La Controriforma non ha una forma geometrica

di Martin Lutero - No, il Pentagono non sorprende più l'opinione pubblica americana. Quella europea, invece, deve decidere da che parte stare, su quale binario far correre il proprio sviluppo o se non sia il caso di farsi travolgere
di Martin Lutero - No, il Pentagono non sorprende più l'opinione pubblica americana. Quella europea, invece, deve decidere da che parte stare, su quale binario far correre il proprio sviluppo o se non sia il caso di farsi travolgere

Roma – C’è un errore di fondo. Capisco che si dica, come si dice dappertuttto in Rete in queste ore, che il progetto Total Information Awareness del Pentagono è un progetto che fa paura, rischioso, un trampolino di lancio per un futuro che finora avevamo visto solo in qualche (brutto) film di fantascienza. Lo capisco ma non lo condivido.

Anzitutto mi chiedo: qual è la novità di un sistema inteso a collegare i database di esercito e polizia con quelli commerciali per tirar fuori nuove aggregazioni di informazione sugli individui? In tempi di Patriot Act e Homeland Security Act, la novità, semmai, è che dopo Echelon questa volta i finanziamenti per un progetto del genere la Difesa USA se li viene a cercare all’aperto, facendo artatamente trapelare sul New York Times informazioni bollate come classificate ma in realtà pensate per tastare il terreno. E l’operazione sta riuscendo.

Fino a questo momento infatti le reazioni alle rivelazioni del vice ammiraglio Poindexter sono pressoché inesistenti. C’è uno statement della gloriosa EPIC , sì quelli che si battono per la privacy, gente ormai decisamente fuori moda, con cui si esprime preoccupazione. Ma da parte di quelli che contano, degli uomini delle istituzioni, e non parlo solo di quelle americane, il silenzio è totale.

Siamo dunque alla vigilia di qualcosa di nuovo. Nuovo non perché vengono attivate procedure e infrastrutture destinate a distruggere quella poca riservatezza rimasta agli individui, ma perché alle dichiarazioni assolutamente fantascientifiche di Poindexter segue il silenzio.

Se l’opinione pubblica americana, gli eletti e gli elettori, sembra sempre più convinta che la privacy sia un ostacolo alla sicurezza nazionale, noi europei dobbiamo chiederci se la pensiamo allo stesso modo. I segnali che arrivano da Bruxelles sono pessimi, da Controriforma appunto, come avverte oggi anche Punto Informatico. Perché una cosa è certa: la via intrapresa dagli Stati Uniti, con quest’ultimo progetto e tutto quello che ha seguito l’11 settembre, è un binario unico su cui corre una locomotiva destinata ad investire l’intero Occidente. Siamo sicuri di non voler quantomeno creare una stazione di scambio, un binario morto.. chessò.. un’uscita di sicurezza?

Martin Lutero

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 11 2002
Link copiato negli appunti