Jobs non c'è, iPhone forse sì

Le ultime indiscrezioni sul WWDC danno un capitano in netto miglioramento di salute, anche se la sua presenza alla conferenza appare improbabile. Mentre il melafonino potrebbe esserci, in versione Video

Roma – Un iPhone nuovo, forse chiamato iPhone Video o forse chissà, potrebbe essere la star del WWDC che si apre oggi a San Francisco. Una affermazione che è ormai quasi una certezza, visto che nei listini di mezzo mondo continuano ad affacciarsi nuove voci che si riferiscono ad una non meglio specificata versione 2009 del dispositivo . Le caratteristiche del nuovo iPhone restano invece al momento misteriose: così come la data di rientro di Steve Jobs dal suo semestre sabbatico, sebbene una sua comparsa al keynote di apertura resti al momento auspicabile ma piuttosto inverosimile.

Jobs, come iPhone, sembrerebbe stare benone: il Wall Street Journal , citando la solita fonte anonima ma ben informata, riferisce che il co-fondatore e guida spirituale della Mela sta molto meglio rispetto a qualche mese fa , quando il suo dimagrimento accelerato aveva fatto pensare a una recidiva del cancro al pancreas. Il problema con l’assorbimento delle proteine, che l’aveva ridotto pelle e ossa, è stato affrontato e risolto e la sua presenza in azienda si è fatta più costante nelle ultime settimane : il suo rientro anticipato in pubblico, tuttavia, risulterebbe poco in linea con le tradizioni dell’azienda di Cupertino.

Lo stesso dicasi per iPhone: il dispositivo, a giudicare dalle voci e dalle foto ( sempre sfocate! ) in circolazione, è pronto per essere svelato al pubblico. Se la bussola (magnetometro) sembra una ipotesi concreta nella lista del nuovo hardware, così come una memoria espansa fino a 32GB abbinata a più RAM e CPU più veloce, lo stesso non si può dire della fotocamera frontale: ci sono persino immagini che mostrerebbero una versione mobile di iChat in funzione sul melafonino, ma seppure la previsione si dovesse rivelare veritiera un fantomatico bookmaker hi-tech farebbe bene ad offrire quote piuttosto alte sulla videochiamata.

La possibilità più concreta che il nuovo iPhone disponga di una fotocamera frontale , e di un sistema di videoconferenza, è che tutto questo avvenga esclusivamente via WiFi : niente videochiamata UMTS, insomma, bensì una riproposizione del paradigma di iChat sul melafonino da utilizzare esclusivamente dove la banda non è limitata. Basterebbe poco, infatti, a prosciugare i pochi megabyte di traffico dati a disposizione degli utenti secondo i contratti che li legano agli operatori in giro per il mondo: senza contare che, con una copertura non sempre ottimale delle reti 3G (UMTS? WDCMA? HSDPA? e l’HSUPA?), il risultato ai fini dell’esperienza utente finale potrebbe non rivelarsi all’altezza delle aspettative e delle pretese di Apple.

Altra domanda per il momento senza risposta è la data di rilascio effettiva dell’apparecchio: oggi potrebbe essere annunciato, ma quando ci sarà davvero sugli scaffali dei negozi? Negli anni passati gli analisti e gli addetti ai lavori erano arrivati a seguire persino le spedizioni dei container dalla Cina agli Stati Uniti, garantendo una copertura totale sulle quantità del prodotto disponibili e sulla sua effettiva disponibilità nei negozi. Quest’anno, magari anche a causa di una maggiore attenzione da parte di Apple, il velo di riservatezza sulle confezioni del nuovo apparecchio e sul suo arrivo presso i retailer è totale. Un segno che potrebbe anche far pensare che iPhone G3 (o Video, o come si chiamerà) verrà messo in vendita solo tra qualche settimana .

Quote basse, proseguendo con la terminologia da scommettitori, per Snow Leopard: la versione 10.6 di Mac OSX è ormai pronta per la presentazione finale , e quale migliore occasione della conferenza mondiale degli sviluppatori per offrirla al pubblico. È probabile che i partecipanti al WWDC vadano a casa con una sorta di Release Candidate di Snow Leopard, in vista di un suo rilascio entro l’autunno. Probabile è pure che Apple scelga una data di commercializzazione perfetta per guastare la festa a Microsoft, che il 22 ottobre lancerà Seven, e in ogni caso tra Ubuntu , OSX e Windows sarà un autunno caldissimo per i sistemi operativi consumer.

