JEDI: Amazon ferma l'assegnazione del bando a MS

Stop temporaneo per l'assegnazione del contratto che incaricherebbe Microsoft di realizzare la nuova infrastruttura cloud del Pentagono.
Stop temporaneo per l'assegnazione del contratto che incaricherebbe Microsoft di realizzare la nuova infrastruttura cloud del Pentagono.

L’azione legale intrapresa da Amazon per impedire che il Dipartimento della Difesa statunitense assegni il contratto JEDI a Microsoft ha portato a un primo esito concreto. Nella giornata di ieri un giudice federale ha bloccato temporaneamente l’iter. Sul tavolo un bando da dieci miliardi di dollari spalmati in dieci anni per realizzare la nuova infrastruttura cloud del Pentagono.

JEDI in standby per il ricorso di Amazon

Il gruppo di Redmond è uscito a testa alta dal confronto con AWS e altri player del mercato a fine ottobre, ma la società di Jeff Bezos ha fin da subito manifestato le proprie perplessità in merito ai criteri di selezioni adottati, chiamando in causa direttamente anche i suoi contrasti con Donald Trump e le presunte interferenze del Presidente USA. Nel documento depositato per chiedere lo stop sono citati “palesi carenze, errori e inconfondibili imparzialità”.

Alla divisione di Amazon viene chiesto di mettere sul piatto 42 milioni di dollari che saranno eventualmente destinati a coprire “costi e danni” nel caso in cui l’ingiunzione dovesse rivelarsi senza fondamento. Queste le parole affidate alla redazione di CNBC da Frank Shaw, Corporate Vice President of Communications di Microsoft.

Sebbene contrariati per l’ulteriore ritardo crediamo che alla fine saremo in grado di andare oltre per far sì che coloro al servizio della nostra nazione possano accedere alle nuove tecnologie di cui necessitano urgentemente. Abbiamo fiducia nel Dipartimento della Difesa e mostreremo loro nel dettaglio la trasparenza del processo che ha portato a determinare come i bisogni dei combattenti possano essere meglio soddisfatti da Microsoft.

Nonostante possa richiamare alla mente l’universo di Star Wars, JEDI è in realtà un acronimo che indica per esteso Joint Enterprise Defense Infrastructure. Hanno partecipato alla gara per l’assegnazione del contratto anche IBM, Oracle, Rean Cloud e Google, quest’ultima ritiratasi volontariamente in seguito a proteste interne scaturite alla notizia del possibile impiego delle proprie tecnologie nell’ambito bellico.

Fonte: CNBC
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti