La Dematerializzazione è stata sbloccata

Ne parlava Punto Informatico quasi un anno fa ed ora è finalmente giunto un decreto: si sbloccano alcuni dei progetti più rilevanti nell'evoluzione della Società dell'Informazione

Roma – “Vi ricordate l’incredibile caso degli HSM? Rischiavano di rimanere paralizzati molti progetti di dematerializzazione documentale avviati in Italia a causa di un decreto che era fermo ad aspettare la firma dei ministri da 8 mesi…. finalmente il decreto è stato firmato e pubblicato in Gazzetta Ufficiale!” Così ieri l’avv. Andrea Lisi , del D&L Department Studio Legale Lisi nonché presidente di ANORC (Associazione Nazionale Operatori e Responsabili della Conservazione digitale dei documenti), ha trasmesso una notizia attesa da lungo tempo, che può significare l’ attivazione di alcuni step fondamentali nella digitalizzazione documentale. Si tratta di un decreto che tocca da vicino l’attività e le tecnologie di numerosi soggetti.

Dieci mesi fa Punto Informatico pubblicava Il misterioso caso degli HSM proprio a firma di Andrea Lisi, che ora spiega: “Ci sono voluti quasi dieci lunghi mesi, ma almeno chi si occupa di conservazione digitale dei documenti e di fatturazione elettronica per altri 24 mesi può dormire sonni tranquilli! Dopo, come al solito, si vedrà. Certo sarebbe necessario, per una volta, sviluppare una normativa coerente in materia e non intervenire sempre con un decreto d’urgenza per mettere la solita toppa legislativa “. Il riferimento è al fatto che pur di attivare questa riforma che non si riesce a far passare con iter legislativo ordinario, il Governo ha fatto ricorso ad un decreto legge ora pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Di seguito il testo integrale:

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 12 ottobre 2007
Differimento del termine che autorizza l’autodichiarazione circa la rispondenza ai requisiti di sicurezza di cui all’articolo 13, comma 4, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 ottobre 2003.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Visto il decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39, e successive modificazioni, recante norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell’art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;
Vista la direttiva 1999/93/CE del 13 dicembre 1999 del Parlamento europeo e del Consiglio, relativa ad un quadro comunitario per le firme elettroniche e, in particolare, l’allegato III, così come modificato in esito alla rettifica pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee serie L 13 del 19 gennaio 2000;
Vista la decisione della Commissione europea 2003/511/CE del 14 luglio 2003, relativa alla pubblicazione dei numeri di riferimento di norme generalmente riconosciute relative a prodotti di firma elettronica conformemente alla direttiva 1999/93/CE del Parlamento europeo e del Consiglio;
Visto il proprio decreto del 30 ottobre 2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 27 aprile 2004, n. 98, recante approvazione dello schema nazionale per la valutazione e la certificazione della sicurezza nel settore delle tecnologie dell’informazione, ai sensi dell’art. 10, comma 1, del decreto legislativo 23 febbraio 2002, n. 10;
Visto il proprio decreto del 13 gennaio 2004, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 27 aprile 2004, n. 98, recante regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione anche temporale dei documenti informatici;
Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni, recante Codice dell’amministrazione digitale, e, in particolare, gli articoli 31, 35 e 71;
Visto il proprio decreto del 15 giugno 2006, recante delega di funzioni del Presidente del Consiglio dei Ministri in materia di riforme e innovazioni nella pubblica amministrazione al Ministro senza portafoglio, prof. Luigi Nicolais;
Considerata la complessità nella definizione dei tempi e dei costi di mercato delle procedure di certificazione di cui al citato decreto del 30 ottobre 2003 e la conseguente indisponibilità, allo stato attuale, di dispositivi sicuri per la creazione della firma certificati secondo le norme vigenti, da utilizzare nelle procedure automatiche di cui all’art. 35, comma 3, del decreto legislativo n. 82 del 2005;
Ritenuta la necessità di consentire l’utilizzo di dispositivi sicuri per l’apposizione di firme con procedure automatiche, anche per la fatturazione elettronica;
Considerata, quindi l’esigenza di differire ulteriormente il termine entro il quale i certificatori qualificati attestano, mediante autodichiarazione, la rispondenza dei propri prodotti e dispositivi relativi alle firme elettroniche da apporre con procedure automatiche ai requisiti di sicurezza definiti dalla vigente normativa, fermo restando lo svolgimento dell’attività di vigilanza prevista dalla stessa;
Sentito il Centro nazionale per l’informatica nella pubblica amministrazione (CNIPA);
Di concerto con i Ministri delle comunicazioni, dello sviluppo economico e dell’economia e delle finanze;

Decreta:

Art. 1.
1. Per un periodo di ventiquattro mesi decorrente dall’entrata in vigore del presente decreto, i certificatori di firma elettronica attestano, mediante autodichiarazione, la rispondenza dei propri prodotti e dispositivi relativi alle firme elettroniche da apporre con procedure automatiche ai requisiti di sicurezza previsti dalla vigente normativa.

2. Le autodichiarazioni già rese ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 7 dicembre 2000, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 20 aprile 2001, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 ottobre 2001 e del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 ottobre 2003, relative ai dispositivi sicuri per l’apposizione di firme con procedure automatiche, continuano a spiegare ininterrottamente i propri effetti fino al termine del periodo di cui al comma 1.

3. Le attestazioni di cui al comma 1 rientrano nell’ambito di applicazione delle funzioni di vigilanza e controllo svolte dal CNIPA sull’attività dei certificatori qualificati e accreditati, ai sensi dell’art. 31 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni.

4. Il presente decreto non reca oneri aggiuntivi per il bilancio dello Stato.

Il presente decreto è inviato ai competenti organi di controllo e sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 12 ottobre 2007

p. Il Presidente del Consiglio dei Ministri
Il Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione Nicolais
Il Ministro delle comunicazioni Gentiloni Silveri
Il Ministro dello sviluppo economico Bersani
Il Ministro dell’economia e delle finanze Padoa Schioppa

Registrato alla Corte dei conti il 12 dicembre 2007
Ministeri istituzionali, Presidenza del Consiglio dei Ministri, registro n. 12, foglio n. 316″

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fsdfs scrive:
    fsfs
    [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-datejust-c-2]Rolex DateJust watches[/url], Rolex DateJust watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-day-date-c-3]Rolex Day Date watches[/url], Rolex Day Date watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-daytona-c-4]olex Daytona watches[/url], Rolex Daytona watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-explorer-c-5]Rolex Explorer watches[/url], Rolex Explorer watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-gmt-c-6]Rolex GMT watches[/url], Rolex GMT watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-masterpiece-c-7]Rolex Masterpiece watches[/url], Rolex Masterpiece watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-milgauss-c-8]Rolex Milgauss watches[/url], Rolex Milgauss watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-prince-c-9]Rolex Prince watches[/url], Rolex Prince watches
  • fabio schiaroli scrive:
    porno sera ogni casa ragazze
    porno sera ogni casa ragazze
  • fabio schiaroli scrive:
    porno ogni sera casa ragazze
    porno ogni sera casa ragazze
  • gianni colombo scrive:
    klplp
    (troll)(troll1)
  • anonymous scrive:
    proteggiamo gli investigatori
    da un paio di poppe che li sconvolgono, mica devono essere protetti dagli effetti a lungo termine che derivano dal pestare ragazzi a morte, soffocarli con il CS (lacrimogeno proibito in guerra), manganellarli, strinarli con il taser, inventare le prove (vedi resoconto di moore del processo a oj simpson), sparargli alle spalle perché non hanno il casco
  • Pantagru scrive:
    Riconosce lo hash
    Da http://www.surfrecon.com/support/surfrecon_users_guide.pdfsi evince che controlla se lo hash (checksum unica) del file è elencato in una data base che sarebbe denominato "international image forensic database IFID", e che a una prima ricerca sembra una bufala. Ma anche se esistesse, non potrebbe ovviamente essere completo.Quanto al riconoscimento ottico automatico della pornografia, oggi appartiene più al dominio dell'umorismo che a quello della fantascienza.
    • Banana Joe scrive:
      Re: Riconosce lo hash
      Beh ci sono diversi modi di fare un hash. Presumo che esistano funzioni di hashing che supportano la nozione di somiglianza, nel senso che un'immagine simile ad un'altra genera un hash poco distante.Senno' e' una barzelletta -
  • Hiro scrive:
    Complimenti per la foto
    (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Complimenti per la foto
      contenuto non disponibile
    • The Walrus scrive:
      Re: Complimenti per la foto
      Vorrei proprio vedere come se la caverebbe il "presunto" (termine preso in prestito dal mondo giornalistico :-) ) software di riconoscimento di immagini con la foto in questione. LOL!
  • anonimo scrive:
    un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!
    "L'analisi della struttura del file"... ma che cavolo di spiegazione e'? ah, magari legge i tag/nome del file e se c'e' dentro "pedo", "naked" o altri termini "sospetti" allora segnala presenza di immagini pedoporno? come cavolo fa, un software, a riconoscere una immagine pedopornografica, o piu in generale, un qualunque tipo si categorizzazione di una immagine? come fa a distinguere, che so, un panorama, una faccia umana, o la foto di due amici a pesca? E se becca una immagine porno, come fa, un software, a calvolare l'eta' dei presenti sulla foto?Mi sembra sia nedessario un grado di discernimento umano, che non mi sembra cosi' facilmente algoritmizzabile in un software... mi sembra l'ennesima notizia cialtrona pobblicata per fare pseudoinformazione senza un controllo preventivo.
    • ... scrive:
      Re: un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!
      Potrebbe basarsi sulle statistiche, tipo il fatto che una grossa percentuale della foto sia del colore della pelle (butto un esempio).Magari fa una selezione grossolana, da analizzare poi da una persona.
    • il nonno scrive:
      Re: un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!
      - Scritto da: anonimo
      "L'analisi della struttura del file"... ma che
      cavolo di spiegazione e'? ah, magari legge i
      tag/nome del file e se c'e' dentro "pedo",
      "naked" o altri termini "sospetti" allora segnala
      presenza di immagini pedoporno?


      come cavolo fa, un software, a riconoscere una
      immagine pedopornografica, o piu in generale, un
      qualunque tipo si categorizzazione di una
      immagine? come fa a distinguere, che so, un
      panorama, una faccia umana, o la foto di due
      amici a pesca? E se becca una immagine porno,
      come fa, un software, a calvolare l'eta' dei
      presenti sulla
      foto?

      Mi sembra sia nedessario un grado di
      discernimento umano, che non mi sembra cosi'
      facilmente algoritmizzabile in un software... mi
      sembra l'ennesima notizia cialtrona pobblicata
      per fare pseudoinformazione senza un controllo
      preventivo.basta studiare un pochino.cerca su google "elaborazione delle immagini" "match pattern" e scoprirai cose nuove :)in Italia ci sono telecamere montate su cavalcavia che, analizzando costantemente i dati acquisiti, rilevano il lancio di un sasso da un cavalcavia, e avvisano immediatamente le forze dell'ordine. Come fanno? Elaborazione delle immagini! :)
      • alfa beta scrive:
        Re: un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!
        sei anche in grado di citare degli esempi nel mondo reale?
      • guidoz scrive:
        Re: un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!

        in Italia ci sono telecamere montate su
        cavalcavia che, analizzando costantemente i dati
        acquisiti, rilevano il lancio di un sasso da un
        cavalcavia, e avvisano immediatamente le forze
        dell'ordine. Come fanno? Elaborazione delle
        immagini!
        :)o abbiamo avuto lo stesso professore alla sapienza che magari sparava cavolate, o questa storia la sapevo anche io (per bocca di chi dice di averla implementata)
    • Ivan scrive:
      Re: un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!
      Non capisco di cosa ti meravigli.L'analisi e il riconoscimento di immagini (pattern colori gradienti ecc) non è magia e nemmeno fantascienza.Se pensi veramente che un sw in grado di riconoscere le immagini non esista ti consiglio di documentarti (basta una ricerca si un google)Per quanto riguarda in particolare le immagini (pedo)pornografiche ti assicuro che la capacità di catalogazione di certi sw è impressionante sia per quanto riguarda la precisione sia per quanto riguarda la velocità dell'operazione.
      • Zampa scrive:
        Re: un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!
        E secondo te come fa un software a distinguere fra la foto di un lottatore di sumo e quella di una pornostar un po' in carne in perizoma??E le foto delle bellone/stelline/aspiranti letterine che a fine anno fanno i calendari senza veli come vengono riconosciute??Francamente più che scienza mi sembra fantascienza.
        • anonimo scrive:
          Re: un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!
          - Scritto da: Zampa
          E secondo te come fa un software a distinguere
          fra la foto di un lottatore di sumo e quella di
          una pornostar un po' in carne in
          perizoma??

