancora di qualche "difetto di gioventù". Su LXDE si basa Lubuntu, che si propone come distro per macchine vecchie per utenti non smanettoni, vale la pena di provarla.
  • Pino scrive:
    Talmente avanti che il num di versione..
    Talmente avanti che il num di versione mette in crisi l'intero sistema :DSiamo veramente alla frutta.
    • Matteo Italia scrive:
      Re: Talmente avanti che il num di versione..
      Prego? :S
    • All scrive:
      Re: Talmente avanti che il num di versione..
      Non è che potresti spiegarti meglio??
    • Darwin scrive:
      Re: Talmente avanti che il num di versione..
      - Scritto da: Pino
      Talmente avanti che il num di versione mette in
      crisi l'intero sistema
      :DVeramente ha solo messo in crisi i driver proprietari nvidia che erano programmati per compilare i rami 2.4 e 2.6.Ma dopo un giorno sono arrivate già le prime beta pronte per la release 3.0.
      Siamo veramente alla frutta.Dei troll anti-linux si.Siete alla frutta.
  • All scrive:
    Mai commenti tecnici gli utenti di PI
    Certo che ormai su PI gli utenti postano solo commenti del XXXXX, tipo: "Ne rimarrà solo 1, Windows" e gli atri: "No ti sbagli, vincerà Linux alla fine" e così via all'infinito! Ma commenti tecnici niente? E commenti costruttivi? Boh! Oddio volete fare paragoni, fateli con dati alla mano, utilizzando benchmark e quant'altro!!E' vero anche che il livello degli articoli non è eccellente, ma almeno gli utenti possono contribuire ad arricchire il contenuto informativo dell'articolo stesso!
    • Matteo Italia scrive:
      Re: Mai commenti tecnici gli utenti di PI
      È il motivo per cui in genere non scrivo su PI. Però tra i mille troll e fanboy capita spesso di trovare qualche persona ragionevole e intelligente con cui scambiare pareri tecnici.
    • attonito scrive:
      Re: Mai commenti tecnici gli utenti di PI
      - Scritto da: All
      Certo che ormai su PI gli utenti postano solo
      commenti del XXXXX, tipo: "Ne rimarrà solo 1,
      Windows" e gli atri: "No ti sbagli, vincerà Linux
      alla fine" e così via all'infinito! Ma commenti
      tecnici niente? E commenti costruttivi? Boh!
      Oddio volete fare paragoni, fateli con dati alla
      mano, utilizzando benchmark e
      quant'altro!!
      E' vero anche che il livello degli articoli non è
      eccellente, ma almeno gli utenti possono
      contribuire ad arricchire il contenuto
      informativo dell'articolo
      stesso!Lo facevo anni fa, adesso vengo su PI a trollare, cazzeggiare e fare flame con ruppolo ed altri. ormai PI serve solo a questo.
  • Marco scrive:
    Prima o poi scomparirà
    il solito caos che gira sempre intorno a linux!
    • Star scrive:
      Re: Prima o poi scomparirà
      i troll invece non scompariranno mai :)
      • massimo scrive:
        Re: Prima o poi scomparirà
        E' questo il bello di PI :)
        • Rodio scrive:
          Re: Prima o poi scomparirà
          - Scritto da: massimo
          E' questo il bello di PI :)Come gli enti pubblici danno lavoro anche ai disadattati (Brunetta per primo) PI da spazio ai Troll.Confinati qui del resto fanno pochi danni.
        • massimo scrive:
          Re: Prima o poi scomparirà
          Domanda stupida... subito dopo il mio messaggio c'era una risposta che diceva che "i troll sono rinchiusi qui cosi' non possono far danni" e ora è sparita... rimozione del proprietario o censura? Mah
    • collione scrive:
      Re: Prima o poi scomparirà
      l'importante è crederci :D per la serie "la speranza dei winari è l'ultima a morire" (rotfl)
  • Vista User scrive:
    Secondo me
    Secondo me linus è un sistema operativo penoso e chi dice il contrario lo fa chiaramente perchè è pagato da chi produce linus senza rendersi conto che si rende ridicolo davanti agli occhi di tutta la gente normale comeme e tutti quelli che usano windows. O magari poi ci sono quelli ke dicono che lo usano perchè fanno il nerd che sa usare il computer (e quindi non conosco la grammatica) e non sanno che anche su panorama una volta hanno scritto che chi usa linus sono haker di una setta che vuorrebbe hakerare il sito di microsoft per metterci dei virus. Se linus è un sistema tanto bello mi spiegate come mai non vendono i computer con su linus eh? La verita fa male A VOI CHE PRODUCETE LINUS!
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Secondo me
      - Scritto da: Vista User
      Secondo me linus è un sistema operativo penoso e
      chi dice il contrario lo fa chiaramente perchè è
      pagato da chi produce linus senza rendersi conto
      che si rende ridicolo davanti agli occhi di tutta
      la gente normale
      come
      me e tutti quelli che usano windows. O magari poi
      ci sono quelli ke dicono che lo usano perchè
      fanno il nerd che sa usare il computer (e quindi
      non conosco la grammatica) e non sanno che anche
      su panorama una volta hanno scritto che chi usa
      linus sono haker di una setta che vuorrebbe
      hakerare il sito di microsoft per metterci dei
      virus. Se linus è un sistema tanto bello mi
      spiegate come mai non vendono i computer con su
      linus eh? La verita fa male A VOI CHE PRODUCETE
      LINUS!Gli smartphone con Android, sono roba da nerd?e Ubuntu?provare prima di parlare?no eh?ah ma forse tu parli del direttore di Radio Deejayah ma forse sei ironico :-)
      • Vista User scrive:
        Re: Secondo me
        - Scritto da: il solito bene informato
        - Scritto da: Vista User

        Secondo me linus è un sistema operativo
        penoso
        e

        chi dice il contrario lo fa chiaramente
        perchè
        è

        pagato da chi produce linus senza rendersi
        conto

        che si rende ridicolo davanti agli occhi di
        tutta

        la gente normale

        come

        me e tutti quelli che usano windows. O
        magari
        poi

        ci sono quelli ke dicono che lo usano perchè

        fanno il nerd che sa usare il computer (e
        quindi

        non conosco la grammatica) e non sanno che
        anche

        su panorama una volta hanno scritto che chi
        usa

        linus sono haker di una setta che vuorrebbe

        hakerare il sito di microsoft per metterci
        dei

        virus. Se linus è un sistema tanto bello mi

        spiegate come mai non vendono i computer con
        su

        linus eh? La verita fa male A VOI CHE
        PRODUCETE

        LINUS!

        Gli smartphone con Android, sono roba da nerd?
        e Ubuntu?
        provare prima di parlare?
        no eh?

        ah ma forse tu parli del direttore di Radio Deejay

        ah ma forse sei ironico :-)Linus è una roba no global comunista probabilmente lo vendono alle bancarelle del mercatino
        • pruriginoso scrive:
          Re: Secondo me
          Il miglior intervento di sempre :D
          • Macpi scrive:
            Re: Secondo me
            Ma in realtà credo che sia lo stesso tizio che trolleggia su usenet con identiche caratteristiche ( artefatte o meno ) . Non conosce l'italiano, erroi grammaticali, giudizi grossolani...quindi come al solito..DON'T FEED THE TROLL
          • Craccolo scrive:
            Re: Secondo me
            no! questo troll ha buone potenzialità comiche, lascialo fare!
          • collione scrive:
            Re: Secondo me
            no, quello è il mitico dovella, il vero faro della civilità winaraodiato dai linari e dai macachi e ridicolizzato dai winari stessi :D
          • INFORMATIVA scrive:
            Re: Secondo me
            - Scritto da: Macpi
            Ma in realtà credo che sia lo stesso tizio che
            trolleggia su usenet con identiche
            caratteristiche ( artefatte o meno ) . Non
            conosce l'italiano, erroi grammaticali, giudizi
            grossolani...quindi come al
            solito..

            DON'T FEED THE TROLLVero http://it.nntp2http.com/discussioni/energie-alternative/2006/10/d9bcacd357f1937b26c90b4d74459aee.html(rotfl)Quello delle energie alternative era più divertente però... :D
        • Rodio scrive:
          Re: Secondo me

          Linus è una roba no global comunista
          probabilmente lo vendono alle bancarelle del mercatinose mai lo regalano ... mi è capitato di vedere bancarelle dove regalavano dvd di linux a fiere (non erano necessariamente comunisti però)
          • collione scrive:
            Re: Secondo me
            - Scritto da: Rodio

            Linus è una roba no global comunista

            probabilmente lo vendono alle bancarelle del
            mercatino

            se mai lo regalano ... mi è capitato di vedere
            bancarelle dove regalavano dvd di linux a fiere
            (non erano necessariamente comunisti
            però)dai non deludiamolovi posta una bella foto fatta ad una fiera[img]http://stopthegnuworldorder.livelyblog.com/files/2011/03/Che_Tux__Linux___Communism_by_yashton-720x540.jpg[/img]
        • topolinik scrive:
          Re: Secondo me
          - Scritto da: Vista User
          Linus è una roba no global comunista
          probabilmente lo vendono alle bancarelle del
          mercatinoSi, ma sai qual è il bello?Che se ti vendono un sistema gnu/linux (è questo il nome corretto) sulla bancarella al mercatino, è pure LEGALE! Prova a farlo con windows vista... (rotfl)
        • bubolo scrive:
          Re: Secondo me
          - Scritto da: Vista User
          Linus è una roba no global comunista
          probabilmente lo vendono alle bancarelle del
          mercatinoQuesta è la pura verità: i fattoni che usano linux perché è "libre, equosolidale e di sinistra" e vendono a 5 euro le copie masterizzate di una versione obsoleta di Ubuntu nelle bancarelle dei centri sociali.
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: Secondo me
      - Scritto da: Vista User
      linus
      la gente normale
      come
      me
      (e quindi
      non conosco la grammatica)
      vuorrebbe
      hakerare il sito di microsoft per metterci dei
      virus. Trollata di basso profilo ma con delle trovate divertente.
      • bertuccia scrive:
        Re: Secondo me
        - Scritto da: dont feed the troll/dovella

        Trollata di basso profilo*molto* bassoche noia, aridatece alien e steve ballmer :@
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: Secondo me
          - Scritto da: bertuccia
          - Scritto da: dont feed the troll/dovella



          Trollata di basso profilo

          *molto* basso

          che noia, aridatece alien e steve ballmer :@Eh pero' io quando ha scritto "gente normale come me" ho riso fortissimo.
    • collione scrive:
      Re: Secondo me
      hahahahaha, troll e pessimo ancheLinux non Linus!!!! GET THE FACTS (rotfl)
    • Alfredo scrive:
      Re: Secondo me
      lol spero che abbiate capito che era un post ironico
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Secondo me
        - Scritto da: Alfredo
        lol spero che abbiate capito che era un post
        ironicol'importante è che l'abbia capito <i
        vista user </i
        :)
    • RealENNECI scrive:
      Re: Secondo me
      - Scritto da: Vista User
      Secondo me linus è un sistema operativo penoso e
      chi dice il contrario lo fa chiaramente perchè è
      pagato da chi produce linus senza rendersi conto
      che si rende ridicolo davanti agli occhi di tutta
      la gente normale
      come
      me e tutti quelli che usano windows. O magari poi
      ci sono quelli ke dicono che lo usano perchè
      fanno il nerd che sa usare il computer (e quindi
      non conosco la grammatica) e non sanno che anche
      su panorama una volta hanno scritto che chi usa
      linus sono haker di una setta che vuorrebbe
      hakerare il sito di microsoft per metterci dei
      virus. Se linus è un sistema tanto bello mi
      spiegate come mai non vendono i computer con su
      linus eh? La verita fa male A VOI CHE PRODUCETE
      LINUS!Mi hai colpito, soprattutto per la quintalata di errori di punteggiatura e grammatica..Bravo, continua a usare windows, basta farvi scrivere 4 frasi per capire che SO usate...La cosa che fà XXXXXXXre è che grazie a gente come voi, l'italia và dal XXXX..
      • sveglia scrive:
        Re: Secondo me
        scusate, ma ancora non cogliete l'ironia?Non state a rispondere, è un attore-troll. Non centra niente con lo stile di Dovella, lui ci crede davvero!
    • topolinik scrive:
      Re: Secondo me
      (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)(rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)(rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)Si, lo ammetto, c'è chi trolla bene e chi no. (rotfl)
    • lol scrive:
      Re: Secondo me

      Secondo me linus è un sistema operativo penoso e
      chi dice il contrario lo fa chiaramente perchè è
      pagato da chi produce linus senza rendersi conto
      che si rende ridicolo davanti agli occhi di tutta
      la gente normale
      come
      me e tutti quelli che usano windows. O magari poitroll voto 4
  • VaDaPa scrive:
    x decollare
    linux secondo me per poter decollare deve poter installare le varie applicazioni con un click
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: x decollare
      Ed è esattamente quello che fa con il Softare Center
    • Filuz scrive:
      Re: x decollare
      - Scritto da: VaDaPa
      linux secondo me per poter decollare deve poter
      installare le varie applicazioni con un
      clickil software centre su Ubuntu è nato prima dell'app store per Mac...in questi anni ho visto fare passi da gigante verso la direzione che hai ipotizzato
    • Kellner scrive:
      Re: x decollare
      E disinstallarle con un "trascina nel cestino e tira l'acqua".
    • rb1205 scrive:
      Re: x decollare
      Ma scherzi? Hai provato una Ubuntu negli ultimi 2-3 anni?
      • uno nessuno scrive:
        Re: x decollare
        - Scritto da: rb1205
        Ma scherzi? Hai provato una Ubuntu negli ultimi
        2-3
        anni?No, non ha provato. E' andato su un blog di qualche nerd o di qualche sistemista e ha trovato le istruzioni per compilare un software da riga di comando. Se la gente capisse quello che legge ci sarebbero meno problemi in tutti i campi, dagli incidenti stradali alle guerre.
        • Vista User scrive:
          Re: x decollare
          - Scritto da: uno nessuno
          - Scritto da: rb1205

          Ma scherzi? Hai provato una Ubuntu negli
          ultimi

          2-3

          anni?

