Java, tra bloatware e falle infinite

Oracle ancora sotto osservazione per le falle che spuntano come funghi. Ma anche per la pratica di infilare barre di ricerca e scanner antivirus nell'installazione degli aggiornamenti di sicurezza

Roma – Non si fermano le polemiche su Java, la virtual machine costantemente al centro della scena per i suoi ricorrenti problemi di sicurezza e non solo. L’ultima polemica coinvolge difatti Oracle e il metodo di distribuzione del pacchetto software su sistemi Windows, un metodo ritenuto scorretto che installa software non richiesto sul PC dell’utente.

La contestazione arriva da un pezzo su ZDNET a firma Ed Bott, che in passato aveva già preso di mira Adobe e Skype definendoli campioni del “foistware”: usando il client di aggiornamento fornito di default da Oracle, riferisce Bott, gli utenti si trovano davanti alla scelta di installare software di terze parti aggiuntivo come la toolbar di Ask.com e McAfee Security Scanner .

La scelta (disabilitabile, ma abilitata di default) è presente all’installazione di ogni aggiornamento di sicurezza, dice Bott, e vista la frequente necessità di patch correttive è probabile che prima o poi qualcuno installi barre o similari sul proprio sistema anche senza volerlo.

Al di là della disdicevole politica di rifilare software di terze parti in un update che dovrebbe avere a che fare con la sicurezza e nient’altro, dice Bott, il comportamento di Ask.com è a dir poco sospetto : l’installer della toolbar non parte se non dopo i primi 10 minuti, e i risultati delle ricerche appaiono pensati per servire advertising più che per fornire informazioni utili all’utente.

Java è ora un ricettacolo di simili pratiche, oltre a essere un nido di falle zero-day senza speranza di redenzione suggerisce Bott, e quel che è peggio la verità dei fatti è persino più dura per la sempre problematica reputazione pubblica di Oracle: Java è stato patchato in emergenza pochi giorni or sono , una nuova falla è stata scoperta subito dopo e ora i ricercatori di sicurezza hanno individuato altre due vulnerabilità “inedite” sfruttabili per compromettere il sistema.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • daniele_dll _rosica scrive:
    occhiali a infrarossi...
    Sai che novità, di led ad infrarosso ne basta 1 per mandare KO una telecamera
    • krane scrive:
      Re: occhiali a infrarossi...
      - Scritto da: daniele_dll _rosica
      Sai che novità, di led ad infrarosso ne basta 1
      per mandare KO una telecameraAnche quelle degli autovelox secondo te ?
  • Leguleio scrive:
    Design molto sobrio
    Con quegli occhiali si evita il riconoscimento facciale, in compenso le possibilità di venire internati in un ospedale psichiatrico aumentano molto. :-D
    • daniele_dll _rosica scrive:
      Re: Design molto sobrio
      sono ad infrarossi, non sono visibili dall'occhio umano- Scritto da: Leguleio
      Con quegli occhiali si evita il riconoscimento
      facciale, in compenso le possibilità di venire
      internati in un ospedale psichiatrico aumentano
      molto.
      :-D
    • thebecker scrive:
      Re: Design molto sobrio
      - Scritto da: Leguleio
      Con quegli occhiali si evita il riconoscimento
      facciale, in compenso le possibilità di venire
      internati in un ospedale psichiatrico aumentano
      molto.
      :-DOvviamente si tratta di un prototipo da laboratorio. Di solito i prototipi vengono fatti senza pensare all'estentica e per risparmiare e praticità con componentielettronici più "grossi"...E' ovvio che se avrà un mercato dovrà avere compenenti piccoli facilmente itegrabili in una montatura "normale"ps: mi piacciono i giapponesi perchè cercano sempre di creare qualcosa di nuovo, inventare..ecc. Ovvio che fanno anche delle cose stupide, ma almeno sperimentano hanno inventiva e immaginazione.Una volta era anche così in Italia, ora invece si pensa ad avere l'assegno di ricerca mettere a posto parenti e/o amici e l'italiano si sente soddisfatto perchè si è "sistemato", cosa importa se le risorse impiegate non hanno prodotto nesssun risulato (a parte ingrassare un C/C).Ovviamente non voglio generalizzare, ci sono italiani geniali, con inventiva ma sono all'estero.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 gennaio 2013 12.04-----------------------------------------------------------
      • Leguleio scrive:
        Re: Design molto sobrio
        - Scritto da: thebecker
        ps: mi piacciono i giapponesi perchè cercano
        sempre di creare qualcosa di nuovo,
        inventare..ecc. Ovvio che fanno anche delle cose
        stupide, Ti riferisci alla legge che prevede il carcere fino a due anni per chi scarica?http://punto-informatico.it/3548246/PI/News/giappone-carcere-scariconi.aspxma almeno sperimentano hanno inventiva e
        immaginazione.
        Una volta era anche così in Italia, ora invece si
        pensa ad avere l'assegno di ricerca mettere a
        posto parenti e/o amici e l'italiano si sente
        soddisfatto perchè si è "sistemato", cosa importa
        se le risorse impiegate non hanno prodotto
        nesssun risulato (a parte ingrassare un
        C/C).
        Ovviamente non voglio generalizzare, ci sono
        italiani geniali, con inventiva ma sono
        all'estero.Mi hai fatto venire in mente che nessun italiano, dico nessuno, ha mai creato un linguaggio di programmazione. Per dire: il C++ è stato inventato da un danese. Il Prolog, l'Eiffel e l'Ada da francesi. L'Amiga E e il FALSE da un olandese. Un finlandese ha creato Linux, e il programma di telefonia Skype è stato un lavoro d'equipe fra svedesi, estoni e danesi. Ma le facoltà universitarie di informatica in Italia che cosa sfornano? :
        • 123 scrive:
          Re: Design molto sobrio
          - Scritto da: Leguleio
          - Scritto da: thebecker


          ps: mi piacciono i giapponesi perchè cercano

          sempre di creare qualcosa di nuovo,

          inventare..ecc. Ovvio che fanno anche delle
          cose

          stupide,


          Ti riferisci alla legge che prevede il carcere
          fino a due anni per chi
          scarica?

          http://punto-informatico.it/3548246/PI/News/giappo



          ma almeno sperimentano hanno inventiva e

          immaginazione.