          E le foto delle bellone/stelline/aspiranti
          letterine che a fine anno fanno i calendari senza
          veli come vengono
          riconosciute??

          Francamente più che scienza mi sembra
          fantascienza.Per domini specifici il tasso di riconoscimento di questi sitemi di detezione è abbastanza buono. Utilizzando più sistemi (statistiche dell'immagine, riconoscimento pattern, eccetera) assieme non è così impossibile ottenere il 99% di tasso di riconoscimento se si calca un po' la mano sui falsi positivi. Limitandoli secondo me un tasso verosimile è tra l'80% e il 90%.Se hai voglia di documentarti su internet trovi tonnellate di materiali a disposizione, i metodi per classificare le immagini sono tantissimi, e trovi anche filmati a riguardo.
    • Papero feroce scrive:
      Re: un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!
      Hai ragione! Infatti una foto di Mastella devorebbe effettivamente essere considerata pornografica a tutti gli effetti...
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!
      contenuto non disponibile
      • anonimo scrive:
        Re: un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: anonimo


        come cavolo fa, un software, a riconoscere una

        immagine

        Ti hanno dato tante risposte.
        Tutte sbagliate.
        Analizzare in modo algoritmico immagini di un HD
        di 1TB occuperebbe più o meno il tempo da qui
        all'eternità...

        Se vai sul sito del produttore spiegano come
        funziona: hanno gli hash di un milione di
        immagini categorizzate in normali, porno, e
        illegali (questo ultimi hash, suppongo forniti
        dai database della
        polizia).
        Tutte le immagini che non hanno un hash
        corrispondente devono essere analizzate dal
        software con algoritmi complessi oppure
        dall'uomo, ma loro assicurano che sono una
        minoranza.Il sistema che hai indicato è indubbiamente il migliore in termini di performance, comunque non è vero che si impiegano anni per analizzare le foto. Ci sono numerosi sistemi di riconoscimento oggetti che fanno questo in real time.
        • jfkdvdfnvdf nvdfjvn scrive:
          Re: un soft che riconosce CHE COSA?!?!?!


          Il sistema che hai indicato è indubbiamente il
          migliore in termini di performance, comunque non
          è vero che si impiegano anni per analizzare le
          foto. Ci sono numerosi sistemi di riconoscimento
          oggetti che fanno questo in real
          time.Col real time per il momento si parla di immagini in bianco e nero a bassa risoluzione e il riconoscimento riguarda dettagli semplici.Qua si parla di immagini a colori da almeno 100kB fino a 1Mb a immagine. I tempi sarebbero davvero lunghi.
  • stratix scrive:
    Software per scovare utenti fessi!
    Questo è un software per scovare utenti fessi che pensano di nascondere i file facendo clic su proprietà cartella-
    nascondi!!!!!!!!!!Basta un software free che faccia una minima criptatura e il software scova-maniaci è da buttare nel cesso!!!Ma quanti soldi buttati nel cesso!!!!
    • xspark scrive:
      Re: Software per scovare utenti fessi!
      - Scritto da: stratix
      Questo è un software per scovare utenti fessi che
      pensano di nascondere i file facendo clic su
      proprietà
      cartella-
      nascondi!!!!!!!!!!

      Basta un software free che faccia una minima
      criptatura e il software scova-maniaci è da
      buttare nel
      cesso!!!

      Ma quanti soldi buttati nel cesso!!!!Magari l'avrei detto in maniera un po' meno brutale... ma quoto
    • henryg scrive:
      Re: Software per scovare utenti fessi!
      Domanda.Ma cancellando i files, con un programma stile "Eraser" http://www.heidi.ie/eraser/ , con il sistema "Gutman" a 35 passggi(che mi pare il più sicuro..), quante possibilità ci sono che i files possano essere recuperati ?Dovrei vendere un pc, e sull'HD ci sono i "cavoli miei" che vorre restassero tali, preferirei non formattare a basso livello per non rischiare di danneggiare l'HD.Che ne dite ?Scusate l'ot.
      • bowlingbpsl scrive:
        Re: Software per scovare utenti fessi!
        - Scritto da: henryg
        Ma cancellando i files, con un programma stile
        "Eraser" http://www.heidi.ie/eraser/ , con il
        sistema "Gutman" a 35 passggi(che mi pare il più
        sicuro..), quante possibilità ci sono che i files
        possano essere recuperati?Qualcuno rispondera' sicuramente che per qualche versione tecnologica degli antichi dei (CIA? NSA? Boh?), tutto e' possibile, ma perche' farsi stupide paranoie?Il mondo e' pieno di fessi che manco formattano i PC, quando li danno via. Ho scritto ad un pirla, che aveva lasciato il suo PC con W98, password inclusa (ed una PW molto stupida, BTW) ed email (del cellulare, sue e della sua ragazza), dandogli del pirla e consigliandogli di cambiarsela, 'sta Pw. Spero che l'abbia fatto. ;-)Quanto a te, penso che UNA formattazione con scrittura di zeri, basti ed avanzi.Che ci sia qualcuno che IN TEORIA, puo' recuperare qualcosa, non significa che ce ne siano molti.Quanto a scriverci sopra trentacinque volte... mi sbaglio, o lo stesso Gutman, ha scritto che viene considerato come un totem, dato che le sue specifiche, sono state pensate per gli HD MFM e che i tempi sono cambiati?
        miei" che vorre restassero tali, preferirei non
        formattare a basso livello per non rischiare di
        danneggiare l'HD.Forse faresti meglio ad aggiornarti: non esiste piu' la formattazione a basso livello, qualunque cosa qualche BIOS voglia farti credere (esisteva con gli MFM).Cerca, piuttosto, le utility della stessa marca del tuo HD e brasa i primi 63 settori, dopo aver scritto zeri (se insisti, anche dati random) per UNA volta.
      • Io blocco il p2p scrive:
        Re: Software per scovare utenti fessi!
        - Scritto da: henryg
        Dovrei vendere un pc, e sull'HD ci sono i "cavoli
        miei" che vorre restassero tali, preferirei non
        formattare a basso livello per non rischiare di
        danneggiare
        l'HD.

        Che ne dite ?Vuoi un consiglio per liberarti delle foto dei bambini eh! Lurido!
        • henryg scrive:
          Re: Software per scovare utenti fessi!
          Bravo, bella risposta.Stasera vado alla Polizia Postale a sporgere denuncia contro di te per diffamazione.Saluti.
      • ciccio pasticcio scrive:
        Re: Software per scovare utenti fessi!
        - Scritto da: henryg
        Domanda.

        Ma cancellando i files, con un programma stile
        "Eraser" http://www.heidi.ie/eraser/ , con il
        sistema "Gutman" a 35 passggi(che mi pare il più
        sicuro..), quante possibilità ci sono che i files
        possano essere recuperati
        ?
        0 la formattazione a 35 passaggi viene effettuata cosi'per impedire la permeabilita' magnetica del disco.manco la cia lo riuscirebbe a leggere
        Dovrei vendere un pc, e sull'HD ci sono i "cavoli
        miei" che vorre restassero tali, preferirei non
        formattare a basso livello per non rischiare di
        danneggiare
        l'HD.

        Che ne dite ?

