Kaspersky, piovono accuse di cospirazione contro gli USA

Stando a quanto riportando dal WSJ, la security enterprise russa avrebbe favorito l'accesso non autorizzato degli hacker del Cremlino nei sistemi della NSA, ma la fonte del Journal non chiarisce la volontarietà del rapporto
Stando a quanto riportando dal WSJ, la security enterprise russa avrebbe favorito l'accesso non autorizzato degli hacker del Cremlino nei sistemi della NSA, ma la fonte del Journal non chiarisce la volontarietà del rapporto

Dopo essere stata messa al bando negli Stati Uniti per non meglio precisate accuse di collaborazione con le autorità russe , Kaspersky Lab deve ora fare i conti con un nuovo pezzo del Wall Street Journal che rilancia con forza ancora maggiore l’idea: “la security enterprise moscovita ha fornito il vettore di attacco contro i documenti e i file riservati dell’intelligence statunitense, fatto che quindi giustificherebbe in pieno la posizione delle autorità di Washington e la messa al bando dei software antivirali dai sistemi del governo federale”.

La breccia ai danni di NSA sarebbe avvenuta nel 2015, dicono le fonti anonime rilanciate dal Journal, e avrebbe portato come conseguenza la compromissione di documentazione altamente classificata riguardante la strategia di cyber-warfare messa in pratica dall’intelligence, i metodi di difesa e di attacco contro i network telematici dei Paesi stranieri.

Colpevole sin qui ignoto – e probabilmente involontario – della breccia sarebbe poi un contractor della NSA , che ha deciso di portarsi a casa i file classificati dell’agenzia e li ha esposti all’accesso non autorizzato tramite il software antivirale installato sui propri sistemi: software prodotto da Kaspersky, ritenuto vulnerabile ad attacchi remoti, che avrebbe permesso agli hacker russi di accedere in totale libertà ai documenti di cui sopra.

La società fondata da Eugene Kaspersky avrebbe quindi garantito l’accesso privilegiato ai piani della NSA indipendentemente da un’eventuale partecipazione volontaria all’attacco, mentre dal punto di vista dell’agenzia americana si ripresenta l’annosa questione dei contractor che non riescono a non infilare le loro chiavette USB dappertutto o a passare file teoricamente segreti alla stampa .

Che cosa gli hacker del Cremlino abbiano poi deciso di fare con i documenti di NSA è una faccenda difficile da valutare, anche se risulta facile connettere la breccia con le azioni poi condotte contro il Comitato Democratico durante le elezioni presidenziali del 2016 e tutto quello che ne è conseguito, oltre che con le rivelazioni pubblicate in questi mesi e anni sui metodi e gli strumenti di attacco a disposizione dell’intelligence a stelle e strisce.


Per quanto riguarda Kaspersky, infine, il founder risponde a stretto giro di posta al quotidiano statunitense squalificando l’articolo come sensazionalista: “la nuova teoria cospirativa sembra tratta da un film di serie C e non tiene conto del modo in cui il sofware anti-malware della società funziona realmente”, ha detto Kaspersky sul suo blog , “è una storia di pura finzione che tra l’altro non spiega perché l’intelligence non abbia comunicato la presenza (teorica) di bug di sicurezza gravi nel software così da permettere la loro eliminazione”.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 10 2017
Link copiato negli appunti