La Baia risorge e non demorde

Pirate Bay è di nuovo online e si dichiara pronta a dare battaglia. Il suo acquisto da parte di un'azienda svedese si fa sempre più confuso. Così come il futuro stesso dei pirati

Roma – Tremate, tremate, i pirati son tornati e non hanno intenzione di ammainare la bandiera sotto la quale hanno navigato la Rete negli ultimi cinque anni. Dopo aver subito un periodo di downtime la Baia dei Pirati è nuovamente operativa , pronta ad accontentare le richieste dei suoi milioni di utenti.

Sulla home page campeggia una t-shirt simile a quelle che si trovano nei negozi di souvenir, con un scritta che recita ho speso mesi di tempo e milioni di dollari per far chiudere The Pirate Bay e tutto quello che ho ottenuto è questa splendida maglietta .

Sul proprio blog l’equipaggio di TPB ha anche parafrasato Winston Churchill, firmando quello che sembra un manifesto dei pirati da cui si evince che la parola d’ordine della ciurma è non arrendersi mai e andare fino alla fine.

La tempesta che imperversa sulla Baia dura ormai da mesi e il suo destino, malgrado le dichiarazioni dal tono epico, sembra ancora avvolto da fitta nebbia. La procedura di acquisto da parte di Global Gaming Factory si fa sempre più intricata : il CEO dell’azienda Hans Pandeya non sembra avere a disposizione la cifra promessa per avviare la metamorfosi della Isla Tortuga del Web.

Sia Pandeya che i pirati hanno ribadito di voler andare avanti secondo la propria strada, che potrebbe non essere la stessa. Nella giornata di giovedì gli azionisti di Global Gaming Factory dovrebbero decidere se procedere con l’acquisizione o lasciare la Baia alla Rete , affossando definitivamente il progetto The Pay Bay .

Visto il susseguirsi degli eventi rimane però da chiarire se entrambi i soggetti stiano parlando della stessa Baia, oppure stiano tracciando due rotte diverse per lo stesso vascello, il cui fasciame continua ad essere bersaglio delle bordate dell’industria dei contenuti: i detentori dei diritti olandesi rappresentati da BREIN avevano fatto sapere attraverso un portavoce che l’eventuale acquisto da parte di Global Gaming Factory non sarebbe bastato a piallare i pirati, mentre in Irlanda uno dei maggiori provider aveva programmato per i suoi utenti la sospensione dell’accesso alla Baia.

Un tribunale svedese nei giorni scorsi aveva intimato all’ISP Black Internet di sospendere l’erogazione di banda a TPB, rendendolo difficilmente raggiungibile per alcune ore. Subito dopo aver eseguito l’ordinanza del tribunale il provider svedese aveva dichiarato di essere stato oggetto di vari tentativi di sabotaggio , dei quali però non è stato possibile determinare l’origine: “Il nostro network non sta funzionando come dovrebbe – ha spiegato il CEO Victor Möller – attualmente stiamo lavorando con tecnici e polizia per capire cosa sia successo”.

In ogni caso una volta cambiato ISP i pirati sono tornati online , ma alcuni utenti avevano segnalato che un noto programma antivirus aveva iniziato ad indicare la Baia come sito maligno, salvo poi rettificare il tutto con il rilascio di un update.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Logico scrive:
    pubblicità regresso
    C.d.oQuando si parla di pubblicità regresso vienein mente proprio un'obbrobriosità come questa!Ma andata a lavurà sanguisughe!!!
  • cesfnc scrive:
    manonera
    avete notato che hanno sostituito solo la testa dell'uomo di colore?X-D
  • individuo scrive:
    MacBook
    secondo me il peggio è il MacBook! razzismo a parte mettere un Mac significa veramente darsi le mazzate sui piedi da soli XD poi magari ha Windows installato eh... XD XD XD
    • nome e cognome scrive:
      Re: MacBook
      - Scritto da: individuo
      secondo me il peggio è il MacBook! razzismo a
      parte mettere un Mac significa veramente darsi le
      mazzate sui piedi da soli XD poi magari ha
      Windows installato eh... XD XD
      XDPerchè non capisci il messaggio ... se sei in un meeting inutile dove vengono sparate idiozie allora vanno bene mac e monitor scollegati per produrre invece si usano prodotti microsoft.
      • alexjenn scrive:
        Re: MacBook
        - Scritto da: nome e cognome
        Perchè non capisci il messaggio ... se sei in un
        meeting inutile dove vengono sparate idiozie
        allora vanno bene mac e monitor scollegati per
        produrre invece si usano prodotti
        microsoft.(troll3)Cosa non si arriva a pensare pur di difendere quest'azienda di pagliacci.
        • maligno scrive:
          Re: MacBook
          - Scritto da: alexjenn
          - Scritto da: nome e cognome


          Perchè non capisci il messaggio ... se sei in un

          meeting inutile dove vengono sparate idiozie

          allora vanno bene mac e monitor scollegati per

          produrre invece si usano prodotti

          microsoft.