        Scusate l'ot.
      • alfa beta scrive:
        Re: Software per scovare utenti fessi!
        un file sovrascritto con altra rob, per 35 volte, e' un file cancellato.Ma ti svelo un altro segreto: anche un file sovrascritto 3 volte, e' un file cancellato, a meno che tu non sia di interesse per qualche servizio segreto.
        • fred scrive:
          Re: Software per scovare utenti fessi!
          la tecnologia dei dischi attuali e'talmente spinta che persino lo stesso produttore dell'hard disk non e' in grado di recuperare anche una singola sovrascrittura; la teoria dei dati recuperabili con meno di sette passaggi e' fisica che si applica alle caratteristiche elettromagnetiche, che poi si sfrutare per tentare un recupero effettivo e' un altro paio di maniche; probabilmente sui floppy e sui vecchi dischi mfm con motore passo passo sudando sangue si possono estrarre alcuni dati sovrascritti una sola volta ma sulla loro integrita' nutro molti dubbi.Non si uo' escludere che fra cinquant'anni questo si possa fare sui dischi attuali o di qualche anno fa.e comunque se proprio e' paranoico qualcuno puo' semplicemente crittografare il disco prima di introdurre i dai, cosi' questi ci sono ma senza essere decodificati non hannoalcuna utilita'.
      • Tyler scrive:
        Re: Software per scovare utenti fessi!
        ho un metodo migliore. Spendi 60 euri per un disco nuovo e quello coi fatti nuovi lo tieni per te!
    • anonimo scrive:
      Re: Software per scovare utenti fessi!
      - Scritto da: stratix
      Questo è un software per scovare utenti fessi che
      pensano di nascondere i file facendo clic su
      proprietà
      cartella-
      nascondi!!!!!!!!!!

      Basta un software free che faccia una minima
      criptatura e il software scova-maniaci è da
      buttare nel
      cesso!!!

      Ma quanti soldi buttati nel cesso!!!!Perchè buttati nel cesso? Come ogni strumento ha dei limiti. Sicuramente non vado ad usare un cacciavite per aprire un portellone di ferro saldato, non per questo vado a dire che ho buttato dei soldi nel cesso per l'acquisto di un cacciavite, che lo uso tutte le volte che trovo viti con grande risparmio di tempo e sforzo.
      • Krazy scrive:
        Re: Software per scovare utenti fessi!
        considera che questo è un software per aziende e spesso i software che sono free per gli utenti non lo sono per le aziende.Poi vabbè, io so quali sono gli utenti allocchi e i file glieli sgamo al volo ogni volta che venogno in ufficio da me col pc guasto.PS: ci sono società che recuperano dati pure dai dischi bruciati letteralmente (han fatto la prova incendiandone uno) figurati se sovrascrivendo i dati o formattandolo riesci a nascondere qualcosa... ovvio che devi avere molti soldi da buttare (solo in caso di rottura delle testine o di indici sminkiati si parla di circa 2000 euro per un disco da 120gb)
  • Featureman scrive:
    questo ha capito tutto
    http://youtube.com/watch?v=QiyTY9kgpiQ
  • Homer Jay S. scrive:
    Breve saggio filosofico

    Il suo utilizzo, spiegano, consentirebbe anche di
    minimizzare l'esposizione dei detective alle immagini
    più scabrose: una esposizione che, a quanto pare,
    crea non pochi problemi psicologici a lungo termine.HAHAHAHAHAHHAHAHAHA
    • Desu scrive:
      Re: Breve saggio filosofico
      Eh si, me li immagino allupati come non mai che arrivano a casa e...invece di andare a dormire gli tocca sfogare tutte le pulsioni sessuali accumulate a lavoro... :De pensare che una volta a lavoro si accumulava solo stress, LOL
    • Lemon scrive:
      Re: Breve saggio filosofico
      - Scritto da: Homer Jay S.

      Il suo utilizzo, spiegano, consentirebbe anche di

      minimizzare l'esposizione dei detective alle
      immagini

      più scabrose: una esposizione che, a quanto
      pare,


      crea non pochi problemi psicologici a lungo
      termine.
      HAHAHAHAHAHHAHAHAHAA me non farebbe piacere vedere immagini pedopornografiche, probabiblmente avrei difficoltà a levarmele dalla testa.
      • The Raptus scrive:
        Re: Breve saggio filosofico

        A me non farebbe piacere vedere immagini
        pedopornografiche, probabiblmente avrei
        difficoltà a levarmele dalla
        testa.Hai ragione, anche a me!E' per questo che non faccio "quel" lavoro.In altre parole, se la vista del sangue mi impressiona, non faccio l'infermiere o il dottore!Inoltre penso che qui si parli soprattutto di immagini "scabrose" di puro e semplice porno, perfettamente legale (copyright a parte).
      • gaia75 scrive:
        Re: Breve saggio filosofico
        - Scritto da: Lemon
        - Scritto da: Homer Jay S.


