Italia.it, si chiedono gli atti ufficiali

Scandalo Italiano promuove una lettera aperta al Governo affinché sia messa a disposizione di tutti la documentazione ufficiale relativa all'ideazione, creazione e gestione del portale del turismo

Roma – Una richiesta di trasparenza è contenuta in una lettera aperta a Prodi, Rutelli e Nicolais e promossa da Scandalo Italiano affinché si rendano facilmente accessibili tutti gli atti e la documentazione relativa al portale del turismo Italia.it.

La lettera non è ancora partita, come spiegano i promotori, perché da qui a fine marzo si intende raccogliere firme di sostegno alla richiesta.

Nella richiesta si ricordano le molte e diffuse perplessità che il portale del turismo ha suscitato fin dal suo primo apparire, polemiche rimbalzate in rete ma – osserva la lettera – in “un inspiegabile ed assordante silenzio dei canali istituzionali, della stampa e dei media televisivi; con qualche rara eccezione dei pochi che ne hanno trattato marginalmente”.

“Questo governo – scrivono i promotori – anche con suoi recenti atti, ha dato prova di voler iniziare un percorso di modernizzazione e trasparenza di tutto l’operato della pubblica amministrazione: oggi ha modo di far seguire i fatti alle parole. Senza citare leggi e provvedimenti, che pure garantiscono pieno diritto di accesso a documenti pubblici, in qualità di cittadini appassionati e scrupolosi Vi chiediamo, come semplice atto di responsabilità e di etica civile, di mettere a disposizione su di un sito istituzionale o di far pervenire al seguente indirizzo di posta elettronica, scandaloitaliano@gmail.com, una copia in formato elettronico dei seguenti documenti:
– studio di fattibilità completo del progetto Scegli Italia
– costo totale previsto dell’intero progetto, con dettaglio
– convenzioni tra Dipartimento per l’Innovazione e Innovazione Italia per l’esecuzione del progetto Italia.it
– bando di gara
– capitolato
– elenco imprese o raggruppamenti temporanei di impresa (RTI) partecipanti alla gara
– documento di aggiudicazione con dettaglio dei criteri adottati e motivazioni
– risultati del benchmark internazionale sulle offerte presentate
– contratto in essere con il RTI: IBM, ITS e Tiscover
– atto transattivo del 2006 con il RTI: IBM, ITS e Tiscover con dettaglio motivazioni”

La lettera partirà con le firme che saranno raccolte a partire da questa pagina il giorno primo aprile (“Ma non è uno scherzo” – sottolineano i promotori). A quel punto, “Prodi, Rutelli e Nicolais potranno, con schiettezza e semplicità – conclude Scandalo Italiano – confermare la democraticità e la limpidezza della cosa pubblica italiana, mettendo un pugno di documenti della Pubblica Amministrazione a disposizione di quei cittadini che ne hanno fatto richiesta, con pieno diritto”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    piuttosto gli sms non li manda più
    una volta funzianavano ed erano un sacco comodi poi da un mese a questa parte non arriva più nulla qualcuno sa il perchè??
  • Anonimo scrive:
    openitaly.net
    OpenItaly è progetto collaborativo libero e gratuito con lo scopo di promuovere e divulgare risorse turistiche italiane. Un portale dove cercare per un buon albergo, mangiare una buona pizza e degli ottimi spaghetti, dormire a poco prezzo. Un posto dove sono le opinioni dei clienti che contano !http://www.openitaly.net
  • Anonimo scrive:
    Dai interessante
    Potrebbe avere sviluppi interessanti.Meglio poter utilizzare uno strumento in più che uno in meno.
  • Anonimo scrive:
    perplesso
    La mia impressione è quella di avere davanti una chat georeferenziata. Se mettiamo insieme la mia avversione per le chat e soprattuto per quelle generiche (quelle dove si parla di tutto e quindi di niente), le pesantezza del sistema (la cartina che si muove necessita di risorse) e la necessità di attenzione richiesta da questo sistema (devi stare a guardare i messaggi, leggerli, spesso tradurli e capirli, il tutto in pochi secondi perché i popup appaiono e scompaiono) non capisco l'utilità della cosa. Ma probabilmente è una di quei milioni di cose inutili che popolano il mondo e soprattutto Internet che non è altro che una piccola emanazione dell'universo che ci circonda...
    • Anonimo scrive:
      Re: perplesso
      secondo me non hai colto il punto che non è certo come funziona questa cosa
      • Anonimo scrive:
        Re: perplesso
        - Scritto da:
        secondo me non hai colto il punto che non è certo
        come funziona questa
        cosaAllora me lo puoi spiegare? Perché io continuo a non capire...(senza trollate per favore)
  • Anonimo scrive:
    In itaGlia magari..
    "Abbiamo dinanzi un prodotto web avanzato, molto giovane, che non tutti conoscono e di cui i grandi media ancora devono parlare"Il fatto che la BBC lo usi non ti fa venire il piccolo dubbio che qualcuno fuori da questo paesino se ne sia già accorto da un po'?
  • Anonimo scrive:
    "si parla prevalentemente inglese"
    E allora? :D preferivi il bergamasco o il mandarino?O il patetico esperanto!?!
    • Sgabbio scrive:
      Re: "si parla prevalentemente inglese"
      - Scritto da:
      E allora? :D preferivi il bergamasco o il
      mandarino?
      O il patetico esperanto!?!Hai mai studiato l'esperanto per dire che è patetico? Potrei dire lo stesso per l'inglese, il francese, il tedesco, coreano, giapponese, italiano, cinese, senegalese......
      • Anonimo scrive:
        Re: "si parla prevalentemente inglese"


