Jamming telefonico per una guida prudente

Il governo USA pensa a imporre l'utilizzo di tecnologie di scrambling delle comunicazioni cellulari nelle automobili. Ne va della sicurezza su strada, dice il promotore. Con buona pace del segnale GPS?
Il governo USA pensa a imporre l'utilizzo di tecnologie di scrambling delle comunicazioni cellulari nelle automobili. Ne va della sicurezza su strada, dice il promotore. Con buona pace del segnale GPS?

Le tecnologie di jamming telefonico integrate direttamente nelle automobili di prossima costruzione? “Credo che si farà”, dice convinto il Segretario ai Trasporti USA Ray LaHood. Il governo statunitense si prepara dunque a trasformare in obbligo l’introduzione di sistemi di blocco automatico dei cellulari nelle autovetture , il tutto naturalmente pensando alla sicurezza delle strade e dei cittadini.

“Penso che la tecnologia sia già disponibile e penso che vedrete questa tecnologia adottata nelle automobili per disabilitare i cellulari”, dice senza tema di smentita LaHood, che ha fatto della lotta alle distrazioni alla guida uno dei tratti distintivi del suo impegno nel governo Obama.

“Solo lo scorso anno – continua il Segretario – sono morte quasi 5.500 persone e 500mila sono rimaste ferite a causa di incidenti provocati da distrazioni durante la guida”. Queste e molte, “troppe” altre vite sono state “accorciate” a causa della mancanza di attenzione alle norme della guida sicura, dice LaHood, e il governo non esiterà a obbligare l’industria automobilistica ad adottare sistemi di jamming automatico alle comunicazioni cellulari per evitare che una conversazione animata, un SMS o quant’altro siano forieri di incidenti gravi o addirittura mortali.

LaHood pensa alla sicurezza su strada, e la sua prospettiva sarebbe largamente condivisibile soprattutto da chi si è visto (suo malgrado) coinvolto in gravi incidenti stradali dovuti a imprudenza. Nondimeno la proposta mostra il fianco a critiche legittime sulla potenziale utilità del cellulare in auto in caso di emergenza, per non parlare del fatto che un eventuale segnale di jamming “obbligatorio” potrebbe mettere fuori uso anche la capacità di geolocalizzazione GPS presente nella stragrande maggioranza degli smartphone.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 11 2010
Link copiato negli appunti