Dagli schermi dei radar è invece sparito ogni riferimento a nuove versioni di MacBook: dopo qualche voce nelle scorse settimane, mancano ulteriori dettagli su come Air, Unibody e Pro potrebbero evolversi . Nè è probabile che qualche annuncio ci sia: il mese dei notebook per cupertino è ottobre , quasi una tradizione, e non c’è motivo di anticipare gli annunci proprio adesso che con la stagione estiva alle porte si moltiplicheranno gli acquisti in vista del nuovo anno scolastico. Le piattaforme in circolazione sono stabili, assestate, garantiscono margini ormai adeguati : cambiare adesso significherebbe stravolgere questi equilibri, esponendosi a qualche rischio tecnico ed economico.

Apple negli anni ha sempre deluso le aspettative di fan e analisti, sempre desiderosi di vedere qualcosa di più, della proverbiale “one more thingh” di Jobs a fine keynote: un motivo di più per rimanere coi piedi per terra e per iniziare a considerare con maggiore serietà quanto affermato dall’azienda. Il ritorno di Steve atteso per “fine giugno” significa , per l’appunto, fine giugno e non l’inizio. La mancanza di interesse per il segmento dei netbook significa, evidentemente, che Apple non prevede di realizzare subnotebook a basso costo . E la mancanza di una seppur minima traccia di iPhone da 4GB (solo iPod Shuffle ne monta così pochi) nei pur dubbi e indiscreti listini intravisti nelle scorse ore esclude che ci possa essere un iPhone Nano pronto.

Le previsioni del tempo sul Moscone West dicono : iPhone OS 3.0 (che fine ha fatto la definizione OSX Mobile?), Mac OSX 10.6 alias Snow Leopard, novità iTunes e App Store, iPhone edizione 2009 e magari il vecchio 3G venduto a prezzo ridotto per qualche tempo. Tutto il resto è, probabilmente, un buon mix di leggende metropolitane e speranze degli appassionati : Steve Jobs sul palco compreso. Lieti, ovviamente, di essere smentiti dai fatti: il keynote di Phil Schiller inizierà alle 10 ora del Pacifico, le 19 in Italia.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MaxTux scrive:
    moblin
    Il più grande errore commesso da Microsoft è stato quello dei limiti massimi sui netbookhttp://punto-informatico.it/2631982/PI/News/netbook-secondo-windows.aspxLe aziende sono stufe di doversi adeguare ai dettami altrui, ed è normale.Tramite moblin chi produce netbook non sarà costretto ad adottare monitor di una certa dimensione o a diminuire l'ammontare della ram o la potenza del proXXXXXre, per poter disporre di un sistema operativo a basso costo.Senza contare l'incredibile velocità e performanza di moblin, che nonostante giri su un hardware "mediocre" risulta comunque impressionante:http://www.youtube.com/watch?v=wu3HfNkXuuUhttp://www.youtube.com/watch?v=ZLB5RH3i4SYSenza contare che essendo opensource sarà possibile esportarlo anche su netbook che utilizzano proXXXXXri ARM,macchine per cui Microsoft non ha intenzione di esportare win7http://punto-informatico.it/2637346/PI/ ... a-arm.aspxScelta comunque opinabile, è strano che una delle aziende più potenti del mondo non faccia un piccolo sforzo che comunque non gli costerebbe niente...
    • MAH scrive:
      Re: moblin
      Non ha messo limiti massimi per i netbook, ha messo limiti massimi per la "nuova in italia" Windows Starter Edition.Nulla ti vieta di vendere netbook con edizioni di Windows superiori (come tutte quelle usate finora)
      • pabloski scrive:
        Re: moblin
        no lui si riferisce ai limiti imposti sull'hardware, la storia delle dimensioni massime di 10" per gli lcd e compagniapoi ultimamente ne hanno tirata fuori un'altra http://www.engadget.com/2009/06/06/microsoft-reportedly-bans-netbooks-with-hybrid-storage-systems/il problema è che giustamente i produttori di hardware vogliono essere liberi, cosa logica del resto
        • MAH scrive:
          Re: moblin
          Sia la prima che la secondasono i limiti imposti sull'hardwareper la vendita di netbook CON LA WINDOWS STARTER EDITION o con XP.Almeno questo è quanto ho capito io,probabilmente solo io ho capito bene in effetti.
          • Emoticon e video scrive:
            Re: moblin
            Ti quoto dato che è quello che ho capito pure io :) A nessuno vieta di installare win7 ultimate su un "netbook" con un core2duo, 8Gb di ram, 500Gb di SSd, 14pollici.Costa solo di più venderlo.
          • MaxTux scrive:
            Re: moblin
            Si esatto, stavo parlando appunto proprio delle case che producono hardware.Secondo la notizia che ho postato, se la acer, volesse vendere un netbook con win7 per netbook (il più economico), dovrebbe rispettare dei limiti hardware massimi.Oppure può produrre un netbook con un sistema operativo open e non badare ai limiti massimi dei propri netbook e risparmiare comunque.
          • pabloski scrive:
            Re: moblin
            e anche la home basic in Cinasi ma a parte questo, il senso quale sarebbe?associare un OS castrato ad un hardware ultracastrato? così facciamo la danza dei castrati
          • MAH scrive:
            Re: moblin
            Esatto, associare un OS economico ad un hardware ultraeconomico.
  • RunAway scrive:
    Nesima distro?
    Fatemi capire, Intel ha creato Moblin 2.0 e ora Novell ne ha fatto una derivata?Ma cristo usare direttamente il moblin di intel senza frammentare no?
    • MAH scrive:
      Re: Nesima distro?
      Naturalmente anche Canonical sta preparandola sua Ubuntu Moblinhttp://www.ubuntu.com/news/canoical-commits-ubuntu-moblin
      • RunAway scrive:
        Re: Nesima distro?
        - Scritto da: MAH
        Naturalmente anche Canonical sta preparando
        la sua Ubuntu Moblin

        http://www.ubuntu.com/news/canoical-commits-ubuntu[img]http://i222.photobucket.com/albums/dd10/tagblog/simpsons-doh.jpg[/img]
    • pabloski scrive:
      Re: Nesima distro?
      semplicemente moblin ha fatto capire a molti venditori di linux di aver preso una cantonatatant'è che opensuse, xandros, linpus hanno tutti fallito sui netbooksolo ubuntu netbook remix è riuscita a sopravvivere, ma chiaramente canonical ci vede e si è accorta che in ogni caso non può reggere il confronto con moblinquello che molti di voi non capiscono è che distribuzioni come moblin non sono il punto di arrivo, ma il punto di partenzamoblin è un insieme di tecnologie, framework e codice, ma ovviamente manca di software applicativo, di package manager e di tutto quanto serve per fare una distribuzione vera e propriaed è qui che intervengono i produttori di distribuzioni
      • Emoticon e video scrive:
        Re: Nesima distro?
        Mi sono perso qualcosa.Ma scusa, ma non si può intallare Linux Ubuntu full su un netbook? è così lento (non voglio criticare, è che non lo so, come non so di preciso quali sono le performance di un atom).Credevo che moblin fosse una distro. Quindi anche io credevo che suse facesse una roba come "suse ubuntu", "redhat ubuntu" ecc ecc...Quindi a questo punto mi aspetto che moblin sia completamente diverso da un linux "qualsiasi"
        • pabloski scrive:
          Re: Nesima distro?
          installare ubuntu su un netbook si può ma perchè farlo?molti mi criticheranno per quello che sto per dire ( tranne ruppolo che la pensa come me :D ), ma realisticamente ho provato ad usare xp con un aspire one e dopo 20 minuti non vedevo più niente e mi faceva un gran male la testaubuntu netbook remix semplicemente è ubuntu con un miglior risparmio energetico e una gui che ti consente di non perdere la vista
      • RunAway scrive:
        Re: Nesima distro?
        - Scritto da: pabloski
        moblin è un insieme di tecnologie, framework e
        codice, ma ovviamente manca di software
        applicativo, di package manager e di tutto quanto
        serve per fare una distribuzione vera e
        propria

        ed è qui che intervengono i produttori di
        distribuzioniSi ok, mettere software preinstallato è cosa normale, lo fanno anche i venditori di pc, ma l'os rimane lo stesso.Non è che il windows in un hp sia diverso da quello in un acer o dell...Il punto invece è che ora con sto moblin forkeranno e deriveranno senza senso, non solo preinstallando a la oem ma per esempio, come hai citato tu stesso, mettendoci un sistema di pacchettizzazione (ammetto che non immaginavo che ne fosse privo) diverso a seconda dei gusti senza badare a tenere la nuova piattaforma omogenea e standardizzata.ed ecco che conseguentemente dovranno nascere i software pacchettizzati per "ubuntu moblin" che probabilmente userà deb, poi "novell moblim" che userà rpm... eccetera.Cioè detto in poche parole da un unicum prodotto da intel uscirà il solito folle caos linaro.
        • MaxTux scrive:
          Re: Nesima distro?
          E perché mai la diversificazione dovrebbe essere un problema? esistono gli stessi programmi sia su suse linux che su ubuntu o fedora... l'unica differenza è che li scarichi da un server diverso...L'utente non si deve neanche preoccupare di questa cosa, perché proprio come hai scritto tu esiste un gestore di pacchetti, per cui chi vuole openoffice deve solo spuntarlo nel gestore dei pacchetti e viene scaricato ed installato automaticamente...vedi qui:http://wiki.ubuntu-it.org/AmministrazioneSistema/Synaptic
        • pabloski scrive:
          Re: Nesima distro?
          certamente nasceranno dei forkse non si forka però come si fa a portare apt su moblin? e i software di ubuntu o suse?moblin per ora è un framework di tecnologie che comprende un kernel ad hoc, clutter, una gui particolare, varie aggiunte per il risparmio energetico, ecc....la distro moblin che si può scaricare è la versione fedora moblinin sostanza quello che è sucXXXXX è che moblin non è una distro linux classica ( kde o gnome ) con uno sfondo cambiato e il nome Moblin in bella vista, ma è un insieme di tecnologie che fanno gola a canonical, a novell, a linpus e a tutti gli altril'unico modo per implementare quelle tecnologie senza scervellarsi è forkare moblin
          • advange scrive:
            Re: Nesima distro?
            Sai cos'è? Che molte persone qui si meravigliano della potenza dell'opensource. Così laddove tutti noi ci vediamo libertà, condivisione, SW a servizio dell'utente, loro ci vedono problemi, pericoli e divisioni.Per loro libertà di scelta è qualcosa di inconcepibile. Questo è il frutto di decenni di monopolio e di SW chiuso. Ci vorrà un po' per fargli capire dove sono i vantaggi.
          • anonimo scrive:
            Re: Nesima distro?
            - Scritto da: advange
            Sai cos'è? Che molte persone qui si meravigliano
            della potenza dell'opensource. Così laddove tutti
            noi ci vediamo libertà, condivisione, SW a
            servizio dell'utente, loro ci vedono problemi,
            pericoli e
            divisioni.
            Per loro libertà di scelta è qualcosa di
            inconcepibile. Questo è il frutto di decenni di
            monopolio e di SW chiuso. Ci vorrà un po' per
            fargli capire dove sono i
            vantaggi.Quoto in pieno!Non capiscono che il monopolio porta inevitabilmente a una bassa qualità!!!
    • nome e cognome scrive:
      Re: Nesima distro?
      - Scritto da: RunAway
      Fatemi capire, Intel ha creato Moblin 2.0 e ora
      Novell ne ha fatto una
      derivata?
      Ma cristo usare direttamente il moblin di intel
      senza frammentare
      no?E a quel punto suse che cosa fa?
  • MAH scrive:
    It's better with Windows
    e se lo dice Asus,che ha inventato i netbook...http://www.itsbetterwithwindows.com/
    • w la cantina scrive:
      Re: It's better with Windows
      - Scritto da: MAH
      e se lo dice Asus,
      che ha inventato i netbook...

      http://www.itsbetterwithwindows.com/...dimostra di non aver capito una beneamata fava.Dal punto di vista dell'esperienza utente, Moblin è avanti anni luce rispetto alla vecchia e onorevole interfaccia di XP.Anche una distro come UNR è decisamente più avanti e meno ingombrante di xp, imho.Un netbook è un netbook, non un notebook.
    • il signor rossi scrive:
      Re: It's better with Windows
      - Scritto da: MAH
      e se lo dice Asus,
      che ha inventato i netbook...

      http://www.itsbetterwithwindows.com/incredibile... prima hanno lanciato i netbook con linux, poi hanno dovuto fare addirittura un sito e una campagna in cui cercano di spiegare come sia migliore windows!Si vede che di netbook con linux ne stavano vendendo troppi e Microsoft gli ha fatto un c**o così...
    • sylvaticus scrive:
      Re: It's better with Windows
      più che Asus, lo dice Microsoft.. poi il nome "Asus" è stato "comprato" tramite sconti e simili.. puzza lontano mille miglia di comportamento anticoncorrenziale.. già aspetto la prossima multa dell'antitrust..
    • pabloski scrive:
      Re: It's better with Windows
      http://www.itsbettertheantitrust.eu :D
  • masso scrive:
    Recensione molto dettagliata...
    Su questo sistema operativo la si trova nel video:http://www.youtube.com/watch?v=wu3HfNkXuuU&feature=fvsrIn questa fase l'interfaccia è ancora piena di difetti che ne minano l'usabilità ma avendola provata in prima persona posso dire che è uno dei pochi esempi di GUI dall'aspetto gradevole progettata per neofiti del computer e per certi versi semplifica molto la vita a chi usa poco desktop e file manager e lavora molto con unità di memoria esterne(SD,USB PEN,HD USB)e internet (RSS,mail,chat,social networking).Poi ha il vantaggio di avviarsi in 25-30 secondi.Quando sistemeranno il supporto ai touch screen potrebbe essere l'os ideale per MID economici.
    • pabloski scrive:
      Re: Recensione molto dettagliata...
      e la cosa per certi versi divertente e ridicola allo stesso tempo, è che un'interfaccia del genere sia stata progettata da un'azienda di microproXXXXXricon tanti oem, software house e fanXXXXXsti vari, le novità in termini di usabilità vengono da chi produce proXXXXXria quanto pare è come dicevo tempo fa, il 90% delle aziende che vendono linux sono in grado solo di riempirsi la bocca di belle parole ma poi non sono in grado di fare un tubodel resto quello che hanno combinato msi e acer con i netbook dice tuttop.s. ottimo videosono rimasto impressionato dai tempi di boot....dal caricamento dell'eseguibile del kernel alla comparsa della prima schermata grafica passano si e no 3 secondi e altri 6-7 per avviare il desktopè disumano quello che hanno fatto :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 giugno 2009 12.05-----------------------------------------------------------
      • Shu scrive:
        Re: Recensione molto dettagliata...
        - Scritto da: pabloski
        e la cosa per certi versi divertente e ridicola
        allo stesso tempo, è che un'interfaccia del
        genere sia stata progettata da un'azienda di
        microproXXXXXriPer onore di cronaca, Intel si è comprata, circa un anno fa, OpenedHand, l'azienda che stava programmando libclutter (su cui poi si basa l'interfaccia di Moblin) e la distribuzione Poky (derivata da OpenEmbedded, per palmari e smartphone).Intel ha progettato ben poco di Moblin 2 (ha fatto quasi tutto in Moblin 1, ma poi sono ripartiti quasi da zero).Semplicemente Intel stava per lanciare le nuove piattaforme per i MID e aveva bisogno di un S.O. da farci girare. Scartati Symbian e Windows Mobile perché non personalizzabili e disponibili solo per ARM e soci, si è buttata su Linux, finanziando lo sviluppo di Moblin.Bye.
  • dovella scrive:
    Novell prossima al fallimento.
    Ma cosa vuole fare Novell? far concorrenza a Win7 starte for netbook, se così fosse fallirà miseramente.
    • Samuele scrive:
      Re: Novell prossima al fallimento.
      se lo dice un Troll come te..
    • Fai il login o Registrati scrive:
      Re: Novell prossima al fallimento.
      Ho notato l'ora in cui hai scritto questo post e quell'altro nella notizia di Chrome: attorno alla mezzanotte. Ora, non prenderla male ma visto che ho figli della tua età (dal contenuto dei post direi 15-16 anni) mi viene spontaneo pensare che loro a quell'ora fanno ben altro. Sicuramente avrai amici, forse avrai la fidanzatina, approfitta delle vacanze e del fatto che la mattina si può dormire per stare in loro compagnia, che è meglio che stare davanti ad un pc.Ciao e in bocca al lupo
Chiudi i commenti