          Una volta era anche così in Italia, ora
          invece
          si

          pensa ad avere l'assegno di ricerca mettere a

          posto parenti e/o amici e l'italiano si sente

          soddisfatto perchè si è "sistemato", cosa
          importa

          se le risorse impiegate non hanno prodotto

          nesssun risulato (a parte ingrassare un

          C/C).

          Ovviamente non voglio generalizzare, ci sono

          italiani geniali, con inventiva ma sono

          all'estero.

          Mi hai fatto venire in mente che nessun italiano,
          dico nessuno, ha mai creato un linguaggio di
          programmazione. Per dire: il C++ è stato
          inventato da un danese. Il Prolog, l'Eiffel e
          l'Ada da francesi. L'Amiga E e il FALSE da un
          olandese. Un finlandese ha creato Linux, e il
          programma di telefonia Skype è stato un lavoro
          d'equipe fra svedesi, estoni e danesi.

          Ma le facoltà universitarie di informatica in
          Italia che cosa sfornano?
          :gente che finisce nei call center dato che per trovare un posto o hai "XXXX" o "amici". Altrimenti di offrono paghe che la tipa che pulisce le scale prende di piu'.
        • armstrong scrive:
          Re: Design molto sobrio
          - Scritto da: Leguleio
          Ma le facoltà universitarie di informatica in
          Italia che cosa sfornano?
          :giavaioli? :D
        • panda rossa scrive:
          Re: Design molto sobrio
          - Scritto da: Leguleio
          Mi hai fatto venire in mente che nessun italiano,
          dico nessuno, ha mai creato un linguaggio di
          programmazione. Non significa niente.Molti italiani hanno contribuito a far evolvere la scienza informatica, non necessariamente creando un nuovo linguaggio di programmazione (che tutto sommato servono a poco oggi come oggi).
          Ma le facoltà universitarie di informatica in
          Italia che cosa sfornano?
          :Sfornano ottimi informatici, in parecchi casi.
          • Leguleio scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: panda rossa

            Mi hai fatto venire in mente che nessun
            italiano,

            dico nessuno, ha mai creato un linguaggio di

            programmazione.

            Non significa niente.
            Molti italiani hanno contribuito a far evolvere
            la scienza informatica, non necessariamente
            creando un nuovo linguaggio di programmazione
            (che tutto sommato servono a poco oggi come
            oggi).Non significa niente la solo circostanza, siamo d'accordo. Ma non ricordo nemmeno italiani che hanno creato sistemi operativi, come Thorvalds. O che hanno creato una rivoluzione nella telefonia internet, come Friis, Zennström, Heinla, Kasesalu, Tallinn. O che hanno trovato un modo per aggirare la protezione di DVD, come il norvegese Johansen.Come si può far evolvere la scienza informatica senza creare mai concetti e prodotti di questo tipo? Oggi, intendo, non certo 40 anni fa.

            Ma le facoltà universitarie di informatica in

            Italia che cosa sfornano?

            :

            Sfornano ottimi informatici, in parecchi casi.Sempre modesto, eh, Panda Rossa? ;-)
          • panda rossa scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: Leguleio
            Non significa niente la solo circostanza, siamo
            d'accordo. Ma non ricordo nemmeno italiani che
            hanno creato sistemi operativi, come Thorvalds.Quanti sono stati i sistemi operativi nella storia?Perche' non prendi un settore un po' piu' significativo invece di cercare peli nelle uova.Perche' altrimenti potremmo parlare di microproXXXXXri.Quanti italiani hanno costruito un microproXXXXXre che ha avuto una significativa diffusione a livello globale?Uno c'e' stato!
            O
            che hanno creato una rivoluzione nella telefonia
            internet, come Friis, Zennström, Heinla,
            Kasesalu, Tallinn. O che hanno trovato un modo
            per aggirare la protezione di DVD, come il
            norvegese
            Johansen.Sempre peli nelle uova.Non si fa statistica in questo modo.
            Come si può far evolvere la scienza informatica
            senza creare mai concetti e prodotti di questo
            tipo? Oggi, intendo, non certo 40 anni
            fa.La scienza evolve un poco alla volta.Nessuno pretende balzi da gigante.E la scienza informatica e' in continua evoluzione.Ma non puoi pretendere di fare delle statistiche su base nazionale, in un campo che piu' globalizzato non si puo'.


            Ma le facoltà universitarie di
            informatica
            in


            Italia che cosa sfornano?


            :



            Sfornano ottimi informatici, in parecchi
            casi.

            Sempre modesto, eh, Panda Rossa? ;-)Io faccio le mie valutazioni.Tu sei libero di approvarle o di rigettarle, o di collocarti in qualunque posizione intermedia a piacer tuo.
          • armstrong scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Leguleio


            Non significa niente la solo circostanza,
            siamo

            d'accordo. Ma non ricordo nemmeno italiani
            che

            hanno creato sistemi operativi, come
            Thorvalds.

            Quanti sono stati i sistemi operativi nella
            storia?

            Perche' non prendi un settore un po' piu'
            significativo invece di cercare peli nelle
            uova.

            Perche' altrimenti potremmo parlare di
            microproXXXXXri.
            Quanti italiani hanno costruito un
            microproXXXXXre che ha avuto una significativa
            diffusione a livello
            globale?
            Uno c'e' stato!Appunto: UNO e quarant'anni fa :(
          • webwizard scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: armstrong
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Leguleio




            Non significa niente la solo
            circostanza,

            siamo


            d'accordo. Ma non ricordo nemmeno
            italiani

            che


            hanno creato sistemi operativi, come

            Thorvalds.



            Quanti sono stati i sistemi operativi nella

            storia?



            Perche' non prendi un settore un po' piu'

            significativo invece di cercare peli nelle

            uova.



            Perche' altrimenti potremmo parlare di

            microproXXXXXri.

            Quanti italiani hanno costruito un

            microproXXXXXre che ha avuto una
            significativa

            diffusione a livello

            globale?

            Uno c'e' stato!
            Appunto: UNO e quarant'anni fa :(http://it.wikipedia.org/wiki/Olivetti_P101Se poi l'industria italiana è guidata da incapaci, mica è colpa mia...
          • Leguleio scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: webwizard

            Appunto: UNO e quarant'anni fa :(

            http://it.wikipedia.org/wiki/Olivetti_P101

            Se poi l'industria italiana è guidata da
            incapaci, mica è colpa
            mia...Questo esempio è ancora più vecchio di 40 anni fa. Tanto valeva parlare della centralità di Fibonacci nella matematica moderna.
          • Leguleio scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: panda rossa

            Non significa niente la solo circostanza,
            siamo

            d'accordo. Ma non ricordo nemmeno italiani
            che

            hanno creato sistemi operativi, come
            Thorvalds.

            Quanti sono stati i sistemi operativi nella
            storia?Secondo questa lista:http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_operating_systemsattorno ai 900 sistemi operativi, dagli anni Cinquanta ad oggi.
            Perche' non prendi un settore un po' piu'
            significativo invece di cercare peli nelle
            uova.Perché i confronti, per quanto impietosi, si fanno soprattutto su questi dati famosi per il grande pubblico. Chissenefrega se una nazione è stata campione olimpico di tiro alla fune (sì, una volta questo sport c'era): se il suo medagliere nella altre discipline famose come atletica ginnastica lotta e nuoto è pari a zero, sarà considerata una nazione poco agonistica.
            Perche' altrimenti potremmo parlare di
            microproXXXXXri.
            Quanti italiani hanno costruito un
            microproXXXXXre che ha avuto una significativa
            diffusione a livello
            globale?
            Uno c'e' stato!Non era proprio da solo. E lavorava all'estero, non in Italia. Tra l'altro è cittadino Usa dal 1978, guarda un po' il caso...

            O

            che hanno creato una rivoluzione nella
            telefonia

            internet, come Friis, Zennström, Heinla,

            Kasesalu, Tallinn. O che hanno trovato un
            modo

            per aggirare la protezione di DVD, come il

            norvegese

            Johansen.

            Sempre peli nelle uova.
            Non si fa statistica in questo modo.Dimmi come si fa.Contando il numero di articoli teorici in riviste accademiche?

            Come si può far evolvere la scienza
            informatica

            senza creare mai concetti e prodotti di
            questo

            tipo? Oggi, intendo, non certo 40 anni

            fa.

            La scienza evolve un poco alla volta.E fin qui siamo d'accordo.
            Nessuno pretende balzi da gigante.No, ma la fama di inventore del telegrafo senza fili va a Guglielmo Marconi, per il solo fatto che l'ha brevettato. Poi possiamo dire tranquillamente che nulla nella sua invenzione era realmente inedito: Marconi ha assemblato molto bene le invenzioni di altri. E con tutto questo, il mondo del progresso tecnologico funziona così. Bisogna farsi un pochino furbi. :|
            E la scienza informatica e' in continua
            evoluzione.E il contributo di italiani a questa evoluzione continuo a non vederlo, da questo tuo commento.
            Ma non puoi pretendere di fare delle statistiche
            su base nazionale, in un campo che piu'
            globalizzato non si
            puo'.E perché no? Basta non dimenticare né la nazionalità dell'inventore, né il luogo dove l'invenzione è avvenuta. Poi, si dia avvio ai confronti.
          • panda rossa scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: Leguleio

            Perché i confronti, per quanto impietosi, si
            fanno soprattutto su questi dati famosi per il
            grande pubblico.Il grande pubblico non capisce niente.Il parere del grande pubblico non conta.
            Chissenefrega se una nazione è
            stata campione olimpico di tiro alla fune (sì,
            una volta questo sport c'era): se il suo
            medagliere nella altre discipline famose come
            atletica ginnastica lotta e nuoto è pari a zero,
            sarà considerata una nazione poco agonistica.Quando una volta il tiro alla fune c'era, sara' stato uno sport dignitoso con la sua importanza.Chi stabilisce che cosa?Io posso dire che la scherma e' uno sport importante e il baseball no.Un giapponese direbbe il contrario.

            Perche' altrimenti potremmo parlare di

            microproXXXXXri.

            Quanti italiani hanno costruito un

            microproXXXXXre che ha avuto una
            significativa

            diffusione a livello

            globale?

            Uno c'e' stato!


            Non era proprio da solo. E lavorava all'estero,
            non in Italia. Tra l'altro è cittadino Usa dal
            1978, guarda un po' il caso...Quale caso.Parlavi di scuole, e adesso parli di cittadinanza?E' stato piu' determinante dove ha studiato o dove aveva la cittadinanza, per la realizzazione di quel proXXXXXre?
            Dimmi come si fa.
            Contando il numero di articoli teorici in riviste
            accademiche?Parlando di programmazione io andrei a vedere le realizzazioni di software in tutti i campi, senza limitarmi a cercare solo tra sistemi operativi, solo linguaggi, solo compilatori, solo database, solo videogames o solo altri settori.Se vai a vedere i contributi degli italiani in tutte le realizzazioni, noterai una percentuale ben maggiore di zero.Modesta rispetto ad altre realta', non lo nego, ma maggiore di zero.

