Kaspersky vs USA, la battaglia si fa politica

La Russia risponde alle minacce di messa al bando per l'antivirus moscovita ipotizzando il divieto di vendita degli antimalware "occidentali" nella sua zona di influenza. Dove il mercato è già tutto russo o quasi

Roma – La contesa tra Kaspersky e le autorità americane non accenna a placarsi e anzi diventa una questione tutta politica, quasi un affare di Stato che coinvolge il Senato americano ma anche le autorità russe. La security enterpise moscovita sta in mezzo, e l’aiuto che ora arriva dal Cremlino potrebbe complicare ulteriormente una faccenda già problematica di suo.

La causa scatenante della ripicca russa, nota da qualche giorno , è l’ipotesi messa nero su bianco di vietare alle agenzie per la Difesa Nazionale statunitense di acquistare e usare le “piattaforme software sviluppate da Kaspersky Lab”; secondo i senatori di Capitol Hill Kaspersky agirebbe sotto l’influenza diretta del governo russo, un’ accusa sempre rigettata dalla corporation che si è persino offerta di dare agli USA la possibilità di analizzare il codice sorgente dei suoi prodotti.

Il nuovo capitolo della vicenda arriva direttamente da Mosca, dove membri del parlamento russo hanno formulato una proposta di legge evidentemente tesa a controbattere al budget dei senatori americani: la legge, da ieri in attesa della firma di Vladimir Putin per la ratifica finale, richiederebbe ai computer venduti nel territorio dell’ Unione Economica Eurasiatica di fare uso esclusivo di software antivirale sviluppato da aziende “autoctone”.

Gli utenti PC di Russia, Bielorussia, Kazakistan e Armenia sarebbero in sostanza obbligati a usare gli antivirus Kaspersky o di altri produttori locali sconosciuti in Occidente, un fatto che per gli esperti rappresenta una mossa squisitamente politica con scarse ricadute commerciali visto che il mercato russo è già in mano per il 95 per cento alle aziende “locali”.

La situazione di Kaspersky negli USA è parecchio diversa, se si prendono in considerazione le esigenze del business , perché per stessa ammissione dei politici americani l’antivirus moscovita è usato da milioni di utenti nel Paese. Chi promuove la messa al bando di Kaspersky ha in ogni caso nuove frecce al proprio arco, grazie alla comparsa di documenti in merito a “certificazioni speciali” che proverebbero il collegamento tra l’intelligence russa e la corporation. È falso, controbatte Kaspersky: “quelle certificazioni sono note al pubblico e rappresentano il risultato finale di un processo di verifica assolutamente trasparente”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giuseppe2016 scrive:
    bolla
    bitcoin Bithumb etc, solo una grande bolla, nulla di riscontrabile nel mondo reale, basata sui creduloni.
    • collione scrive:
      Re: bolla
      - Scritto da: Giuseppe2016
      bitcoin Bithumb etc, solo una grande bolla, nulla
      di riscontrabile nel mondo reale, basata sui
      creduloni.lo stesso del sistema bancario post Bretton Woodssolo che da bitcoin puoi restare fuori, nell'altro sistema invece ti ci ficcano a forza
    • Ciro Esposito scrive:
      Re: bolla
      Intanto mi sono comprato due monolocali che affitto agli studenti, grazie ai bitcoin :-Psi... sarà anche una bolla, ma i 1000 euro che intasco ogni mese grattandomi le chiappe non lo sono :-D
      • ... scrive:
        Re: bolla
        - Scritto da: Ciro Esposito
        Intanto mi sono comprato due monolocali che
        affitto agli studenti, grazie ai bitcoin
        :-P

        si... sarà anche una bolla, ma i 1000 euro che
        intasco ogni mese grattandomi le chiappe non lo
        sono
        :-De quanto paghi di imu ici ilor irap e cosi via su quei due appartamenti?devi calcolare il netto, non il lordo.
        • Ciro Esposito scrive:
          Re: bolla
          lordi sono 800 euro.Netti sono 500 euro.Forse i bitcoin non mi hanno svoltato una vita, ma una mano me l'hanno data.Sono uno strumento come un'altro. Nel campo delle nuove tecnologie ci sono bolle in continuazione... l'importante è uscirne in tempo.Il mattone non tradisce mai.Ci sarà il bitcoin tra 20 anni? ne dubito... i monolocali vicino all'università saranno un affare anche tra 50 / 100 / 200 anni.
          • Ciro Esposito scrive:
            Re: bolla
            una precisazione"lordi 800, netti 500 ... a monolocale".
          • Ciro Esposito scrive:
            Re: bolla
            alla fine ho solo avuto fortuna... nel 2010 nessuno si sarebbe aspettato rialzi simili. Ho solo avuto la fortuna di scaricare il miner e lasciarlo girare sul computer di casa.Niente di piu'. Shit happens.Poi quando è saltato fuori il business degli asic miner mi sono tirato fuori. Finchè bastavano 2 schede grafiche per tirare su una decina di BTC, ok ... ma ora è una cosa senza senso, e in questo ne convengo.
      • ... scrive:
        Re: bolla
        solo per curiosità, come farai dimostrare dell'acquisto delle case alla finanza (o chi che sia)?non so se c'è qualche modo per certificare il fatto di aver avuto quei soldi in maniera legale
  • Western Digital scrive:
    che numero sarebbe?
    3.0000 what?
    • mementomori scrive:
      Re: che numero sarebbe?
      - Scritto da: Western Digital
      3.0000
      what?3 con la precisione fino ai decimi di millesimo.
Chiudi i commenti