Kinect e il gioco di specchi

Il New York Times finanzia uno specchio interattivo basato sulle gesture di Kinect mentre un team di universitari britannici sfrutta la periferica Microsoft per le presentazioni col proiettore

Roma – I muri della casa domotica del futuro saranno probabilmente tappezzati di pannelli interattivi da comandare attraverso il tocco, combinazioni di movimenti o semplice riconoscimento vocale. Il prototipo finanziato dal New York Times mostra il potenziale nascosto dietro questi “specchi magici” personalizzati, in grado interagire con l’utente in maniera naturale.

Il sistema fissato alla parete del bagno, direttamente sopra il lavabo, si presenta come una sorta di grosso tablet PC. Utilizza la tecnologia di Microsoft Kinect per rilevare e seguire i movimenti del soggetto e può anche eseguire comandi impartiti verbalmente.

È ovviamente possibile utilizzare il display LCD riflettente fornito da Philips per navigare normalmente sul web, visualizzare il calendario con gli appuntamenti, fare shopping o dare una sbirciatina alle previsioni del tempo: senza mai smettere di lavarsi i denti. Ma lo specchio computerizzato può andare anche oltre.

Il concept mostrato permette di sfogliare un guardaroba virtuale per scegliere, ad esempio, la cravatta da abbinare alla camicia, con la complicità di un sistema di realtà aumentata . Il lettore RFID interno è invece in grado di riconoscere i prodotti posizionati sulla mensola. Questo consente di accedere istantaneamente alle informazioni ufficiali sui medicinali prescritti o di richiamare eventuali promemoria registrati dall’utente stesso.

Nel frattempo proseguono gli esperimenti creativi con gli SDK Kinect rilasciati ufficialmente per Windows 7. L’università britannica di Lincoln propone un’interfaccia utente naturale per “immergersi” tra i gigapixel delle fotografie in altissima risoluzione. Un modo alternativo di gestire le presentazioni di diapositive, tra zoom alla Minority Report ed effetti sonori ambientali che si attivano solo quando si passa in un determinata area dell’immagine.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • non fumo non bevo e non dico parolacce scrive:
    XXXXXXXXX
    scusate, ma quanno ce vo' ce vo'.
  • Healty scrive:
    Ma che c'entra?!
    Qualcuno mi spieghi che c'entra l'ultima frase con il resto dell'articolo, vi prego T.TComunque, per quanto sia uno scherzo molto di cattivo gusto, non mi sembra a come è raccontata che abbiano incitato alla violenza .-.
    • non fumo non bevo e non dico parolacce scrive:
      Re: Ma che c'entra?!
      - Scritto da: Healty
      Qualcuno mi spieghi che c'entra l'ultima frase
      con il resto dell'articolo, vi prego
      T.T
      Comunque, per quanto sia uno scherzo molto di
      cattivo gusto, non mi sembra a come è raccontata
      che abbiano incitato alla violenza
      .-.si chiama "procurato allarme", ed è reato.
      • Teoshi scrive:
        Re: Ma che c'entra?!
        "Chiunque, annunziando disastri, infortuni o pericoli inesistenti, suscita allarme presso l'autorità, o presso enti o persone che esercitano un pubblico servizio, è punito con l'arresto fino a sei mesi o con l'ammenda da euro 10 a euro 516."Cogli la differenza?Dai è na XXXXXXXtella...io ingabbierei i genitori che vanno in giro a fare incidenti al posto che chiamare la segreteria della scuola e dire 'tutto bene?'Per l'ultima frase io credo che voglia paragonare le situazioni...5 anni a uno che ha inviato migliaia di messaggi minatori e 30 a due che hanno fatto na bambocciata (potrebbe invece essere semplicemente una notizia buttata li)
      • p4bl0 scrive:
        Re: Ma che c'entra?!
        - Scritto da: non fumo non bevo e non dico parolacce
        - Scritto da: Healty

        Qualcuno mi spieghi che c'entra l'ultima
        frase

        con il resto dell'articolo, vi prego

        T.T

        Comunque, per quanto sia uno scherzo molto di

        cattivo gusto, non mi sembra a come è
        raccontata

        che abbiano incitato alla violenza

        .-.

        si chiama "procurato allarme", ed è reato.che è ben diverso dall'incitamento alla violenza
Chiudi i commenti