            Nessuno pretende balzi da gigante.

            No, ma la fama di inventore del telegrafo senza
            fili va a Guglielmo Marconi, per il solo fatto
            che l'ha brevettato. Poi possiamo dire
            tranquillamente che nulla nella sua invenzione
            era realmente inedito: Marconi ha assemblato
            molto bene le invenzioni di altri. E con tutto
            questo, il mondo del progresso tecnologico
            funziona così.No, solo apple funziona cosi'.Il resto del mondo tecnologico si sarebbe comportato diversamente se non ci fosse stata apple.
            Bisogna farsi un pochino furbi.Dipende da quali sono gli obiettivi.Il mio obiettivo e' di migliorare le cose, non di arricchirmi, quindi la mia furbizia consiste nel rilasciare il mio lavoro sotto GPL3.

            E la scienza informatica e' in continua

            evoluzione.

            E il contributo di italiani a questa evoluzione
            continuo a non vederlo, da questo tuo
            commento.E non lo vedrai mai se usi quel sistema di ricerca.

            Ma non puoi pretendere di fare delle
            statistiche

            su base nazionale, in un campo che piu'

            globalizzato non si

            puo'.

            E perché no? Basta non dimenticare né la
            nazionalità dell'inventore, né il luogo dove
            l'invenzione è avvenuta. Poi, si dia avvio ai
            confronti.Ma, in definitiva, che ti frega di sapere chi ha fatto che cosa, e dove e' nato costui?Sempre sto brutto vizio di concentrarsi sul dito.Ma guarda la luna una buona volta e fregatene di tutte queste dita!
          • armstrong scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: panda rossa
            Parlando di programmazione io andrei a vedere le
            realizzazioni di software in tutti i campi, senza
            limitarmi a cercare solo tra sistemi operativi,
            solo linguaggi, solo compilatori, solo database,
            solo videogames o solo altri
            settori.
            Se vai a vedere i contributi degli italiani in
            tutte le realizzazioni, noterai una percentuale
            ben maggiore di
            zero.
            Modesta rispetto ad altre realta', non lo nego,
            ma maggiore di
            zero.Un esempio, ti sta solo chiedendo UN esempio, non sarà così difficile vero?
          • panda rossa scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: armstrong
            - Scritto da: panda rossa

            Parlando di programmazione io andrei a
            vedere
            le

            realizzazioni di software in tutti i campi,
            senza

            limitarmi a cercare solo tra sistemi
            operativi,

            solo linguaggi, solo compilatori, solo
            database,

            solo videogames o solo altri

            settori.

            Se vai a vedere i contributi degli italiani
            in

            tutte le realizzazioni, noterai una
            percentuale

            ben maggiore di

            zero.

            Modesta rispetto ad altre realta', non lo
            nego,

            ma maggiore di

            zero.
            Un esempio, ti sta solo chiedendo UN esempio, non
            sarà così difficile
            vero?C'e' piu' di un italiano che ha dato il suo contributo in OpenOffice per esempio.E comunque io non sto qui ad indicare le dita.
          • armstrong scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: armstrong

            - Scritto da: panda rossa


            Parlando di programmazione io andrei a

            vedere

            le


            realizzazioni di software in tutti i
            campi,

            senza


            limitarmi a cercare solo tra sistemi

            operativi,


            solo linguaggi, solo compilatori, solo

            database,


            solo videogames o solo altri


            settori.


            Se vai a vedere i contributi degli
            italiani

            in


            tutte le realizzazioni, noterai una

            percentuale


            ben maggiore di


            zero.


            Modesta rispetto ad altre realta', non
            lo

            nego,


            ma maggiore di


            zero.

            Un esempio, ti sta solo chiedendo UN
            esempio,
            non

            sarà così difficile

            vero?

            C'e' piu' di un italiano che ha dato il suo
            contributo in OpenOffice per
            esempio.
            E comunque io non sto qui ad indicare le dita.Va bene mi arrendo: NON sai un razzo :D
          • Leguleio scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: panda rossa



            Perché i confronti, per quanto impietosi, si

            fanno soprattutto su questi dati famosi per
            il

            grande pubblico.

            Il grande pubblico non capisce niente.Ah, be', se l'impostazione è questa, tutta la conversazione poteva essere morta lì fin dall'inizio. Non capisco perché tu sia intervenuto.
            Il parere del grande pubblico non conta.Non direi che sia un "parere". È una constatazione: autori di linguaggi di programmazione, di sistemi operativi, di programmi di grande sucXXXXX che abitavano in Paesi grandi un decimo dell'Italia ci sono stati. Italiani che hanno fatto altrettanto, no.L'ho detto: i fatti sono impietosi. Ma è meglio conoscerli.

            Chissenefrega se una nazione è

            stata campione olimpico di tiro alla fune
            (sì,

            una volta questo sport c'era): se il suo

            medagliere nella altre discipline famose come

            atletica ginnastica lotta e nuoto è pari a
            zero,

            sarà considerata una nazione poco agonistica.

            Quando una volta il tiro alla fune c'era, sara'
            stato uno sport dignitoso con la sua
            importanza.
            Chi stabilisce che cosa?In questo caso: il senso del ridicolo.Che a te forse è estraneo, ma molti ancora ce l'hanno. Almeno un po'.


            Perche' altrimenti potremmo parlare di


            microproXXXXXri.


            Quanti italiani hanno costruito un


            microproXXXXXre che ha avuto una

            significativa


            diffusione a livello


            globale?


            Uno c'e' stato!





            Non era proprio da solo. E lavorava
            all'estero,

            non in Italia. Tra l'altro è cittadino Usa
            dal

            1978, guarda un po' il caso...

            Quale caso.
            Parlavi di scuole, e adesso parli di cittadinanza?
            E' stato piu' determinante dove ha studiato o
            dove aveva la cittadinanza, per la realizzazione
            di quel
            proXXXXXre?Sono determinanti entrambe le cose. Nessuna delle due va dimenticata. Nel caso di Faggin, non pensavo alle facoltà di informatica perché quando si è laureato nemmeno esistevano.

            Contando il numero di articoli teorici in
            riviste

            accademiche?

            Parlando di programmazione io andrei a vedere le
            realizzazioni di software in tutti i campi, senza
            limitarmi a cercare solo tra sistemi operativi,
            solo linguaggi, solo compilatori, solo database,
            solo videogames o solo altri
            settori.E va bene. Ma fallo.Altrimenti il confronto non si riesce a concludere.
            Se vai a vedere i contributi degli italiani in
            tutte le realizzazioni, noterai una percentuale
            ben maggiore di
            zero.
            Modesta rispetto ad altre realta', non lo nego,
            ma maggiore di
            zero.Ma contributi come ideatori e imprenditori, oppure come ligi scrittori di linee di codice?


            Nessuno pretende balzi da gigante.



            No, ma la fama di inventore del telegrafo
            senza

            fili va a Guglielmo Marconi, per il solo
            fatto

            che l'ha brevettato. Poi possiamo dire

            tranquillamente che nulla nella sua
            invenzione

            era realmente inedito: Marconi ha assemblato

            molto bene le invenzioni di altri. E con
            tutto

            questo, il mondo del progresso tecnologico

            funziona così.

            No, solo apple funziona cosi'.
            Il resto del mondo tecnologico si sarebbe
            comportato diversamente se non ci fosse stata
            apple.Tutta colpa di Apple, insomma.I giusti meriti di altri inventori vengono messi in ombra a causa del defunto Jobs.


            E la scienza informatica e' in continua


            evoluzione.



            E il contributo di italiani a questa
            evoluzione

            continuo a non vederlo, da questo tuo

            commento.

            E non lo vedrai mai se usi quel sistema di
            ricerca.Potrei rivoltare la frase: finché un sistema di ricerca e confronto non me lo descrivi, non si vedrà mai nulla. In nessun campo.


            Ma non puoi pretendere di fare delle

            statistiche


            su base nazionale, in un campo che piu'


            globalizzato non si


            puo'.



            E perché no? Basta non dimenticare né la

            nazionalità dell'inventore, né il luogo dove

            l'invenzione è avvenuta. Poi, si dia avvio ai

            confronti.

            Ma, in definitiva, che ti frega di sapere chi ha
            fatto che cosa, e dove e' nato
            costui?Si parlava di Giappone, e delle loro invenzioni che, talvolta, hanno anche qualcosa di geniale. E sì che lo stereotipo del giapponese è piuttosto noioso, con poca fantasia...
            Sempre sto brutto vizio di concentrarsi sul dito.
            Ma guarda la luna una buona volta e fregatene di
            tutte queste
            dita!Ho perso il conto delle volte che hai usato questa frase su PI. Forse hai un accordo con il Guinness dei primati, per comparire come l'utente che ha citato il detto cinese sul dito e la luna un milione di volte? Ormai ti manca poco.
          • panda rossa scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: panda rossa







            Perché i confronti, per quanto
            impietosi,
            si


            fanno soprattutto su questi dati famosi
            per

            il


            grande pubblico.



            Il grande pubblico non capisce niente.

            Ah, be', se l'impostazione è questa, tutta la
            conversazione poteva essere morta lì fin
            dall'inizio. Non capisco perché tu sia
            intervenuto.Perche' io sono un addetto ai lavori e quindi il mio parere e' significativo.

            Il parere del grande pubblico non conta.

            Non direi che sia un "parere". È una
            constatazione: autori di linguaggi di
            programmazione, di sistemi operativi, di
            programmi di grande sucXXXXX che abitavano in
            Paesi grandi un decimo dell'Italia ci sono stati.
            Italiani che hanno fatto altrettanto, no.
            L'ho detto: i fatti sono impietosi. Ma è meglio
            conoscerli.Continuo a non capire il senso di tutto questo.

            Quando una volta il tiro alla fune c'era,
            sara'

            stato uno sport dignitoso con la sua

            importanza.

            Chi stabilisce che cosa?

            In questo caso: il senso del ridicolo.
            Che a te forse è estraneo, ma molti ancora ce
            l'hanno. Almeno un po'.E allora ridi.

            Parlavi di scuole, e adesso parli di
            cittadinanza?

            E' stato piu' determinante dove ha studiato o

            dove aveva la cittadinanza, per la
            realizzazione

            di quel

            proXXXXXre?

            Sono determinanti entrambe le cose. Nessuna delle
            due va dimenticata. Nel caso di Faggin, non
            pensavo alle facoltà di informatica perché quando
            si è laureato nemmeno esistevano.E' determinante la persona, che ha avuto una idea giusta, al momento giusto, sicuramente nel posto giusto.Ma il fatto che lui si trovasse nel posto giusto, e' ancora merito della persona.


            Contando il numero di articoli teorici
            in

            riviste


            accademiche?



            Parlando di programmazione io andrei a
            vedere
            le

            realizzazioni di software in tutti i campi,
            senza

            limitarmi a cercare solo tra sistemi
            operativi,

            solo linguaggi, solo compilatori, solo
            database,

            solo videogames o solo altri

            settori.

            E va bene. Ma fallo.
            Altrimenti il confronto non si riesce a
            concludere.Io?Sei tu che hai tirato in ballo questa assurda statistica.A me di chi sia l'autore di un programma o di un sistema operativo o cose del genere NON PUO' FREGAR DI MENO.Io guardo la luna.Delle dita me ne frego altamente.

            Se vai a vedere i contributi degli italiani
            in

            tutte le realizzazioni, noterai una
            percentuale

            ben maggiore di

            zero.

            Modesta rispetto ad altre realta', non lo
            nego,

            ma maggiore di

            zero.

            Ma contributi come ideatori e imprenditori,
            oppure come ligi scrittori di linee di
            codice?Ma che ne so?Ma che ci frega?C'e' un risultato? Benissimo! Godiamo del risultato.Se chi ha consentito di raggiungere quel risultato non ci tiene a mettere il suo nome in bella vista, rispettiamo la sua volonta'.Quelli che vogliono mettersi in evidenza, lo hanno fatto, dando spesso il loro nome al risultato.

            No, solo apple funziona cosi'.

            Il resto del mondo tecnologico si sarebbe

            comportato diversamente se non ci fosse stata

            apple.

            Tutta colpa di Apple, insomma.
            I giusti meriti di altri inventori vengono messi
            in ombra a causa del defunto Jobs.I giusti meriti degli altri non sono assolutamente messi in ombra da Jobs.

            Ma, in definitiva, che ti frega di sapere
            chi
            ha

            fatto che cosa, e dove e' nato

            costui?

            Si parlava di Giappone, e delle loro invenzioni
            che, talvolta, hanno anche qualcosa di geniale. E
            sì che lo stereotipo del giapponese è piuttosto
            noioso, con poca fantasia...Quali invenzioni, per esempio?

            Sempre sto brutto vizio di concentrarsi sul
            dito.

            Ma guarda la luna una buona volta e
            fregatene
            di

            tutte queste

            dita!

            Ho perso il conto delle volte che hai usato
            questa frase su PI.Tuttavia e' sempre attuale e veritiera.
            Forse hai un accordo con il Guinness dei primati,
            per comparire come l'utente che ha citato il
            detto cinese sul dito e la luna un milione di
            volte? Ormai ti manca poco.Finche' c'e' gente che continua a guardare le dita, ho gioco facilissimo.
          • Leguleio scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: panda rossa

            Ah, be', se l'impostazione è questa, tutta la

            conversazione poteva essere morta lì fin

            dall'inizio. Non capisco perché tu sia

            intervenuto.

            Perche' io sono un addetto ai lavori e quindi il
            mio parere e'
            significativo.Insomma, l' <I
            ipse dixit </I
            adesso si applica anche a chi nei forum dice di essere un addetto ai lavori. Bei tempi quelli in cui, almeno, l' <I
            ipse </I
            era Aristotele.

            Non direi che sia un "parere". È una

            constatazione: autori di linguaggi di

            programmazione, di sistemi operativi, di

            programmi di grande sucXXXXX che abitavano in

            Paesi grandi un decimo dell'Italia ci sono
            stati.

            Italiani che hanno fatto altrettanto, no.

            L'ho detto: i fatti sono impietosi. Ma è
            meglio

            conoscerli.

            Continuo a non capire il senso di tutto questo.Se vuoi ti illustro l'importanza della diffusione stampa per gli inserzionisti. Oppure l'importanza dei dati auditel per chi fa campagne pubblicitarie in tv. Oppure l'importanza della classifica discografica per chi investe nell'industria musicale (sempre meno, siamo d'accordo, ma qualcuno ancora c'è).

            In questo caso: il senso del ridicolo.

            Che a te forse è estraneo, ma molti ancora ce

            l'hanno. Almeno un po'.

            E allora ridi.Non sta bene ridere in faccia alle persone. Basta che sia chiaro il concetto. Come non ci si può vergognare per interposta persona, così non ci si può sentire ridicoli al posto di un altro.

            Sono determinanti entrambe le cose. Nessuna
            delle

            due va dimenticata. Nel caso di Faggin, non

            pensavo alle facoltà di informatica perché
            quando

            si è laureato nemmeno esistevano.

            E' determinante la persona, che ha avuto una idea
            giusta, al momento giusto, sicuramente nel posto
            giusto.
            Ma il fatto che lui si trovasse nel posto giusto,
            e' ancora merito della
            persona.E in quel posto, incidentalmente, ha scelto di prendere la propria cittadinanza dopo 7 anni dall'invenzione, e di rimanerci. Orgoglio italiano, appunto.

            E va bene. Ma fallo.

            Altrimenti il confronto non si riesce a

            concludere.

            Io?
            Sei tu che hai tirato in ballo questa assurda
            statistica.Vero. Ma che intervieni a fare, se non sai contrapporne una sensata?Mi sa che il personaggio assurdo qui sei tu.
            A me di chi sia l'autore di un programma o di un
            sistema operativo o cose del genere NON PUO'
            FREGAR DI
            MENO.
            Io guardo la luna.
            Delle dita me ne frego altamente.Non molti ragionano come te. Anzi, pochissimi. E prima o poi ci sbatterai la faccia contro.

            Ma contributi come ideatori e imprenditori,

            oppure come ligi scrittori di linee di

            codice?

            Ma che ne so?
            Ma che ci frega?A me interessa. Altrimenti non avrei posto la questione.

            Si parlava di Giappone, e delle loro
            invenzioni

            che, talvolta, hanno anche qualcosa di
            geniale.
            E

            sì che lo stereotipo del giapponese è
            piuttosto

            noioso, con poca fantasia...

            Quali invenzioni, per esempio?Quest'articolo parla di occhiali che impediscono il riconoscimento facciale. E in Giappone è stato sviluppato Asimo, il robot che cammina e sale le scale:http://www.honda.co.jp/ASIMO/

            Ho perso il conto delle volte che hai usato

            questa frase su PI.

