JPEG, il brevetto potrebbe essere cancellato

L'Ufficio americano dei brevetti sta riconsiderando le proprietà intellettuali di Forgent. Molti ritengono che JPEG potrebbe essere... liberato e i brevetti Forgent considerati non validi


Washington (USA) – Il brevetto sulla tecnologia JPEG sarà finalmente ri-esaminato dal US Patent and Trademark Office (USPTO). Dopo le pressioni della Public Patent Foundation , l’organizzazione non profit che si occupa della salvaguardia dei diritti dei consumatori contro gli abusi dei titolari di brevetto, lo USPTO ha messo in moto il meccanismo di revisione .

Non è un caso. Il riesame del brevetto è da tempo all’ordine del giorno soprattutto dopo la “ribellione” di alcune imprese denunciate da Forgent , detentrice del brevetto JPEG, per l’uso non autorizzato di sistemi di compressione delle immagini.

In molti ritengono che il brevetto 4.698.672 sia destinato ad essere considerato non valido . La Foundation ha infatti presentato esempi ritenuti validi di prior art , ossia di utilizzi della tecnologia brevettata precedenti alla richiesta di brevetto: se anche gli esperti di USPTO saranno d’accordo, allora ogni diritto di licenza della Forgent decadrà.

Forgent ha acquisito il brevetto nel 1997 direttamente dalla sviluppatrice Compression Labs, e dall’inizio del 2000 ha iniziato a denunciare decine di aziende per l’evasione del pagamento della licenza JPEG.

Nella rete sono caduti giganti del calibro di Yahoo , HP, IBM, e Microsoft – attualmente ancora in disputa legale. Forgent è riuscita a racimolare ben 105 milioni di dollari, e continua ad avere almeno 30 cause in corso . Secondo gli esperti legali la trasformazione del brevetto in “prior art” farebbe decadere le cause, ma non permetterebbe, comunque, la restituzione dei pagamenti ricevuti per le licenze.

“Non abbiamo trovato argomenti convincenti che possano invalidare il brevetto, e quindi non possiamo che essere fiduciosi per questo ri-esame della pratica”, ha dichiarato Richard Snyder, CEO di Forgent.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bt scrive:
    Domanda stupida
    «In un comunicato ufficiale, Gonzales aveva precedentemente sottolineato che "attacchi simili a quelli avvenuti nelle capitali europee" sono stati sventati grazie "allo sforzo del presidente Bush per monitorare, prevenire ed annientare la minaccia terroristica".»Com'è che se hanno davvero sventato questi fantomatici attacchi terroristici nessuno ne sa niente? (newbie)Ci credo proprio che lo hanno fatto e poi se ne sono stati zitti per modestia / per non preoccupare la popolazione...L'avrebbero usato prima di subito come propaganda...
  • Anonimo scrive:
    mmm.....
    http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=4610&numero=999
    • beka scrive:
      Re: mmm.....
      - Scritto da: Anonimo
      http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=46Buon vecchio stile yankee:governo che critica la mia guerra--
      telefoni sotto controlloe vodafone che ovviamente quando trova lo "spy software" lo rimuove....ma c@220 rimuovi?quando io violo il webserver di un'azienda (ipotesi) si fa una copia del disco e si controlla per filo e per segno, oppure si sega tutto, si reinstalla e non si dice niente a nessuno. Ma chi è che elimina il malware, non copia i dati per verificare i danni o le manipolazioni e POI TE LO DICE? Ma va la, vodafone, vai a raccontarla a qualcun'altro.Per eventuali ottime referenze :http://www.indymedia.ch/it/2004/03/19753.shtmlE poi la ciliegina di quello della Vodafone "suicidato"...pace all'anima sua...."suicidato" come Calvi sotto il ponte dei frati neri a Londra?
  • Anonimo scrive:
    Bush ha rotto
    Speriamo se ne vada al più presto questo texano ignorante e con lui tutta la sua banda di allupati guerrafondai negrassa compresa.
Chiudi i commenti