        Il suo utilizzo, spiegano, consentirebbe anche
        di


        minimizzare l'esposizione dei detective alle

        immagini


        più scabrose: una esposizione che, a quanto

        pare,




        crea non pochi problemi psicologici a lungo

        termine.

        HAHAHAHAHAHHAHAHAHA

        A me non farebbe piacere vedere immagini
        pedopornografiche, probabiblmente avrei
        difficoltà a levarmele dalla
        testa.E' un ottimo programma per bloccare il porno in ufficio,lo sai quant'è imbarazzante vedere immagini pornografiche in assistenza remota?
        • Cell scrive:
          Re: Breve saggio filosofico

          E' un ottimo programma per bloccare il porno in
          ufficio,lo sai quant'è imbarazzante vedere
          immagini pornografiche in assistenza
          remota?No
          • Io blocco il p2p scrive:
            Re: Breve saggio filosofico
            - Scritto da: Cell

            E' un ottimo programma per bloccare il porno in

            ufficio,lo sai quant'è imbarazzante vedere

            immagini pornografiche in assistenza

            remota?

            NoSoprattutto quando "gaia" ha un avatar di Manara...forse ne ha viste troppe.
      • bowlingbpsl scrive:
        Re: Breve saggio filosofico
        - Scritto da: Lemon
        - Scritto da: Homer Jay S.


        crea non pochi problemi psicologici a lungo

        termine.

        HAHAHAHAHAHHAHAHAHA

        A me non farebbe piacere vedere immagini
        pedopornografiche, probabiblmente avrei
        difficoltà a levarmele dalla
        testa.Mi e' rimasto in mente quanto ha detto uno che fa proprio quel mestiere."Quello che e' piu' difficile da dimenticare, sono gli occhi di quei bambini!"Ha anche detto che avevano fatto uno sfondo per PC di un viso di una bambina. Quando qualcuno, preso dallo sconforto, pensava di mollare tutto, gli bastava guardare quegli occhi.Spero, quindi, che chi ha riso, si fermi a pensarci un attimo.
    • pippo scrive:
      Re: Breve saggio filosofico


      Il suo utilizzo, spiegano, consentirebbe anche di

      minimizzare l'esposizione dei detective alle
      immagini

      più scabrose: una esposizione che, a quanto
      pare,


      crea non pochi problemi psicologici a lungo
      termine.
      HAHAHAHAHAHHAHAHAHAGià, corrono il rischio di diventare ciechi ;)
    • guidoz scrive:
      Re: Breve saggio filosofico
      - Scritto da: Homer Jay S.

      Il suo utilizzo, spiegano, consentirebbe anche di

      minimizzare l'esposizione dei detective alle
      immagini

      più scabrose: una esposizione che, a quanto
      pare,


      crea non pochi problemi psicologici a lungo
      termine.
      HAHAHAHAHAHHAHAHAHAguarda.. per quanto ritenga sto coso una mezza stronzata, questa parte non è da poco.. finchè si tratta di vedere gnocolone o anche meno gnoccolone, ok.. ma se ti capitano minori, e per minori non parlo dai 14 anni in su, che ancora ancora può essere una visione piacevole (non fraintendete), non credere che sia così facile. Specie magari per un padre di famiglia.
    • Banana Joe scrive:
      Re: Breve saggio filosofico
      Ma poi, casomai sara' il contrario.Adesso uno si deve scartabellare tonnellate di foto di famiglia, panorami, gatti, erotiche, porno, per andare a cuccare quelle illegali.Se c'e' il software che screma con affidabilità anche solo del 50%, si cuccheranno il doppio di immagini.La mia piena solidarietà a chi si deve sorbire obbrobri nel corso della professione. Anch'io, nel mio piccolo, in ufficio ho tre box con windows sopra. :s
Chiudi i commenti