Kim Dotcom, ottimismo e libertà

Il boss di Megaupload resterà in libertà provvisoria. La moglie è incinta di due gemelli. Le autorità statunitensi avevano chiesto di farlo tornare al gabbio. Il corpulento founder pare sicuro: vinceremo
Il boss di Megaupload resterà in libertà provvisoria. La moglie è incinta di due gemelli. Le autorità statunitensi avevano chiesto di farlo tornare al gabbio. Il corpulento founder pare sicuro: vinceremo

È appena passata una settimana dal rilascio su cauzione del founder di Megaupload Kim Dotcom, stabilito dal giudice neozelandese in mancanza di fondi necessari a liberarsi dalla morsa legale delle autorità statunitensi. Il boss del file hosting era così tornato nella sua abitazione di Coatesville per riabbracciare i figli e la moglie incinta di due gemelli.

Le autorità di Washington non sembrano aver gradito la libertà provvisoria offerta al corpulento Dotcom. Il founder di Megaupload avrebbe ancora a disposizione due conti bancari nelle Filippine e nelle Isole Vergini, per un totale di 2mila dollari . Denaro che potrebbe essere sfruttato in vari modi per lasciare la Nuova Zelanda e darsi alla macchia.

È così che il governo a stelle e strisce ha motivato la sua richiesta di far tornare Kim Dotcom dietro le sbarre. Richiesta respinta dal giudice Tim Brewer, che ha sottolineato come le condizioni della moglie del founder – appunto in attesa di due gemelli – non permettano improvvisi colpi di testa.

D’altronde, Dotcom – a colloquio telefonico con la testata specializzata TorrentFreak – non ha mostrato particolari preoccupazioni per l’esito del grande processo contro il suo mega-impero. Un “processo politico”, ha spiegato il founder , che non potrà provare l’effettiva illegalità delle attività del celebre cyberlocker . “Vinceremo”, ha concluso Dotcom.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

29 02 2012
Link copiato negli appunti