        E allora? :D preferivi il bergamasco o il

        mandarino?

        O il patetico esperanto!?!


        Hai mai studiato l'esperanto per dire che è
        patetico? Si
        Potrei dire lo stesso per l'inglese, il francese,
        il tedesco, coreano, giapponese, italiano,
        cinese,
        senegalese......Dillo pure, ma non cambia di una virgola, la lingua franca di internet è l'INGLESE :D
  • Anonimo scrive:
    Non capisco.
    Sembra un mix tra irc e googlemaps. C'è dell'altro che mi sfugge?
  • Anonimo scrive:
    Ma che ficata!
    AHAHA no dico ma l'avete vista? Sembra che stiano parlando tra di loro (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    molto interessante
    grazie Paolo, ottimo articolo
  • Anonimo scrive:
    TwitterSPOT?
    Mah, da quel che ho capito leggendo l'articolo sembrerebbe l'ennesimo veicolo di spam...
    • Anonimo scrive:
      Re: TwitterSPOT?
      - Scritto da:
      Mah, da quel che ho capito leggendo l'articolo
      sembrerebbe l'ennesimo veicolo di
      spam...Rileggilo dai magari ci capisci di piu'
    • livio.morina scrive:
      Re: TwitterSPOT?
      Anche l'email è un veicolo di spam, non per questo è una cosa inutile!Comunque dopo aver valutato un pochetto il funzionamento, ho rilevato che qualcuno s'è attivato ad usare questo canale per spammare.Speriamo che in futuro si riesca ad arginare questa minaccia che farebbe morire questo ottimo progetto.
      • Anonimo scrive:
        Re: TwitterSPOT?

        Anche l'email è un veicolo di spam, non per
        questo è una cosa
        inutile!

        Comunque dopo aver valutato un pochetto il
        funzionamento, ho rilevato che qualcuno s'è
        attivato ad usare questo canale per
        spammare.

        Speriamo che in futuro si riesca ad arginare
        questa minaccia che farebbe morire questo ottimo
        progetto.Ottimo per cosa??? :@
        • livio.morina scrive:
          Re: TwitterSPOT?
          Uno strumento che potrebbe soppiantare gli rss per esempio...
          • Anonimo scrive:
            Re: TwitterSPOT?

            Uno strumento che potrebbe soppiantare gli rss
            per
            esempio...Un'inutilità sostituita da un'altra... :@
Chiudi i commenti