            Tuttavia e' sempre attuale e veritiera."La rana in Spagna gracida in campagna"."Non ci sono più le mezze stagioni". "Italia, patria di santi, navigatori, poeti ed eroi"Oh... ecco. Così mi sono messo al pari con l'attualità pure io. Mi sentivo un po' <I
            passé </I
            .

            Forse hai un accordo con il Guinness dei
            primati,

            per comparire come l'utente che ha citato il

            detto cinese sul dito e la luna un milione di

            volte? Ormai ti manca poco.

            Finche' c'e' gente che continua a guardare le
            dita, ho gioco
            facilissimo.Non ti passa per la mente il sospetto che molta gente abbia una visione d'insieme, e con un colpo d'occhio veda contemporaneamente dita, Luna, la congiungente Terra-Luna, e pure certi saputelli che credono di enunciare concetti profondi ripetendo a pappagallo un proverbio cinese diffuso in Europa fin dai tempi del maggio francese?
          • krane scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: panda rossa


            Mi hai fatto venire in mente che nessun

            italiano,


            dico nessuno, ha mai creato un
            linguaggio
            di


            programmazione.



            Non significa niente.

            Molti italiani hanno contribuito a far
            evolvere

            la scienza informatica, non necessariamente

            creando un nuovo linguaggio di programmazione

            (che tutto sommato servono a poco oggi come

            oggi).

            Non significa niente la solo circostanza, siamo
            d'accordo. Ma non ricordo nemmeno italiani che
            hanno creato sistemi operativi, come Thorvalds. O
            che hanno creato una rivoluzione nella telefonia
            internet, come Friis, Zennström, Heinla,
            Kasesalu, Tallinn. O che hanno trovato un modo
            per aggirare la protezione di DVD, come il
            norvegese
            Johansen.

            Come si può far evolvere la scienza informatica
            senza creare mai concetti e prodotti di questo
            tipo? Oggi, intendo, non certo 40 anni fa.http://www.newspettacolo.com/news/view/38478-quando_olivetti_invento_il_pc_la_storia_sconosciuta_dell_invenzione_del_primo_personal_computer_in_onda_il_26_giugno_2011
          • Leguleio scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: krane

            Come si può far evolvere la scienza
            informatica

            senza creare mai concetti e prodotti di
            questo

            tipo? Oggi, intendo, non certo 40 anni fa.

            http://www.newspettacolo.com/news/view/38478-quandMi prendi per il naso? Ho scritto espressamente <B
            oggi </B
            . Non nel 1965.
          • krane scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: krane
            http://www.newspettacolo.com/news/view/38478-quand
            Mi prendi per il naso? Ho scritto espressamente
            <B
            oggi </B
            . Non nel 1965.Ahhh, la mia era un risposta generica a chi sosteneva che in italia non si inventasse nulla. Le invenzioni e le piccole scoperte di oggi potrebbero essere inutili o fondamentali domani, ma occorre aspettare domani per saperlo. Senza contare che gli italiani con le idee migliori vanno all'estero quindi non e' facile distinguere.
          • armstrong scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Leguleio

            - Scritto da: krane




            http://www.newspettacolo.com/news/view/38478-quand


            Mi prendi per il naso? Ho scritto
            espressamente


            <B
            oggi </B
            . Non nel 1965.

            Ahhh, la mia era un risposta generica a chi
            sosteneva che in italia non si inventasse nulla.
            Le invenzioni e le piccole scoperte di oggi
            potrebbero essere inutili o fondamentali domani,
            ma occorre aspettare domani per saperlo. Senza
            contare che gli italiani con le idee migliori
            vanno all'estero quindi non e' facile
            distinguere.ed un esempio tra il 1965 e oggi?
          • Leguleio scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: armstrong
            ed un esempio tra il 1965 e oggi?Mi associo alla domanda: un esempio un po' più fresco?
          • krane scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: armstrong



            ed un esempio tra il 1965 e oggi?

            Mi associo alla domanda: un esempio un po' più
            fresco?http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/12_settembre_17/pirateria-informatica-italia-al-terzo-posto-nella-classifica-mondiale_8377373a-00cd-11e2-821a-b818e71d5e27.shtmlSiamo al 3' posto per la pirateria informatica dopo usa e uk !! Mica male per un paese cosi' piccolo e con le linee internet tanto lente :$ :p
          • Leguleio scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Leguleio

            - Scritto da: armstrong






            ed un esempio tra il 1965 e oggi?



            Mi associo alla domanda: un esempio un po'
            più

            fresco?

            http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/12_set

            Siamo al 3' posto per la pirateria informatica
            dopo usa e uk !! Mica male per un paese cosi'
            piccolo e con le linee internet tanto lente :$
            :pFinalmente qualcosa per cui andare fieri! Il nuovo genio italico.
          • krane scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Leguleio


            - Scritto da: armstrong









            ed un esempio tra il 1965 e oggi?





            Mi associo alla domanda: un esempio un
            po'

            più


            fresco?




            http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/12_set



            Siamo al 3' posto per la pirateria
            informatica

            dopo usa e uk !! Mica male per un paese cosi'

            piccolo e con le linee internet tanto lente
            :$

            :p


            Finalmente qualcosa per cui andare fieri! Il
            nuovo genio
            italico.E vai, un'altra volta son scoppiato a ridere nell'openspace !!!(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Funz scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: Leguleio
            http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/12_set



            Siamo al 3' posto per la pirateria
            informatica

            dopo usa e uk !! Mica male per un paese cosi'

            piccolo e con le linee internet tanto lente
            :$

            :p


            Finalmente qualcosa per cui andare fieri! Il
            nuovo genio
            italico.Milano e Roma al 1° e 2° posto al mondo per visite su Youporn.com!Grandissimo risultato! :D
          • armstrong scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Leguleio

            - Scritto da: armstrong






            ed un esempio tra il 1965 e oggi?