          No, non ha provato. E' andato su un blog di
          qualche nerd o di qualche sistemista e ha trovato
          le istruzioni per compilare un software da riga
          di comando. Se la gente capisse quello che legge
          ci sarebbero meno problemi in tutti i campi,
          dagli incidenti stradali alle
          guerre.Non ho capito cosa vuoi dire
          • massimo scrive:
            Re: x decollare
            Come volevasi dimostrare...
          • Vista User scrive:
            Re: x decollare
            - Scritto da: massimo
            Come volevasi dimostrare...Stai all'okkio capito :@
          • massimo scrive:
            Re: x decollare
            Susu stavo scherzando... comunque intende che se la gente imparasse a capire invece che leggere velocemente e trarre conclusioni, molti problemi non esisterebbero neanche...
        • collione scrive:
          Re: x decollare
          - Scritto da: uno nessuno
          No, non ha provato. tutto regolare quindi, i troll parlano senza nemmeno sapere di cosa stanno parlando
    • uno nessuno scrive:
      Re: x decollare
      - Scritto da: VaDaPa
      linux secondo me per poter decollare deve poter
      installare le varie applicazioni con un
      clickL'installazione su GNU (Linux è il kernel, infatti siamo off topic) è più semplice che su Windows:* Su Windows devi scaricare un programma dal sito ufficiale, fare doppio click e rispondere alle domande dell'installer. Su GNU devi solo aprire Synaptic (o Adept), cliccare sul pacchetto che ti interessa e dare l'OK.* Per aggiornare un programma su Windows, devi reinstallarlo. Su GNU devi aprire il gestore degli aggiornamenti, dai l'ok, e si aggiorna tutto in una botta (compreso il sistema).* Per disinstallare su Windows devi cercare l'installer nel menù e, se non c'è, devi aprire Pannello di controllo -
      Installazione applicazioni. Su GNU è tutto centralizzato, apri Synaptic e fai due click.Anche su MacOS c'è un meccanismo simile, anche se non altrettanto comodo. In effetti nessun sistema operativo moderno è scomodo quanto Windows per quanto riguarda l'installazione dei programmi.
      • Funz scrive:
        Re: x decollare
        - Scritto da: uno nessuno
        - Scritto da: VaDaPa

        linux secondo me per poter decollare deve
        poter

        installare le varie applicazioni con un

        click

        L'installazione su GNU (Linux è il kernel,
        infatti siamo off topic) è più semplice che su
        Windows:
        * Su Windows devi scaricare un programma dal sito
        ufficiale, fare doppio click e rispondere alle
        domande dell'installer. Su GNU devi solo aprire
        Synaptic (o Adept), cliccare sul pacchetto che ti
        interessa e dare
        l'OK.
        * Per aggiornare un programma su Windows, devi
        reinstallarlo. Su GNU devi aprire il gestore
        degli aggiornamenti, dai l'ok, e si aggiorna
        tutto in una botta (compreso il
        sistema).
        * Per disinstallare su Windows devi cercare
        l'installer nel menù e, se non c'è, devi aprire
        Pannello di controllo -
        Installazione
        applicazioni. Su GNU è tutto centralizzato, apri
        Synaptic e fai due
        click.

        Anche su MacOS c'è un meccanismo simile, anche se
        non altrettanto comodo. In effetti nessun sistema
        operativo moderno è scomodo quanto Windows per
        quanto riguarda l'installazione dei
        programmi.Ma cosa dici, installare software su Linux è difficilissimo! ;)http://www.psychocats.net/ubuntucat/software-installation-in-linux-is-difficult/
      • pippo75 scrive:
        Re: x decollare


        L'installazione su GNU (Linux è il kernel,
        infatti siamo off topic) è più semplice che su
        Windows:vero se il programma è nel repository. vai a cercare info sui problemi che da ad esempio virtualbox.è cosi facile che ci sono dei veri tutorial per installarlo.
        * Su Windows devi scaricare un programma dal sito
        ufficiale, fare doppio click e rispondere alle
        domande dell'installer. Su GNU devi solo aprire
        Synaptic (o Adept), cliccare sul pacchetto che ti
        interessa e dare l'OK.sempre se è presente, altrimenti devi configurare i reposotory.
        * Per aggiornare un programma su Windows, devi
        reinstallarlo. molti dopo che apri il programma, devi rispondere si alla domanda "è presente una nuova versione, aggiornare?"Se usi programmi con winpenpack, non devi neanche installarli.da quanto anni non usi windows?
        Anche su MacOS c'è un meccanismo simile, anche se
        non altrettanto comodo. In effetti nessun sistema
        operativo moderno è scomodo quanto Windows per
        quanto riguarda l'installazione dei
        programmi.doppio click su un icona -
        avanti -
        avanti -
        fine dici che sia scomodo?comunque ritengo quello di OsX il modo più pulito.poi quando scopri che qualcosa non va, è normale scoprire che yum ti vorrebbe dire "There are unfinished transactions remaining. You might consider running yum-complete-transaction first to finish them"
        • Fai il login o Registrati scrive:
          Re: x decollare
          - Scritto da: pippo75
          vero se il programma è nel repository. vai a
          cercare info sui problemi che da ad esempio
          virtualbox.

          è cosi facile che ci sono dei veri tutorial per
          installarlo.VirtualBox è nei repo Debian non-free. Diciamo che quantomeno hai sbagliato esempio.
          sempre se è presente, altrimenti devi configurare
          i
          reposotory.E dov'è la difficoltà? Forse che è più semplice andare a cercare il file .exe, doppio click, ok, ok, ok (stando ben attenti a non dare l'ok anche quando ti propone di installare la solita barra opzionale che ti inchioda il browser). O forse è più semplice andare sul mulo a cercare il crack?

          molti dopo che apri il programma, devi rispondere
          si alla domanda "è presente una nuova versione,
          aggiornare?"

          Se usi programmi con winpenpack, non devi neanche
          installarli.Se vuoi aggiornare un programma portatile devi scaricare l'archivio, scompattarlo ed andare a sostituire la directory del programma avendo l'accortezza di non sostituire la directory User pena perdita di ogni dato/configurazione. Semplice vero?
          doppio click su un icona -
          avanti -

          avanti -
          fine dici che sia
          scomodo?Questione di abitudine. Per me è più scomodo di selezionare il programma e fare click su Installa.
          poi quando scopri che qualcosa non va, è normale
          scoprire che yum ti vorrebbe dire "There are
          unfinished transactions remaining. You might
          consider running yum-complete-transaction first
          to finish
          them"Non conosco Yum, con apt-get (su Debian) non ho mai avuto problemi.Ciao
          • pippo75 scrive:
            Re: x decollare


            installarlo.
            VirtualBox è nei repo Debian non-free. Diciamo
            che quantomeno hai sbagliato
            esempio.non esiste solo debian, se cerchi con google è pieno di persone che hanno problemi ad installarlo, coincidenza esistono molti siti che spiegano come farlo.
            E dov'è la difficoltà? Forse che è più semplice
            andare a cercare il file .exe, doppio click, ok,
            ok, ok (stando ben attenti a non dare l'ok anche
            quando ti propone di installare la solita barra
            opzionale che ti inchioda il browser). O forse è
            più semplice andare sul mulo a cercare il
            crack?coincidenza nessuno installa barre per opera.per quanto riguarda i crack basta usare SW originale oppure free.

            scoprire che yum ti vorrebbe dire "There are

            unfinished transactions remaining. You might

            consider running yum-complete-transaction
            first

            to finish

            them"
            Non conosco Yum, con apt-get (su Debian) non ho
            mai avuto problemi.infatti sto pensando di provare prima Ubuntu per poi passare a debian.Sembra che i .deb abbiano meno problemi degli .rpm.
          • Darwin scrive:
            Re: x decollare
            - Scritto da: pippo75
            non esiste solo debian, se cerchi con google è
            pieno di persone che hanno problemi ad
            installarlo, coincidenza esistono molti siti che
            spiegano come
            farlo.Se hai le distro con pacchetti personalizzati le trovi sul sito.Installi il pacchetto e funziona.Se usi il binario autoinstallante, lo esegui nel terminale e compili i moduli avviando il servizio di init.Ma di solito sono gli utenti Slackware, Arch e altre distro per utenti avanzati ad usare il file .run.
            coincidenza nessuno installa barre per opera.Nessuno usa Opera.È diverso.
            per quanto riguarda i crack basta usare SW
            originale oppure
            free.Seeee....ma l'utonto preferisce il fotosciop preso dal mulo.Mica può prendere un software free.
            infatti sto pensando di provare prima Ubuntu per
            poi passare a
            debian.
            Sembra che i .deb abbiano meno problemi degli
            .rpm.Questo è vero.
          • Darwin scrive:
            Re: x decollare
            - Scritto da: Fai il login o Registrati
            Non conosco YumIn tre parole:È 'na chiavica.Lascia perdere YUM. Meglio apt-get, pacman e yast2, come package manager per pacchetti precompilati.
        • collione scrive:
          Re: x decollare
          - Scritto da: pippo75
          vero se il programma è nel repository. vai abeh, pure su windows se il programma non è almeno un'exe e le librerie sono già installare, non vai da nessuna parte
          cercare info sui problemi che da ad esempio
          virtualbox.
          virtualbox? sarà da almeno 2 anni che non dà rogne
          sempre se è presente, altrimenti devi configurare
          i
          reposotory.
          non capisco il nessose installi gentoo allora te la configuri tu, se installi ubuntu allora è tutto prontotoh, ho fatto pure la rima :D

          Se usi programmi con winpenpack, non devi neanche
          installarli.
          winpenpack che non è installato di default su windowsquesta è la risposta inversa a quella di sopra? ovvero su linux non hai nemmeno la certezza di trovare il package manager, mentre su windows arriviamo direttamente a winpenpack?suvvia, siamo seri
          doppio click su un icona -
          avanti -

          avanti -
          fine dici che sia
          scomodo?
          dopo aver cercato l'installer per tutto il web però :D
          comunque ritengo quello di OsX il modo più pulito.

          concordo
          poi quando scopri che qualcosa non va, è normale
          scoprire che yum ti vorrebbe dire "There are
          unfinished transactions remaining. You might
          consider running yum-complete-transaction first
          to finish
          them"si ma questo accade dopo che si è verificato un errore
          • pippo75 scrive:
            Re: x decollare


            cercare info sui problemi che da ad esempio

            virtualbox.



            virtualbox? sarà da almeno 2 anni che non dà rogneParlo di Fedora 14, ho trovato di tutto ( grazie a google ) per problemi ad installarlo.

            doppio click su un icona -
            avanti -


            avanti -
            fine dici che sia

            scomodo?



            dopo aver cercato l'installer per tutto il web
            peròse conosci il nome del programma bastano pochi secondi con google.
            si ma questo accade dopo che si è verificato un
            erroresicuramente, non ricordo bene come accaduto, se non ricordo male in seguito all'installazione di alcuni aggiornamenti.
        • ZLoneW scrive:
          Re: x decollare
          - Scritto da: pippo75
          vero se il programma è nel repository. vai a
          cercare info sui problemi che da ad esempio
          virtualbox.?!? Su che OS? Ho installato VirtualBox OSE su Ubuntu (dai repository standard, nemmeno da quelli specifici) e non mi ha dato alcun problema.Ci ho pure montato le macchine virtuali create in precedenza con VMware Server - i guest system mi hanno fatto un po' sudare per rimpiazzare i driver e farli funzionare correttamente, ma l'host non mi ha creato problemi.
          sempre se è presente, altrimenti devi configurare
          i reposotory.Se parli di Ubuntu, basta un click, di solito...
          molti dopo che apri il programma, devi rispondere
          si alla domanda "è presente una nuova versione,
          aggiornare?"Ma devi farlo per ogni singolo programma, su Windows il concetto di repository non esiste, così come non esiste il concetto di aggiornamento completo di sistema operativo ed applicazioni in una sola operazione - a meno che non si abbiano installati solo i principali prodotti Microsoft, e anche così il procedimento richiede più tempo e quasi sicuramente un reboot.
          Se usi programmi con winpenpack, non devi neanche
          installarli.No, ma per aggiornarli tipicamente riscrivi tutto il WinPenPack. Un ulteriore aggiornamento da applicare a parte.The bottom line is: installazione, aggiornamento e soprattutto disinstallazione di sistema ed applicazioni Windows è il più macchinoso tra tutti i sistemi operativi più diffusi, siano essi OsX o Linux.Non c'è nemmeno un installer standard, per ciascuna applicazione puoi usare una pletora di tool, ciascuno diverso dagli altri.
          poi quando scopri che qualcosa non va, è normale
          scoprire che yum ti vorrebbe dire "There are
          unfinished transactions remaining. You might
          consider running yum-complete-transaction first
          to finish them"Capitato solo una volta in circa dieci anni e decine di sistemi, durante la configurazione di un server di qualche anno fa. Colpa di un database locale in fase avanzata di corruzione, è stato necessario aggiornare il FW.Più spesso non installa proprio perché i prerequisiti non sono soddisfatti, tipica indicazione di repository non ancora allineati. "Ripassi più tardi, signo'...".Mi è sucXXXXX una volta anche con Ubuntu, in tre anni e sette-otto desktop, che non riuscisse a soddisfare i requisiti.
        • Darwin scrive:
          Re: x decollare
          - Scritto da: pippo75
          sempre se è presente, altrimenti devi configurare
          i
          reposotory.Su Ubuntu ci sono i PPA che si installano con pochi click.
          molti dopo che apri il programma, devi rispondere
          si alla domanda "è presente una nuova versione,
          aggiornare?"Mi è capitato solo con PlayOnLinux preso dal repository.
          Se usi programmi con winpenpack, non devi neanche
          installarli.Peccato che VirtualBox non mi pare sia portable.
          doppio click su un icona -
          avanti -

          avanti -
          fine dici che sia
          scomodo?Su Ubuntu doppio click su un pacchetto e premi installa.Direi...di SI. È più scomodo il metodo windowsiano.
          comunque ritengo quello di OsX il modo più pulito.Dipende.È vantaggioso da una parte, ma svantaggioso dall'altra.Comunque se lo vuoi, basta che installi un clone di Cocoa e installi quel tipo di app.
          poi quando scopri che qualcosa non va, è normale
          scoprire che yum ti vorrebbe dire "There are
          unfinished transactions remaining. You might
          consider running yum-complete-transaction first
          to finish
          them"Che youm faccia schifo è risaputo.
    • Darwin scrive:
      Re: x decollare
      - Scritto da: massimo
      Beh devo dire che Ubuntu è abbastanza punta e
      clicca... anche se fatico a definirlo GNU/Linux
      :sPure io.infatti tendo a non considerarla, anche se il volume d'utenza rispetto alle altre la rende MOLTO considerabile.
    • uno dei tanti scrive:
      Re: x decollare
      basta che tutti i giochi che escano in commercio sono compatibili con linux ....cosa che non vedo molto fattibile ......so che ci sono vari modi per farli girare, ma devano essere compatibili nativamente, in pochi anni prende delle fette di mercato impensabili
  • uno nessuno qualcuno scrive:
    Novità nel kernel
    Come al solito Lucy non ha capito niente e ha divagato, spendendo milioni di parole sulla numerazione delle versioni e altre questioni che forse non interessano nemmeno a Linus Torvald, figuriamoci a noi.Le novità del kernel, sulle quali Lucy non può dire nulla perchè o non sa l'inglese o non sa cosa sia un computer (o entrambi) principalmente riguardano:- deframmentazione automatica- cache della memoria rapido, non direttamente accessibile dal kernel- incremento delle performance di rete significativi, soprattutto per i pacchetti udp e i socket (ma non solo)- risparmio energetico, con "risveglio" quando si riceve un pacchetto dal wireless- timer che "svegliano" il sistema se è sospeso- miglior gestione dei namespace delle varie risorseE poi, come è assolutamente ovvio, c'è il supporto agli hardware più moderni, cioè l'unica cosa che Lucy ha più o meno capito.Lucy, se prometti di smettere di scrivere di informatica, alle prossime elezioni ti voto. Nonostante tutto ti preferisco al Senato che a Punto Informatico.
    • iRoby scrive:
      Re: Novità nel kernel
      - Scritto da: uno nessuno qualcuno
      Lucy, se prometti di smettere di scrivere di
      informatica, alle prossime elezioni ti voto.
      Nonostante tutto ti preferisco al Senato che a
      Punto Informatico.+1 voto anche da parte mia... (rotfl)
    • Sgabbio scrive:
      Re: Novità nel kernel
      Hai osato criticare un redattore di punto informatico! Adesso verrai moderato!
      • Linuxaro scrive:
        Re: Novità nel kernel
        - Scritto da: Sgabbio
        Hai osato criticare un redattore di punto
        informatico! Adesso verrai
        moderato!ahahahahahah XDLe novità cmq sono poche e Linux ha ancora molti bachi da risolvere (per esempio quello del consumo eccessivo della batteria).
        • uno qualcuno nessuno scrive:
          Re: Novità nel kernel
          - Scritto da: Linuxaro
          Le novità cmq sono poche e Linux ha ancora molti
          bachi da risolvere (per esempio quello del
          consumo eccessivo della
          batteria).Beh no dai, i bug veri e propri non sono mai stati molti (in rapporto alle dimensioni del software, intendo).Il consumo è un problema, questo è proprio vero. Però in teoria dovrebbe migliorare un po' con la nuova versione. Vedremo!
          • Linuxaro scrive:
            Re: Novità nel kernel
            - Scritto da: uno qualcuno nessuno
            Beh no dai, i bug veri e propri non sono mai
            stati molti (in rapporto alle dimensioni del
            software,
            intendo).Sì è vero, non sono molti, non sono gravi, ma ci sono. E secondo me non ci vorrà molto prima che diventi un bel OS pulito (o quasi).Il vero problema che ha Linux è il poco supporto hardware: l'impegno delle aziende a rilasciare i driver (o almeno le caratteristiche tecniche dell'hardware) è ancora troppo poco, anche se migliore rispetto a qualche anno fa. Linux infatti gira correttamente sul 70 % delle macchine, ma il restante 30% (parlo di pc, non dispositivi mobili o server)?Inoltre, altro problema che Linux deve affrontare, in presenza di un monopolista come M$, vedo difficile una concorrenza ad armi pari. L'utente, oggi, non ha scelta. Il pc te lo devi comprare con windows. L'EULA la puoi rifiutare, ma rischi una battaglia legale costosa con il produttore del pc (e ci sono state alcune volte che il giudice ha dato torto all'utente, basta vedere il fatto che è sucXXXXX con l'HP). Questo porta ad una conseguenza gravissima: l'utente non conosce le alternative.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 luglio 2011 17.35-----------------------------------------------------------
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Novità nel kernel

            L'utente, oggi, non ha scelta. Il pc te lo devi
            comprare con windows. L'EULA la puoi rifiutare,
            ma rischi una battaglia legale costosa con il
            produttore del pc (e ci sono state alcune volte
            che il giudice ha dato torto all'utente, basta
            vedere il fatto che è sucXXXXX con l'HP).Dipende da dove compri il pc. Se lo compri al supermercato, hai ragione. Ma se compri un assemblato in un negozio di computer, ti basta dire al negoziante che sistema operativo vuoi che ti installi, e lui ti accontenta. Io ho fatto così.
          • Darwin scrive:
            Re: Novità nel kernel
            - Scritto da: uno nessuno
            Se
            poi non volessi GNU/Linux ma un sistema *BSD, non
            troverai mai un negoziante illuminato che te lo
            installi.Scusami, ma se uno vuole provare un'esperienza BSD, credo che il chiedere all'amico esperto o al negoziante di preinstallarlo non sia un buon inizio. Meglio sbattere la testa da soli, tanto l'handbook è fornitissimo di particolari e soprattutto altamente illuminante. Inoltre nel DVD dovrebbe esserci dell'adeguata documentazione che ti permetterebbe di installare il sistema senza troppa fatica.Forse la configurazione post-installazione è una parte più rognosa, però non è niente di assolutamente impossibile, senza contare che c'è San Google O)
          • topolinik scrive:
            Re: Novità nel kernel
            - Scritto da: Darwin
            Scusami, ma se uno vuole provare un'esperienza
            BSD, credo che il chiedere all'amico esperto o al
            negoziante di preinstallarlo non sia un buon
            inizio. Meglio sbattere la testa da soli, tanto
            l'handbook è fornitissimo di particolari eScusa tu ma devo riportarti coi piedi per terra e la testa in Italia. Quanti utenti conosci che vogliono "sbatterci la testa"? Io nessuno.L'utente vuole cliccare, e tutto deve funzionare.Altro che sbatterci la testa, questo lo facciamo noi che siamo "del settore" (perché ne riconosciamo il valore) ma nessun altro.
          • Darwin scrive:
            Re: Novità nel kernel
            - Scritto da: topolinik
            Scusa tu ma devo riportarti coi piedi per terra e
            la testa in Italia. Quanti utenti conosci che
            vogliono "sbatterci la testa"? Io
            nessuno.Neanche io.Infatti non consiglierei mai FreeBSD. Figurarsi NetBSD o OpenBSD. :S
            L'utente vuole cliccare, e tutto deve funzionare.E allora meglio lasciarli a Windows.
            Altro che sbatterci la testa, questo lo facciamo
            noi che siamo "del settore" (perché ne
            riconosciamo il valore) ma nessun
            altro.Appunto.Infatti i sistemi UNIX sono e saranno sempre per quella nicchia volenterosa.PS: Che poi FreeBSD lo configuri e l'hai reso un sistema desktop completo in meno di un oretta è un altro paio di maniche. Ma questo rimane solo per chi lo conosce.
          • AMEN scrive:
            Re: Novità nel kernel
            - Scritto da: Linuxaro
            L'utente, oggi, non ha scelta. Il pc te lo devi
            comprare con windows. Ma anche no. Vendo pc hp senza os, li trovi tranquillamente....
          • uno qualcuno scrive:
            Re: Novità nel kernel
            Vabbè, sono contento che li vendi, ma non li trovi proprio in qualsiasi negozio e di qualsiasi marca, devi ammetterlo...E poi, quanta gente compra un pc senza sistema operativo? Tanti hanno paura che quando inseriscono il cd di Ubuntu il computer esploda...
        • collione scrive:
          Re: Novità nel kernel
          consumo eccessivo della batteria che non supera quello di windows 7 però :Di cambiamenti non sono pochi, è che la maggior parte sono fix https://lkml.org/lkml/2011/7/21/455del resto non è una bella cosa stravolgere tutto ad ogni versione per poi ritrovarsi con incompatibilità api/abi
    • AMEN scrive:
      Re: Novità nel kernel
      - Scritto da: uno nessuno qualcuno

      Le novità del kernel, sulle quali Lucy non può
      dire nulla perchè o non sa l'inglese o non sa
      cosa sia un computer (o entrambi) principalmente
      riguardano:
      - deframmentazione automatica??Ma linux non era quello che non frammentava :-P
      • collione scrive:
        Re: Novità nel kernel
        mmmm perchè linux è un filesystem?ext4 è arrivato al 4% dopo un anno di uso serverla deframmentazione in questione è una feature aggiunta a btrfs oltretutto, quindi non c'entra un tubo con le attuali installazioni linux in uso
    • attonito scrive:
      Re: Novità nel kernel

      Lucy, se prometti di smettere di scrivere di
      informatica, alle prossime elezioni ti voto.
      Nonostante tutto ti preferisco al Senato che a
      Punto Informatico.Qui lo pagano gli inserzionisti , al senato lo doveremmo pagare noi. No, grazie, meglio qua a sparare "opinioni personali" che al senato.
    • pluto scrive:
      Re: Novità nel kernel
      La deframmentazione automatica e' disattivabile vero?
      • Bad Sapper scrive:
        Re: Novità nel kernel
        - Scritto da: pluto
        La deframmentazione automatica e' disattivabile
        vero?Si, da opzione di mount.Però non devi pensare che la deframmentazione automatica sia il defrag di Windows che parte mentre lavori, è solo il file system che rialloca i blocchi per i cavoli suoi mentre salvi i files.
  • pocomolto scrive:
    Ne resterà soltanto uno!
    http://www.webnews.it/video/microsoft-manda-gli-auguri-a-linux/...e poi, una volta che ci avrà messo le mani sopra...Come MicroSoft con Skype;Come Oracle con Sun;Come Oracle con OpenOffice;Come Oracle con MySql;Come Oracle con Java.kernel panic
    • Pruriginoso scrive:
      Re: Ne resterà soltanto uno!
      Comunque hai spianato le palle con sto XXXXX di link.L'HAI POSTATO 600 VOLTE. BASTA! :@
      • monocellula re scrive:
        Re: Ne resterà soltanto uno!
        - Scritto da: Pruriginoso
        Comunque hai spianato le palle con sto XXXXX di
        link.
        L'HAI POSTATO 600 VOLTE. BASTA! :@quindi ora sono diventati due dischetti?
      • ruqqolo scrive:
        Re: Ne resterà soltanto uno!
        - Scritto da: Pruriginoso
        Comunque hai spianato le palle con sto XXXXX di
        link.
        L'HAI POSTATO 600 VOLTE. BASTA! :@Quoto
    • nessuno scrive:
      Re: Ne resterà soltanto uno!
      Certo che ne scrivi di XXXXXXXte.- Scritto da: pocomolto
      http://www.webnews.it/video/microsoft-manda-gli-au

      ...e poi, una volta che ci avrà messo le mani
      sopra...Sará sotto stretto controllo.

      Come MicroSoft con Skype;
      Come Oracle con Sun;
      Come Oracle con OpenOffice;Che dovrebbe succedere ? Oracle non ha mica potuto fermare la nascita di Libre Office.L'alternativa open source ad office é sempre viva.
      Come Oracle con MySql;Forse in futuro, per il momento ancora non é sucXXXXX niente. In ogni caso le alternative open ci sono.
      Come Oracle con Java.Le XXXXXXX di Oracle hanno fatto una pessima pubblicitá a Java. Peró rimane il linguaggio piú usato é ha retto i danni. Oltretutto dietro a Java ci sono anche IBM e SAP.

      kernel panic
      • uno nessuno qualcuno scrive:
        Re: Ne resterà soltanto uno!


        Come Oracle con MySql;

        Forse in futuro, per il momento ancora non é
        sucXXXXX niente. In ogni caso le alternative open
        ci
        sono.E' sucXXXXX che MySQL era il dbms più stabile ed è diventato il meno stabile, non da quando l'ha acquisito Oracle, ma da prima, quando l'ha preso Sun.Però ora c'è il fork MariaDB. Gli sviluppatori più importanti di MySQL, e anche una buona fetta di quelli meno importanti, sono passati lì. Hanno fatto un lavoro pazzesco per migliorare l'ottimizzatore, hanno risolto molti bug, hanno reso più rapide molte istruzioni e hanno aggiunto funzionalità che probabilmente in MySQL non si vedranno mai (colonne virtuali, colonne dinamiche, storage engine ottimi, segmentazione della cache delle chiavi di MyISAM, e molto altro).Lo sviluppo di MySQL, miracolosamente, continua lo stesso, ma comunque tutte le modifiche significative al codice vengono importate in MariaDB.Parlare ancora di MySQL è anacronistico.
    • Matteo Italia scrive:
      Re: Ne resterà soltanto uno!
      - Scritto da: pocomolto
      http://www.webnews.it/video/microsoft-manda-gli-au

      ...e poi, una volta che ci avrà messo le mani
      sopra...... molto banalmente, non ci potrà "mettere le mani sopra", è codice coperto da licenza GPL, pensata apposta per evitare problemi del genere. Qualunque modifica deve essere rilasciata pubblicamente di nuovo sotto licenza GPL.
      • Linuxaro scrive:
        Re: Ne resterà soltanto uno!
        - Scritto da: Matteo Italia
        - Scritto da: pocomolto


        http://www.webnews.it/video/microsoft-manda-gli-au



        ...e poi, una volta che ci avrà messo le mani

        sopra...
        ... molto banalmente, non ci potrà "mettere le
        mani sopra", è codice coperto da licenza GPL,
        pensata apposta per evitare problemi del genere.
        Qualunque modifica deve essere rilasciata
        pubblicamente di nuovo sotto licenza
        GPL.Quoto tutto, anche se un SO ibrido tra Linux e Windows, secondo me, sarebbe la rivoluzione. Poi per la compatibilità dei programmi, M$ può rendere lo sviluppo di Wine migliore di quanto lo è già. Non pensiamo che Microsoft = male. Pensateci.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Ne resterà soltanto uno!

