Kodak, l'ultimo scatto

Il gigante della fotografia abbandonerà definitivamente la produzione di macchine compatte e videocamere. E' la fine di un'era durata più di 130 anni. Gli sforzi di business si concentreranno ora sulle stampanti
Il gigante della fotografia abbandonerà definitivamente la produzione di macchine compatte e videocamere. E' la fine di un'era durata più di 130 anni. Gli sforzi di business si concentreranno ora sulle stampanti

Una fine più volte annunciata , dopo un’avventura di business durata 133 anni. Ma il colosso della fotografia Eastman Kodak non sembra volersi arrendere così facilmente, al di là degli scarsi risultati finora registrati nella grande asta del suo ricco portafoglio brevettuale.

La storica multinazionale ha ora messo in soffitta macchine compatte, videocamere e pellicole digitali . Quei prodotti che negli anni erano diventati sinonimo di fotografia, ora schiacciati dagli smartphone e dalle nuove opportunità mobile . Il business di Kodak si prepara così ad una cruciale rivoluzione .

E infatti gli sforzi verranno ora concentrati sulla stampa delle foto, ovvero sulla vendita di stampanti desktop . Niente più fotocamere e videocamere, Kodak si preoccuperà soltanto di soddisfare eventuali richieste nel periodo di validità della garanzia relativa ai prodotti già venduti.

La mossa dovrebbe garantire ai vertici di Eastman Kodak un risparmio di circa 100 milioni di dollari all’anno . L’azienda aveva già chiuso 13 centri di produzione con il taglio di quasi 50mila posti di lavoro . Lo stop alla produzione sarà effettivo entro la prima metà di quest’anno.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 02 2012
Link copiato negli appunti