          (troll3)

          Cosa non si arriva a pensare pur di difendere
          quest'azienda di
          pagliacci.In realtà il messaggio è un altro.L'uomo al centro lavora sicuro col suo Mac, mentre la donna, per proteggere il suoi dati, ha preso il PC, l'ha spento, chiuso in una cassa e buttato in fondo all'oceano (ecco perché il monitor è collegato al nulla). Del resto questo è l'unico modo per avere in sistema Windows sicuro.
      • nico scrive:
        Re: MacBook
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: individuo

        secondo me il peggio è il MacBook! razzismo a

        parte mettere un Mac significa veramente darsi
        le

        mazzate sui piedi da soli XD poi magari ha

        Windows installato eh... XD XD

        XD

        Perchè non capisci il messaggio ... se sei in un
        meeting inutile dove vengono sparate idiozie
        allora vanno bene mac e monitor scollegati per
        produrre invece si usano prodotti
        microsoft.Produrre l'aria fritta.
      • Bieco Illuminist a scrive:
        Re: MacBook
        - Scritto da: nome e cognome
        Perchè non capisci il messaggio ... se sei in un
        meeting inutile dove vengono sparate idiozie
        allora vanno bene mac e monitor scollegati per
        produrre invece si usano prodotti
        microsoft.Sì, certo, per produrre simili XXXXXXXte i prodotti microsux sono fondamentali. Pagano bene in m$? Perché per rinunciare alla propria dignità per supportare qualunque cacchiata targata m$, almeno vi devono pagare come puttane d'alto bordo @^
  • Generale Lee scrive:
    e allora?
    Ecco te pareva, che scoppiava subito la polemica sul razzismo.Gia si son tentuti il cinese, lasciavano il nero e la foto non era per un pubblico polacco.Come se in italia mettessero un cinese, un senegalese, e uno svedese sul sito della pasta barilla.
    • jojob scrive:
      Re: e allora?
      - Scritto da: Generale Lee
      Ecco te pareva, che scoppiava subito la polemica
      sul
      razzismo.E ti pareva che non saltasse fuori anche su PI il difensore delle cause perse.
      Gia si son tentuti il cinese, lasciavano il nero
      e la foto non era per un pubblico
      polacco.Ti sei dimenticato la donna bianca... o forse sei anche un po' misogino.
      Come se in italia mettessero un cinese, un
      senegalese, e uno svedese sul sito della pasta
      barilla.Capirai! Ma comprati un paio di ventose nuove, va'.
  • alexjenn scrive:
    Solo Microsoft può
    Hanno speso milioni per la campagna "I'm a PC" con Lauren e compagnia bella, e se ne escono con una foto dove al centro si trova un bel MacBook.(rotfl)
  • Peppe scrive:
    Non è tanto questione di Microsoft
    La Polonia è lo stato più razzista d'Europa. Mi stupisce che abbiano lasciato il cinese.
    • Uno e lieto di poter servire scrive:
      Re: Non è tanto questione di Microsoft
      Non era la Padania lo stato più razzista? O_o
      • jojob scrive:
        Re: Non è tanto questione di Microsoft
        - Scritto da: Uno e lieto di poter servire
        Non era la Padania lo stato più razzista? O_oLa Padania non esiste.
  • Ciro Ristorator e scrive:
    e' normale
    In polonia non sanno che cosa sia un uomo di colore...
    • sfortunato scrive:
      Re: e' normale
      - Scritto da: Ciro Ristorator e
      In polonia non sanno che cosa sia un uomo di
      colore...e alla MS non sanno nemmeno cosa sia una pc..fai 2+2
  • Mr_Nick scrive:
    Da non crederci
    Tutto questo è surreale. Ma almeno mi sono conXXXXX un paio di risate :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 agosto 2009 16.57-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti