Kepler, speranze di vita

Il telescopio spaziale della NASA avrebbe rintracciato circa mille esopianeti, più del doppio rispetto alle ipotesi iniziali. Si rafforzano le speranze, ma la cautela è d'obbligo

Roma – Kepler è il telescopio in orbita della NASA il cui compito è monitorare le stelle e scoprire la varietà di mondi alieni che si suppone esistano fuori dal Sistema Solare. Negli ultimi giorni, gli astronomi della stazione spaziale hanno annunciato la scoperta di circa quattrocento corpi celesti localizzati a distanza dai pianeti principali, alcuni dei quali potrebbero rivelare le più piccole forme di vita simili alla Terra mai scoperte fino a ora.

Secondo gli ultimi dati forniti da Kepler, i possibili nuovi pianeti esistenti fuori dal Sistema Solare arriverebbero a più di mille, più del doppio rispetto alle ipotesi formulate dagli esperti circa la quantità di esopianeti esistenti. Non ci sono ancora conferme dirette se si tratti effettivamente di pianeti, ma alcuni astronomi stimano che il 90 per cento delle rilevazioni saranno verificate.

Il telescopio, lanciato in orbita nel 2009, ha condotto le sue osservazioni dall’orbita solare tra la Terra e Marte, conducendo il censimento dei corpi celesti e la ricerca di pianeti simili alla Terra. La sua attività ha portato alla scoperta di oggetti molto più piccoli di Giove, alcuni dei quali raggiungono le dimensioni della Terra. Un dato che avvalora le ipotesi sull’esistenza di forme di vita su questi pianeti, più plausibili rispetto a quelli di dimensioni superiori.

Secondo Jonathan Fortney, ricercatore del progetto Kepler, sebbene il telescopio non abbia ancora rintracciato pianeti piccoli quanto la Terra i risultati ottenuti dimostrano che si sta procedendo nella giusta direzione. A detta degli esperti, nei prossimi due o tre anni Kepler potrebbe scoprire pianeti nella zona Goldilocks , in cui le temperature non sono né troppo calde né troppo fredde per scorgere la presenza di acqua. “Ciò che vogliamo è trovare la vita” afferma Geoffrey Marcy, astronomo dell’univeristà di Berkeley e membro del team.

Nonostante Kepler sia solo il primo passo di un processo estremamente lungo, gli astronomi sono convinti che le aspettative di ottenere scoperte interessanti non siano affatto scarse.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mpenco scrive:
    Richiesta approfondimenti
    Grazie per il libro, largomento che lei tira fuori è interessante ed a richiesto da parte mia più di un intervento non solo nella stesura del libro ma anche come associazione www.cittadininternet.org di cui sono il presidente che ha dovuto ricorrere alla Unione Europea per far cambiare quellarticolo di legge che lei ha giustamente riportato dove viene introdotto nel nostro ordinamento un nuovo concetto già in essere in tutti gli altri paesi del mondo dove sono le tecnologie a fornire la prova dellora e data di spedizione e ricevimento di un messaggio di posta elettronica basato su tecnologie che certifichino data e ora dell'invio e della ricezione delle comunicazioni Vedi pag. 78, 90 e 104 del mio libro del resto questo in Italia per similitudine (che non trova la mia approvazione) è data dal FAX così come considerato da ben 3 sentenze del Consiglio di Stato (pag. 100).Avevo già trovato quel libro in versione web. E molto interessante e ben fatto ma mi lascia delle perplessità proprio sul discorso del non ripudio e time stampLa PEC garantisce il time stamp perché i server provider del servizio PEC vengono valutati come validi per il time stamp, proprio come Global Trust viene considerata unautorità di certificazione attendibile.[REPLAY ====
    ] La PEC non garantisce nessun time stamp che invece va apposto sul documento non sulla busta di trasporto della PEC made in ItalyUn client qualche può essere il mio o il suo da cui scrive e firma la mail come fa ad essere considerato attendibile? E sufficiente andare sullorologio e cambiare lora o il giorno ed ecco che uscirà firmato il .. alle.. che desidero io. Non credo che la garanzia risieda nel passaggio tra i vari server che sono sincronizzati tramite NTP, o è sufficiente questo? [REPLAY ====
    ] Per provare che un messaggio sia spedito ed arrivato si veda anche pag. 19 è vedrà che tutto il sistema non si basa solo sul il suo orologio del PC Diversa è la esigenza contrattuale relativa ad un determinato documento che può essere o deve contenere una data ed ora certa che può essere diversa anche dalla data di spedizione via posta elettronica del documento. Nessuno gli impedisce di predisporre il documento firmarlo digitalmente apponendo il time stamp e mandarlo il giorno dopo con un e-mail veda anche pag. 122 5) Inoltre, se io imposto il mio client di non dare conferma di lettura, come fa lei a sapere che io ho ricevuto per certo il suo messaggio?[REPLAY ====
    ] basta inviarlo anche a se ed stesso in cc o ccn ed estrarre lintera Intestazione del messaggio pag 21 e seguenti , a condizione che il protocollo usato sia s-mime e vengano attivati i relativi controlli ricevuta s-mime avrà molte più informazioni di una ricevuta PEC ( made in Italy) per similitudine come compilare la ricevuta di ritorno di una raccomandata. In sostanza ed in pratica il numero di contestazioni o ripudio per la posta elettronica è relativamente basso, lintroduzione della PEC in Italia così come legiferata è stato ed è un grosso errore uno dei peccati originali è di assimilarla ad una raccomandata nessuno al mondo si è mai sognato di scriversi SOLO RACCOMANDATE.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 marzo 2011 19.32-----------------------------------------------------------
  • user2389 scrive:
    PEC?
    se ci fosse anche la pec, con normative fino a quest'anno e realizzazioni pratiche... :)sarebbe bello
  • sxs scrive:
    Domanda
    Il testo copre aspetti strettamente tecnici ovveroci trovo scritte delle guide su come configurare un serverIMAP, POP3 e SMTP, filtri antispam ecc ecce magari affiancarci una Webmail?E di questi temi su che piattaformne?Direi che sarebbe utile pubblicare insieme all'articoloil solo indice del libro, cosi' uno si fa un'idea piu' precisaa clpo d'occhio...
    • mpenco scrive:
      Re: Domanda
      Troverai il sommario in:http://punto-informatico.it/PILibri/Viewer/Viewer.aspx?id=239e potrai scaricare il libro intero in:http://punto-informatico.it/PILibri/Dettaglio.aspx?id=239
      • sxs scrive:
        Re: Domanda
        - Scritto da: mpenco
        Troverai il sommario
        in:http://punto-informatico.it/PILibri/Viewer/View
        e potrai scaricare il libro intero in:
        http://punto-informatico.it/PILibri/Dettaglio.aspxGrazie.
Chiudi i commenti