La mannaia delle major sugli spartiti online

Chiude un riferimento storico per gli appassionati di musica: le major non hanno sistemi di licensing per quei materiali ma pretendono che siano rimossi. Migliaia di appassionati usavano quel sito ogni giorno

Roma – Dopo sette anni di attività e di celebrità online ha chiuso i battenti un sito di riferimento per tutti gli appassionati di musica, dai musicisti in erba ai cultori dei brani che caratterizzano la storia della musica contemporanea. Mxtabs ha infatti annunciato di aver dovuto autocensurarsi prima di trovarsi dinanzi ad una offensiva legale della MPA , l’associazione che raccoglie gli editori musicali americani.

“7 anni fa – si legge ora sulla home page del notissimo sito web – Mxtabs era partito come hobby di un aspirante batterista che tentava di imparare le sue canzoni preferite. Negli anni il sito di spartiti è cresciuto in una risorsa di valore per migliaia di musicisti. Abbiamo gioito nell’ascoltare le storie di successo di migliaia di suonatori di chitarra, basso o batteria che hanno aumentato le proprie capacità e sono cresciuti utilizzando questo sito web”.

Si potrebbe ritenere che MPA abbia cercato un accordo con il sito, visto il suo clamoroso successo ma, stando a quanto riferiscono i gestori, gli editori semplicemente non hanno stretto accordi con Mxtabs o con nessun altro. E questo nonostante il fatto che i link posti sul sito a spartiti ufficiali venduti online portassero nelle casse degli editori almeno 3mila dollari al mese.

In sé la notizia della chiusura non deve stupire: nei mesi scorsi Mxtabs si era autosospeso per cercare di stimolare un dibattito con gli editori, che non ha però mai preso il volo. E ha così deciso di riaprire lo scorso febbraio. “Ad ogni modo – spiegano i gestori di Mxtabs – dal momento che nessun editore di spartiti ha in animo di offrire una qualche forma di licenza, e non ha interesse nel negoziarla, abbiamo deciso di chiudere tutto anziché continuare ad aggravare il settore. Fino ad ora non abbiamo ricevuto diffide, chiudiamo di nostra volontà”. “In assenza di risposte – chiariscono i promotori del sito – è il triste momento di chiudere”.

È il timore di una denuncia per violazione di diritto d’autore, dunque, ad aver spinto i webmaster a concludere il proprio apprezzatissimo lavoro, un timore pienamente giustificato visti gli annunci da guerra incombente rilasciati proprio da MPA lo scorso dicembre e indirizzati proprio ai siti che pubblicano spartiti.

Mxtabs chiude con un appello, affinché sia riconosciuto agli spartiti il ruolo che meritano nel formare nuovi musicisti e nel diffondere la cultura musicale. Chiede anche che vengano elaborate forme di licensing di quei materiali. Tutte richieste che, però, si scontrano con la determinazione di MPA, ben espressa dal suo presidente, Lauren Keiser, secondo cui “un po’ di carcere sarebbe decisamente risolutivo. La pubblicazione degli spartiti sui siti musicali per anni è stata completamente illegale”.

Sono molti, moltissimi , i blog che stanno dedicando post all’argomento, così come sono moltissimi coloro che fruivano per le proprie ricerche e crescita musicale di quei materiali. Qualcuno scrive: “MPA si aspetta davvero che ora correremo tutti a comprare spartiti?”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CpRTReGcfXu PQR scrive:
    JVdBiJKuQy
    comment4,
  • ssHOgOTuGwU scrive:
    PDFnFaecE
    Hello! Very good job(this site)! Thank you man.
  • WtqSWXOYcA scrive:
    NIoRidlwBAWhfsxqSZt
    Hello! Very good job(this site)! Thank you man.
  • otPMzHjbipD scrive:
    cSwxCojPCEFw
    3rZk7mQQ urls.txt
  • CEUYHgDRntv uOUV scrive:
    ceAYqRoOAupSZBYdhuV
    AmULqZ3mUTBhu http://sonyoungjin.com/?document_srl=62888 pikavippi luottotiedottomalle oZ7heM4 http://www.russobornaya.org/phpn//modules.php/modules.php?name=Your_Account&op=userinfo&username=NBelgrave pikavippi uusi asiakas HqmYtkwzevBe51 http://www.souzacampos.net/modules.php?name=Your_Account&op=userinfo&username=AEjf pikavippipaikat kaikki uudet
  • kiIpvwApBSX DIGjgEw scrive:
    fFdrPkCzyXHsVER
    0a5VNJTzeW0 http://www.wheelmansplace.com pikavippi uVUFTTXczK
  • erWeETgamge oKMphN scrive:
    YgZLDDtphPMDlqxmX
    VTLWCD http://stefanflod.com pikavippi oTaUgHv
  • Anonimo scrive:
    Uè!! UUééééééé!!!!!!!!!!
    Germania batte cosa?!??!?!!?!?! :@ :DMazzate a tutti quanti! :@Non scherziamo su certe cose in sto periodo eh! :D6 goal di Totti :) e 3 di Buffon (rotfl).Germania - Italia: 0 a 9 :-o (rotfl) (geek) @^ O) (win) (troll3) :| :@ :o p)
  • Anonimo scrive:
    Re: Un pensiero su anonimato e privacy
    Un asino che parte per un viaggio non può ritornare cavallo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Un pensiero su anonimato e privacy
    Secondo me sei fuori strada, perche' la differenza tra anonimato e privacy non esiste.Due persone parlano dei fatti privati o riservati, questa riservatezza e' la loro privacy. Per un terzo che non deve sentire quello che dicono ne' vedere o sapere quello che fanno loro come autori di determinate parole o azioni sono anonimi.Se queste due persone per lo Stato devono essere monitorate non e' un motivo valido per togliere la privacy o l'anonimato dalla societa', per monitorare le persone nella societa' ci sono gli arresti domiciliari o le carceri... Per la rete, l'interdizione di accedervi.Siccome la societa' non e' un carcere due persone libere non devono essere monitorate per un semplice sospetto. Il reato implica una certezza. Se lo stato ritiene di dover monitorare qualcuno perche' ritiene che con ogni probabilita' commette reato, arresti domiciliari o comunque limiti personali a quella persona non a tuttiNon essere monitorati dalla Polizia e fare le cose in modo anonimo (senza che nessuno possa dire "Tizio ha fatto o detto questo") non significa essere sopra la legge, significa muoversi all'interno dello spazio di liberta' consentito. Finche' Tizio rimane in quello spazio lo Stato non ha il diritto di sospettare di lui ne' di monitorare o di tracciare ogni sua mossa dentro quello spazio. Lo spazio di liberta' deve finire quando uno commette reato, non quando e' sospettato a priori di commettere reatoSe nella realta' questo spazio esiste non vedo perche' nella rete non debba esistere. Se la Polizia vuole monitorare l'accesso a un sito web e' sufficiente che obblighi (motivando cio' con una specifica ordinanza e secondo una eventuale legge) il responsabile del sito a chiedere l'autenticazione per gli accessi. Non e' accettabile che si monitori l'accesso a qualunque sito su tutto il Web.Se si vuole combattere l'illegalita' si attacchino i siti che offrono contenuti illegali, non la privacy degli utenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Un pensiero su anonimato e privacy
    leggi quahttp://punto-informatico.it/pms.aspx?id=1530169&m_id=1530440&r=PIe qua, tu che sei scienziato della comunicazione ne dovresti sapere qualcosa degli effetti dei massmediahttp://www.ecn.org/crypto/remailer/privacy.htm
    • Anonimo scrive:
      Re: Un pensiero su anonimato e privacy
      - Scritto da:
      leggi qua
      http://punto-informatico.it/pms.aspx?id=1530169&m_Esistono le leggi (quelle già esistenti e quelle ancora da creare) per combattere gli abusi (di cui si parla nel tuo link) contro la privacy del singolo.
      e qua, tu che sei scienziato della comunicazione
      ne dovresti sapere qualcosa degli effetti dei
      massmedia
      http://www.ecn.org/crypto/remailer/privacy.htm
      Scusami ma preferisco chi fa proposte di legge a chi sceglie il passamontagna e si sente pure un eroe.
      • Anonimo scrive:
        Re: Un pensiero su anonimato e privacy
        - Scritto da: casteredandblue
        - Scritto da:

        leggi qua
        http://punto-informatico.it/pms.aspx?id=1530169&m_
        Esistono le leggi (quelle già esistenti e
        quelle ancora da creare) per combattere
        gli abusi (di cui si parla nel tuo link)
        contro la privacy del singolo.

        e qua, tu che sei scienziato della

        comunicazione ne dovresti sapere qualcosa

        degli effetti dei massmedia

        http://www.ecn.org/crypto/remailer/privacy.htm
        Scusami ma preferisco chi fa proposte di
        legge a chi sceglie il passamontagna e si
        sente pure un eroe.Questo e' fortemente legato al paese e al periodo storico fortunato che stai vivendo, variando anche una delle due cose potresti preferire il passamontagna.Rendere illegale la criptazione oggi potrebbe non darti modo di scegkliere domani... Possiamo fidarci ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Un pensiero su anonimato e privacy
    - Scritto da:

    - Scritto da: casteredandblue

    La privacy è questa:



    Tizio e Caio discutono di qualcosa in una
    stanza,

    Tizio e Caio hanno il diritto che quel qualcosa

    di cui hanno parlato sia conosciuto solo da loro

    due.



    Ma se esistessero pesanti sospetti sui due

    personaggi o se gli stessi fossero già sotto

    inchiesta (quindi già monitorati) per un reato,

    le Forze dell'Ordine, e di conseguenza noi tutti

    intesi come comunità-nazione, avremmo il diritto

    di infrangere il loro diritto alla privacy per

    punire il loro

    comportamento.



    Se sono indagati di cosa dovrebbero essere puniti?Intendevo:"..avremmo il diritto di infrangere il loro diritto alla privacy per indagare e, in caso di colpevolezza, punire il loro comportamento."Con Tor et similia, niente prove (ulteriori) per aiutare le indagini.
  • Anonimo scrive:
    Re: Un pensiero su anonimato e privacy
    Chi cerca l' anonimato non ha la tua stessa fiducia nei confronti delle istituzioni.Semplicemente non ci puo' essere nessuno che vigili in maniera imparziale alcunche'.A livello teorico hai perfettamente ragione, ma in una societa' fatta di uomini, una volta acquisita un' informazione, non e' facile sbarazzarsene, dando per scontato che chi "ha sentito per sbaglio" non sia nel dolo,cosa che negli ultimi anni si e' verificata con discreta regolarita'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un pensiero su anonimato e privacy
      - Scritto da:
      Chi cerca l' anonimato non ha la tua stessa
      fiducia nei confronti delle
      istituzioni.Semplicemente non ci puo' essere
      nessuno che vigili in maniera imparziale
      alcunche'.
      A livello teorico hai perfettamente ragione, ma
      in una societa' fatta di uomini, una volta
      acquisita un' informazione, non e' facile
      sbarazzarsene, dando per scontato che chi "ha
      sentito per sbaglio" non sia nel dolo,cosa che
      negli ultimi anni si e' verificata con discreta
      regolarita'.
      Vero, ma l'unica soluzione è quella di migliorare le leggi, e le leggi non si migliorano col passamontagna (Tor), imho.Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Un pensiero su anonimato e privacy
        - Scritto da: casteredandblue

        - Scritto da:

        Chi cerca l' anonimato non ha la tua stessa

        fiducia nei confronti delle

        istituzioni.Semplicemente non ci puo' essere

        nessuno che vigili in maniera imparziale

        alcunche'.

        A livello teorico hai perfettamente ragione, ma

        in una societa' fatta di uomini, una volta

        acquisita un' informazione, non e' facile

        sbarazzarsene, dando per scontato che chi "ha

        sentito per sbaglio" non sia nel dolo,cosa che

        negli ultimi anni si e' verificata con discreta

        regolarita'.



        Vero, ma l'unica soluzione è quella di migliorare
        le leggi, e le leggi non si migliorano col
        passamontagna (Tor),
        imho.

        Ciaoper curiosita':mi faresti DUE nomi DUE di politici italiani che potrebbero migliorare le leggi?eheh dove con "migliorare" si intenda il senso etimologico del termine?
        • Anonimo scrive:
          Re: Un pensiero su anonimato e privacy
          - Scritto da:

          - Scritto da: casteredandblue



          - Scritto da:


          Chi cerca l' anonimato non ha la tua stessa


          fiducia nei confronti delle


          istituzioni.Semplicemente non ci puo' essere


          nessuno che vigili in maniera imparziale


          alcunche'.


          A livello teorico hai perfettamente ragione,
          ma


          in una societa' fatta di uomini, una volta


          acquisita un' informazione, non e' facile


          sbarazzarsene, dando per scontato che chi "ha


          sentito per sbaglio" non sia nel dolo,cosa che


          negli ultimi anni si e' verificata con
          discreta


          regolarita'.






          Vero, ma l'unica soluzione è quella di
          migliorare

          le leggi, e le leggi non si migliorano col

          passamontagna (Tor),

          imho.



          Ciao

          per curiosita':
          mi faresti DUE nomi DUE di politici italiani che
          potrebbero migliorare le
          leggi?
          eheh dove con "migliorare" si intenda il senso
          etimologico del
          termine?

          E come posso?Quello che per X è migliorare, per Y è peggiorare, poichè hanno due visioni differenti del problema e della sua soluzione.Ti farei 2 nomi che migliorino la legge per come la penso io, ma se tu la pensi in maniera differente dalla mia, il mio "migliorare" potrebbe essere il tuo "peggiorare".Ciao :)
      • CoreDump scrive:
        Re: Un pensiero su anonimato e privacy


        Vero, ma l'unica soluzione è quella di migliorare
        le leggi, e le leggi non si migliorano col
        passamontagna (Tor),
        imho.

        CiaoBei discorsi, ora però vai a spiegarlo a tuttiquelli inquisiti e messi sulla gogna pubblicaingiustamente, io alla mia privacy ci tengo eattuerò tutti i mezzi ( legali ) a mia disposizionealmeno fino a quando non ci sarà una legge che vietaesplicitamente TOR/Freenet e programmi dicriptografica bella ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 giugno 2006 20.43-----------------------------------------------------------
        • Anonimo scrive:
          Re: Un pensiero su anonimato e privacy
          - Scritto da: CoreDump



          Vero, ma l'unica soluzione è quella di
          migliorare

          le leggi, e le leggi non si migliorano col

          passamontagna (Tor),

          imho.



          Ciao

          Bei discorsi, ora però vai a spiegarlo a tutti
          quelli inquisiti e messi sulla gogna pubblica
          ingiustamente, io alla mia privacy ci tengo e
          attuerò tutti i mezzi ( legali ) a mia
          disposizione
          almeno fino quando ci sarà una legge che vieta
          esplicitamente TOR/Freenet e programmi di
          criptografica bella ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Un pensiero su anonimato e privacy
          Modificato dall' autore il 28 giugno 2006 20.43
          --------------------------------------------------Gli errori capiteranno sempre ed in qualunque situazione (nulla è perfetto), sta a noi far sì che si riducano sempre più migliorando il migliorabile.Non è una soluzione indossare il passamontagna (o perlomeno, non è una soluzione che mi piace)Ciao
          • CoreDump scrive:
            Re: Un pensiero su anonimato e privacy


            Gli errori capiteranno sempre ed in qualunque
            situazione (nulla è perfetto), sta a noi far sì
            che si riducano sempre più migliorando il
            migliorabile.Certo avere la vita ( o una parte ) rovinataper un errore ...
            Non è una soluzione indossare il passamontagna (o
            perlomeno, non è una soluzione che mi
            piace)Quindi tu cosa proporresti concretamente ???
            CiaoCiao
          • Anonimo scrive:
            Re: Un pensiero su anonimato e privacy
            - Scritto da: CoreDump



            Gli errori capiteranno sempre ed in qualunque

            situazione (nulla è perfetto), sta a noi far sì

            che si riducano sempre più migliorando il

            migliorabile.

            Certo avere la vita ( o una parte ) rovinata
            per un errore ...Lo so, è il peggio che ti possa capitare (proprio qui a Genova è capitato che un uomo per sbaglio sia stato imprigionato per molti anni per errore.. ora mi sfugge il nome, magari domani posto la sua storia e il perchè sia finito dentro per errore.. è raccapricciante :|)

            Non è una soluzione indossare il passamontagna
            (o

            perlomeno, non è una soluzione che mi

            piace)

            Quindi tu cosa proporresti concretamente ???Non so, non è semplice, anche migliorando ulteriormente le professionalità che lavorano su queste tematiche e proponendo mille soluzioni intelligenti, converrai che nulla è e sarà mai perfetto, quindi la percentuale d'errore può solo diminuire ma non scomparire.Qui come in qualunque altro campo :(Però non posso accettare come soluzione "Indosso il passamontagna perchè temo l'errore giudiziario", dai su..Vorrebbe dire che hai intenzione di girare per strada col passamontagna (quello vero, non il Tor del mio paragone) perchè temi che qualcuno per sbaglio possa dire che ti ha visto fare una rapina. :s

            Ciao

            CiaoCiao :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Un pensiero su anonimato e privacy
    - Scritto da: casteredandblue
    Ho usato il verbo "parlare" nei due esempi,
    allo stesso potete sostituire, adattandoli,
    i verbi "agire", "fare qualcosa".. insomma
    verbi di azioni materiali, non solo di
    chiacchiere.E no, scusa, ma al di la' di parlare cosa vuoi fare ? Non c'e' il teletrasporto, la gente non puo' trasferire i pezzi di una bomba, e' una cosa che va ancora fatta in modo fisico.Via rete si puo' solo parlare.
    Il punto imho è che la privacy sia un
    diritto da difendere e che, all'occorrenza
    (nei casi estremi ove si configuri un reato
    o un pericolo per la comunità), possa e debba
    essere accantonato per perseguire gli autori
    di un reato.
    L'anonimato invece fa sì che chi compia un
    reato NON POSSA essere perseguito.Falso, andrebbe beccato nel momento in cui compie il reato: va a piazzare la bomba o stupra un minor/maggiorenne.
    Per questo lo respingo e sono contrario a
    questa chiamata alle armi continua su PI.
    Ultima cosa: i vari Tor andrebbero
    contestualizzati alla nostra realtà, ossia un
    insieme di paesi democratici in cui le libertà
    personali sono ampie, dove i rinnovamenti del
    sistema si discutono alle elezioni e in
    Parlamento, dove chiunque può dire la propria
    (abbiamo mille difetti a livello di sistema,
    ma siamo di gran lunga il meno peggio).Ma la Cina e' parte della nostra realta', se non ci fossero sistemi anonimi sparsi per il mondo i cinesi non potrebbero usarli.
    Parlassimo della Cina e di paesi simili,
    spenderei differenti parole sull'argomento, ma
    essendo in Italia, mi pare davvero esagerato
    ogni volta che parlate di Tor et similia
    sentirvi paladini della libertà.Ti ricordo che la prima mailing list anonima mai creata verteva sugli stupri in famiglia.
    Infine un umile consiglio:
    RAGAZZI NON METTETEVI NEI CASINI INSTALLANDO
    PROGRAMMI COME QUESTO: NE AVETE DAVVERO
    BISOGNO?Magare qualcuno si.O molti in paesi totalitari in cui queste cose sono illegali e ti arrestano se installi un anonimous remailer.
    CONSIDERATE CHE A FRONTE DEL VOSTRO UTILIZZO
    LECITO, CHI VI STA AFFIANCO POTREBBE ESSERE
    AVVANTAGGIATO E COPERTO NEL COMPIERE SCHIFEZZE
    ONLINE, METTENDOVI NEI
    CASINI.
    NON AIUTATE CHI DELINQUE, SI ALLA PRIVACY NO
    ALL'ANONIMATO.E quelli che ne hanno davvero bisogno li abbandoniamo ?
    Ciao
  • Anonimo scrive:
    Sig. clamari
    quale, dei 16 italiani è il suo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sig. clamari
      - Scritto da:
      quale, dei 16 italiani è il suo?Della serie il parla parla, il fuma fuma .....
    • Wakko Warner scrive:
      Re: Sig. clamari
      - Scritto da:
      quale, dei 16 italiani è il suo?Ma un grazie a coloro che cercano di sensibilizzare la gente a proteggere la propria privacy e insegnano loro come usare gli strumenti che la tecnologia gli mette a disposizione mai eh? Sempre critiche... mah :(
      • Anonimo scrive:
        Re: Sig. clamari
        - Scritto da: Wakko Warner

        - Scritto da:

        quale, dei 16 italiani è il suo?

        Ma un grazie a coloro che cercano di
        sensibilizzare la gente a proteggere la propria
        privacy e insegnano loro come usare gli strumenti
        che la tecnologia gli mette a disposizione mai
        eh? tralasci "e non li informano di quali rischi corrono aseguuire il loro suggeirmento"
        • Wakko Warner scrive:
          Re: Sig. clamari
          - Scritto da:
          tralasci "e non li informano di quali rischi
          corrono aseguuire il loro
          suggeirmento"Su questo concordo che avrebbe dovuto per lo meno menzionarlo. Però non si può sempre limitarsi a criticare gli altri, Calamari poi è una persona impegnata a difendere la privacy e l'anonimato da diversi anni quindi non credo che si meriti gli attacchi che ha ricevuto qui. Con i suoi articoli ha l'importante compito di sensibilizzare la gente e questa è già una cosa importante da sola.Poi come dicevo hai ragione quando dici che avrebbe dovuto parlare anche dei "contro", ma c'è modo e modo per esprimere le proprie opinioni e non credo che accusarlo di questo o di quest'altro sia un modo civile per farlo.Anche io in questi thread ho espresso le mie perplessità circa l'articolo, ma l'ho fatto con ben altri toni... purtroppo mi sembra che molti post vengano invece fatti per dimostrare agli altri di essere in qualche modo migliori o superiori. Ci sono post il cui unico intento non è quello di ragionare su una tematica, di scambiarsi idee ed opinioni e (giustamente) correggere mancanze o errori (in modo civile), ma piuttosto quello di sopraffare gli altri e sinceramente è un modo di agire che non capisco. (Non dico che sia questo specifico il caso, è solo una mia impressione generale)
          • Anonimo scrive:
            Re: Sig. clamari
            - Scritto da: Wakko Warner
            Però non si può sempre limitarsi a criticare gli
            altri, Calamari poi è una persona impegnata a
            difendere la privacy e l'anonimato da diversi
            anni quindi non credo che si meriti gli attacchi
            che ha ricevuto qui. Con i suoi articoli ha
            l'importante compito di sensibilizzare la gente e
            questa è già una cosa importante da
            sola.

            Poi come dicevo hai ragione quando dici che
            avrebbe dovuto parlare anche dei "contro", ma c'è
            modo e modo per esprimere le proprie opinioni e
            non credo che accusarlo di questo o di
            quest'altro sia un modo civile per
            farlo.

            Anche io in questi thread ho espresso le mie
            perplessità circa l'articolo, ma l'ho fatto con
            ben altri toni... purtroppo mi sembra che molti
            post vengano invece fatti per dimostrare agli
            altri di essere in qualche modo migliori o
            superiori. Ci sono post il cui unico intento non
            è quello di ragionare su una tematica, di
            scambiarsi idee ed opinioni e (giustamente)
            correggere mancanze o errori (in modo civile), ma
            piuttosto quello di sopraffare gli altri e
            sinceramente è un modo di agire che non capisco.
            (Non dico che sia questo specifico il caso, è
            solo una mia impressione
            generale)guarda... puoi dire quello che vuoi ma se io, per volontaria omissione di qualcuno, ricevo una visita di quel tipo, permetterai che posso ritenere più importante la mia vita che l'anonimato di chissachi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sig. clamari


          tralasci "e non li informano di quali rischi
          corrono aseguuire il loro
          suggeirmento"Ma rileggere prima di battere "invia" no ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Sig. clamari
            - Scritto da:




            tralasci "e non li informano di quali rischi

            corrono aseguuire il loro

            suggeirmento"

            Ma rileggere prima di battere "invia" no ?Chi vuole far finta di non saper leggere, lo lascio friggere nel suo olio preferito.Buona frittura!
          • Anonimo scrive:
            Re: Sig. clamari
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            tralasci "e non li informano di quali rischi


            corrono aseguuire il loro suggeirmento"

            Ma rileggere prima di battere "invia" no ?
            Chi vuole far finta di non saper leggere, lo
            lascio friggere nel suo olio preferito.
            Buona frittura!Qui si tratta di non sapere scrivere...
          • Anonimo scrive:
            Re: Sig. clamari
            - Scritto da:
            Qui si tratta di non sapere scrivere...No. Si tratta di ignorare volutamente contenuti che fanno male e a cui non si sa dare risposta.Buona frittura!
  • Anonimo scrive:
    Punto Informatico, mettitelo tu TOR
    Ecco, vediamo se si predica bene e si razzola male. Caro Punto Informatico mettitelo tu un bel nodo TOR, saremo molto felici.
    • Wakko Warner scrive:
      Re: Punto Informatico, mettitelo tu TOR
      - Scritto da:
      Ecco, vediamo se si predica bene e si razzola
      male. Caro Punto Informatico mettitelo tu un bel
      nodo TOR, saremo molto
      felici.Non mi piace il tono di sfida e canzonatura del tuo post, ma ritengo la tua un'ottima idea.
      • Anonimo scrive:
        Re: Punto Informatico, mettitelo tu TOR
        - Scritto da: Wakko Warner

        Non mi piace il tono di sfida e canzonatura del
        tuo post, ma ritengo la tua un'ottima
        idea.Non e' una sfida, ma una polemica. Qui tutti pronti a parlare, ma poi alla fine chi e' che si rimbocca le maniche?
        • Anonimo scrive:
          Re: Punto Informatico, mettitelo tu TOR
          - Scritto da:


          - Scritto da: Wakko Warner



          Non mi piace il tono di sfida e canzonatura del

          tuo post, ma ritengo la tua un'ottima

          idea.

          Non e' una sfida, ma una polemica. Qui tutti
          pronti a parlare, ma poi alla fine chi e' che si
          rimbocca le
          maniche?Hai idea di chi sia Calamari? Cerca in rete ;)
  • Anonimo scrive:
    MA COL CAZZO!!!!!
    la garanzia di una visita mattutina rende assolutamente impensabile abilitare un router TOR.Cambino prima la legge sulle responsabilità del traffico di dati, poi metterò in piedi il server TOR.La banda non c'entra un cazzo, ed evitiamo, per cortesia, di spingere poveri ingenui nel baratro della (in)giustizia italiana.Chi installa un server/router TOR deve essere informato *PERFETTAMENTE* di ciò che questa azione implica.L'articolo aumenterà solo la carne da macello italiana.
    • Anonimo scrive:
      Re: MA COL CAZZO!!!!!
      - Scritto da:
      la garanzia di una visita mattutina rende
      assolutamente impensabile abilitare un router
      TOR.
      Cambino prima la legge sulle responsabilità
      del traffico di dati, poi metterò in piedi
      il server TOR.Mi puoi dire gli articoli delle leggi a cui ti riferisci ?
      La banda non c'entra un cazzo, ed evitiamo,
      per cortesia, di spingere poveri ingenui nel
      baratro della (in)giustizia italiana.
      Chi installa un server/router TOR deve essere
      informato *PERFETTAMENTE* di ciò che questa
      azione implica.Sono daccordo, e visto che sembri informato anche qui ti chiedo gli articoli di legge.
      L'articolo aumenterà solo la carne da macello
      italiana.Attendo che tu faccia chiarezza citando gli articoli richiesti.
      • Anonimo scrive:
        Porta dei riferimenti!
        Mi accodo al commento precedente. Invece di sbraitare tanto devi portare dei riferimenti precisi e spiegarli se vuoi che qualcuno ti presti attenzione.Io per ora continuo a fidarmi di Calamari.
        • Anonimo scrive:
          Re: Porta dei riferimenti!
          - Scritto da:
          Mi accodo al commento precedente. Invece di
          sbraitare tanto devi portare dei riferimenti
          precisi e spiegarli se vuoi che qualcuno ti
          presti
          attenzione.

          Io per ora continuo a fidarmi di Calamari.Ok!!!!Avete ragione voi due!!!Fidatevi!!!!E installate!!!!GRAZIE!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Porta dei riferimenti!
            beh! certo che se perseveri con questo atteggiamento infantile crei solo confusione. Perche' non motivi le tue tesi, cosi' magari ci aiuti davvero?
          • Anonimo scrive:
            Re: Porta dei riferimenti!
            - Scritto da:
            beh! certo che se perseveri con questo
            atteggiamento infantile crei solo confusione.
            Perche' non motivi le tue tesi, cosi' magari ci
            aiuti
            davvero?nono...Installate pure!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Porta dei riferimenti!
            Leggetevi la legge Urbani e poi ditemi se in Italia installare un router TOR non comporta alcun rischio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Porta dei riferimenti!
            - Scritto da:
            Leggetevi la legge Urbani e poi ditemi se in
            Italia installare un router TOR non comporta
            alcun
            rischio.Non capisco molto di legge: mi sai indicare gli articoli precisi ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Porta dei riferimenti!

            beh! certo che se perseveri con questo
            atteggiamento infantile crei solo confusione.
            Perche' non motivi le tue tesi, cosi' magari ci
            aiuti
            davvero?Perchè il tizio in questione è un bimbetto brufoloso che ha molto tempo da perdere sui forum...
      • Anonimo scrive:
        Re: MA COL CAZZO!!!!!
        Come ben sai, in Italia la regolamentazione di internet e' ridicola a dir poco. Le leggi non ci sono o sono imprecise o ridicole e molto si lascia all'interpretazione del giudice (ricordiamo tutti il caso Armani in cui e' stato utilizzato un decreto regio sui timbri per parlare di domini).Ora: senza negare i nobili intenti di TOR a cui tutti auguriamo lunga vita, non nascondiamoci dietro un dito. Mancando una legge in materia che legalizzi TOR, e' possibile che un'accusa sostenza che TOR serva a garantire l'anonimato ai pedofili ed e' possibile che il giudice di turno ci creda e decida in una sentenza esemplare (anch'io ho fiducia nella giustizia, ma ci sono certi giudici in giro ...). Quindi il primo reato contestabile e' quello di concorso in reato. Altro punto, la presenza dei log. E' vero che un proxy non e' un ISP, ma e' anche vero che un proxy (o una catena di proxy) sostituiscono o affiancano l'ISP per la fruizione di certi limitati servizi. Siccome la parola proxy non e' presente in nessuna legge o articolo italiano, il giudice potrebbe convincersi che fare da proxy e' un po' come fare da ISP e quindi puo' accusarci di non avere una licenza e di aver violato alcuni limiti imposti agli ISP (memorizzazione dei log e via dicendo).Processi esemplari nel passato non mancano in cui diritti dati per certi sono stati calpestati. Partendo dal "diritto dei link", al diritto del primo arrivato nel campo dei domini, etc. etc. Ricordo un caso di un sito che non ospitava materiale pedopornografico ma che parlava liberamente del problema criticando le leggi attuali che fu chiuso per inneggiamento a ...... ricordiamoci dove viviamo e chiediamo leggi piu' giuste!
        • Anonimo scrive:
          Re: MA COL CAZZO!!!!!
          Quindi tutte le aziende italiane (anche i privati) che hanno un proxy potrebbero essere passibili di un probabile reato?Ma non diciamo caz**te per piacere!Esistono i log e se settati in modo giusto fidati che sai chi fa cosa.
          • Anonimo scrive:
            Re: MA COL CAZZO!!!!!
            Se il dipendente va su un sito a rischio, l' ip intercettato è quello dell'azienda.Se il "sistemista" dell'azienda non è stato capace di chiudere sto cavolo di proxy quanto detto prima è possibilissimo
          • Anonimo scrive:
            Re: MA COL CAZZO!!!!!
            Vi ricordo che TOR essendo un sistema anonimo NON logga nulla che possa far risalire all'ip originale!
      • Wakko Warner scrive:
        Re: MA COL CAZZO!!!!!
        No, il problema non è tanto se è illegale o meno fornire exit-node tor. Altrimenti tutti i proxy sarebbero altrettanto illegali.Più che altro il problema è che quando si danno certe informazioni delicate come questa che possono potenzialmente causare problemi alle persone è giusto fornire una panoramica completa sia da una parte che dall'altra.Aprire un exit-node Tor forse non ti apre le porte del carcere (anzi, quasi sicuramente non lo fa), ma certamente ti mette a rischio di finire in una delle oramai innumerevoli perquisizioni "alla razzo" delle forze dell'ordine con relativi problemi (sequestro di materiale informatico, sputtanamento sui giornali, ecc).È vero che più exit-node Tor ci sono e meglio è, nel senso che prima o poi si renderanno conto che continuare su questa ridicola strada è inutile e non salva proprio nessuno ma serve solo a fare danni, ma nel frattempo è anche vero che chi lo fa si espone a rischi.Quindi, a mio parere, Calamari che rispetto e che mi pare una delle poche persone dotate di cervello oramai in circolazione, dovrebbe cercare nei suoi futuri articoli di approfondire anche questo aspetto... perché è giusto che chi apre un exit-node Tor sappia esattamente ciò che sta facendo.Come qualcuno faceva notare fra le persone che leggono PI ci sono anche un sacco di ragazzini e ragazzi che, in buona fede, si appassionano alle cose (tecnologia, libertà, ecc) e che *credono* di vivere in un Paese libero come quello che vedono in TV o leggono nei libri o che addirittura gli viene insegnato a scuola, la verità è che questo NON è un Paese libero e che in questo Paese si sfrutta il panico e la fobia della gente al fine di limitare la libertà altrui e far calare l'ascia sulle teste di chi non vuole adattarsi. Quindi, anziché lasciare che lo scoprano sulla loro pelle come purtroppo è capitato a molti (alcuni dei quali si sono anche suicidati per la pressione che gli era stata fatta), è bene che gli si dica anche i "se" e i "però".Tutto qui.
  • Anonimo scrive:
    Per la redazione errata corrige
    Considerato poi che i tipici router sono connessi alla Rete con una ADSL e che la banda condivisa è Asimmetrica
  • firefox88 scrive:
    Articolo stupido
    "Non fate i parassiti; leggete qui ed installate il vostro router ADESSO!"Tanto per cominciare, non vedo come possa una frase del genere essere scritta su un quotidiano.Poi, trovo vergognoso che nell'articolo non si parli dei *rischi* che comporta il fare da server.Quest'articolo è il trionfo della superficialità e della faciloneria.
    • Anonimo scrive:
      Re: Articolo stupido
      - Scritto da: firefox88
      "Non fate i parassiti; leggete qui ed installate
      il vostro router
      ADESSO!"

      Tanto per cominciare, non vedo come possa una
      frase del genere essere scritta su un
      quotidiano.

      Poi, trovo vergognoso che nell'articolo non si
      parli dei *rischi* che comporta il fare da
      server.

      Quest'articolo è il trionfo della superficialità
      e della
      faciloneria.a me non sembra, piuttosto quel che scrivi tu, giustificalo
      • Anonimo scrive:
        Re: Articolo stupido
        - Scritto da:

        a me non sembra, piuttosto quel che scrivi tu,
        giustificaloNon vai tranquiillo|Installa, installa!!!!!!!!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: Articolo stupido
          almeno lui ha detto una cosa sensata... non come il tuo "installa, installa"
          • Anonimo scrive:
            Re: Articolo stupido
            - Scritto da:
            almeno lui ha detto una cosa sensata... non come
            il tuo "installa,
            installa"la cosa sensata è "a me non sembra"?(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Comunque, oggi ci sono 16 nodi terminali in Italia.Se domani non saranno aumentati almeno a 100 (visto il grande numero di entusiasti che scrivono qui dentro) siete tutti degli ipocriti!
          • tillo scrive:
            Re: Articolo stupido
            - Scritto da: [...]
            Se domani non saranno aumentati almeno a 100
            (visto il grande numero di entusiasti che
            scrivono qui dentro) siete tutti degli
            ipocriti!Per ora siete a 24, giusto per informazione.EDIT: Ho sostituito 'siamo' con 'siete', visto che non sono italiano...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 giugno 2006 14.24-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Articolo stupido

        a me non sembra, piuttosto quel che scrivi tu,
        giustificaloShhhai beccato uno che non sa cos'e' Tord'altra parte lo sanno in pochi cos'e'
        • Anonimo scrive:
          Re: Articolo stupido
          - Scritto da:

          a me non sembra, piuttosto quel che scrivi tu,

          giustificalo

          Shh
          hai beccato uno che non sa cos'e' Tor
          d'altra parte lo sanno in pochi cos'e'Io so perfettamente cos'è Tor.Tu sai cos'è il reato di favoreggiamento?
          • Anonimo scrive:
            Re: Articolo stupido
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            a me non sembra, piuttosto quel che scrivi tu,


            giustificalo



            Shh

            hai beccato uno che non sa cos'e' Tor

            d'altra parte lo sanno in pochi cos'e'

            Io so perfettamente cos'è Tor.

            Tu sai cos'è il reato di favoreggiamento?I router L3 degli AS degli ISP, compiono anch'essi reato di favoreggiamento per aver inoltrato pacchetti contententi dati illegali?
          • Anonimo scrive:
            Re: Articolo stupido
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:



            a me non sembra, piuttosto quel che scrivi
            tu,



            giustificalo





            Shh


            hai beccato uno che non sa cos'e' Tor


            d'altra parte lo sanno in pochi cos'e'



            Io so perfettamente cos'è Tor.



            Tu sai cos'è il reato di favoreggiamento?

            I router L3 degli AS degli ISP, compiono
            anch'essi reato di favoreggiamento per aver
            inoltrato pacchetti contententi dati
            illegali?Lo sai benissimo che la questione è piuttosto controversa. Un conto è un ISP, che peraltro deve rispettare regole precise (tipo mantenere i log per 6 anni) un conto è un privato...Questo Tor magari non manda in galera nessuno, ma rischia di dar da mangiare agli avvocati.Ma poi scusami un attimo, mi sfugge la finalità di Tor in Italia. A cosa serve Tor qui da noi?Ad andare nei siti illegali delle scommesse? Ad insultare le persone nei forum evitando il ban?
  • Anonimo scrive:
    gli italiani non sono stupidi...
    ... e sanno che mettere un server tor sul proprio pc e' molto rischioso imfatti se qualcuno ne abusa per andare su siti illegali la polizia vedra' l'ip del vostro computer e finirete nella merd@. I server tor presenti in america e in gemania probabilmente si trovano su server universitari o addirittura su server haccati in modo che anche se qualcuno ne abusa non ci siano rischi. Dubito che un privato sano di mente metta a disposizione di sconosciuti la propria connessione ad internet...
    • Wakko Warner scrive:
      Re: gli italiani non sono stupidi...
      Moderatore Kattivo! :'(-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 giugno 2006 14.30-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: gli italiani non sono stupidi...
        - Scritto da: Wakko Warner
        Il tuo discorso mi ricorda tanto il discorso di
        un ex presidente del Consiglio che (vado a
        memoria, potrei sbagliarmi) affermava che gli
        italiani non sono "cogl*oni" ritenendo in questo
        modo di far sentire "cogl*oni" gli italiani che
        votassero contro di lui.C'entra un fico.
        • Anonimo scrive:
          Re: gli italiani non sono stupidi...
          Infatti non cengtra nulla la politica con questa faccenda. Non si sta facendo propaganda politica.Comunque mi peraviglia che PI faccia tatnti solleciti per convincere i suoi utenti a condividere banda e molto più rischiosamente il proprio indirizzo IP. Da qualche giorno infatti escono articoli dulle difficoltà legali che potrebbe incontrare Fon a causa del fatto che i contratti ADSL che firmiamo ci legano mani e piedi rendendoci responsabili in toto del traffico che esce con il nostro IP. Con che coraggio ci spronate a subire un rischio così? Considerate che fra i vostri lettori non ci sono solo maggiorenni.
          • avvelenato scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...
            - Scritto da:
            Infatti non cengtra nulla la politica con questa
            faccenda. Non si sta facendo propaganda
            politica.
            Comunque mi peraviglia che PI faccia tatnti
            solleciti per convincere i suoi utenti a
            condividere banda e molto più rischiosamente il
            proprio indirizzo IP. Da qualche giorno infatti
            escono articoli dulle difficoltà legali che
            potrebbe incontrare Fon a causa del fatto che i
            contratti ADSL che firmiamo ci legano mani e
            piedi rendendoci responsabili in toto del
            traffico che esce con il nostro IP. Con che
            coraggio ci spronate a subire un rischio così?
            Considerate che fra i vostri lettori non ci sono
            solo
            maggiorenni.Marco Calamari credo sia un freelancer. Personalmente tutti gli articoli di Pi pubblicati da freelancer li trovo di una faziosità disgustosa, prendi la rubrica Cassandra crossing... si salva solo Mantellini, fazioso ma non disgustosamente.
          • Anonimo scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...
            Sono abbastanza d'accordo...
          • Anonimo scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...
            - Scritto da:
            Sono abbastanza d'accordo...leggetehttp://www.google.com/search?hl=en&q=marco+calamari&btnG=Google+Searche poi sciacquatevi la bocca tutti e due
          • Anonimo scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...

            Con che
            coraggio ci spronate a subire un rischio così?Di' che non sai cosa e' Tor e come si configura che ci fai una figura migliore
        • Wakko Warner scrive:
          Re: gli italiani non sono stupidi...
          - Scritto da:

          - Scritto da: Wakko Warner

          Il tuo discorso mi ricorda tanto il discorso di

          un ex presidente del Consiglio che (vado a

          memoria, potrei sbagliarmi) affermava che gli

          italiani non sono "cogl*oni" ritenendo in questo

          modo di far sentire "cogl*oni" gli italiani che

          votassero contro di lui.

          C'entra un fico.Come no... è lo stesso discorso."Gli italiani non sono stupidi" è un modo come un altro per implicare che chi fa il favore di rendere il suo PC un exit-node Tor è stupido e quindi cercare, attraverso le offese, di scoraggiare tale pratica.La stessa identica cosa è successa con quel presidente del Consiglio che non ricordo come si chiama... bassino... pelato... qualcuno se lo ricorda? (newbie)
          • avvelenato scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...
            - Scritto da: Wakko Warner

            - Scritto da:



            - Scritto da: Wakko Warner


            Il tuo discorso mi ricorda tanto il discorso
            di


            un ex presidente del Consiglio che (vado a


            memoria, potrei sbagliarmi) affermava che gli


            italiani non sono "cogl*oni" ritenendo in
            questo


            modo di far sentire "cogl*oni" gli italiani
            che


            votassero contro di lui.



            C'entra un fico.

            Come no... è lo stesso discorso.
            "Gli italiani non sono stupidi" è un modo come un
            altro per implicare che chi fa il favore di
            rendere il suo PC un exit-node Tor è stupido e
            quindi cercare, attraverso le offese, di
            scoraggiare tale
            pratica.
            La stessa identica cosa è successa con quel
            presidente del Consiglio che non ricordo come si
            chiama... bassino... pelato... qualcuno se lo
            ricorda?
            (newbie)Con la differenza che questa volta è vero. Magari non da stupidi ma da masochisti sì. Se poi uno è cosciente che gli può capitare un inconveniente tipo quello citato, e sa come cavarsela nel caso, allora è un altro discorso. Ma non puoi semplicemente ignorare il problema posto giustapponendolo alle cazzate del premier.
          • Wakko Warner scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...
            - Scritto da: avvelenato

            - Scritto da: Wakko Warner



            - Scritto da:





            - Scritto da: Wakko Warner



            Il tuo discorso mi ricorda tanto il discorso

            di



            un ex presidente del Consiglio che (vado a



            memoria, potrei sbagliarmi) affermava che
            gli



            italiani non sono "cogl*oni" ritenendo in

            questo



            modo di far sentire "cogl*oni" gli italiani

            che



            votassero contro di lui.





            C'entra un fico.



            Come no... è lo stesso discorso.

            "Gli italiani non sono stupidi" è un modo come
            un

            altro per implicare che chi fa il favore di

            rendere il suo PC un exit-node Tor è stupido e

            quindi cercare, attraverso le offese, di

            scoraggiare tale

            pratica.

            La stessa identica cosa è successa con quel

            presidente del Consiglio che non ricordo come si

            chiama... bassino... pelato... qualcuno se lo

            ricorda?

            (newbie)


            Con la differenza che questa volta è vero. Magari
            non da stupidi ma da masochisti sì. Se poi uno è
            cosciente che gli può capitare un inconveniente
            tipo quello citato, e sa come cavarsela nel caso,
            allora è un altro discorso. Ma non puoi
            semplicemente ignorare il problema posto
            giustapponendolo alle cazzate del
            premier.Io infatti non criticavo questo... essendo io stesso a NON suggerire di installare exit-node sul computer di casa. Quello che critico io è il modo con cui l'utente di cui sopra si è espresso che implica (magari anche non volutamente) che chiunque ci faccia il FAVORE (a suo rischio e pericolo) di mettere a disposizione un exit-node sia uno stupido.
          • avvelenato scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...
            - Scritto da: Wakko Warner

            - Scritto da: avvelenato



            - Scritto da: Wakko Warner





            - Scritto da:







            - Scritto da: Wakko Warner




            Il tuo discorso mi ricorda tanto il
            discorso


            di




            un ex presidente del Consiglio che (vado a




            memoria, potrei sbagliarmi) affermava che

            gli




            italiani non sono "cogl*oni" ritenendo in


            questo




            modo di far sentire "cogl*oni" gli
            italiani


            che




            votassero contro di lui.







            C'entra un fico.





            Come no... è lo stesso discorso.


            "Gli italiani non sono stupidi" è un modo come

            un


            altro per implicare che chi fa il favore di


            rendere il suo PC un exit-node Tor è stupido e


            quindi cercare, attraverso le offese, di


            scoraggiare tale


            pratica.


            La stessa identica cosa è successa con quel


            presidente del Consiglio che non ricordo come
            si


            chiama... bassino... pelato... qualcuno se lo


            ricorda?


            (newbie)





            Con la differenza che questa volta è vero.
            Magari

            non da stupidi ma da masochisti sì. Se poi uno è

            cosciente che gli può capitare un inconveniente

            tipo quello citato, e sa come cavarsela nel
            caso,

            allora è un altro discorso. Ma non puoi

            semplicemente ignorare il problema posto

            giustapponendolo alle cazzate del

            premier.


            Io infatti non criticavo questo... essendo io
            stesso a NON suggerire di installare exit-node
            sul computer di casa. Quello che critico io è il
            modo con cui l'utente di cui sopra si è espresso
            che implica (magari anche non volutamente) che
            chiunque ci faccia il FAVORE (a suo rischio e
            pericolo) di mettere a disposizione un exit-node
            sia uno
            stupido.E' una sua idea e peraltro ragionevole, sta a te dimostrare che si sbaglia. Ma mi sembra che tutto sommato in realtà anche tu sia d'accordo, quindi non vedo il motivo del contendere.O non daresti dello stupido a uno che attraversa la strada senza guardare?
          • Wakko Warner scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...
            - Scritto da: avvelenato
            O non daresti dello stupido a uno che attraversa
            la strada senza
            guardare?No, l'esempio non è corretto.Le persone che mettono a rischio la loro libertà per garantire la mia io non posso considerarle "stupide". Certo, è *giusto* che siano avvertiti dei rischi che corrono.Ma da qui a dare anche solo indirettamente dello stupido a qualcuno che mi "para il culetto" e che lo fa mettendo sé stesso a rischio... bé...Io ho contestato solo questo.
          • avvelenato scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...
            - Scritto da: Wakko Warner

            - Scritto da: avvelenato

            O non daresti dello stupido a uno che attraversa

            la strada senza

            guardare?

            No, l'esempio non è corretto.
            Le persone che mettono a rischio la loro libertà
            per garantire la mia io non posso considerarle
            "stupide".Infatti non è questo il caso. Non ti garantiscono nulla, leggi quahttp://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1545140&id=1544533&r=PIl'italia non è la cina, e ha problemi di libertà di informazione assai differenti.
            Certo, è *giusto* che siano avvertiti
            dei rischi che
            corrono.
            Ma da qui a dare anche solo indirettamente dello
            stupido a qualcuno che mi "para il culetto" e che
            lo fa mettendo sé stesso a rischio...
            bé...

            Io ho contestato solo questo.Mettiamola così: uno qualunque che tenta di sventare una rapina è stupido? Secondo me sì, benché a suo modo stia cercando di proteggere l'incolumità degli altri ostaggi.
          • Anonimo scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...
            Apprezzo sempre i post di avvelenato ma Wakko ha ragione. Può darsi che l'articolo di calamari possa indurre qualche stupido ad installare un server Tor, ma questo non significa, che installare un exit node Tor in Italia si astupido. E Wakko fa giustamente notare che correre dei rischi *consapevolmente* per una giusta causa può essere in molti casi non si spiega con la stupidità ma con la generiosità e, perché no, la lungimiranza. Se così con fosse allora chi non agisce per convenienza sarebbe sempre uno stupido, idee come virtù, generosità, sacrificio non avrebbero nessun senso. Dipende anche che cosa rischi. Se a te non preoccupano le rogne legali perché hai soldi e comunque sai di essere nella legalità non vedo perché non dovresti installare un server Tor.
          • avvelenato scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...
            - Scritto da:
            Apprezzo sempre i post di avvelenato ma Wakko ha
            ragione. Può darsi che l'articolo di calamari
            possa indurre qualche stupido ad installare un
            server Tor, ma questo non significa, che
            installare un exit node Tor in Italia si
            astupido. E Wakko fa giustamente notare che
            correre dei rischi *consapevolmente* per una
            giusta causa può essere in molti casi non si
            spiega con la stupidità ma con la generiosità e,
            perché no, la lungimiranza. Se così con fosse
            allora chi non agisce per convenienza sarebbe
            sempre uno stupido, idee come virtù, generosità,
            sacrificio non avrebbero nessun senso. Dipende
            anche che cosa rischi. Se a te non preoccupano le
            rogne legali perché hai soldi e comunque sai di
            essere nella legalità non vedo perché non
            dovresti installare un server
            Tor.Queste eccezioni le condivido e vi ho già accennato altrove.
          • Anonimo scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...
            Sottoscrivo. Fa piacere leggere qualche lume tra le tante cavolate ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: gli italiani non sono stupidi...

            Come no... è lo stesso discorso.
            "Gli italiani non sono stupidi" è un modo
            come un altro per implicare che chi fa il
            favore di rendere il suo PC un exit-node
            Tor è stupido e quindi cercare, attraverso
            le offese, di scoraggiare tale pratica.Fino a qui sono della stessa opinione
            La stessa identica cosa è successa con
            quel presidente del Consiglio che non
            ricordo come si chiama... bassino...
            pelato... qualcuno se lo ricorda?Non riesco a capire perchè vuoi, comunisti, senza offesa ovviamente per quelli che lo sono, ma hanno il cercello, dovete sempre tirare in ballo la politica quando non centra in nessun modo... Ma vai a capirloMichele
      • Anonimo scrive:
        Re: gli italiani non sono stupidi...
        - Scritto da: Wakko Warner
        Il tuo discorso mi ricorda tanto il discorso di
        un ex presidente del Consiglio che (vado a
        memoria, potrei sbagliarmi) affermava che gli
        italiani non sono "cogl*oni" ritenendo in questo
        modo di far sentire "cogl*oni" gli italiani che
        votassero contro di
        lui.

        Se la memoria non mi ha tradito del tutto mi pare
        che ha perso le elezioni e che recentemente ha
        preso anche una bella batosta in un certo
        Referendum
        ;)Il tuo discorso non centra nulla. Qui si tratta di mettere a disposizione le proprie risorse a ad altri utenti senza le necessarie garanzie (almeno mi pare di aver capito; se sbaglio correggetemi) di non essere accusato di concorso di colpa o associazione a deliquenre nel caso che chi sfrutti il servizio commetta degli illeciti.Ti sentiresti così sicuro a condividere la tua connessione sapendo che chi la sfrutta potrebbe farlo per commettere reati o visitare siti pedopornografici? Saresti così sicuro di poter dimostrare la tua estraneità ai fatti in caso di inchiesta?Perchè alla fine quasi tutti gli utenti non sentono il bisogno di tutto queste precauzioni o la necessità di navigare anonimi; ben diverso è per chi sa di non essere in regola e prende le precauzioni per non essere scoperto.
    • Anonimo scrive:
      Re: gli italiani non sono stupidi...
      Basta configurare tor per non essere un nodo di uscita e sei a posto.Nessuno verrà mai a cercarti.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: gli italiani non sono stupidi...
      Strano, per un attimo ho pensato che tu fossi un italiano, un italiano vero...
  • Anonimo scrive:
    "router attivi" ed "exit nodes"
    "Orbene, eccoci a noi; stasera i router attivi sono 646, 200 in più rispetto a 4 mesi fa; di questi il 40% si trova negli Stati Uniti ed il 25% in Germania, per l'esattezza in questo momento i router Tor tedeschi sono 150."In realtà sono "exit nodes", i router attivi sono di più perché bisogna contare (non è possibile farlo per ovvi motivi) anche quei router intermedi che non fungono da "exit node". On the other end are middleman nodes that only relay traffic to other Tor nodes quindi è probabile che qui ci siano più middleman nodes
    • Anonimo scrive:
      Re: "router attivi" ed "exit nodes"
      646 inclusi gli exit nodesvedi quihttp://serifos.eecs.harvard.edu/cgi-bin/exit.ploggi sono 616 .... :(gli gli italiani 15 :((di cui solo 3 di uscita :(((
    • tillo scrive:
      Re: "router attivi" ed "exit nodes"
      - Scritto da:
      "Orbene, eccoci a noi; stasera i router attivi
      sono 646, 200 in più rispetto a 4 mesi fa; di
      questi il 40% si trova negli Stati Uniti ed il
      25% in Germania, per l'esattezza in questo
      momento i router Tor tedeschi sono
      150."

      In realtà sono "exit nodes", i router attivi sono
      di più perché bisogna contare (non è possibile
      farlo per ovvi motivi) anche quei router
      intermedi che non fungono da "exit
      node".

      On the other end are middleman nodes that only
      relay traffic to other Tor
      nodes

      quindi è probabile che qui ci siano più middleman
      nodesSbagliato. Conosco lo sviluppatore del programma exit.pl che sta qui: http://serifos.eecs.harvard.edu/cgi-bin/exit.pl?sortbw=1&textonly=1&addr=1 e l'exit sta solo per 'visualizzare le porte di uscita', i nodes visualizzati sono proprio tutti, dal primo all'ultimo.Più informazioni su Tor e i pericoli: http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1545311&id=1544533
  • Anonimo scrive:
    In Italia non si puo' !
    FON, TOR, ... tutti bei progetti, ma hanno un problema che FreeNet e ANts non hanno. Ovvero la polizia.Se c'e' un'indagine che coinvolge un certo sito FreeNet, la polizia sa bene (e' impossibile il contrario) che gli accessi a quel sito avvengono tramite nodi incolpevoli, idem per ANts che, oltre al file-sharing, consente di accedere anche a siti privati della rete ANts. Con FON e con TOR invece rischiamo il cu*o. Il poliziotto vede che l'accesso a quel sito X avviene dal nostro ip e intanto viene a casa nostra alle 6 del mattino. Poi dobbiamo seguirli in caserma dove dobbiamo spiegare che non e' colpa nostra ma e' il software che usiamo che funziona cosi'. Quindi il poliziotto, che non sa di cosa stiamo parlano, se e' "di cuore", si documenta e, dopo 12 ore, ci lascia andare (come e' successo di recente ad un utente francese, e tu lo sai!). Altrimenti, se vuole essere ligio, rischiamo grosso a causa delle leggi approvate dal precedente governo. Ecco, dammi il tuo numero di cellulare e quello del tuo avvocato e facciamo un patto: io metto su un server TOR, poi se vengono a casa mia ti chiamo e ci parli tu con la polizia...No, cosi' non va, dobbiamo fare pressioni pazzesche sul centrosinistra affinche' modifiche queste norme assurde. E' inutile far diventare un sistema diffuso se e' e rimane illegale per lo stato: meglio risolverlo prima questo problema. Nel frattempo arraggiangiamoci, senza fare "i soliti italiani" ma senza rischiare a vuoto
    • Anonimo scrive:
      Re: In Italia non si puo' !
      Forse se convinciamo la Turco che via Fon e Tor passa l'eroina ad uso personale, ci mette una buona parola lei. A quanto pare è più importante lasciare che i giovani si rovinino per bene che ridare un po' buon senso a sto mondo
      • Anonimo scrive:
        Re: In Italia non si puo' !
        - Scritto da:
        Forse se convinciamo la Turco che via Fon e Tor
        passa l'eroina ad uso personale, ci mette una
        buona parola lei. A quanto pare è più importante
        lasciare che i giovani si rovinino per bene che
        ridare un po' buon senso a sto
        mondoAlle solite. Un' altro che non ha di meglio da fare che trollare delle gran balle..La Turco ha parlato NON DI EROINA, troll, ma di spinello.TENERE IL CERVELLO ACCESO, please .....
        • Anonimo scrive:
          Re: In Italia non si puo' !


          Forse se convinciamo la Turco che via Fon e Tor

          passa l'eroina ad uso personale, ci mette una

          buona parola lei. A quanto pare è più importante

          lasciare che i giovani si rovinino per bene che

          ridare un po' buon senso a sto

          mondo

          Alle solite. Un' altro che non ha di meglio da
          fare che trollare delle gran
          balle..


          La Turco ha parlato NON DI EROINA, troll, ma di
          spinello.
          questo qui non sa neanche di che parla...sicuramente per lui è tutto uguale: cannabis,eroina,cocaina,lsd...tutto uguale...gli ignoranti mi fanno pena (ma sono i favoriti dei governi) !to va, documentati, 'gnurant! THC [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/3/39/Thc.png[/img]http://it.wikipedia.org/wiki/Cannabis "Ha inoltre proprietà antinausea, anticinetosico, stimolante l'appetito, abbassa la pressione endooculare, antidolorifico" , antitumorale, antidepressivo, cura asma, artriti e centinaia di altre malattie. nella storia umana, nessun morto da overdose poichè è impossibile. Eroina [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/9c/Heroin5.png[/img]http://it.wikipedia.org/wiki/Morfinahttp://it.wikipedia.org/wiki/Eroina svariati morti all'anno! Cocaina [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/9c/Cocaine.png[/img]http://it.wikipedia.org/wiki/Cocaina svariati morti all'anno! LSD [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/1/16/Lsd-structure.png/120px-Lsd-structure.png[/img]http://en.wikipedia.org/wiki/LSDhttp://it.wikipedia.org/wiki/LSD...sinceramente non so se è mortale, presumo di no, non ho cercato abb info...tutto uguale, he?
          TENERE IL CERVELLO ACCESO, please .....appunto.
      • Anonimo scrive:
        Re: In Italia non si puo' !
        - Scritto da:
        Forse se convinciamo la Turco che via Fon e Tor
        passa l'eroina ad uso personale, ci mette una
        buona parola lei. A quanto pare è più importante
        lasciare che i giovani si rovinino per bene che
        ridare un po' buon senso a sto
        mondola cannabis viene usata anche a scopo terapeutico gnurant
        • Anonimo scrive:
          Re: In Italia non si puo' !
          Ciao,
          la cannabis viene usata anche a scopo terapeuticosi', il principio attivo, mica ti danno da fumare le canne. E' il classico discorso per puntare alla liberalizzazione delle droghe :) Anche la morfina ha usi terapeutici, ma non te la danno perche' tu te la faccia in vena :)Diciamo che il principio attivo della cannabis ti viene fornito in pasticca, senza alcun effetto collaterale, un po' come i cerotti di nicotina.
          • Anonimo scrive:
            Re: In Italia non si puo' !
            - Scritto da:
            Ciao,

            la cannabis viene usata anche a scopo
            terapeutico

            si', il principio attivo, mica ti danno da fumare
            le canne. E' il classico discorso per puntare
            alla liberalizzazione delle droghe :) Anche la
            morfina ha usi terapeutici, ma non te la danno
            perche' tu te la faccia in vena
            :)
            Diciamo che il principio attivo della cannabis ti
            viene fornito in pasticca, senza alcun effetto
            collaterale, un po' come i cerotti di
            nicotina.Come antiemetico per la risonanza magnetica, al contrario, e' consigliato fumarla, poiche' viene dato a persone che vomiterebbero la pastiglia.
          • Anonimo scrive:
            [OT] cultura gratis
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Ciao,


            la cannabis viene usata anche a scopo

            terapeutico



            si', il principio attivo, mica ti danno da
            fumare

            le canne. E' il classico discorso per puntare

            alla liberalizzazione delle droghe :) Anche la

            morfina ha usi terapeutici, ma non te la danno

            perche' tu te la faccia in vena

            :)

            Diciamo che il principio attivo della cannabis
            ti

            viene fornito in pasticca, senza alcun effetto

            collaterale, un po' come i cerotti di

            nicotina.

            Come antiemetico per la risonanza magnetica, al
            contrario, e' consigliato fumarla, poiche' viene
            dato a persone che vomiterebbero la
            pastiglia.inoltre è una palla che il dronabinol (la pastiglia di THC sintetico) non ha effetti collaterali!in natura thc è "moderato" da CBD, CBN, e CBC, che nei pastiglioni mancano...gli effetti indesiderati non mancano.
    • Anonimo scrive:
      Re: In Italia non si puo' !
      Allora è come sospettavo. Se metto su un nodo e poi la sfiga vuole che un utente abusi utilizzando proprio il mio ip... la responsabilità diventa mia.E' così?Tor l'ho usato qualche volta e mi è sembrato un bel sistema... ma purtroppo temo che (almeno qui in italia) non si possa contribuire allo sviluppo del progetto.
    • Anonimo scrive:
      Re: In Italia non si puo' !
      - Scritto da:
      Poi dobbiamo seguirli in caserma dove dobbiamo
      spiegare che non e' colpa nostra ma e' il
      software che usiamo che funziona cosi'. Quindi il
      poliziotto, che non sa di cosa stiamo parlano, se
      e' "di cuore", si documenta e, dopo 12 ore, ci
      lascia andare (come e' successo di recente ad un
      utente francese, e tu lo sai!).Io non lo so, link?
    • Anonimo scrive:
      Re: In Italia non si puo' !
      Non vorrei essere pignolo, ma la famosa Urbani è stata votata anche dall'opposizione, che sulla carta si è accontentata di future modifiche (era urgente per far arrivare i finanziamenti extra al cinema); ma era tutta fuffa per salvare la faccia!!Non vorrei essere pignolo, ma un governo che fonda la propria maggioranza su parlamentari non eletti dal voto popolare negli stati normali (che non sono Spagna, Portogallo, Francia, Grecia, etc.) cioè negli stati anglosassoni (USA, Gb, Australia, New Zeland, Canada) non sarebbe mai possibile (nei paesi di cultura inferiore se il governo è di SX si).
      • Anonimo scrive:
        Re: In Italia non si puo' !
        - Scritto da:
        Non vorrei essere pignolo, ma la famosa Urbani è
        stata votata anche dall'opposizione, che sulla
        carta si è accontentata di future modifiche (era
        urgente per far arrivare i finanziamenti extra al
        cinema); ma era tutta fuffa per salvare la
        faccia!!
        Non vorrei essere pignolo, ma un governo che
        fonda la propria maggioranza su parlamentari non
        eletti dal voto popolare negli stati normali (che
        non sono Spagna, Portogallo, Francia, Grecia,
        etc.) cioè negli stati anglosassoni (USA, Gb,
        Australia, New Zeland, Canada) non sarebbe mai
        possibile (nei paesi di cultura inferiore se il
        governo è di SX
        si).Nonj vorrei essere pignolo, ma dare retta alle berlusconate spegne il cervello.Riaccendilo appena possibile.
        • Anonimo scrive:
          Re: In Italia non si puo' !
          Sono dati oggettivi.http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1545351&id=1544533&r=PIConcluderei anche che è vergonoso che Rita Levi Montalcini, per anni è stata in USA e gli USA gli hanno consentito di fare le sue ricerche che le hanno dato insieme ai suoi 2 colleghi, il premio nobel; non si impegni a diffondere, iniziando dai propri comportamenti; quella cultura anglosassone che è superiore nel mondo.
      • Anonimo scrive:
        Re: In Italia non si puo' !
        - Scritto da:
        Non vorrei essere pignolo, ma un governo che
        fonda la propria maggioranza su parlamentari non
        eletti dal voto popolare negli stati normali (che
        non sono Spagna, Portogallo, Francia, Grecia,
        etc.) cioè negli stati anglosassoni (USA, Gb,
        Australia, New Zeland, Canada) non sarebbe mai
        possibile (nei paesi di cultura inferiore se il
        governo è di SX
        si).Guarda che la legge per far votare gli italiani residenti all'estero l'ha fatta il centro destra. Si chiama Legge Tremaglia. Tremaglia è un ex-repubblichino di AN. Cosa c'entra la sinistra lo sai solo tu.Interessante anche il fatto che gli stati "normali" siano solo quelli anglosassoni. Gli altri evidentemente sono anormali, inferiori. Se vuoi ripristinare le camere a gas diccelo.
        • Anonimo scrive:
          Re: In Italia non si puo' !
          I parlamentari non eletti dal popolo sono i senatori a vita.Se fosse per i senatori eletti dagli italiani residenti all'estero, il C-SX si troverebbe sempre in difficoltà, anche perchè questi al 90% non sono presenti nei lavori parlamentari (hanno attività all'estero e devono compiere sempre un viaggio estero-italia; e sotto questo aspetto il C-DX ha avuto anche più fortuna. I senatori esteri non erano tutti presenti nemmeno alla fiducia al governo). Questo fatto di aver vinto all'estero, è giustificazione per il C-SX, dell'appoggio dei senatori a vita.Gli USA, hanno una votazione del presidente che essenzialmente è un'uninominale a zone (stati), con i grandi elettori. Nella storia USA è avvenuto che 3 volte i grandi elettori scaturiti dalla consultazione, non rispettassero la volontà della maggioranza degli elettori; nel senso che vi erano più elettori di un candidato presidente, e meno di un'altro, anche se la volontà complessiva (non a zone: tutto lo stato USA) degli elettori era per l'altro presidente. Ebbene per 2 volte, una parte degli elettori del candidato vincente ufficialmente, hanno votato ed eletto presidente l'altro candidato. Solo una volta non è avvenuto ciò, con la prima elezione dell'attuale presidente Bush (che aveva il 49,9 dell'elettorato totale, allora). Ma ciò è giustificato dal fatto che Bush era in vantaggio al 53% fino ad 1 settimana dal voto, quando i democratici portarono alla scoperta che aveva subito multa e ritiro temporaneo della patente da giovane, per guida in stato di ubriachezza. Siccome avevano preparato da mesi la "trappola", architettando che fosse in guida sotto gli influssi della cocaina, e fatto scoppiare ciò proprio a ridosso della consultazione in modo che una parte dell'elettorato prendesse per buona la loro falsa verità. Bush allora precipitò dal 53% al 48%. Recuperò in meno di 1 settimana (spiegando e diffondendo il fatto vero), ma non fù sufficiente per ritornare al vantaggio.Spagna ultime consultazioni nazionali. Il giorno prima delle elezioni per la legge spagnola non si può fare propaganda, pena anche il carcere. Ebbene leader e parte del popolo (500.000 circa) di C-SX & SX, ha fatto regolare propaganda con manifestazioni in varie città del paese. Nessun arrrestato!!!!!Italia, 2006: governo con maggioranza di senatori non eletti dal voto popolare.E le nazioni anglosassoni non sarebbero superiori? Hanno una cultura ed un comportamento rigoroso, logico e corretto. Soprattutto non ammettono che una delle 2 parti possa avere un piccolo vantaggio seppur legale (vedi USA); nemmeno se è quella che rappresenta meglio le parti sociali più deboli.
          • kmatteo scrive:
            Re: In Italia non si puo' !
            Hanno un comportamento corretto e rigoroso?Come la guerra preventiva?Il finanziamento degli armamenti del popolo talebano negli anno 80 e la loro distruzione nel nostro decennio?Oppure vincere le elezioni contro Goore per 758 voti di scarto? Micheal Moore docet.Pena di morte per tutti? Va bene.Grazia a OJ Simpson? Non saprei.Stato giusto? Lo stesso stato che ha visto così bene Vietnam, Cile, Nicaragua e tanti altri?Ragazzo, coltiva pure la tua bandiera a stelle e striscie, avranno pure comrpato mio nonno con il Marshall, ma dopo 300 anni non sanno ancora cosa voglia dire nè Roma nè Firenze tantomeno Venezia.E mentre noi creavamo tutto questo, loro si sparavano nel farwest.
          • Anonimo scrive:
            OT !
            Siete entrambi off topic! Vi rendete conto che il thread e' su TOR e non sui sistemi politici comparati?
          • Anonimo scrive:
            Re: In Italia non si puo' !

            E le nazioni anglosassoni non sarebbero
            superiori? Hanno una cultura ed un comportamento
            rigoroso, logico e corretto. Soprattutto non
            ammettono che una delle 2 parti possa avere un
            piccolo vantaggio seppur legale (vedi USA);
            nemmeno se è quella che rappresenta meglio le
            parti sociali più
            deboli.Non perdere tempo, gli USA sono il male, con gente che la vede cosi' stai parlando.
      • Anonimo scrive:
        Re: In Italia non si puo' !
        - Scritto da:
        Non vorrei essere pignolo, ma la famosa Urbani è
        stata votata anche dall'opposizione, che sulla
        carta si è accontentata di future modificheStai commettendo un errore, le modifiche sono state apportate come promesso (via il profitto e la tassa sugli hd che avrebbe triplicato i prezzi attuali) , poi il centrodx ha modificato la legge ulteriormente introducento il penale per la condivisione.
    • Super_Treje scrive:
      Re: In Italia non si puo' !
      Mi pare che grosso modo hai azzeccato al problema eccetto per il fatto che dal tuo post si intuisce che con Ants non sanno il tuo ip.SBAGLIATO !!!!Con Ants, come con tantissimi altri programmi, anzi direi CON TUTTI I PROGRAMMI, possono sapere che ip hai, l'accortezza di ants e' quella di criptare tutto in continuazione con delle chiavi dal primo all'ultimo nodo, non mandare dati di qualunque tipo in maniera diretta tra _datore_ e _richiedente_ ma facendoli passare almeno su un numero prederterminato di nodi intermedi.Rispetto a TOR ha il vantaggio di non avere possibili nodi scoperti; in tor i nodi scoperti sono quelli sui _bordi della rete_.Il problema di Ants eventualmente e' quello di essere un bel po' pesantuccio e lento.Cmq per maggiori info su ants c'e' www.p2pforum.it una sezione dedicata esclusivamente ad Ants.Ciao :)- Scritto da:
      FON, TOR, ... tutti bei progetti, ma hanno un
      problema che FreeNet e ANts non hanno. Ovvero la
      polizia.

      Se c'e' un'indagine che coinvolge un certo sito
      FreeNet, la polizia sa bene (e' impossibile il
      contrario) che gli accessi a quel sito avvengono
      tramite nodi incolpevoli, idem per ANts che,
      oltre al file-sharing, consente di accedere anche
      a siti privati della rete ANts. Con FON e con TOR
      invece rischiamo il cu*o. Il poliziotto vede che
      l'accesso a quel sito X avviene dal nostro ip e
      intanto viene a casa nostra alle 6 del mattino.
      Poi dobbiamo seguirli in caserma dove dobbiamo
      spiegare che non e' colpa nostra ma e' il
      software che usiamo che funziona cosi'. Quindi il
      poliziotto, che non sa di cosa stiamo parlano, se
      e' "di cuore", si documenta e, dopo 12 ore, ci
      lascia andare (come e' successo di recente ad un
      utente francese, e tu lo sai!). Altrimenti, se
      vuole essere ligio, rischiamo grosso a causa
      delle leggi approvate dal precedente governo.
      Ecco, dammi il tuo numero di cellulare e quello
      del tuo avvocato e facciamo un patto: io metto su
      un server TOR, poi se vengono a casa mia ti
      chiamo e ci parli tu con la
      polizia...

      No, cosi' non va, dobbiamo fare pressioni
      pazzesche sul centrosinistra affinche' modifiche
      queste norme assurde. E' inutile far diventare un
      sistema diffuso se e' e rimane illegale per lo
      stato: meglio risolverlo prima questo problema.
      Nel frattempo arraggiangiamoci, senza fare "i
      soliti italiani" ma senza rischiare a
      vuoto
      • Anonimo scrive:
        Re: In Italia non si puo' !
        Sono l'autore del post e mi permetto di sottolineare che non conosci ANts. Sono pronto a scommettere la mia casa e la mia macchina su quel che dico, visto che io, ANts, lo conosco "A MENADITO" (neanche puoi immaginare quanto lo conosca bene!).Allora, chiariamo. ANts e' un programma di file-sharing che cifra le comunicazioni tra i nodi, al pari di tante reti peer to peer to peer. Oltre al file sharing, e' possibile usare ANts anche per visitare siti anonimi. Vediamo perche'.Io sono un utente A. Installo sul mio PC Apache e metto su un sito, ma NON (leggi bene) apro la porta 80 all'esterno, ma solo in locale. Quindi avvio ANts a cui dico che deve rendere il mio sito disponibile sulla rete (modalita' gateway, ultima tab del programma). A quel punto il mio sito e' raggiungibile SOLO da utenti ANts e il mio sito vanta un tipo di "protezione" PARI a quella di FreeNet, essendo lo stesso principio.Ecco perche' scrivo che FreeNet ed ANts sono casi a parte. Essendo i loro siti accessibili SOLO da utenti interni a queste reti e non sono invece presenti sul web, il poliziotto che svolge l'indagine NON PUO' NON SAPERE in quei casi la modalita' di funzionamento della rete. Diversamente, per i siti presenti su web, il poliziotto fa l'associazione sito - ip che accede al sito e poi tocca a te spiegargli che quell'ip era il tuo ma non eri tu ad accedere perche' usi FON o TOR
        • Anonimo scrive:
          Re: In Italia non si puo' !
          A quel punto il mio
          sito e' raggiungibile SOLO da utenti ANts e il
          mio sito vanta un tipo di "protezione" PARI a
          quella di FreeNet, essendo lo stesso
          principio.No, i file su disco con ants ce li hai tu, e "pescando" tra gli utenti ants (riconoscibili) te li possono trovare.COn FDreenet invece i file sono diffusi in tutti i datastore e tu non li hai.Studia prima di fare paragoni da espoerto

          Ecco perche' scrivo che FreeNet ed ANts sono casi
          a parte. Essendo i loro siti accessibili SOLO da
          utenti interni a queste reti e non sono invece
          presenti sul web, il poliziotto che svolge
          l'indagine NON PUO' NON SAPERE in quei casi la
          modalita' di funzionamento della rete.Ma cercando tra gli utenti ants puo' "andare a pesca".Lo fanno regolarmente.Ma usare gli hidden services di tor no ?
          • Anonimo scrive:
            Re: In Italia non si puo' !



            No, i file su disco con ants ce li hai tu,e "pescando" tra gli utenti ants (riconoscibili) te li possono trovare.COn FDreenet invece i file sono diffusi in tutti i datastore e tu non li hai.Studia prima di fare paragoni da espoerto
          • Anonimo scrive:
            Re: In Italia non si puo' !


            Il caso che dovremmo affrontare qui e' il caso
            "del francese" a cui la polizia e' andato a
            bussare perche' usava TOR e, grazie a Dio, dopo
            essersi documentata un po' ha deciso di non
            procedere (che culo!). Questo e' il caso grosso
            di cui si parla
            adessocalma un attimo, qua la grazia di dio e il culo non c'entrano nulla,la polizia ha capito cosa e' successo e molto semplicemente si e' fermata.Un po' di paranoia va bene, ma senza esagerare,e soprattutto se tutta la nostra paura dipende dal fatto che ci si sentirebbe soli nel difendersi da un accusa di "concorso in" per aver fornito accesso ad un nodo tor, allora ci si dia da fare a partecipare/costituire gruppi che sappiano reagire in questi casi, con un supporto pratico per l'eventuale accusato e mediaticamente, per far capire come funziona il tutto di modo che l'accanimento giudiziario non abbia gioco facile.Se aspettiamo che ci sia una legge che ci dica che tor e' espressamente legale stiamo freschi, pero' dobbiamo approfittare del fatto che NON c'e' una legge che dica espressamente che tor e' illegale, ne che chi ha tor installato sul suo PC e' penalmente perseguibile se questo PC viene usato per visitare questo o quel sito.
        • Anonimo scrive:
          Re: In Italia non si puo' !

          Allora, chiariamo. ANts e' un programma di
          file-sharing che cifra le comunicazioni tra i
          nodi, al pari di tante reti peer to peer to peer.
          Oltre al file sharing, e' possibile usare ANts
          anche per visitare siti anonimi. Vediamo
          perche'.

          Io sono un utente A. Installo sul mio PC Apache e
          metto su un sito, ma NON (leggi bene) apro la
          porta 80 all'esterno, ma solo in locale. Quindi
          avvio ANts a cui dico che deve rendere il mio
          sito disponibile sulla rete (modalita' gateway,
          ultima tab del programma). A quel punto il mio
          sito e' raggiungibile SOLO da utenti ANts e il
          mio sito vanta un tipo di "protezione" PARI a
          quella di FreeNet, essendo lo stesso
          principio.Mi sembra interessante. Ora lo installo e gli do un'occhiata.Dal punto di vista della privacy, se ho capito bene, potrebbe essere un sistema molto interessante per pubblicare info non proprio in linea col pensioro dei governi di certi paesi.
    • Anonimo scrive:
      Re: In Italia non si puo' !

      Con FON e con TOR
      invece rischiamo il cu*o. Il poliziotto vede che
      l'accesso a quel sito X avviene dal nostro ip e
      intanto viene a casa nostra alle 6 del mattino.
      Poi dobbiamo seguirli in caserma [CUT]....Cmq con tor puoi anche scegliere l'opzione di non essere exit node, in questo caso il tuo ip non sarà mai memorizzato da nessun sito.
  • Anonimo scrive:
    Io ci sono ma...
    Ho installato il server proprio ieri casualmente però non riesce a stare online per piu' di 5 minuti.La connettività nel log mi dice che è eccellente come da guida però passa le ore a cercare una connessione (credo)Come devo fare per condividere i miei 30kb di upload disponibili in modo stabile? La guida del sito ufficiale non è molto chiara (anonimo)
    • Sergius scrive:
      Re: Io ci sono ma...
      - Scritto da:
      Ho installato il server proprio ieri casualmente
      però non riesce a stare online per piu' di 5
      minuti.
      La connettività nel log mi dice che è eccellente
      come da guida però passa le ore a cercare una
      connessione
      (credo)
      Come devo fare per condividere i miei 30kb di
      upload disponibili in modo stabile? La guida del
      sito ufficiale non è molto chiara
      (anonimo)Probabilmente non hai aperto x l esterno una porta.Capitava anche a meSe vuoi ti posto il mio che funz. Fammi sapere./S
      • Anonimo scrive:
        Re: Io ci sono ma...
        Si puoi postarlo te ne sarei grato così confronto la mia configurazione.Il mio problema credo che sia dovuto a Peerguardian 2 che blocca tutti gli ip, qualcuno puo' confermare?Se fosse così preferirei usare PG2 piuttosto che far da router tor.
        • Anonimo scrive:
          Re: Io ci sono ma...
          E' come l'avevo configurato io, il problema allora è Peerguardian2. Infatti blocca tutte le connessioni sulle porte 9001 e 9091 :(
          • Sergius scrive:
            Re: Io ci sono ma...
            - Scritto da:
            E' come l'avevo configurato io, il problema
            allora è Peerguardian2. Infatti blocca tutte le
            connessioni sulle porte 9001 e 9091
            :(Strano pero,di solito sono i firewall a creare problemi.Fammi sapere chi la spunta :)//Sergius
          • Anonimo scrive:
            Re: Io ci sono ma...
            No no, il firewall è configurato bene ma PG2 blocca tutti gli accessi su queste porte perchè avvengono tutti (o quasi) da università americane in black list e questo non è che mi piaccia tantissimo (newbie)
          • Sergius scrive:
            Re: Io ci sono ma...
            - Scritto da:
            No no, il firewall è configurato bene ma PG2
            blocca tutti gli accessi su queste porte perchè
            avvengono tutti (o quasi) da università americane
            in black list e questo non è che mi piaccia
            tantissimo
            (newbie)Prova ad essere fiducioso e ottimista e di a peerguardian che lasciar passare il traffico a quelle 2 porticine.. :)Immagino che avrai gia provato senza peerguardian.Funziona tutto ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Io ci sono ma...
            Eh si, con PG2 disattivato funziona tutto e piano piano comincia a "donare" la banda agli altri nodi.
  • Anonimo scrive:
    L'upload ridicolo degli isp italiani
    Abiamo linee assimmetriche molto A-simmetriche, la banda di download pwe una 4 mbit e' pari a 15 volte di quella di upload, adesso arriva la nuova offerta alice adsl2 dove il rapporto sale ben oltre le 50 volte!!!!Ma e' possibile cio'? da questo punto di vista siamo in concorrenza con i paesi in via di sviluppo (dato che il termine "Terzo Mondo" e' stato abolito dai media...).
    • Brontoleus scrive:
      Re: L'upload ridicolo degli isp italiani
      - Scritto da:
      Abiamo linee assimmetriche molto A-simmetriche,
      la banda di download pwe una 4 mbit e' pari a 15
      volte di quella di upload, adesso arriva la nuova
      offerta alice adsl2 dove il rapporto sale ben
      oltre le 50
      volte!!!!

      Ma e' possibile cio'? da questo punto di vista
      siamo in concorrenza con i paesi in via di
      sviluppo (dato che il termine "Terzo Mondo" e'
      stato abolito dai
      media...).La fibra è la risposta per evitare l'asimmetricità (che è insita nell'ADSL), ma si limita ad alcune grandi città (neanche completamente) e ha il problema (grave) dell'IP privato.In Paesi come la Svezia (dove i problemi materiali per la cablatura sono simili ai nostri) hanno la fibra ottica full duplex (non half duplex come da noi) fino a 100 (CENTO) Mbit, con tanto di IP pubblico (spesso più di uno per utente), telefono VoIP con tutte le chiamate ai fissi incluse a meno di 80 euro/mese (più o meno quanto costa Fastweb da noi, escluse le promozioni del caso).
      • avvelenato scrive:
        Re: L'upload ridicolo degli isp italiani
        - Scritto da: Brontoleus

        - Scritto da:

        Abiamo linee assimmetriche molto A-simmetriche,

        la banda di download pwe una 4 mbit e' pari a 15

        volte di quella di upload, adesso arriva la
        nuova

        offerta alice adsl2 dove il rapporto sale ben

        oltre le 50

        volte!!!!



        Ma e' possibile cio'? da questo punto di vista

        siamo in concorrenza con i paesi in via di

        sviluppo (dato che il termine "Terzo Mondo" e'

        stato abolito dai

        media...).

        La fibra è la risposta per evitare
        l'asimmetricità (che è insita nell'ADSL), ma si
        limita ad alcune grandi città (neanche
        completamente) e ha il problema (grave) dell'IP
        privato.
        In Paesi come la Svezia (dove i problemi
        materiali per la cablatura sono simili ai nostri)
        hanno la fibra ottica full duplex (non half
        duplex come da noi) fino a 100 (CENTO) Mbit, con
        tanto di IP pubblico (spesso più di uno per
        utente), telefono VoIP con tutte le chiamate ai
        fissi incluse a meno di 80 euro/mese (più o meno
        quanto costa Fastweb da noi, escluse le
        promozioni del
        caso).L'asimmetricità può essere limitata, fino ad 1mb in upload l'adsl standard lo supporta, mentre adsl2+ va a massimo 3,5mb. Quindi è solo un fatto di pigrizia degli isp, nonché a volte di cablature in rame antediluviane (ma questo anche per il download).
      • Anonimo scrive:
        Re: L'upload ridicolo degli isp italiani
        E dove sta la novità?Stai pur tranquillo che non avrai mai una velocità di upload elevata. E se l'avrai (fibra fastweb) non avrai mai un ip pubblico.Non è certo svogliatezza degli isp. e neanche stupidità. Serve come al solito a proteggere il mercato che controllano.Se io avessi la possibilità di avere una 10 mbit con ip pubblico. potrei fornire strumenti di ogni tipo. Server di posta, hosting, proxy, ecc. ecc.farei concorrenza agli isp stessi.Poi ci si son messe pure le major di mezzo. ergo. non saliremo mai come upload. a meno di pagare cifre esorbitanti.
        • teddybear scrive:
          Re: L'upload ridicolo degli isp italiani
          - Scritto da:
          Se io avessi la possibilità di avere una 10 mbit
          con ip pubblico. potrei fornire strumenti di ogni
          tipo. Server di posta, hosting, proxy, ecc.
          ecc.
          farei concorrenza agli isp stessi.a. Potrebbero tranquillamente darti la 10mbit simmetrica con IP pubblico e vietarti di mettere su un servizio "pubblico".b. con 10mbit vuoi fare concorrenza ad un ISP? Ma stai scherzando? 10mbit sono tanti per una utenza casalinga. Sono un niente se devi fornire un servizio serio che deve fare concorrenza ad un provider.E poi come la mettiamo con la corrente elettrica? Hai due linee di tensione rindondanti? Hai un servizio di UPS? Ed i tuoi servers sono sufficientemente carrozzati per poter reggere un uptime serio senza problemi? Per lavorare ad alti regimi per mesi senza interruzione?Hai un locale adibito esclusivamente a "sala macchine" bene insonorizzato e ben refrigerato?Io ho tre servers in casa, e ti assicuro che se li accendo tutti e tre, non riesco a sentire la TV nella stanza a fianco, se non alzando il volume a livelli "irrispettosi" per il vicino di casa.Ti assicuro che se vuoi fare il provider di servizi, la cosa che ti costerà meno è la banda e l'IP pubblico.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'upload ridicolo degli isp italiani
      Io ho una connessione simmetrica :) Certo devo sborsare 44 euro al mese, ma almeno i miei 8KBps (a volte anche 15KBps) sono simmetrici ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: L'upload ridicolo degli isp italiani
      L'utenza italiana non si rende conto che questo e' un problema quindi nessuna fa niente e gli isp mantengono i parametri attuali;per essere adeguati ad un download di 4mbit dovrebbe essere presente un downlod da 1.5 mbit, pero' gran parte dei modem adsl hanno un limite di 1 mbit, le centrali telecom non so;alcuni modem adsl soprttutto i piu' vecchi e costosi supportavano 2mbit di upload, segno che erano supportati.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'upload ridicolo degli isp italiani
      Probabilmente in Germania hanno ADSL con una asimettria meno marcata!in parole povere, hanno più banda in upload!E' vero che noi italiani tendiamo a fare i furbetti, ma è anche vero che non si può fare beneficienza a mani vuote: con la mia ridicola bandina di 32 KB/s non posso permettermi di aprire un TOR, perchè mi porta via una fetta consistente di banda in up e mi rallenta tutto il resto.Se un domani il mio ISP mi aumenterà l'up da 256 kbs a (non dico tanto) 512 kbs, allora ci potrei pensare.
  • Santos-Dumont scrive:
    Grazie Marco
    Per aver fatto presente il problema. Non sto in Italia ma contribuirò come posso.
  • Brontoleus scrive:
    Lo farei volentieri ma...
    La banda c'è (10 Mbit), il PC pure (P4@3 GHz), lo spazio su disco pure (almeno 20 GB potrei darli senza problemi), la voglia pure ci sarebbe, ma Fastweb non mi dà un IP pubblico, e non posso pagare 720 euro/bimestre (tanto mi costerebbe un IP pubblico fisso) per una cosa che non mi ritornerebbe un euro.Se fate qualcosa che bypassa il problema del NAT di Fastweb avvisatemi, sarò lieto di aiutarvi, come faccio da sempre col P2P e come facevo con Freenet (prima di passare a Fastweb).Fino ad allora anche se aprissi il server sarebbe inutile.Se mi dite che funziona con Fastweb lo installo subito, ma le ultime notizie che avevo erano che il server TOR dietro NAT di Fastweb non "serviva", nel vero senso del termine.
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo farei volentieri ma...
      a me purtroppo mi frega la policy dell'universita'. installare un server __di_qualunque_tipo__ e' proibito. mi tolgono la connessione e addio. @^
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo farei volentieri ma...
      - Scritto da: Brontoleus
      La banda c'è (10 Mbit), il PC pure (P4@3 GHz), lo
      spazio su disco pure (almeno 20 GB potrei darli
      senza problemi), la voglia pure ci sarebbe, ma
      Fastweb non mi dà un IP pubblico, e non posso
      pagare 720 euro/bimestre (tanto mi costerebbe un
      IP pubblico fisso) per una cosa che non mi
      ritornerebbe un
      euro.
      Se fate qualcosa che bypassa il problema del NAT
      di Fastweb avvisatemi, sarò lieto di aiutarvi,
      come faccio da sempre col P2P e come facevo con
      Freenet (prima di passare a
      Fastweb).
      Fino ad allora anche se aprissi il server sarebbe
      inutile.
      Se mi dite che funziona con Fastweb lo installo
      subito, ma le ultime notizie che avevo erano che
      il server TOR dietro NAT di Fastweb non
      "serviva", nel vero senso del
      termine.idem con patate, ho fastweb 1 mbit, vorrei aiutare ma non posso
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo farei volentieri ma...
      Se sei in NAT (ip privato) puoi comunque realizzare un hidden service, cioé un servizio 8ad esempio un sito web) completamente anonimo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo farei volentieri ma...
      L' IP pubblico con FW costa 4 euro al giorno ovvero 240 euro a bimestre e non 750 come hai detto tu. A me FW ha dato un Ip pubblico per una anno a 300 euro. Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Lo farei volentieri ma...
        ma alice a 19,95 no? Ha ip pubblico !si, lo so che e' telecom, ma fw fa cose che telecom la farebbero impallidire ...
        • teddybear scrive:
          Re: Lo farei volentieri ma...
          - Scritto da:
          ma alice a 19,95 no? Ha ip pubblico !
          si, lo so che e' telecom, ma fw fa cose che
          telecom la farebbero impallidire
          ...Nella maggiorparte dei casi l'IP pubblico non serve. E se serve assolutamente... non fai FW.Nelle aziende non si hanno IP Pubblici, eppure tutto funziona sempre a dovere.Non puoi farti un sito web sul tuo PC? A prescindere dal fatto che una connessione casalinga non è fatta per quello, se proprio ti serve vai da una altra parte.Se non ti serve, FW è una delle scelte migliori attualmente in Italia. Sia come prezzo che come servizio fornito.
        • Anonimo scrive:
          Che cosa fa Fastweb?
          - Scritto da:
          ma alice a 19,95 no? Ha ip pubblico !
          si, lo so che e' telecom, ma fw fa cose che
          telecom la farebbero impallidire
          ...Che cosa fa Fastweb per far impallidire Telecom? Non provoco, sono solo un utilizzatore di Fastweb curioso di capire se mi stanno tirando qualche fregatura di cui non mi sono reso conto per poca capacità tecnica.Grazie in anticipo di ogni aiuto e chiarimento Ciao
      • Brontoleus scrive:
        Re: Lo farei volentieri ma...
        - Scritto da:
        L' IP pubblico con FW costa 4 euro al giorno
        ovvero 240 euro a bimestre e non 750 come hai
        detto tu. A me FW ha dato un Ip pubblico per una
        anno a 300 euro.


        SalutiQuello da 4 euro al giorno si disattiva (e soprattutto CAMBIA) COMUNQUE (a prescindere da cosa gli dici) in automatico dopo 7 giorni (o 10, non ricordo).Quello di cui parlo io è quello da 0,50 l'ora, che NON cambia e NON si disattiva se non sei tu a decidere di cambiarlo o disattivarlo.Comunque anche 240 a bimestre non li ho.
    • quax scrive:
      Re: Lo farei volentieri ma...
      Ciao, se ti interessa posso offrirti una vpn con il mio server in modo tale da dedicarti un ip pubblico statico tutto tuo.Se sei interessato fammi sapere admin@dioniso.orgPiu avanti potrai trovare utili informazioni sul mio sito: http://www.doniso.org"
  • Anonimo scrive:
    no grazie
    Anche perche' in italia che io sappia e' illegale fornire connettivita' a terzi senza licenze. Io nelle grane non ci vado senza motivo, mi spiace.
    • Anonimo scrive:
      Re: no grazie
      - Scritto da:
      Anche perche' in italia che io sappia e' illegale
      fornire connettivita' a terzi senza licenze. Io
      nelle grane non ci vado senza motivo, mi
      spiace.fornire connettivita' a terzi con Tr?Ma finiscila di scrivere cazzate.
    • Anonimo scrive:
      Re: no grazie
      - Scritto da:
      Anche perche' in italia che io sappia e' illegale
      fornire connettivita' a terzi senza licenze. Io
      nelle grane non ci vado senza motivo, mi
      spiace.Caspita.. a questo punto siamo arrivati.Capisco che stiano cercando di modificare ilDNA di ciascuno di noi in favore di Brevetti & Affini.. ma ti prego..Sii LIBERO e non avere paura.
      • Anonimo scrive:
        Re: no grazie
        - Scritto da:

        Sii LIBERO e non avere paura.
        Beh, aspetta...Aiutare un progetto come tor va bene, ma se per farlo devo rischiare di essere beccato dalla polizia mi spiace ma il router lo faccio fare ai tedeschiCon l'aria che tira in questo periodo non è il caso di fare gli eroi
    • Anonimo scrive:
      Re: no grazie
      - Scritto da:
      Anche perche' in italia che io sappia e' illegale
      fornire connettivita' a terzi senza licenze. Io
      nelle grane non ci vado senza motivo, mi
      spiace.Con TOR non fornisci "connettività", quella la offre solo il provider con cui ti "connetti" alla rete.TOR in buona sostanza è una rete di proxy HTTP, e avere un proxy HTTP non è illegale (anche se non so quale sia legalmente la responsabilità del gestore nel caso in cui venga usato da terzi per commettere un reato).
      • Anonimo scrive:
        Re: no grazie
        puoi fare in modo che non sia mai il nodo finale, in questo modo non puoi esporti neanche al rischio di fare reato :)
      • Anonimo scrive:
        Re: no grazie

        Con TOR non fornisci "connettività", quella la
        offre solo il provider con cui ti "connetti" alla
        rete. TOR in buona sostanza è una rete di proxy
        HTTP, e avere un proxy HTTP non è illegaleVerissimo. Ma come appunto dici...
        (anche se non
        so quale sia legalmente la responsabilità del
        gestore nel caso in cui venga usato da terzi per
        commettere un
        reato).Gia' questo rimane un punto oscuro, in compenso io so chiaramente quanto mi costa l'avvocato. :)
      • Anonimo scrive:
        Re: no grazie
        - Scritto da:
        avere un proxy HTTP non è illegale (anche se non
        so quale sia legalmente la responsabilità del
        gestore nel caso in cui venga usato da terzi per
        commettere un
        reato).Certo che non è illegale avere un proxy, ma se poi il tuo computer si connette a qualche sito e scarica materiale pedopornografico la vai a spiegare te alla polizia la faccenda del router tor...Anche perchè non puoi dimostrare che è stato il proxy a connettersi e non il tuo browser
        • Wakko Warner scrive:
          Re: no grazie
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          avere un proxy HTTP non è illegale (anche se non

          so quale sia legalmente la responsabilità del

          gestore nel caso in cui venga usato da terzi per

          commettere un

          reato).

          Certo che non è illegale avere un proxy, ma se
          poi il tuo computer si connette a qualche sito e
          scarica materiale pedopornografico la vai a
          spiegare te alla polizia la faccenda del router
          tor...
          Anche perchè non puoi dimostrare che è stato il
          proxy a connettersi e non il tuo
          browserA dire il vero io questa la ritengo una questione di anonimità in più per te.Se il traffico generato da Tor è indistinguibile dal traffico generato dal tuo browser allora non possono accusarti di nulla, basta che provi che hai Tor installato e fine del problema.Che mi risulti, ad oggi, nessuno è mai finito nei guai per Tor, né all'estero né in Italia.Se non sbaglio poi l'elenco degli exit-node di Tor è pubblico quindi se diventi un exit-node è facile provare che lo sei.Potresti contattare la EFF e chiedere se eventualmente sono disposti a pagarti le spese legali nel caso tu finisca nelle rogne... credo che sia anche loro interesse interessarsi a un caso simile.Certo, questo non ti mette al riparo da eventuali sequestri alla "far west" in stile tutto italiano e dalle cacce alle streghe di certi preti che anziché fare i preti si mettono a fare i "ghost busters" e gli inquisitori...Se vuoi comunque attivare un nodo Tor ed essere sicuro che questo non ti causi problemi puoi configurare il server Tor di modo che tu sia solo un nodo interno anziché un exit-node.Comunque, a mio parere, un exit-node dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:1) Avere una banda di ingresso/uscita ragionevolmente alta2) Garantire una certa continuità di funzionamento3) Essere posizionato su macchine di organizzazioni/università/ecc. (proprio per evitare cacce alle streghe fra i privati)In Italia, a mio parere, vista anche l'ignoranza di giudici, pm, forze dell'ordine in materia informatica e visti i medoti medievali, irresponsabili e criminali da loro adottati nelle indagini tenderei a suggerire ai privati di diventare eventualmente dei nodi interni e di evitare di diventare exit-node a meno che non siano organizzazioni, università, ecc.
          • tillo scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da: Wakko Warner

            - Scritto da:



            - Scritto da:




            avere un proxy HTTP non è illegale (anche se
            non


            so quale sia legalmente la responsabilità del


            gestore nel caso in cui venga usato da terzi
            per


            commettere un


            reato).Questo è specificato in modo piuttosto chiaro sul sito di Tor. Non hai responsabilità.

            Certo che non è illegale avere un proxy, ma se

            poi il tuo computer si connette a qualche sito e

            scarica materiale pedopornografico la vai a

            spiegare te alla polizia la faccenda del router

            tor...Hai centrato il problema: l'ignoranza delle autorità.

            Anche perchè non puoi dimostrare che è stato il

            proxy a connettersi e non il tuo

            browserQuesto è da vedersi, non è estremamente difficile da provare, e in ogni caso senza prove contrarie di default si è innocienti, ricordiamocelo. Al massimo siamo sospettati.
            A dire il vero io questa la ritengo una questione
            di anonimità in più per
            te.
            Se il traffico generato da Tor è indistinguibile
            dal traffico generato dal tuo browser allora non
            possono accusarti di nulla, basta che provi che
            hai Tor installato e fine del
            problema.Questo lo pensavo anche io, prima di ricevere denuncie. Ho risposto, e mi hanno denunciato altre due volte per ripicca.
            Che mi risulti, ad oggi, nessuno è mai finito nei
            guai per Tor, né all'estero né in
            Italia.Forse perché avevo un nodo di uscita quasi completamente aperto, forse perché avevo il nodo più veloce della network Tor in assoluto (httpdnet), forse perché ho avuto sfortuna, ma io ho dovuto filtrare alcune destinazioni (null-routing) sotto richiesta, e rispondere a tre denuncie da due compagnie (poi cadute nel dimenticatoio).
            Se non sbaglio poi l'elenco degli exit-node di
            Tor è pubblico quindi se diventi un exit-node è
            facile provare che lo
            sei.Questo lo credevo anche io. Lo credo tutt'ora, solo che non serve a molto.
            Potresti contattare la EFF e chiedere se
            eventualmente sono disposti a pagarti le spese
            legali nel caso tu finisca nelle rogne... credo
            che sia anche loro interesse interessarsi a un
            caso
            simile.Conosco personalmente gli sviluppatori ed gli organizzatori, e mi hanno detto semplicemente di filtrare, come ho poi fatto, tutte le porte in uscita tranne quelle utilizzate normalmente da gente onesta (22, 110, 443, 80 no perché usata da alcuni clients bittorrent...), potete vedere in dettaglio la mia configurazione qua: http://serifos.eecs.harvard.edu/cgi-bin/desc.pl?q=httpdnet e la mia posizione nella network qua: http://serifos.eecs.harvard.edu/cgi-bin/exit.pl?sortbw=1&textonly=1&addr=1 non sono messo così male... il mio contributo lo do comunque.
            [...] Se vuoi comunque attivare un nodo Tor ed essere
            sicuro che questo non ti causi problemi puoi
            configurare il server Tor di modo che tu sia solo
            un nodo interno anziché un
            exit-node.Questo, oppure fai come me.
            Comunque, a mio parere, un exit-node dovrebbe
            avere le seguenti
            caratteristiche:
            1) Avere una banda di ingresso/uscita
            ragionevolmente
            alta
            2) Garantire una certa continuità di funzionamento
            3) Essere posizionato su macchine di
            organizzazioni/università/ecc. (proprio per
            evitare cacce alle streghe fra i
            privati) [...]Chiunque dovrebbe poter partecipare, ma è vero che funzionerebbe meglio così, in tutti i sensi.
          • Wakko Warner scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da: tillo
            Questo lo pensavo anche io, prima di ricevere
            denuncie. Ho risposto, e mi hanno denunciato
            altre due volte per
            ripicca.Interessante, perché non lo comunichi alla EFF?Lo hai fatto? Che ti hanno risposto?

            Se non sbaglio poi l'elenco degli exit-node di

            Tor è pubblico quindi se diventi un exit-node è

            facile provare che lo

            sei.

            Questo lo credevo anche io. Lo credo tutt'ora,
            solo che non serve a
            molto.Ma poi alla fine queste denuncie, a parte quelle due che dicevi, che è successo?
            Conosco personalmente gli sviluppatori ed gli
            organizzatori, e mi hanno detto semplicemente di
            filtrare, come ho poi fatto, tutte le porte in
            uscita tranne quelle utilizzate normalmente da
            gente onesta (22, 110, 443, 80 no perché usata da
            alcuni clients bittorrent...), potete vedere in
            dettaglio la mia configurazione qua:
            http://serifos.eecs.harvard.edu/cgi-bin/desc.pl?q=Quindi non c'è speranza che ti aiutino se finisci nei casini?
            Questo, oppure fai come me.Va bene filtrare come hai fatto tu, ma rischi comunque di finire nei guai per le porte lasciate aperte no?
            Chiunque dovrebbe poter partecipare, ma è vero
            che funzionerebbe meglio così, in tutti i
            sensi.Eh già :(
          • tillo scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da: Wakko Warner
            - Scritto da: tillo

            Questo lo pensavo anche io, prima di

            ricevere

            denuncie. Ho risposto, e mi hanno denunciato

            altre due volte per

            ripicca.

            Interessante, perché non lo comunichi alla
            EFF?
            Lo hai fatto? Che ti hanno risposto?Alcuni sviluppatori di Tor che conosco fanno parte di EFF, e sono loro che mi hanno detto, in buona fede, di rispondere con un link agli articoli menzionati sul sito, risposta che non ha avuto l'esito voluto.


            Se non sbaglio poi l'elenco degli


            exit-node di


            Tor è pubblico quindi se diventi un


            exit-node


            è


            facile provare che lo


            sei.



            Questo lo credevo anche io. Lo credo

            tutt'ora,

            solo che non serve a

            molto.

            Ma poi alla fine queste denuncie, a parte
            quelle
            due che dicevi, che è
            successo?In totale sono state tre, due da HBO, dopo la loro seconda email non ho più ricevuto niente.Tra l'altro le ha ricevute il provider, e non io, nonostante l'IP sia a mio nome (ma nel loro AS). Secondo me sfruttano l'ignoranza dei providers per far tagliare il cavo, non andrebbero mai in tribunale.

            Conosco personalmente gli sviluppatori ed

            gli

            organizzatori, e mi hanno detto

            semplicemente di

            filtrare, come ho poi fatto, tutte le porte

            in

            uscita tranne quelle utilizzate normalmente

            da

            gente onesta (22, 110, 443, 80 no perché

            usata

            da

            alcuni clients bittorrent...), potete vedere

            in

            dettaglio la mia configurazione qua:



            Quindi non c'è speranza che ti aiutino se
            finisci
            nei
            casini?Personalmente e direttamente credo di no, ma sicuramente fanno assistenza dietro le quinte.

            Questo, oppure fai come me.

            Va bene filtrare come hai fatto tu, ma rischi
            comunque di finire nei guai per le porte
            lasciate
            aperte
            no?Il giorno che un client bittorrent userà 443 o 22 o 110 o le altre porte che ho aperto, di default, sì. Ma quel giorno l'ignoranza su Tor sarà credo minore, e potremo smettere di avere paura. L'importante è usarlo, e molto.L'articolo in sé non mi piace perché tralascia molte cose, ma sono d'accordo sull'obiettivo: più siamo meglio è.
          • Wakko Warner scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da: tillo
            Alcuni sviluppatori di Tor che conosco fanno
            parte di EFF, e sono loro che mi hanno detto, in
            buona fede, di rispondere con un link agli
            articoli menzionati sul sito, risposta che non ha
            avuto l'esito
            voluto.Non ha avuto l'esito voluto per una ragione molto semplice, si cerca di criminalizzare gli exit-node affinché si diffonda il panico e diminuiscano in numero.Come al solito gli interessi di pochi vanno a ledere nella la libertà dei molti.
            In totale sono state tre, due da HBO, dopo la
            loro seconda email non ho più ricevuto
            niente.

            Tra l'altro le ha ricevute il provider, e non io,
            nonostante l'IP sia a mio nome (ma nel loro AS).
            Secondo me sfruttano l'ignoranza dei providers
            per far tagliare il cavo, non andrebbero mai in
            tribunale.Si, questa è un'altra tecnica usata spesso anche dalla RIAA. Si cerca di fare pressioni sull'ISP (o sul fornitore di servizio) perché sanno che legalmente non hanno nessun tipo di armi a disposizione... sperano quindi di far paura all'ISP e scavalcare il problema così.
            Il giorno che un client bittorrent userà 443 o 22
            o 110 o le altre porte che ho aperto, di default,
            sì. Ma quel giorno l'ignoranza su Tor sarà credo
            minore, e potremo smettere di avere paura.Sicuramente... ma intanto...
            L'importante è usarlo, e
            molto.

            L'articolo in sé non mi piace perché tralascia
            molte cose, ma sono d'accordo sull'obiettivo: più
            siamo meglio
            è.Verissimo. Ma considera che un privato (a meno che non sia ricco) non può permettersi di finire in certe situazioni perché non ha i mezzi per affrontare un eventuale processo o anche solo per pagarsi un avvocato. Purtroppo l'attuale sistema della giustizia è estremamente sbilanciato e non è affatto vero che la legge è uguale per tutti.Ti faccio un esempio. Se un operaio da 1500 euro al mese prende una multa per eccesso di velocità, tale multa incide significativamente sul suo stipendio. Se la medesima multa la prende una persona che non ha mai lavorato 1 giorno in vita sua ma che ha a disposizione miliardi in banca praticamente non gli fa ne caldo né freddo. Quindi la legge NON è uguale per tutti perché l'operaio è costretto a non sbagliare mai per poter sopravvivere, il ricco invece può permettersi di fare quel che gli pare.La stessa cosa vale per la libertà... in realtà la libertà ce l'ha solo chi può permettersela.Quindi si... più si è e meglio è, ma è bene che le cose vengano spiegate con la dovuta cura al fine di non mettere a rischio persone che sarebbero costrette a patteggiare e dunque a piegarsi a 90° ai soprusi del sistema.
          • Anonimo scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da: Wakko Warner
            Ti faccio un esempio. Se un operaio da 1500 euro
            al mese prendeNon so dove vivi tu, ma 1500 euro al mese sono *TANTI*
            Se la medesima multa la prende una
            persona che non ha mai lavorato 1 giorno in vita
            sua ma che ha a disposizione miliardi in bancaeccerto, condizione necessaria per avere i miliardi in banca e non avere lavorato un giorno in vita propria...Che qualunquismo sterile...
          • Wakko Warner scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da:
            Non so dove vivi tu, ma 1500 euro al mese sono
            *TANTI*Dove ho detto che sono pochi? Puoi indicarmi la frase?
            eccerto, condizione necessaria per avere i
            miliardi in banca e non avere lavorato un giorno
            in vita
            propria...Cioè stai affermando che NON esistono personaggi in Italia che non hanno mai lavorato 1 giorno della loro vita ma che comunque hanno i miliardi in banca?Si trattava poi di un puro e semplice esempio per spiegare il concetto... non capisco sinceramente come fai a non esseci arrivato...
          • Anonimo scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da: Wakko Warner

            - Scritto da:

            Non so dove vivi tu, ma 1500 euro al mese sono

            *TANTI*

            Dove ho detto che sono pochi? Puoi indicarmi la
            frase?lo sai benissimo.Non fare il finto tonto.

            eccerto, condizione necessaria per avere i

            miliardi in banca e non avere lavorato un giorno

            in vita

            propria...

            Cioè stai affermando che NON esistono personaggi
            in Italia che non hanno mai lavorato 1 giorno
            della loro vita ma che comunque hanno i miliardi
            in
            banca?ti manca la logica più elementare vedo.Mi spieghi con quale tipo di inferenza deduci ciò da quello che scrivo?
            Si trattava poi di un puro e semplice esempio per
            spiegare il concetto... non capisco sinceramente
            come fai a non esseci
            arrivato...forse non ci sono arrivato per il fatto che hai scritto "non hanno mai lavorato 1 giorno della loro vita" che evidentemente non c'entra un cazzo, ma trasuda solo di livore e rosicamento infinito.
          • Anonimo scrive:
            Re: no grazie
            Wakko si è chiaramente limitato a colorire un esempio. La malafede trasuda da ogni tua parola. No ha detto che chi ha soldi non lavora ma ha fatto l'esempio di uno che ha soldi e non lavora per evidenziare meglio che esistono delle differenze anche enormi nella possibilità di difendersi. Ricordo invece a Wakko che Berlusconi lo ha sostenuto più volte, ammettendo di essersi potuto difendere dalla magistratura solo perché, pur essendo nel giusto, aveva i mezzi per farlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da:
            Wakko si è chiaramente limitato a colorire un
            esempio. tu dici colorire, io dico rosicare con livore.Questione di punti di vista.
            La malafede trasuda da ogni tua parola.Davvero? (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Wakko Warner scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da:
            Wakko si è chiaramente limitato a colorire un
            esempio. La malafede trasuda da ogni tua parola.Bé, mi fa piacere che la gente per lo meno lo noti. :)
            No ha detto che chi ha soldi non lavora ma ha
            fatto l'esempio di uno che ha soldi e non lavora
            per evidenziare meglio che esistono delle
            differenze anche enormi nella possibilità di
            difendersi.Esattamente.
            Ricordo invece a Wakko che Berlusconi
            lo ha sostenuto più volte, ammettendo di essersi
            potuto difendere dalla magistratura solo perché,
            pur essendo nel giusto, aveva i mezzi per
            farlo.E infatti su questo a Berlusconi do pienamente ragione... sicuramente se si trattava di un pinco pallino qualunque non gli sarebbe andata così bene... colpevole o innocente che fosse, questo non spetta a me stabilirlo.Purtroppo conosco anche alcune persone che hanno visto i propri diritti calpestati semplicemente perché non potevano permettersi di pagarsi una difesa decente. :(
          • Anonimo scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da: Wakko Warner
            - Scritto da:

            Wakko si è chiaramente limitato a colorire un

            esempio. La malafede trasuda da ogni tua parola.

            Bé, mi fa piacere che la gente per lo meno lo
            noti.
            :)dài che siete in due.Datevi un po' di pacche sulle spalle così vi convincete a vicenda che siete nel giusto.
          • Wakko Warner scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da:

            - Scritto da: Wakko Warner

            - Scritto da:


            Wakko si è chiaramente limitato a colorire un


            esempio. La malafede trasuda da ogni tua
            parola.



            Bé, mi fa piacere che la gente per lo meno lo

            noti.

            :)

            dài che siete in due.
            Datevi un po' di pacche sulle spalle così vi
            convincete a vicenda che siete nel
            giusto.Rodi rodi :D [img]http://www.hlasek.com/foto/capromys_pilorides_11247.jpg[/img]
          • Anonimo scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da:
            dài che siete in due.
            Datevi un po' di pacche sulle spalle così vi
            convincete a vicenda che siete nel
            giusto.Già un po' come quelli che leggono il giornale di partito e si compiacciono di avere ragione :)
          • tillo scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da: Wakko Warner
            [...]
            La stessa cosa vale per la libertà... in realtà
            la libertà ce l'ha solo chi può
            permettersela.

            Quindi si... più si è e meglio è, ma è bene che
            le cose vengano spiegate con la dovuta cura al
            fine di non mettere a rischio persone che
            sarebbero costrette a patteggiare e dunque a
            piegarsi a 90° ai soprusi del
            sistema.Hai ragione, infatti l'articolo manca di questi particolari.Tra l'altro qua sta il grafico della banda usata da Tor nel mio server: http://www.noreply.org/tor-running-routers/D7/node-traf-D7980023F4312F9B7DA735D385824DE1652A2D7F.pngCome vedi l'attacco legale in fondo non ha avuto un esito negativo in questo senso ;)EDIT: I due buchi che vedi sono le due volte che ho ricevuto le mails...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 giugno 2006 14.17-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: no grazie

            Forse perché avevo un nodo di uscita quasi
            completamente aperto, forse perché avevo il nodo
            più veloce della network Tor in assoluto
            (httpdnet), forse perché ho avuto sfortuna, ma io
            ho dovuto filtrare alcune destinazioni
            (null-routing) sotto richiesta, e rispondere a
            tre denuncie da due compagnie (poi cadute nel
            dimenticatoio).Mi spieghi a cosa serve filtrare alcune destinazioni?
          • tillo scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da:


            [...]

            ho dovuto filtrare alcune destinazioni

            (null-routing) sotto richiesta, e rispondere a

            tre denuncie da due compagnie (poi cadute nel

            dimenticatoio).

            Mi spieghi a cosa serve filtrare alcune
            destinazioni?Certo. Lo faccio quando qualcuno viene da me e mi dice 'ho appena ricevuto un attacco/un worm/un qualsiasicosa da un IP che ti appartiene', io rispondo 'non posso farci niente ho Tor (link), vuoi che faccia in modo che il tuo range non sia più raggiungibile da me? È nei tuoi diritti.', lui dice sì e io lo metto.
          • Anonimo scrive:
            Re: no grazie

            Questo è specificato in modo piuttosto chiaro sul
            sito di Tor. Non hai
            responsabilità.Da quando quello che c'è scritto sul sito di TOR diventa automaticamente legge internazionale?
        • Anonimo scrive:
          Re: no grazie
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          avere un proxy HTTP non è illegale (anche se non

          so quale sia legalmente la responsabilità del

          gestore nel caso in cui venga usato da terzi per

          commettere un

          reato).

          Certo che non è illegale avere un proxy, ma se
          poi il tuo computer si connette a qualche sito e
          scarica materiale pedopornografico la vai a
          spiegare te alla polizia la faccenda del router
          tor...
          Anche perchè non puoi dimostrare che è stato il
          proxy a connettersi e non il tuo
          browserma il router tor non scarica sul tuo server alcunché, quindi non troveranno niente.
          • Anonimo scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da:
            ma il router tor non scarica sul tuo server
            alcunché, quindi non troveranno
            niente.1) intanto ti arrivano a casa con un mandato ben preciso2) intanto finisci sul giornale3) intanto perdi il lavoro4) intanto perdi la faccia (altro che "mi hanno rubato l'anima") con amici e vicini5) intanto, magari ti trovano Winzip crackato e qualche mp3 6) intanto se tu hai delle foto LEGALI ma crittografate della tua ragazza maggiorenne in pose osè, ti costringono a fornirgli la password, pena il rifiuto degli arresti domiciliarima sì, per la libertà questo ed altro.Accomodatevi, signori.E adesso lasciatemi il maiuscolo:ALMENO IL PUNTO 1 E' GARANTITO, SE STAI SULLA RETE TOR COME NODO DI USCITA ABBASTANZA A LUNGOE DI TUTTO CIO' IL SIGNOR CALAMARI NON HA ACCENNATO MINIMAMENTE.REPUTO QUESTO SCANDALOSO E CHIEDO UN NUOVO ARTICOLO SCRITTO DA QUALCUNO CHE, AL POSTO DI AGIRE SOLO PER PRINCIPI, RIESCA A NON PERDERE IL CONTATTO CON LA REALTA' DELLE COSE.
          • tillo scrive:
            Re: no grazie
            Leggi questo thread: http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1545311&id=1544533&r=PI da quel punto in avanti... ti renderai conto che si può dire la stessa cosa senza gridare, senza far paura a nessuno e senza dire anche cose insensate.
          • Anonimo scrive:
            Re: no grazie
            - Scritto da: tillo
            ti renderai conto che si può dire la stessa
            cosa senza gridare, senza far paura a nessuno
            e senza dire anche cose insensate.L'articolo di PI rischia di mettere nei guai delle persone *SENZA CHE QUESTE SIANO CONSAPEVOLI DI CIO'*.Tutto ciò grazie ad un generoso quanto evidentemente volontario 'omissis'.Io ho tutto il diritto di usare il maiuscolo per urlare il mio dissenso.I punti che ho elencato sono perfettamente plausibili ad altamente possibili.Il punto 1 è un fatto che avviene quotidianamente ed è garantito se rimani come exit node abbastanza a lungo.Le 'cose insensate', o le citi argomentando oppure forse sarebbe meglio che non le nomini proprio.
      • avvelenato scrive:
        Re: no grazie
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Anche perche' in italia che io sappia e'
        illegale

        fornire connettivita' a terzi senza licenze. Io

        nelle grane non ci vado senza motivo, mi

        spiace.

        Con TOR non fornisci "connettività", quella la
        offre solo il provider con cui ti "connetti" alla
        rete.
        TOR in buona sostanza è una rete di proxy HTTP, e
        avere un proxy HTTP non è illegale (anche se non
        so quale sia legalmente la responsabilità del
        gestore nel caso in cui venga usato da terzi per
        commettere un
        reato).Non dovresti essere responsabile imho, ma grane ce le avresti comunque in quanto le indagini vedrebbero comunque come probabile indagato il proprietario dell'ip incriminato.Poi si è fortunati se chiedono scusa. I pc perdono valore in fretta, ma se vengono sequestrati, ammesso che ritornino funzionanti, non viene rimborsato nulla del loro valore, benché nel lasso di tempo possono pure averne perso metà.Io lo sconsiglio, per lo meno come exit-node.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 giugno 2006 09.55-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: no grazie
        In teoria come servizio proxy dovresti dare accessibilità in qualsiasi momento ai log degli accessi proprio nel caso in cui qualcuno lo utilizzi per seguire azioni illecite.Aggiungerei anche che ti conviene farlo se vuoi evitare di finire nelle rogne dando un servizio a degli sconosciuti...
Chiudi i commenti