È la competizione, Jobs

Ex uomini di Google criticano le parole che si pensa abbia riferito il CEO di Apple ad una platea di dipendenti. Rinfacciandogli le leggi del libero mercato

Roma – Le presunte dichiarazioni di Steve Jobs sono solo l’ultimo episodio di una serie di vicende che hanno visto contrapposti Apple e Google.

Ora sono gli ex dipendenti di Google, tra cui Kevin Fox e Paul Buchheit, inventore tra l’altro del motto “Don’t Be Evil” e di Gmail, a intervenire sulla questione, commentando su FriendFeed le parole del guru e CEO di Apple.

“Non so dove alcune persone prendano l’idea che la competizione sia un male. Per me è un bene” ha scritto Buchheit. Anche Kevin Fox sottolinea l’importanza della concorrenza, ponendo l’accento sulla presunta accusa di Jobs che Google abbia l’intenzione di pestare i piedi a iPhone, mentre Apple non ha neanche mai pensato di entrare nel mercato della ricerca: rinfaccia al CEO di Apple il tentativo della Mela si escludere GVoice dal melafonino in quella che viene definita una mossa da concorrenza sleale. “Oltretutto – continua – Google ha acquistato Android due anni prima che Apple iniziasse a vendere iPhone”.

Ad intervenire nella discussione sono stati anche attuali dipendenti Google. Joel Webber rinfaccia al CEO di Apple di considerare “tutta la competizione a somma zero: per cui non ci sarebbe posto sia per iPhone che per lo smartphone di Google”. Aaron D’Souza la prende invece come una sfida: “Attaccherò le frasi di Steve Jobs accanto al monitor, per spingermi a lavorare sempre in maniera tale da non farle avverare”. Affinché, cioè, il motto don’t be evil non venga sconfessato.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mirko scrive:
    Assurdità degli App Store
    La gente fa i salti mortali per avere Windows pirata, Office pirata, la PS3 o la XBox craccate e poi... va a spendere i soldi per l'applicazioncina che gli calcola il bioritmo sul telefonino o dentro il browser... mah!!!
    • Malik scrive:
      Re: Assurdità degli App Store
      [ot] la ps3 non si puo modificare per ora é[/ot]comunque sono d'accordo con te
    • James Kirk scrive:
      Re: Assurdità degli App Store
      Beh, di certo si risparmia rispetto a comprare Windows, Office e piratare l'applicazioncina da 2€ che calcola i bioritmi 8)Ccà nisciuno è fesso ... ahime!
    • Roit scrive:
      Re: Assurdità degli App Store
      L'assurdità è non capire che funziona una piattaforma del genere.
    • Fragy scrive:
      Re: Assurdità degli App Store
      - Scritto da: Mirko
      La gente fa i salti mortali per avere Windows
      pirata, Office pirata, la PS3 o la XBox craccate
      e poi... va a spendere i soldi per
      l'applicazioncina che gli calcola il bioritmo sul
      telefonino o dentro il browser...
      mah!!!Scusa ma non concordo, se intendi spesa per il consumo di banda per prelevare è un discorso, ma da quanto ne so le cose a pagamento su appstore non hanno un gran sucXXXXX (anche se hanno costi inferiori all'euro)
      • Roit scrive:
        Re: Assurdità degli App Store
        E dove lo hai letto?
        • Fragy scrive:
          Re: Assurdità degli App Store
          - Scritto da: Roit
          E dove lo hai letto?In prima persona da uno sviluppatore di prodotti sia gratuiti sia a pagamento (per iPhone, ovvimente)
      • Valeren scrive:
        Re: Assurdità degli App Store
        Strano, i dati di un paio di gg fa mostrano che l'app store di Apple fa una barcata di soldi.Io comunque quoto l'OP, è strano.Però il sistema app store fuziona, quindi c'è qualcosa di sbagliato negli utenti in generale.
      • Roit scrive:
        Re: Assurdità degli App Store
        http://www.iphoneitalia.com/gameloft-appstore-frutta-176-milioni-di-euro-85716.html
    • Son sfigato scrive:
      Re: Assurdità degli App Store
      - Scritto da: Mirko
      La gente fa i salti mortali per avere Windows
      pirata, Office pirata, la PS3 o la XBox craccate
      e poi... va a spendere i soldi per
      l'applicazioncina che gli calcola il bioritmo sul
      telefonino o dentro il browser...
      mah!!!Perché è da sfigati piratare un'applicazione da 2 euro.Infatti io lo faccio e mi sento un Dio!
    • Brando scrive:
      Re: Assurdità degli App Store
      Rendi le cose semplici per l'utente, vendi software al prezzo "giusto" ed automaticamente la pirateria si abbassa.
      • Roit scrive:
        Re: Assurdità degli App Store
        Vendendo quelli che piratano IPA da pochi euro non si direbbe proprio, anzi.Ma da quanto si leggeva in rete ,gli sviluppatori, attraverso la pubblicità nelle app, riescono a far soldi anche con le IPA piratate.
Chiudi i commenti