          Non pensiamo che Microsoft = male.Infatti. Microsoft riesce a tirar fuori anche idee interessanti, come questo algoritmo per aumentare la risoluzione di una immagine:http://research.microsoft.com/en-us/um/people/kopf/pixelart/Spero di vedere presto le prime implementazioni.
          • collione scrive:
            Re: Ne resterà soltanto uno!
            spero che non sia stato scopiazzato da qualche altro brevetto come il kinect :D
        • luca scrive:
          Re: Ne resterà soltanto uno!
          Già con l'utilizzo di mono la portabilità tra win, linux e mac é assicurata. Io sono circa 2 anni che lo uso e riesco a programmare su una piattaforma ed eseguire su tutte sia da Monodevelop che da Visual Studio.Riguardo alla GPL, Android e Webkit hanno dimostrato che fatta la legge si trova la scappatoia per aggirarla. Penso che bisognarebbe preoccuparsi di altre aziende invece di MS, alla fine anche se uno non condivide le scelte loro si fanno tutto in casa, non fanno come altri che prendono il software libero, lo impacchettano e te lo rivendono e dopo ti dicoino "per evitare che il software funzioni bene, non te lo facciamo più modificare"
          • collione scrive:
            Re: Ne resterà soltanto uno!
            mmm ok, personalmente trovo fastidioso il fatto che mono sia sempre indietro di qualche versione rispetto a .net e che ms non fornisca direttamente codicevabbè, tralasciamoil nodo rimangono i brevetti e ms nella sua community promise ha tenuto astutamente fuori le tecnologie chiave dietro il clrin pratica se e quando mono dovesse diffondersi ci dobbiamo aspettare denunce in stile ms vs htc?
        • collione scrive:
          Re: Ne resterà soltanto uno!
          - Scritto da: Linuxaro
          è già. Non pensiamo che Microsoft = male.
          Pensateci.non sarà il male ma si comporta malefinchè non la smetteranno di sparare fud su linux, denunciare i produttori di smartphone android e non accetteranno di sottoscrivere gli accordi sui brevetti dell'OIN
      • uno nessuno scrive:
        Re: Ne resterà soltanto uno!
        - Scritto da: Matteo Italia
        - Scritto da: pocomolto


        http://www.webnews.it/video/microsoft-manda-gli-au



        ...e poi, una volta che ci avrà messo le mani

        sopra...
        ... molto banalmente, non ci potrà "mettere le
        mani sopra", è codice coperto da licenza GPL,
        pensata apposta per evitare problemi del genere.
        Qualunque modifica deve essere rilasciata
        pubblicamente di nuovo sotto licenza
        GPL.Questo è vero, ma devi considerare che ogni software che sia più semplice di una calcolatrice viola, anche involontariamente, una moltitudine di brevetti. Negli USA brevettano qualsiasi cosa, è una specie di malattia mentale che ammorba i già deboli cervelli nordamericani. Per non violare brevetti non dovresti fare niente. E se li violi, puoi essere ricattato.
        • collione scrive:
          Re: Ne resterà soltanto uno!
          si ma bisogna vedere se il brevetto reggeil fatto che l'uspto ti permetta di brevettare il ciclo for, non implica automaticamente che da quel momento in poi tutti dovranno pagarti le royalties per usare il ciclo forlinux pesca moltissimo dal mondo unix ( e quella è prior art ) ed inoltre viene sviluppato da società che di brevetti ne hanno parecchi pure lorose pensi che ibm è il più grande produttore di innovazione in campo elettronico e informatico, si capisce che linux è in una botte di ferro
  • andreagx scrive:
    Manica di ignoranti
    Raga, come professionista uso sia Linux che Win.Però una cosa la devo proprio dire, qui su punto informatico probabilmente nessuno di quelli che ha commentato qui ha la benchè minima idea di quello che scrive, motivo per cui si evince che nessuno è in grado di capire che sia Linux che Win o qualsiasi altro OS ha i propri vantaggi e svantaggi ed i propri problemi di sicurezza. Prima di scrivere per una MAZZA provate ad usare i neuroni che vi sono stati donati dalle vostre madri per pensare che se magari ci fossero stati Linux o Mac OSX sul 95% dei PC esistenti al mondo .. probabilmente sarebbe servito un antivirus se non peggio. Non è difficile capire che più aumententano i numeri e più aumentano gli interessi leciti e NON. Non andiamo nemmeno a toccare il discorso frammentazione delle DISTRO. Cari ottusi e ignoranti informatici, vi ricordo che gli ultimi TARGET di famosi gruppi di allegri Hacker non erano di certo tutti Windows.La morale è che invece di scrivere bagianate, sarebbe meglio se lor signori espertoni andaste a capire che cos'è un Kernel e cos'è la sicurezza informatica. ... A già ma qui ci sono dei geni che usano UBUNTU per andare a vedere i XXXXX e siccome non serve l'antivirus allora sono al sicuro. ROTFL-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 luglio 2011 17.28-----------------------------------------------------------
    • Matteo Italia scrive:
      Re: Manica di ignoranti
      Amen. Sono mesi che lo ripeto, ma apparentemente la capacità di comprensione di troll e fanboy (di ogni fazione) va poco oltre "il sistema X è più figo degli altri"/"il sistema Y fa XXXXXX".
    • Darwin scrive:
      Re: Manica di ignoranti
      Perchè tu credi che i cracker che creano il virus siano i soliti ragazzetti brufolosi che vogliono gioire dei danni altrui?ROTFL...I cracker seri hanno ben altro di cui occuparsi, piuttosto che infilarti Alureon per XXXXXXX il tuo MBR.Prova a pensare invece che i malware sono quasi sicuramente creati dalle multinazionali che hanno interesse a salvaguardare il proprio business.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 luglio 2011 21.54-----------------------------------------------------------
      • Matteo Italia scrive:
        Re: Manica di ignoranti
        Ma questo cosa c'entra? :S
        • Darwin scrive:
          Re: Manica di ignoranti
          "Prima di scrivere per una MAZZA provate ad usare i neuroni che vi sono stati donati dalle vostre madri per pensare che se magari ci fossero stati Linux o Mac OSX sul 95% dei PC esistenti al mondo .. probabilmente sarebbe servito un antivirus se non peggio. Non è difficile capire che più aumententano i numeri e più aumentano gli interessi leciti e NON."
          • Matteo Italia scrive:
            Re: Manica di ignoranti
            Personalmente ritengo che ci sia in giro sufficiente malware da solo senza che ci sia bisogno che i produttori di antivirus ci diano spinte...I virus da adolescenti annoiati ormai sono roba del passato, la stragrande maggioranza delle minacce che si incontrano attualmente hanno fini economici, in genere rendere il computer parte di una botnet per poi "affittarla" a terzi per invio di spam/phishing, attacchi DDOS e altre amenità.
      • commento scrive:
        Re: Manica di ignoranti
        - Scritto da: Darwin
        Perchè tu credi che i cracker che creano il virus
        siano i soliti ragazzetti brufolosi che vogliono
        gioire dei danni
        altrui?

        ROTFL...

        I cracker seri hanno ben altro di cui occuparsi,
        piuttosto che infilarti Alureon per XXXXXXX il
        tuo
        MBREh beh certo, chi glielo fa fare ai cracker "seri" di rubare centinaia di milioni di Euro in giro per il mondo... hanno altro a cui pensare, loro... ROTFL. Ma tu hai una vaga idea di quello di cui parli?
        Prova a pensare invece che i malware sono quasi
        sicuramente creati dalle multinazionali che hanno
        interesse a salvaguardare il proprio
        businessROTFL, quindi secondo te i malware li creano le multinazionali con migliaia di impiegati che possono cambiare lavoro da un momento all'altro, e nessuno nè quando ci lavora nè quando ne esce dice MAI niente? Altro che mafia, l'omertà che esiste nelle multinazionali del software dev'essere qualcosa di mostruoso.
        • Darwin scrive:
          Re: Manica di ignoranti
          - Scritto da: commento
          Eh beh certo, chi glielo fa fare ai cracker
          "seri" di rubare centinaia di milioni di Euro in
          giro per il mondo... hanno altro a cui pensare,
          loro... ROTFL.Certo perchè si sa che nei computer di casa la gente tiene salvati tutti i dati relativi ai conti correnti.Toh...e io che pensavo che stessero nei server delle banche...
          Ma tu hai una vaga idea di quello
          di cui
          parli?Io si. Tu?Se credi ancora a quello che ti propina la televisione è un tuo problema. Non mio.
          ROTFL, quindi secondo te i malware li creano le
          multinazionali con migliaia di impiegati che
          possono cambiare lavoro da un momento all'altro,
          e nessuno nè quando ci lavora nè quando ne esce
          dice MAI niente? Altro che mafia, l'omertà che
          esiste nelle multinazionali del software
          dev'essere qualcosa di
          mostruoso.Mai sentito parlare di accordi commerciali?E di Security Trough Obscurity?Sai quante backdoor potrebbero essere state lasciate appositamente nel software proprietario, per permettere a chi di dovere di penetrare nel tuo sistema?Sei proprio ingenuo, caro...
    • uno nessuno qualcuno scrive:
      Re: Manica di ignoranti
      - Scritto da: andreagx
      interessi leciti e NON. Non andiamo nemmeno a
      toccare il discorso frammentazione delle DISTRO.Sì, ok, anche a me dà fastidio il tifo da ultras per un sistema operativo mascherato da discorsi tecnici.Anche il discorso sui virus è oggettivamente vero, anche se non tieni conto del fatto che Linux è più diffuso di Windows in ambito server.Detto questo, puoi spiegarmi perchè la frammentazione delle distro sarebbe un problema?Io la vedo così:- Se uno non sa quale distro usare, può sceglierne una a caso tra le più diffuse: andrà benissimo.- In realtà nessuno si trova nella situazione di scegliere quale distro usare: tutti usano Ubuntu, e a livello pratico va benissimo.- Se uno si pone il problema, vuol dire che sta mettendo su un server. In questo caso la sua scelta sarà orientata verso Red Hat/CentOS o vero Debian, e in entrambi i casi va bene.- Se poi uno ha esigenze particolari o più semplicemente è un nerd, può fare qualche ricerca su internet e, grazie a Distro Watch e altri ottimi siti, troverà qualcosa che fa per lui.Le distro sono una possibilità in più che su altri sistemi operativi non esistono, non un ostacolo. Mi stupisco che tu, che affermi di conoscere GNU/Linux, trovi un qualsivoglia lato negativo nel poter scegliere.
      • ZLoneW scrive:
        Re: Manica di ignoranti
        - Scritto da: uno nessuno qualcuno
        Sì, ok, anche a me dà fastidio il tifo da ultras
        per un sistema operativo mascherato da discorsi
        tecnici.Siamo d'accordo su questo. Però:
        Anche il discorso sui virus è oggettivamente
        vero, anche se non tieni conto del fatto che
        Linux è più diffuso di Windows in ambito
        server.... dire che sia solo la diffusione di un sistema operativo a giustificare su di esso la presenza di virus in misura infinitamente maggiore (in realtà, quasi esclusiva)rispetto a qualsiasi altro sistema meno diffuso, e per di più sostenere che si tratta di un'affermazione oggettivamente vera, mi sembra strumentale e/o ingenuo. :)Non è solo una questione di diffusione, ma anche e soprattutto di architettura e di metodologia di sviluppo.
        Le distro sono una possibilità in più che su
        altri sistemi operativi non esistono, non un
        ostacolo.Assolutamente sacrosanto.
    • Andreabont scrive:
      Re: Manica di ignoranti
      Personalmente non direi mai che Linux è "sicuro" e Windows no. Ma, sapendo come sono stati progettati, posso dirti che la sicurezza sei sistemi *NIX è maggiore rispetto a quelli NT.Principalmente è una questione riguardante la gestione dei processi, degli utenti e dei loro permessi e di come è strutturato il kernel.Poi, ovvio, i bug esisteranno sempre, su qualsiasi sistema, ma se certi bug possono essere chiusi nei sistemi GNU/Linux, come avviene ogni giorno, alcuni bug strutturali dei sistemi NT non possono essere patchati. Per risolvere devi aspettare una nuova versione del sistema operativo, sperando che abbiano risolto.Conosco dei buchi ci si portano avanti da tempo. Buchi presenti anche in Windows 7, che spero vengano risolti in Windows 8...
    • Sgabbio scrive:
      Re: Manica di ignoranti
      perchè notoriamente tutti i siti XXXXX sono veicoli di malware...
    • Sgabbio scrive:
      Re: Manica di ignoranti
      perchè notoriamente tutti i siti XXXXX sono veicoli di malware...
      • Kellner scrive:
        Re: Manica di ignoranti
        Apposta per guardare siti XXXXX uso la mia macchina virtuale Linux.- Scritto da: Sgabbio
        perchè notoriamente tutti i siti XXXXX sono
        veicoli di
        malware...
        • user_ scrive:
          Re: Manica di ignoranti
          ti posso dire che io guardo molti siti XXXXX ne ho una gran culllltura e succede che o vado sempre in quelli che conosco che hanno sempre roba nuova gratis tutti i giorni e allora niente virus oppure quando vado alla ricerca di nuovi siti e mi capita di scaricare ad esempio 100 file da 100 siti come uporn diversi capita che il mitico antivirus microsoft security essentials sempre acceso con anche ad-aware mi avverte che ha rilevato un virus e chiede se pulire la cache e distruggere il virus ,così facendo non ho mai virus nè spyware e ho firefox aggiornato, inoltre anche con i file crackati il piu' delle volte sono falsi allarmi e non ci sono virus.
          • uno nessuno scrive:
            Re: Manica di ignoranti
            - Scritto da: user_
            ti posso dire che io guardo molti siti XXXXX ne
            ho una gran culllltura e succede che o vado
            sempre in quelli che conosco che hanno sempre
            roba nuova gratis tutti i giorni e allora niente
            virus oppure quando vado alla ricerca di nuovi
            siti e mi capita di scaricare ad esempio 100 file
            da 100 siti come uporn diversi capita che il
            mitico antivirus microsoft security essentials
            sempre acceso con anche ad-aware mi avverte che
            ha rilevato un virus e chiede se pulire la cache
            e distruggere il virus ,così facendo non ho mai
            virus nè spyware e ho firefox aggiornato, inoltre
            anche con i file crackati il piu' delle volte
            sono falsi allarmi e non ci sono
            virus.Straordinario!!!! L'unico segno di punteggiatura è una virgola messa male!!! Vabbè che più che leggere guardi le figure, però dai... :D
          • Funz scrive:
            Re: Manica di ignoranti
            - Scritto da: uno nessuno

            Straordinario!!!! L'unico segno di punteggiatura
            è una virgola messa male!!! Vabbè che più che
            leggere guardi le figure, però dai...
            :DDai, per uno che scrive con una mano sola mentre guarda un pornello nell'altra finestra, non è scritto male :p
        • Sgabbio scrive:
          Re: Manica di ignoranti
          ehh soluzione molto pratica...
        • nome e cognome scrive:
          Re: Manica di ignoranti
          - Scritto da: Kellner
          Apposta per guardare siti XXXXX uso la mia
          macchina virtuale
          Linux.Guarda che cosi' ti escono solo i filmati per gay, i siti XXXXX riconoscono il sistema operativo e si adattano ...
    • rb1205 scrive:
      Re: Manica di ignoranti
      Mi inchino di fronte a cotanto professionista, che da messaggi di due righe o poco più riesce a valutare la preparazione informatica di qualunque perfetto sconosciuto. Le suggerisco di abbandonare il mestiere che sta facendo al momento e di darsi alla magia, mi sembra molto portato.
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Manica di ignoranti
      - Scritto da: andreagx
      Raga, come professionista uso sia Linux che Win.
      Però una cosa la devo proprio dire, qui su punto
      informatico probabilmente nessuno di quelli che
      ha commentato qui ha la benchè minima idea di
      quello che scrive, motivo per cui si evince che
      nessuno è in grado di capire che sia Linux che
      Win o qualsiasi altro OS ha i propri vantaggi e
      svantaggi ed i propri problemi di sicurezza.non è vero... Windows fa schifo.
      Prima di scrivere per una MAZZA provate ad usare
      i neuroni che vi sono stati donati dalle vostre
      madri per pensare che se magari ci fossero stati
      Linux o Mac OSX sul 95% dei PC esistenti al mondo
      .. probabilmente sarebbe servito un antivirus se
      non peggio.questa è una teoria infallibile visto che non può essere provata, giusto?
      Non è difficile capire che più
      aumententano i numeri e più aumentano gli
      interessi leciti e NON. Non andiamo nemmeno a
      toccare il discorso frammentazione delle DISTRO.
      Cari ottusi e ignoranti informatici, vi ricordo
      che gli ultimi TARGET di famosi gruppi di allegri
      Hacker non erano di certo tutti
      Windows.
      La morale è che invece di scrivere bagianate,
      sarebbe meglio se lor signori espertoni andaste a
      capire che cos'è un Kernel e cos'è la sicurezza
      informatica. ... A già ma qui ci sono dei geni
      che usano UBUNTU per andare a vedere i XXXXX e
      siccome non serve l'antivirus allora sono al
      sicuro.
      ROTFLse sei un tale esperto di informatica, potresti mettere le tue conoscenze al servizio della comunità, creando virus e malware per Ubuntu e OS X e segnalando le falle... dovrebbe essere facile visto che la sicurezza di linux e unix dipendono solo dalla loro scarsa diffusione.
    • collione scrive:
      Re: Manica di ignoranti
      hai mai riflettuto su una cosa?android ha un market share da paura nel suo settore ed è afflitto da malwaretuttavia si tratta solo di trojan e nessuno exploit da remototi dice qualcosa? se vai a guardare sui vari siti del cert, symantec, ecc... nei loro db sulle vulnerabilità, noterai che windows ha il 57% di vulnerabilità sfruttabili da remoto mentre linux solo il 7%ti dice qualcosa? spero di si!!! del resto sei intelligente no!?!
      • hermanhesse scrive:
        Re: Manica di ignoranti
        - Scritto da: collione
        hai mai riflettuto su una cosa?

        android ha un market share da paura nel suo
        settore ed è afflitto da
        malwareOk.

        tuttavia si tratta solo di trojan e nessuno
        exploit da
        remotoTecnicamente non è proprio così: si tratta comunque di exploit in locale che "rootano" il sistema.

        ti dice qualcosa? se vai a guardare sui vari siti
        del cert, symantec, ecc... nei loro db sulle
        vulnerabilità, noterai che windows ha il 57% di
        vulnerabilità sfruttabili da remoto mentre linux
        solo il
        7%

        ti dice qualcosa? spero di si!!! del resto sei
        intelligente
        no!?!Mah, io dico la mia: un po' ha ragione, anche se si è espresso trolleggiando. La differenza forse più importante è che su Linux i buchi exploitabili vengono corretti in...subito? Mentre in Windows (ma anche in OSX, spesso e volentieri) si aspetta...
    • lol scrive:
      Re: Manica di ignoranti

      7) Continua pure, ma informati meglio prima.sicuramente anche win ha i suoi metodi di protezione (acl, fw, uac e altri), ma la sua debolezza è di tipo progettuale, non essendo aperto qualsiasi falla non può essere sistemata ne scoperta dal sorgente, inoltre la chiusura di queste viene attuata da una cerchia ristretta (programmatori ms) e segue politiche di mercato quindi se non è redditizio o scottante non viene chiusa.su linux chiunque scopra una falla può chiuderla e mandare una patch.da qui: con un numero sufficiente di occhi tutti i bug vengono a galla.
  • pocomolto scrive:
    ALLA REDAZIONE
    Per favore, dovreste riscrivere il programma che modera i messaggi.NON HO SCRITTO NULLA DI OFFENSIVONON HO SCRITTO NULLA FUORI TEMA, ANZI, SPESSO NEI MIEI POST TENTO DI DARE INFO TECNICHE O NOTIZIE CHE, SPERO O CREDO, POSSANO ESSERE UTILI.NON USO M A I TURPILOQUI, PERCHE' NON E' NELLA MIA CULTURA:EPPURE HO TRE AVVISI DI MODERAZIONE E GIA' NE HO RICEVUTI ALTRI SETTE IN MENO DI UN MESE.Avete seri problemi nel software.Distinti Saluti.
    • Darwin scrive:
      Re: ALLA REDAZIONE
      Non è un programma che modera i messaggi.Sono loro che li moderano su richiesta.Se io mando una mail alla redazione dicendo che il messaggio di tizio viola la policy, loro lo moderano a prescindere, senza nemmeno leggerlo.
      • monocellula re scrive:
        Re: ALLA REDAZIONE
        - Scritto da: Darwin
        Non è un programma che modera i messaggi.
        Sono loro che li moderano su richiesta.

        Se io mando una mail alla redazione dicendo che
        il messaggio di tizio viola la policy, loro lo
        moderano a prescindere, senza nemmeno
        leggerlo.che bella cosa!
      • uno nessuno scrive:
        Re: ALLA REDAZIONE
        - Scritto da: Darwin
        Non è un programma che modera i messaggi.
        Sono loro che li moderano su richiesta.

        Se io mando una mail alla redazione dicendo che
        il messaggio di tizio viola la policy, loro lo
        moderano a prescindere, senza nemmeno
        leggerlo.La stessa tecnica che usano i contenitori di blog per individuare i contenuti illegali. Cerca un blog sulla programmazione web, poi scrivi a blogger.com dicendo che "Hello World" è una canzone di un cantante pop australiano. E loro chiuderanno immediatamente il blog senza preavviso.Una persona che ha molta pazienza potrebbe usare questa tecnica per far chiudere tutti i blog di sinistra, o di destra, o di una certa religione, o simili.
      • hermanhesse scrive:
        Re: ALLA REDAZIONE
        Anche un mio post, perfettamente lecito e con contenuti, è stato eliminato.Cosa succede PI? Rispondete, prego.
    • ruqqolo scrive:
      Re: ALLA REDAZIONE
      - Scritto da: pocomolto
      Per favore, dovreste riscrivere il programma che
      modera i
      messaggi.

      NON HO SCRITTO NULLA DI OFFENSIVO
      NON HO SCRITTO NULLA FUORI TEMA, ANZI, SPESSO NEI
      MIEI POST TENTO DI DARE INFO TECNICHE O NOTIZIE
      CHE, SPERO O CREDO, POSSANO ESSERE
      UTILI.
      NON USO M A I TURPILOQUI, PERCHE' NON E' NELLA
      MIA
      CULTURA:

      EPPURE HO TRE AVVISI DI MODERAZIONE E GIA' NE HO
      RICEVUTI ALTRI SETTE IN MENO DI UN
      MESE.

      Avete seri problemi nel software.

      Distinti Saluti.Di cosa ti lamenti, scusa? Il T1000 non è stato progettato per moderare messaggi.
  • hacher scrive:
    pure win userà il kernen linux
    prima o poi anche a remmon si decideranno a fare SO seri e sicuri... quel giorno dovranno x forza fare come ubunto e usare un kernen di linux...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 luglio 2011 19.28-----------------------------------------------------------
    • riccio di mare scrive:
      Re: pure win userà il kernen linux
      ma lo hai scritto pieno di errori apposta??
      • Alvaro Vitali scrive:
        Re: pure win userà il kernen linux
        - Scritto da: riccio di mare
        ma lo hai scritto pieno di errori apposta??Ovvio, trattandosi di un "hacher" ...
    • ridoconlela crime scrive:
      Re: pure win userà il kernen linux
      sono piegato in due dalle risate.
      • pocomolto scrive:
        Re: pure win userà il kernen linux
        - Scritto da: ridoconlela crime
        sono piegato in due dalle risate.Se non mi bannano (dato che P.I. pare averlo preso come sport ufficiale quello di ammazzarmi i post, anche se solo scrivo "salve a tutti")ti dirò, ci posso anche quasi credere. Hai visto il video di Microsoft che fa gli auguri a Linux con una (inquietante) proposta di pace?Temo un futuro buio.Altro che ridere.
        • Funz scrive:
          Re: pure win userà il kernen linux
          - Scritto da: pocomolto
          ti dirò, ci posso anche quasi credere. Hai visto
          il video di Microsoft che fa gli auguri a Linux
          con una (inquietante) proposta di
          pace?

          Temo un futuro buio.
          Altro che ridere.The cake is a lieOramai i comunicati di Microsoft li immagino recitati da una voce sintetica femminile dai toni decisamente psicotici :p
    • Matteo Italia scrive:
      Re: pure win userà il kernen linux
      - Scritto da: hacher
      prima o poi anche a remmon si decideranno a fare
      SO seri e sicuri... quel giorno dovranno x forza
      fare come ubunto e usare un kernen di
      linux...
      --------------------------------------------------
      Modificato dall' autore il 22 luglio 2011 19.28
      --------------------------------------------------Ma se il pezzo più robusto di Windows è il kernel NT...
      • hacher scrive:
        Re: pure win userà il kernen linux
        - Scritto da: Matteo Italia
        Ma se il pezzo più robusto di Windows è il kernel
        NT...figurati il resto allora... ha ha ha ha ha ha ha ha ha ha ah ha ha ha ha ah
        • Matteo Italia scrive:
          Re: pure win userà il kernen linux
          Di fronte ad argomentazioni tecniche di tale accuratezza non credo di riuscire a ribattere... Ma hai una vaga idea di ciò di cui stai parlando, che so, di cosa si occupa il kernel, come è fatto internamente il kernel Linux e NT, quali sono le differenze di fondo, quali problemi di stabilità di Windows sono imputabili al kernel (hint: praticamente nessuno), ...
          • hacher scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            - Scritto da: Matteo Italia
            Di fronte ad argomentazioni tecniche di tale
            accuratezza non credo di riuscire a ribattere...
            Ma hai una vaga idea di ciò di cui stai parlando,
            che so, di cosa si occupa il kernel, come è fatto
            internamente il kernel Linux e NT, quali sono le
            differenze di fondo, quali problemi di stabilità
            di Windows sono imputabili al kernel (hint:
            praticamente nessuno),
            ...guarda che io non mi sono mai spaciato x ingeniere in compiuteristica!so però che il window é un SO ciofeca, che si ifetta solo a accendere il pc... a cosa é dovuta la sua inadeguateza non me ne frega de meno... lo lascio decidere agli utonti che se lo istallano ;-)le solite scuse che non é il kernen, non é xp, seven é meglio, ecc sono solo sparate che lasciano il tempo che trovano...io uso ubunto ed è sicuro... pensa che suo kernen viene usato pure in quasi tutte le distro linux...:-)
          • pocomolto scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            - Scritto da: hacher
            - Scritto da: Matteo Italia

            Di fronte ad argomentazioni tecniche di tale

            accuratezza non credo di riuscire a
            ribattere...

            Ma hai una vaga idea di ciò di cui stai
            parlando,

            che so, di cosa si occupa il kernel, come è
            fatto

            internamente il kernel Linux e NT, quali
            sono
            le

            differenze di fondo, quali problemi di
            stabilità

            di Windows sono imputabili al kernel (hint:

            praticamente nessuno),

            ...

            guarda che io non mi sono mai spaciato x
            ingeniere in
            compiuteristica!
            so però che il window é un SO ciofeca, che si
            ifetta solo a accendere il pc... a cosa é dovuta
            la sua inadeguateza non me ne frega de meno... lo
            lascio decidere agli utonti che se lo istallano
            ;-)
            le solite scuse che non é il kernen, non é xp,
            seven é meglio, ecc sono solo sparate che
            lasciano il tempo che
            trovano...
            io uso ubunto ed è sicuro... pensa che suo kernen
            viene usato pure in quasi tutte le distro
            linux...:-)Il kernel è di Debian.Comunque, per renderti più felice, ti farà sapere che M$ mi sa che ci vuol mettere le mani sopra:http://www.webnews.it/video/microsoft-manda-gli-auguri-a-linux/Più contenti tutti adesso?
          • Matteo Italia scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            - Scritto da: hacher

            guarda che io non mi sono mai spaciato x
            ingeniere in
            compiuteristica!
            so però che il window é un SO ciofeca, che si
            ifetta solo a accendere il pc... a cosa é dovuta
            la sua inadeguateza non me ne frega de meno... lo
            lascio decidere agli utonti che se lo istallano
            ;-)Tu sei quello che ha detto che Microsoft cambierà kernel per avere un sistema operativo più sicuro... e questa è una XXXXXXX, il kernel c'entra poco-niente con la non-sicurezza di Windows (anzi, il kernel NT è stato uno dei primi sistemi "di massa" ad implementare la sicurezza "in profondità" nel kernel, per darti un'idea, ogni oggetto kernel ha associato un descrittore di sicurezza).
            le solite scuse che non é il kernen, non é xp,
            seven é meglio, ecc sono solo sparate che
            lasciano il tempo che
            trovano...Nope, sono sparate dire genericamente "windows XXXXX"; Windows deficita in tanti ambiti (io stesso ti sto scrivendo da una macchina Linux), ma fare sparate senza sapere di cosa si sta parlando è da idioti.
            io uso ubunto ed è sicuro... pensa che suo kernen
            viene usato pure in quasi tutte le distro
            linux...:-)Ubuntu è un ottimo sistema operativo, lo uso sulla mia macchina principale (in realtà Linux Mint, una derivata di Ubuntu) e su diversi altri PC.Ma ribadisco, il punto è che bisogna sempre scegliere il "right tool for the job". Spesso Linux è uno strumento adeguato, ma ci sono molti casi in cui Windows è ancora preferibile, come ambiti in cui è decisamente meglio Mac. Solo i fanboy non capiscono questo fatto, e si ostinano a dire che un sistema operativo è meglio "in assoluto" di un altro.Ah, il kernel Linux non viene usato su *quasi* tutte le distribuzioni Linux: viene usato su tutte, senza il quasi, altrimenti non sarebbero distribuzioni Linux. ;)Se invece ti riferisci alla specifica versione del kernel usato da Ubuntu, è usato solo da Ubuntu e derivate; addirittura mi pare che Debian ne usi una versione leggermente diversa, "purgata" da ogni residuo di codice non libero.P.S.: kernel ha la L finale. Ubuntu ha la U finale.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 luglio 2011 17.11-----------------------------------------------------------
          • AMEN scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            - Scritto da: hacher
            guarda che io non mi sono mai spaciato x
            ingeniere in compiuteristica!
            so però che il window é un SO ciofeca, che si
            ifetta solo a accendere il pc... a cosa é dovuta
            la sua inadeguateza non me ne frega de meno... lo
            lascio decidere agli utonti Dai degli utonti agli altri e nemmeno sai di cosa parli (trascurando pure la nostra bella lingua).Vabbè, avanti un altro troll
          • iRoby scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            Scusa come fai a giudicare o anche confrontate con Linux il Kernel NT se non ne hai i sorgenti?Possiamo solo confrontare le prestazioni reali. E tutti vediamo gli effetti del Kernel NT, blocchi, infezioni, rootkit, ecc.Che su Linux sono rarissimi...Ergo il kernel NT non è confrontabile con quello Linux, anche già a partire dalla qualità. Ma dalla percezione dell'uso possiamo dire che quello di Windows fa storcere parecchio il naso...
          • Matteo Italia scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            - Scritto da: iRoby
            Scusa come fai a giudicare o anche confrontate
            con Linux il Kernel NT se non ne hai i
            sorgenti?Non sono necessari i sorgenti per capirne la struttura interna, dato che è roba documentata nel DDK ad uso degli sviluppatori di driver, su TechNet e su numerosi libri per chi si interessa di queste cose. Per fare qualche esempio, c'è tutto un capitolo del Tannenbaum dedicato alla struttura del kernel NT, confrontato con Linux e Symbian. Se poi si vogliono avere informazioni ancora più precise c'è tutta la serie degli "inside Windows" di Mark Russinovich, che forniscono più informazioni su Windows "dall'interno" di quante se ne possano desiderare.
            Possiamo solo confrontare le prestazioni reali. E
            tutti vediamo gli effetti del Kernel NT, blocchi,
            infezioni, rootkit,
            ecc.
            Che su Linux sono rarissimi...

            Ergo il kernel NT non è confrontabile con quello
            Linux, anche già a partire dalla qualità.Ancora una volta si fa confusione tra kernel, driver e applicativi. Sulla storia dei rootkit, ti basti sapere che la prima volta che ne ho sentito parlare era in un libro di sicurezza informatica in cui spiegava l'utilizzo di strumenti per rimuoverli da Linux...La maggior parte dei problemi di sicurezza di Windows deriva da due fattori: diffusione enorme e impostazioni di sicurezza di default lassiste. Da Windows 2000 (o anche gli NT precedenti, se ben configurati) c'erano le basi per avere un sistema operativo abbastanza sicuro, dato che l'utente standard era sufficientemente non-privilegiato da non fare danni. Purtroppo la politica di XP per cui "ogni nuovo utente di default è amministratore" (necessaria in buona parte per rimanere compatibili con software pensato per Windows 9x), l'assenza di un meccanismo di elevazione dei privilegi stile sudo e il malcostume degli OEM di formattare di default i dischi in FAT ha fatto sì che buona parte delle caratteristiche di sicurezza di XP non sortissero alcun effetto. UAC è stato un passo nella giusta direzione, ma purtroppo tende a rompere assai le scatole, spesso perché molte applicazioni chiedono privilegi elevati anche quando non ne hanno bisogno.Al contrario, Linux, essendo di filosofia POSIX, nasce fin dall'inizio con in mente il fatto che nessuno entra normalmente come root, per cui i programmi sono nati per essere eseguiti a privilegi ridotti. Per questo motivo sudo & co funzionano egregiamente su Linux, visto che solo i programmi che ne hanno effettivamente bisogno richiedono privilegi di root, e usare il PC come utente a privilegi ridotti è la norma.
          • griffon scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            Amministro una rete al 99% composta da macchine Windows da alcuni anni, ma sono utente mac e pc, e occasionalmente uso Linux in alcuni settori.Come detto da molti altri prima il problema maggiore delle macchine Windows è l'impostazione 'lassista' di tante impostazioni di default, soprattutto nella macchine 'da casa'. In un dominio, dove è possibile impostare le impostazioni di sicurezza a livello più elevato di default, e soprattutto IMPOSTARE GLI UTENTI COME NON-AMMINISTRATORI, i danni vengono abbattutti del 99%. Indubbiamente la gestione è migliorata di svariate misure (parto da win 2000, win 98 e precedenti la sicurezza manco sapevano dove stesse di casa, e non ho lavorato granchè sui vecchi NT) da Win 2000/XP: ad esempio, senza ricorrere a tool vari o riga di comando, era una noia disintallare un software che avesse il tuo uninstaller, visto che non si poteva lanciare un elemento del pannello del controllo da gui con privilegi elevati). Win Vista/Seven hanno finalmente fixato la cosa con UAC. UAC è ancora piuttosto fastidiosa, ma non tanto per sè, ma per la maniera in cui è strutturato il programma medio per windows: ancora oggi i programmi hanno la mania di impestare la cartelal di Windows con le loro dll, che potrebbero benissimo essere contenuti nella propria cartella. In questo settore, il mac è decisamente meno noioso: un utente amministratore installa il software che non ha bisogno di metter mani alle cartelle di sistema senza mai dover mettere una password, grazie al fatto che ogni programma è "un mondo a sè", self-contained, con tutti i vantaggi che ne derivano (lo trascini dove vuoi, lo disinstalli semplicemente cancellando la cartella). Vedo comunque una lenta, ma continua convergenza verso un modello che unisca semplicità e sicurezza. Windows è discretamente semplice ma pecca nel campo sicurezza, Linux è molto sicuro ma non semplice. Mac è piuttosto sicuro e molto semplice. Ma almeno stanno andando tutti avanti. Ed è bello poter scegliere. O usarli tutti e tre, perchè no?
          • Darwin scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            - Scritto da: Matteo Italia
            Non capisco... cosa non ti piace di sudo/gksudo?
            In fin dei conti se vuoi una shell come root ti
            basta fare "sudo
            -s"...Nel post più in sotto ho spiegato perfettamente perchè preferisco su a sudo.
          • ZLoneW scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            - Scritto da: Darwin
            Con sudo divento amministratore e faccio cani e
            porci usando la mia stessa password. Il concetto
            errato è questo.
            Non c'è un limite perchè non c'è un capo, un
            utente centrale che comandi il tutto.Beh, non proprio: con sudo ottieni i privilegi che il capo, ossia quello che ha configurato /etc/sudoers, ha deciso che devi avere, e nessun altro.Se io che sono root decido che tu puoi fare solo shutdown, fai solo shutdown. Sempreché non configuri male il tuo account, sia chiaro. :)
            Proprio per questo è assurdo.
            il sistema operativo dovrebbe avere due livelli:
            normale (configurato attraverso i gruppi ad avere
            i diritti necessari) e root (che ha tutti i
            diritti sul computer).Questa affermazione mi dice parecchio. :)Il sistema operativo deve avere i livelli di acXXXXX che servono a chi deve usarlo, non un numero predefito da qualcun altro.Immagino che tu non abbia mai avuto a che fare con realtà in cui oltre agli amministratori di sistema (nel senso di root) ci sono anche operatori di CED, amministratori di rete, responsabili di piattaforme applicative, responsabili di applicazioni, rilasciatori... e mi fermo qui, che basta e avanza come esempio.In realtà del genere ti servono livelli di acXXXXX distinti ma spesso non del tutto separati, che si sovrappongono parzialmene l'uno con l'altro, e i gruppi non ti bastano più: hai bisogno di una granularità maggiore su eseguibili e file, e tocca mettere in campo sudo e acl.Tra l'altro, anche se in teoria non dovrebbe più esserci un limite al numero di gruppi definibili (salvo il valore massimo per il GID, ovvio) ed a quelli a cui un utente appartiene, in realtà ancora si rischia di finire a sbattere contro un limite legacy di 64 gruppi per utente che ti tira scemo per capire cosa non va - un esempio? L'interprete perl v.5.8.5, che il cielo lo fulmini. :)
            Se a me serve che root (e solo root) usi una
            shell differente, come ksh o csh, al posto di
            bash con su lo posso fare. Con sudo no.export SHELL=/bin/csh ; sudo -s [command]dovrebbe farti fare quello che scrivi, ma non ne ho mai avuto bisogno; se lanci shell script, puoi lasciare che ci pensi lo shabang.
            Oppure se
            la bashrc di root ha delle impostazioni
            particolari che un utente normale non ha (e non
            deve avere), come faccio a farlo con sudo?Più facile il contrario... che l'utente abbia impostazioni che root non deve avere. :)
            Semplice, è impossibile.Mai, MAI definire impossibile qualcosa, quando hai a che fare con un sistema operativo: è matematicamente certo che finirai sconfessato.A me dicevano che non si potevano inviare specifiche di stampa diverse da quelle impostate per default su una coda remota, o che un menu utente bisognava farlo in C e col DCL non c'era modo, ai vecchi tempi dell'OpenVMS...
            Questo lo si fa attraverso i gruppi in modo
            semplice.
            Io che uso slackware e voglio dare le
            impostazioni che tu dici faccio entrare solo nel
            gruppo plugdev il primo utente e solo nel gruppo
            netdev il secondo.C'è un altro aspetto importante da considerare.Per motivi di sicurezza e di integrità dei sistemi, è bene che gli utenti incaricati di svolgere attività privilegiate non abbiano i necessari privilegi per default, ma li ottengano a seguito di un'azione volontaria e li perdano al termine delle operazioni che dovevano svolgere.En passant, è anche specificato nella normativa vigente sugli amministratori di sistemi informatici.Ma è sempre stata pure una best practice: nessun amministratore sano di mente usa solo l'account root, ma accede ai sistemi con un account non privilegiato coma qualsiasi altro utente, e cambia user o acquisisce privilegi quando serve.Se usi i gruppi per ottenere i privilegi, o assegni l'utente al gruppo e se li ritrova per default (e non va bene...) oppure crei una pletora di altri user cui l'utente può accedere (e già per qualche centinaio di persone lascio volentieri il piacere della gestione a qualcun altro :) ).
            Con sudo inoltre non sortisci alcun effetto.
            Se io creo cinque account almeno uno deve essere
            un sudoer.
            Se lo sono tutti e cinque qualsiasi impostazione
            dai loro, può essere cambiata da loro stessi, in
            quanto basterà un sudo -s per elevarsi ad
            amministratori e cambiare tutto, sia per loro sia
            per gli altri.Non ti seguo: sudo legge quanto scritto in /etc/sudoers, e questo file lo può cambiare solo root, o utenti, gruppi e raggruppamenti esplicitamente autorizzati in /etc/sudoers."Gli altri, spingano", come sottintendeva la vecchia pubblicitò della Dolce Euchessina. :D :D :D
            Se un altro account sudoer sostituisce un
            eseguibile con un fake, può creare un buco di
            sicurezza enorme quanto una casa.Se gli è stato dato il privilegio per farlo, ne avrà la responsabilità.Se chi ha configurato /etc/sudoers non glielo ha conXXXXX, non potrà farlo.
            Andiamo con i piedi di piombo prima di parlare di
            sicurezza con sudo.Dipende tutto e solo dalla configurazione in /etc/sudoers, non da sudo in se.'man sudoers' e la lettura del file /etc/sudoers di default è solo l'inizio...Spezzo un'ultima lancia a favore di sudo: un singolo file /etc/sudoers può essere scritto in modo da garantire a utenti diversi l'acXXXXX a privilegi diversi per ciascun sistema o gruppo di sistemi presente in una rete, e condiviso in modo da essere letto e "rispettato" da tutti i sistemi.Insomma, un UNICO file per TUTTI i sistemi di una rete, con o senza single signon.
      • collione scrive:
        Re: pure win userà il kernen linux
        bah, definirlo robusto è un pò azzardatodiciamo che è alla base della loro tecnologiama ciò non toglie che costa miliardi di dollari ogni anno e passare ad un kernel converrebbe pure a loroalla fine resterà tutta l'industria con OS linux-based e loro saranno gli unici bastian contrariovviamente dovranno fare sforzi mostruosi per mantenere e aggiornare il kernel, per produrre i tool di sviluppo, per convincere gli sviluppatori a lavorare per loroin settori dove non hanno il monopolio, questo potrebbe portare alla disfatta
        • Matteo Italia scrive:
          Re: pure win userà il kernen linux
          - Scritto da: collione
          bah, definirlo robusto è un pò azzardatoGli unici BSOD che ho avuto da quando ho avuto da quando uso sistemi operativi basati su kernel NT (quindi dai tempi di Windows 2000) derivavano o da driver di terze parti bacati o da hardware difettoso...Poi la struttura su cui è basato è piuttosto interessante, e nasce fin dall'inizio (si parla del 1992) con sicurezza, multithreading e IO asincrono in mente a livello di kernel. Beninteso, ora in Linux tutto questo c'è, ma si è dovuto attendere giustappunto la 2.6.
          ma ciò non toglie che costa miliardi di dollari
          ogni anno e passare ad un kernel converrebbe pure
          a
          loroNon credo che gli costi così tanto, e in ogni caso credo che sia fondamentale per loro potersi gestire "in casa" il cuore dei loro vari sistemi operativi.Inoltre ci sono esigenze di retrocompatibilità di moltissimi clienti aziendali che non possono essere deluse, e aggiungo che in ogni caso un cambio di kernel "sotto il cofano" è un'operazione tutt'altro che banale.
          alla fine resterà tutta l'industria con OS
          linux-based e loro saranno gli unici bastian
          contrariDubito, la Apple andrà allegramente avanti con il suo Mac OS X, che non è basato su Linux (anche se è comunque POSIX).
          • nessuno scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux

            Gli unici BSOD che ho avuto da quando ho avuto da
            quando uso sistemi operativi basati su kernel NT
            (quindi dai tempi di Windows 2000) derivavano o
            da driver di terze parti bacatiQuesta l'ho giá sentita.Sai quante volte microsoft ha cambiato all'ultimo momento API e interfacce dando pochissimo tempo agli sviluppatori di terze parti per correggere il loro software per poi scaricare su di loro tutta la colpa dei malfunzionamenti.
          • Matteo Italia scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            Olè, un altro che non sa di cosa sta parlando, visto che non credo ci siano sistemi operativi più attenti di Windows alla retrocompatibilità. Nel momento in cui una funzione o una struttura diventa pubblicamente documentata nel Platform SDK, questa non viene mai più tolta, per non rompere la compatibilità binaria con le applicazioni già esistenti. Questo vale non solo per gli elementi documentati ufficialmente, ma per qualunque simbolo definito negli header pubblici. Di base per ogni funzione si garantisce la compatibilità del "contratto", ovvero la funzione funzionerà sempre nella maniera illustrata nella documentazione nei casi da essa previsti. Dove iniziano i problemi? Quando sviluppatori poco professionali sfruttano casi non previsti né garantiti dalle specifiche, ossia i cosiddetti "dettagli di implementazione", che sono ovviamente soggetti a cambiamento da una versione all'altra di Windows.Il fatto che i dettagli di implementazione possano cambiare è prassi normalissima nelle librerie di ogni genere - syscall Linux comprese -, e scrivere codice che non ci faccia affidamento è fondamentale in ogni ambito. Purtroppo scrivere pessimo codice è prassi diffusissima, pertanto c'è un certo numero di persone in Microsoft che lavora a tempo pieno a verificare la compatibilità dei programmi più diffusi con le nuove versioni di Windows, addirittura arrivando a disassemblarli per capire che XXXXXXX stanno facendo e, se necessario, inserire in Windows degli shim di compatibilità per ripristinare (in alcuni casi solo per le applicazioni bacate) certi dettagli implementativi che si aspettavano. Per vedere a che punto arrivi spesso questo lavoro, basta leggere qualche articolo sul blog di Raymond Chen. Questo in "userland". A livello kernel ovviamente non c'è spazio per shim di compatibilità, ma salvo grossi cambiamenti di tecnologia l'idea è sempre la stessa: ciò che è documentato e non è deprecato da diversi anni non viene fatto sparire. A questo si aggiunge il fatto che ogni versione di Windows quando entra in beta va in feature freeze, ovvero da lì in poi non si aggiungono nuove caratteristiche, ma si fa solo bugfixing. Questo vale a maggior ragione per le RC (disponibili pubblicamente), per cui aziende e sviluppatori hanno tempo per verificare la compatibilità delle applicazioni con la nuova versione prima che venga rilasciata.
          • Darwin scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            - Scritto da: nessuno
            Questa l'ho giá sentita.
            Sai quante volte microsoft ha cambiato all'ultimo
            momento API e interfacce dando pochissimo tempo
            agli sviluppatori di terze parti per correggere
            il loro software per poi scaricare su di loro
            tutta la colpa dei
            malfunzionamenti.Eh?Guarda che durante lo sviluppo di Vista, Microsoft presentò per tempo le nuove API Indigo e Avalon per permettere agli sviluppatori di allinearsi fin da subito alle nuove tecnologie implementante nella versione in sviluppo di Windows.Ha presentanto per tempo le tecnologie proposte in Silverlight, quando esso non era ancora pronto al debutto.Se c'è una cosa che Microsoft non fa è proprio quella di escludere gli sviluppatori.Anche con il rilascio di .NET 4 e Visual Studio 2010, Microsoft ha rilasciato pubblicamente le Beta e la RC per permettere agli sviluppatori di mettere mani sulle novità come PLINQ e F#.Tutto questo lo trovi nel portale MSDN. Ovvio però che se non ci si informa, non si può pretendere niente. Però se non ci si informa, sarebbe meglio non sparare certe assurdità.
          • Doh scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            Darwin e Matteo Italia dicono cose giuste, ma a essere sincero non mi sento di dare contro a quello che scrive "nessuno". Il motivo è semplice: ricordo che secoli fa, quando ancora facevo il programmatore, molto spesso l'unico modo di implementare in modo efficiente determinate funzionalità era usare delle chiamate ad API non documentate, di cui Microsoft taceva l'esistenza per utilizzarle in esclusiva nelle sue applicazioni (tipo Office per intenderci). Mi pare di ricordare che proprio queste venivano cambiate di frequente, mandando in tilt i programmi non Microsoft che le usavano. E questi cambiamenti non erano fatti quasi mai per motivi meramente tecnici, ma quasi sempre proprio per evitare che le altre software house potessero scrivere software ad armi pari, diciamo così, con i programmatori di Redmond. Certo, magari adesso le cose non stanno più così...
          • collione scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            attualmente ms ha 3 diverse modalità di gestione dell'api:1. win32 è com'era, backward-compatibility assicurata, ecc...2. il layer nt e l'api per i driver subisce molte più modifiche, in genere riescono ad informare i partner mesi prima del rilascio, ma ci sono stati casi ( quello di compaq di alcuni anni fa è il più emblematico ) in cui sono state fatte modifiche dell'ultimo minuto ( ati ad esempio ha avuto seri problemi con vista e l'api che cambiava troppo frequentemente )3. aggiungono sempre nuove api e questo crea problemi a molti della vecchia guardia ( e anche ai nuovi in verità )linux, dal canto suo, ha avuto una giovinezza di cambiamenti senza sosta e adesso si è decisamente stabilizzatosi predilige sempre la logica dell'eliminare rapidamente ( alcuni mesi ) le funzioni deprecate ma non le vedi sparire da una versione all'altra, bensì dopo un periodo di "grazia"
          • Matteo Italia scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            - Scritto da: Doh
            Darwin e Matteo Italia dicono cose giuste, ma a
            essere sincero non mi sento di dare contro a
            quello che scrive "nessuno". Il motivo è
            semplice: ricordo che secoli fa, quando ancora
            facevo il programmatore, molto spesso l'unico
            modo di implementare in modo efficiente
            determinate funzionalità era usare delle chiamate
            ad API non documentate, di cui Microsoft taceva
            l'esistenza per utilizzarle in esclusiva nelle
            sue applicazioni (tipo Office per intenderci).Se dai retta a Raymond Chen (sviluppatore Microsoft) i team di Windows e di Office sono sempre stati strettamente separati, e i programmatori del team di Windows si XXXXXXXvano come delle bestie quando quelli di Office sfruttavano funzioni non documentate, appunto perché dettagli di implementazione. Pare ad esempio che nei sorgenti di Windows PowerPoint sia spesso chiamato "PowerPig" perché faceva folcini di questo genere. :D
            Mi
            pare di ricordare che proprio queste venivano
            cambiate di frequente, mandando in tilt i
            programmi non Microsoft che le usavano. E questi
            cambiamenti non erano fatti quasi mai per motivi
            meramente tecnici, ma quasi sempre proprio per
            evitare che le altre software house potessero
            scrivere software ad armi pari, diciamo così, con
            i programmatori di Redmond. Certo, magari adesso
            le cose non stanno più
            così...Le cose sono state così forse all'inizio degli anni '90... figurati che attualmente Windows si tiene dentro delle risorse che erano nate come private della shell, ma che ora alla shell non servono più, solo per evitare di rompere la compatibilità con programmi che ne fanno "illegalmente" uso...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 luglio 2011 00.00-----------------------------------------------------------
          • AMEN scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            - Scritto da: nessuno
            Sai quante volte microsoft ha cambiato all'ultimo
            momento API e interfacce dando pochissimo tempo
            agli sviluppatori di terze parti per correggere
            il loro software per poi scaricare su di loro
            tutta la colpa dei malfunzionamenti.Beh, è già anni che questo non accade, tra beta, rc, ecc, ecc, gli os sono in mano alle grosse software house mesi e mesi prima dell'uscita...
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: pure win userà il kernen linux
      Da come vedo il modo in cui scrivi, tu scriverai sicuramente kernel perfetti :D
    • hacher scrive:
      Re: pure win userà il kernen linux
      il mio babbo ha fatto di meglio... hanni fa ha aquistato azioni della microsof... il mondo é pieno di utonti che vogliono spendere e rendono un pacco di soldi.. ;-)
    • collione scrive:
      Re: pure win userà il kernen linux
      - Scritto da: Winaro
      almeno da windows2000 tecnologie AVANZATISSIME
      per la salvaguardia della sicurezza e dei
      dati!!!
      ho capito, intendevi dire che danno al cracker la sicurezza di penetrare nel sistema :D
      E poi linux è insicuro, il codice è opensource ed
      essendo visibile a tutti è molto più facile
      trovare le vulnerabilità! Lo capirebbe anche une anche risolverle
      bambino questo! Windows invece sì che è sicuro,infatti lo hanno capito tutti i big dell'industria ;)
      perché se il codice non si vede, voglio proprio
      vedere come fai tu che sei <b
      un'acher
      </b
      a violarne la sicurezza! (rotfl)bellissima questaok li stai prendendo in giro alla grande ma così li mortifichi troppo :D
      Non parliamo poi del fatto che Linux non ha uno
      straccio di antivirus, assolutamente esposto
      quindi!
      meno male, altrimenti sai che XXXXXX con norton a ravanare sull'hard disk tutto il giorno :D
      che usano linux sono degli incompetenti, non come
      noi, veri professionisti del .NET prodotto daintendi gli sparagestionali in vb.net?
      4) acquista uno smartphone con Windows Phone 7
      (TM), prodotto da Microsoft Corporation,
      l'azienda leader nel campo
      informatico.poi ti ritrovi ad essere solo e circondato da androidi :D
      5) se dovessi avere delle difficoltà, dato che
      Windows è un sistema abbastanza complesso, prova
      a spegnere e riaccendere, se windows non si avvia
      stacca direttamente la spina, se nemmeno così
      funziona formatta. Nel caso in cui nessuna dihahahahahaha bellissima questa, se fossi un winaro mi sentirei offeso ;)
      Come dice il celebre slogan: GET THE FUCK!
      mmm finalmente ho capito il senso di quell'abominevole campagna di FUD :D
    • Darwin scrive:
      Re: pure win userà il kernen linux
      - Scritto da: hacher
      prima o poi anche a remmon si decideranno a fare
      SO seri e sicuri...Nessun OS è sicuro se l'utente è un idiota...
      quel giorno dovranno x forza
      fare come ubuntoCioè?
      e usare un kernen di
      linux...un kernel di Linux?Veramente Linux è uno e uno solo...poi ognuno se lo personalizza come gli garba.
      • Matteo Italia scrive:
        Re: pure win userà il kernen linux
        - Scritto da: Darwin
        - Scritto da: hacher

        prima o poi anche a remmon si decideranno a
        fare

        SO seri e sicuri...
        Nessun OS è sicuro se l'utente è un idiota...Parole sante... Il "dancing bunnies problem" riguarda ogni sistema operativo, corollario del fatto che nella stragrande maggioranza dei casi il problema sta tra la sedia e la tastiera.
        • collione scrive:
          Re: pure win userà il kernen linux
          il problema reale è che nessuno ha voglia di sedersi intorno ad un tavolo e ripensare l'intera struttura dei sistemi operativiad esempio il sandboxing spinto di android non è la panacea ma è una bella spinta in avanti verso una maggiore sicurezzasu hwupgrade prospettai la possibilità di implementare, finalmente, le capabilities a dovere negli OS modernilogicamente in molti mi fecero notare che i programmatori sono pigri e il software da modificare è tantook, condivido le loro preoccupazioni, però non possiamo continuare cosìquando bisogna cambiare bisogna farlo, non c'è altra vita d'uscita
          • Matteo Italia scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            Eh come darti torto... ma d'altra parte tutti i sistemi operativi mainstream attuali per PC, Linux e Mac OS X compresi, sono "vecchi" come concezione. Io personalmente mi aspetto cose interessanti da Singularity, non tanto dal suo sviluppo "come prodotto", ma come proof of concept di tutta una serie di idee che implementa.
          • Darwin scrive:
            Re: pure win userà il kernen linux
            Io sto aspettando UnunumiumOS, il primo OS senza kernel.Chissà se riusciranno a tirar fuori la prima alpha in tempi umani.
    • Anti scrive:
      Re: pure win userà il kernen linux
      Ahhh, beata ignoranza!
    • Funz scrive:
      Re: pure win userà il kernen linux
      - Scritto da: WinaroGuarda, come troll lui ti strabatte :p
    • M&C scrive:
      Re: pure win userà il kernen linux
      Sei il mio idolo!
  • Linuxaro scrive:
    W Linux
    Beh che dire... Mi auguro che Linux possa avere una maggior fortuna nel campo dei desktop (e non solo) in questa nuova era.Rimane, secondo me, il miglior kernel (e sistema operativo con i componenti GNU) su cui ho messo mano.Viva Linux, quindi GNU/Linux.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 luglio 2011 19.15-----------------------------------------------------------
    • pocomolto scrive:
      Re: W Linux
      - Scritto da: Linuxaro
      Beh che dire... Mi auguro che Linux possa avere
      una maggior fortuna nel campo dei desktop (e non
      solo) in questa nuova
      era.
      Rimane, secondo me, il miglior kernel (e sistema
      operativo con i componenti GNU) su cui ho messo
      mano.
      Viva Linux, quindi GNU/Linux.
      --------------------------------------------------
      Modificato dall' autore il 22 luglio 2011 19.15
      --------------------------------------------------Aspetta che tra un po' ci mette su le mani Microsoft e poi mi dai una voce:http://www.webnews.it/video/microsoft-manda-gli-auguri-a-linux/
      • uno nessuno qualcuno scrive:
        Re: W Linux
        Scommettiamo i testicoli?Però te li voglio tagliare con le mie mani, se no che gusto c'è...
        • Linuxaro scrive:
          Re: W Linux
          Certo. O se lo prendono interamente o lo copiano.Basta vedere cos'hanno fatto con IE 9. E' quasi identico a Chrome.
  • Il Dottore dei PC scrive:
    Cambiamento POSITIVO!
    Trovo questo cambiamento di strategia molto positivo in quanto ha come scopo facilitare l'identificazione delle nuove versioni senza perder tempo e fare confusione come succede ora.Alcune (poche e di basso impatto) cose si possono ancora migliorare in Linux e la numerazione delle versioni del kernel era una di queste =)Ciao a tuttiIl Dottore dei PChttp://ildottoredeipc.altervista.org/
    • Franky scrive:
      Re: Cambiamento POSITIVO!
      - Scritto da: Il Dottore dei PC
      Trovo questo cambiamento di strategia molto
      positivo in quanto ha come scopo facilitare
      l'identificazione delle nuove versioni senza
      perder tempo e fare confusione come succede
      ora.

      Alcune (poche e di basso impatto) cose si possono
      ancora migliorare in Linux e la numerazione delle
      versioni del kernel era una di queste
      =)

      Ciao a tutti
      Il Dottore dei PC
      http://ildottoredeipc.altervista.org/vero...il linux appare enormemente piu' user-friendly rispetto ai tempi per esempio di fedora core 2.... anche la documentazione ha subito un miglioramento eccezionale...il supporto...effettivamente quel modo di numerare i kernel era laborioso...e quasi mai mi ricordo che versione di kernel ho...devo sempre scrivere uname -r per saperlo...come faccio a ricordare: "2.6.32-32-generic" e' bruttino...credo che questa novita' sara' apprezzata da tutti...
      • guiodic scrive:
        Re: Cambiamento POSITIVO!
        - Scritto da: Franky
        vero...il linux appare enormemente piu'
        user-friendly rispetto ai tempi per esempio di
        fedora core 2.... anche la documentazione ha
        subito un miglioramento eccezionale..ok ma sono cose che non c'entrano nulla con il kernel
      • Francesco_Holy87 scrive:
        Re: Cambiamento POSITIVO!
        Stai confondendo il kernel Linux con una distro. Del Kernel ci sono fatti miglioramenti, ma non sarà mai perfetto come (ogni software d'altronde), quindi via via dovrà continuare ad aggiornarsi per incrementare ancora di più stabilità e prestazioni.
      • Darwin scrive:
        Re: Cambiamento POSITIVO!
        - Scritto da: Franky
        come faccio a ricordare:
        "2.6.32-32-generic" e' bruttino...Il problema non è la versione del kernel in uso, il problema è il patchare il Makefile per personalizzare i numeri di versione, cosa che non compete al team del kernel.Se i team delle distro, al posto di usare numerazioni ad capzum, tipo 2.6.32-32-generic, usassero la numerazione originale (2.6.32.x) come fa Slackware, non ci sarebbero problemi di alcun tipo.
        credo che
        questa novita' sara' apprezzata da
        tutti...Non c'è nessuna novità, visto che i team delle distro continueranno a personalizzare la numerazione, come con il ramo 2.6.
    • uno nessuno qualcuno scrive:
      Re: Cambiamento POSITIVO!
      Scusa, ma PERCHE' i numeri di versione dovrebbero essere semplici da verificare? Tu passi da x.xx.xx.xx a x.xx.xx.(xx+1) quando te lo dice apt-get. A meno che tu non sia un sistemista, perchè diavolo dovrebbe interessarti identificare le singole versioni???E se sei un sistemista, il sistema attuale va benissimo.
    • M&C scrive:
      Re: Cambiamento POSITIVO!
      - Scritto da: Il Dottore dei PC
      http://ildottoredeipc.altervista.org/Se puoi evitare grazie..
  • Shu scrive:
    La ragione del cambio
    Linus ha apertamente dichiarato, in un'intervista con Hartmann in Giappone, che il motivo per cui ha cambiato numerazione e` che i numeri troppo alti creano confusione.Lui stesso, quando ha rilasciato il kernel 2.6.39 l'ha erroneamente chiamato 2.6.29.Quindi il problema non sara` tanto avere tre cifre, quanto avere cifre troppo alte. Probabilmente i kernel procederanno con 3.0.0, 3.1, 3.1.1, 3.1.2, 3.2.0, o addirittura 3.0.0, 3.1.0, 3.2.0, ecc. ma non dovrebbero mai superare di molto il 10, quindi al posto di un 3.20 ci sara` un 4.0 (se non prima)Bye.
    • collione scrive:
      Re: La ragione del cambio
      è importante ricordare che visto le enormi modifiche avvenute negli ultimi 3-4 anni, un cambio di versione ci voleva propriopraticamente hanno rivoluzionato tutto, resisteva solo il numero di versione
    • uno nessuno qualcuno scrive:
      Re: La ragione del cambio
      Beh, in realtà molti sviluppatori avrebbero voluto che il kernel 2.4 si chiamasse 3.0, solo che Torvald si era opposto.
  • the_m scrive:
    Un giorno resterà solo lui...
    Già oggi, considerando il numero di installazioni, Linux è certamente il più diffuso kernel in giro (rispetto a WinNT o ciofechepple :D o bsd/qnx/altri).Considerando che mantenere - aggiornare - estendere diversi kernel rappresenta un investimento notevole, per fare (seppur in modo diverso) le stesse cose, sarebbe plausibile che nei decenni a venire resti solo il migliore (considerando anche la licenza), ovvero Linux :D
    • Axel scrive:
      Re: Un giorno resterà solo lui...
      - Scritto da: the_m
      sarebbe plausibile che
      nei decenni a venire resti solo il migliore
      (considerando anche la licenza), ovvero Linux
      :Dsi, nel giro di 60/70 anni e se le cose non cambiano.Ma ne io ne te, penso, assiteremo alla cosa.
      • collione scrive:
        Re: Un giorno resterà solo lui...
        sarebbe brutto anche un mondo del generel'importante è che linux continui ad occupare un posto di rilievo nel mondo IT come ha fatto fino ad oggiinoltre va riconosciuto a linux il fatto di aver veicolato nelle aziende il concetto di opensourcese oggi haiku, bada, aros, ecc... possono permettersi di integrare facilmente il supporto a schede video, wifi, ecc... lo devono a linuxun tempo era impossibile trovare la documentazione dell'hardware men che meno codice già pronto, oggi invece basta un banale porting e il problema è risoltoin sostanza linux sarà l'unico kernel del futuro? impossibile, ma sicuramente avremo una netta prevalenza dei kernel opensource
        • Darwin scrive:
          Re: Un giorno resterà solo lui...
          - Scritto da: collione
          inoltre va riconosciuto a linux il fatto di aver
          veicolato nelle aziende il concetto di
          opensourcePiù che altro va riconosciuto a Linux il merito di essere il primo kernel che grazie alla GPL ha reso possibile un investimento sull'open, inteso come collaborazione e non come codice da depredare in stile FreeBSD.
          • uno nessuno qualcuno scrive:
            Re: Un giorno resterà solo lui...
            - Scritto da: Darwin
            Più che altro va riconosciuto a Linux il merito
            di essere il primo kernel che grazie alla GPL ha
            reso possibile un investimento sull'open, inteso
            come collaborazione e non come codice da
            depredare in stile
            FreeBSD.Sono d'accordo. Peccato che però molti driver siano semplicemente dei blob binari...
          • Darwin scrive:
            Re: Un giorno resterà solo lui...
            - Scritto da: uno nessuno qualcuno
            Sono d'accordo. Peccato che però molti driver
            siano semplicemente dei blob
            binari...Purtroppo Torvalds è un sostenitore della tivoizaition, per questo ha upgradato alla versione 3 della licenza.Anche se a quanto ne so ci sono moltissime parti del kernel che sono coperte da GPL ma alla quale non è stata specificata la versione della licenza.
          • uno qualcuno nessuno scrive:
            Re: Un giorno resterà solo lui...
            - Scritto da: Darwin
            Anche se a quanto ne so ci sono moltissime parti
            del kernel che sono coperte da GPL ma alla quale
            non è stata specificata la versione della
            licenza.Questo è un problema di cui non ero a conoscenza. Sai dirmi quali sono queste parti? Perchè voglio verificare e se puoi darmi delle indicazioni mi rendi la vita più facile.Se è come dici, il problema è molto grave: se la licenza non è scritta in modo inequivocabile, legalmente non è valida.I blob proprietari sono un problema precedente alla tivoization, e alla GPL3. Sono programmi compilati e sbattuti dentro un array in forma di codice macchina. Ora non ricordo come si chiama la directory dei driver, ma se guardi nei sorgenti ne troverai decine e decine.Poi so che ci sono piccole parti di kernel (non driver) che hanno licenza non libera.C'è un progetto, chiamato Linux Libre, che consiste in script che compilano il kernel senza driver proprietari e senza altre parti proprietarie. Alcune distro lo usano (gNewSense, BLAG...)
          • Darwin scrive:
            Re: Un giorno resterà solo lui...
            Sisi conosco il progetto Linux Libre anche se non uso il loro kernel patchato.Per quanto riguarda la storia della GPL senza versione http://it.wikipedia.org/wiki/Linux_(kernel)#GPL_versione_3
        • Gusberto Gusberti scrive:
          Re: Un giorno resterà solo lui...
          - Scritto da: collione
          se oggi haiku, bada, aros, ecc... possono
          permettersi di integrare facilmente il supporto a
          schede video, wifi, ecc... lo devono a
          linuxIl supporto alle schede video, almeno Haiku non lo deve a linux. Mentre il supporto alle schede di rete lo deve invece a FreeBSD: https://www.haiku-os.org/news/2007-05-08/haiku_getting_a_freebsd_network_driver_compatibility_layerPrima di dire sciocchezze almeno cerca di documentarti.
    • pocomolto scrive:
      Re: Un giorno resterà solo lui...
      - Scritto da: the_m
      Già oggi, considerando il numero di
      installazioni, Linux è certamente il più diffuso
      kernel in giro (rispetto a WinNT o ciofechepple
      :D o
      bsd/qnx/altri).

      Considerando che mantenere - aggiornare -
      estendere diversi kernel rappresenta un
      investimento notevole, per fare (seppur in modo
      diverso) le stesse cose, sarebbe plausibile che
      nei decenni a venire resti solo il migliore
      (considerando anche la licenza), ovvero Linux
      :D"Linux è il sistema operativo più bello del mondo"Dico sempre.Ma il monopolio non fa bene a nessuno.In un mondo perfetto sarebbe bellissimo uno share del tipo:Windows 33.3% Linux 33.3% Mac OS 33.3 %E poi, se resta solo Linux, chi scriverà più su P.I. ? (Ecco ho detto una cosa di troppo, adesso mi banano anche questo post, uff!)
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Un giorno resterà solo lui...
        - Scritto da: pocomolto
        Ma il monopolio non fa bene a nessuno.
        In un mondo perfetto sarebbe bellissimo uno share
        del
        tipo:
        <s
        Windows 33.3% Linux 33.3% Mac OS 33.3 % </s
        Mac OS.... 14.29%Linux..... 14.29%Be OS..... 14.29%Amiga OS.. 14.29%Sun OS.... 14.29%OS/2...... 14.29%Altri..... 14.26%-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 luglio 2011 08.45-----------------------------------------------------------
        • Gusberto Gusberti scrive:
          Re: Un giorno resterà solo lui...
          - Scritto da: il solito bene informato
          Mac OS.... 14.29%
          Linux..... 14.29%
          Be OS..... 14.29%
          Amiga OS.. 14.29%
          Sun OS.... 14.29%
          OS/2...... 14.29%
          Altri..... 14.26%Eh, tu invece sei rimasto fermo agli anni 90.
          • Darwin scrive:
            Re: Un giorno resterà solo lui...
            Ehi ehi...non argomentare così perchè se posti tutti questi tecnicismi non ti capiamo..
          • Sgabbio scrive:
            Re: Un giorno resterà solo lui...
            Non ha capito il post che ci vuoi fare :D
          • il solito bene informato scrive:
            Re: Un giorno resterà solo lui...
            - Scritto da: Gusberto Gusberti
            - Scritto da: il solito bene informato


            Mac OS.... 14.29%

            Linux..... 14.29%

            Be OS..... 14.29%

            Amiga OS.. 14.29%

            Sun OS.... 14.29%

            OS/2...... 14.29%

            Altri..... 14.26%

            Eh, tu invece sei rimasto fermo agli anni 90.Non posso dire quali sistemi ci sarebbero oggi, ma questa sarebbe più o meno la possibilità di scelta che avremmo se Microsoft e le sue tattiche illegali di conquista del mercato non fossero mai esistiti
        • pocomolto scrive:
          Re: Un giorno resterà solo lui...
          - Scritto da: il solito bene informato
          - Scritto da: pocomolto

          Ma il monopolio non fa bene a nessuno.

          In un mondo perfetto sarebbe bellissimo uno
          share

          del

          tipo:

          <s
          Windows 33.3% Linux 33.3% Mac OS
          33.3 % </s



          Mac OS.... 14.29%
          Linux..... 14.29%
          Be OS..... 14.29%
          Amiga OS.. 14.29%
          Sun OS.... 14.29%
          OS/2...... 14.29%
          Altri..... 14.26%
          --------------------------------------------------
          Modificato dall' autore il 25 luglio 2011 08.45
          --------------------------------------------------giustissimo.
    • pocomolto scrive:
      Re: Un giorno resterà solo lui...
      - Scritto da: the_m
      Già oggi, considerando il numero di
      installazioni, Linux è certamente il più diffuso
      kernel in giro (rispetto a WinNT o ciofechepple
      :D o
      bsd/qnx/altri).

      Considerando che mantenere - aggiornare -
      estendere diversi kernel rappresenta un
      investimento notevole, per fare (seppur in modo
      diverso) le stesse cose, sarebbe plausibile che
      nei decenni a venire resti solo il migliore
      (considerando anche la licenza), ovvero Linux
      :DL'inizio della fine:http://www.webnews.it/video/microsoft-manda-gli-auguri-a-linux/Adesso esprimi liberamente le tue emozioni.
Chiudi i commenti