            Mi associo alla domanda: un esempio un po'
            più

            fresco?

            http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/12_set

            Siamo al 3' posto per la pirateria informatica
            dopo usa e uk !! Mica male per un paese cosi'
            piccolo e con le linee internet tanto lente :$
            :pEcco perchè: scopiazziamo e basta :D
          • diotima scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: panda rossa
            Molti italiani hanno contribuito a far evolvere
            la scienza informatica, non necessariamente
            creando un nuovo linguaggio di programmazione"molti" mi sembra un'affermazione ottimistica. ma quali sarebbero poi?

            Ma le facoltà universitarie di informatica in

            Italia che cosa sfornano?

            :

            Sfornano ottimi informatici, in parecchi casi.E' anche vero che in parecchi casi sfornano incompetenti muniti di 'pezzo di carta' ma questo vale un pò per tutte le facoltà.Il problema, però, è che in italia nn si fa alcuna ricerca o quasi. quel poco che si fa spesso è in mano a persone poco capaci (magari parenti o amici di ..) e ancora più spesso nelle mani di persone demotivate che prenderebbero una paga più decente (e più stabile) pulendo le scale in un condominio. aggiungi che i fondi si tagliano un anno si e l'altro pure e che i laboratori italiani sono quelli dove i ricercatori fanno le collette per comprare i materiali (è sucXXXXX anche questo). Quanto dell'informatica reale è stato prodotto nelle università americane? e quanto in quelle italiane? una quantità impressionante delle idee/tecnologie/strumenti usati nel software informatico nasce grazie alla ricerca pubblica di tutti i paesi del mondo dove però "tutti i paesi del mondo" nn include i paesi del terzo mondo (che per problemi economici sono tagliati fuori) e l'italia che per sua natura nn ha speranze.d'altro canto non si può aspettare molto da un paese che pensa al 'pubblico' come qualcosa di comunista ma punta il privato verso economie tradizionali. un paese in cui, bolla informatica degli anni '90 esclusa, si progettano siti e database relazionali e basta. che poi esistano ottimi informatici credo che sia vero ma nn hanno gli strumenti per fare alcun che, quindi o scappano all'estero o finiscono in un call center. e in un call center (o peggio disoccupati cronici) è veramente dura fare ricerca :))
          • Leguleio scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: diotima....quindi o
            scappano all'estero o finiscono in un call
            center. e in un call center (o peggio disoccupati
            cronici) è veramente dura fare ricerca
            :))Come no: ricerche di mercato! :-D
        • PinguinoCattivo scrive:
          Re: Design molto sobrio
          - Scritto da: Leguleio[...]
          Mi hai fatto venire in mente che nessun italiano,
          dico nessuno, ha mai creato un linguaggio di
          programmazione. Per dire: il C++ è stato
          inventato da un danese. Il Prolog, l'Eiffel e
          l'Ada da francesi. L'Amiga E e il FALSE da un
          olandese. Un finlandese ha creato Linux, e il
          programma di telefonia Skype è stato un lavoro
          d'equipe fra svedesi, estoni e danesi.

          Ma le facoltà universitarie di informatica in
          Italia che cosa sfornano?
          :In Italia un informatico è considerato competente se è capace di utilizzare ed implementare la tecnologia esportata dagli USA.Di inventarla, la tecnologia, pare che non siamo più capaci :( Anche perché nelle università si studiano proXXXXXri vecchi di 10/15 anni e non si fa ricerca.Se guardi, molte delle grandi realtà tecnologiche sono nate proprio negli USA e come progetti universitari...
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Design molto sobrio

          Mi hai fatto venire in mente che nessun italiano,
          dico nessuno, ha mai creato un linguaggio di
          programmazione.Scusa, e questo?http://en.wikibooks.org/wiki/LinoleumSi tratta di una sorta di "generalizzazione" dell'assembler (le istruzioni non sono infatti specifiche per un proXXXXXre, e teoricamente tale linguaggio potrebbe essere implementato su qualunque hardware).L'ideatore è Alessandro Ghignola, italiano.
          • armstrong scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Mi hai fatto venire in mente che nessun
            italiano,

            dico nessuno, ha mai creato un linguaggio di

            programmazione.

            Scusa, e questo?

            http://en.wikibooks.org/wiki/Linoleum

            Si tratta di una sorta di "generalizzazione"
            dell'assembler (le istruzioni non sono infatti
            specifiche per un proXXXXXre, e teoricamente tale
            linguaggio potrebbe essere implementato su
            qualunque
            hardware).

            L'ideatore è Alessandro Ghignola, italiano.Mai sentito prima, forse c'è un motivo, (a parte la mia ovvia ignoranza) :D
          • Leguleio scrive:
            Re: Design molto sobrio
            - Scritto da: armstrong


            Mi hai fatto venire in mente che nessun

            italiano,


            dico nessuno, ha mai creato un
            linguaggio
            di


            programmazione.



            Scusa, e questo?



            http://en.wikibooks.org/wiki/Linoleum



            Si tratta di una sorta di "generalizzazione"

            dell'assembler (le istruzioni non sono
            infatti

            specifiche per un proXXXXXre, e teoricamente
            tale

            linguaggio potrebbe essere implementato su

            qualunque

            hardware).



            L'ideatore è Alessandro Ghignola, italiano.
            Mai sentito prima, forse c'è un motivo, (a parte
            la mia ovvia ignoranza)
            :DMa come? Guarda qui:http://en.wikipedia.org/wiki/User:Alessandro_GhignolaE pure qui, dove è presente con il nome Fottifoh:http://www.reloaded.org/Alessandro-Fottifoh-Ghignola/Game-Maker48/Il l.in.o.l.e.u.m. è un linguaggio di programmazione a basso livello di tipo assembly, e quindi inadatto a grandi lavori. Ecco perché non si é diffuso.
Chiudi i commenti