La PEC e l'identificazione del titolare

di Andrea Buti (www.tglex.com) - Un confronto tra due norme che delineano la figura del gestore che si occupa di idnetificare il soggetto assegnatario di una casella di PEC. Quale interpretazione?

Roma – Non c’è una norma che preveda espressamente l’obbligo in capo al gestore di posta elettronica di identificare il soggetto al quale viene assegnata una casella PEC, come rilevato autorevolmente sia in queste pagine che altrove anche recentemente. Ma, come spesso accade, la legge potrebbe aver detto meno di quello che pensava: se crediamo che il legislatore sia un sistema pensante e dotato di coerenza interna, beh… c’è rischio di restare delusi.

Non pretendo, pertanto, che quello che sto per dire risulti sensato o logico, tuttavia potrebbe essere una interpretazione possibile. La norma, infatti, non si identifica – sempre o in tutti i casi – con il contenuto di un articolo, ma con quella regola astratta che deriva dall’incrocio (o scontro…) tra articoli diversi collocati in provvedimenti diversi, di diverso valore e rango, sia perché avvenuti a distanza di tempo, sia perché parto di maggioranze parlamentari diverse o di altre variabili difficilmente definibili.

I provvedimenti diversi che si incrociano, sono due: il Codice dell’amministrazione digitale ( d. lgs. 82/2005 ) e il D.P.C.M. 2.11.2005 (Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata).
Esponendo a mo’ di sillogismo il ragionamento si può rilevare che:

1 – l’art. 1 lett. g) del CAD prevede espressamente che è certificatore ” il soggetto che presta servizi di certificazione delle firme elettroniche o che fornisce altri servizi connessi con queste ultime “;
2 – l’art 32 del CAD, prevede che il certificatore deve ” provvedere con certezza alla identificazione della persona che fa richiesta della certificazione “;
3 – l’art. 1, lett. s) del D.P.C.M. 2.11.2005 definisce gestore di posta elettronica certificata: ” il soggetto che gestisce uno o più domini di posta elettronica certificata con i relativi punti di accesso, di ricezione e di consegna, titolare della chiave usata per la firma delle ricevute e delle buste e che si interfaccia con altri gestori di posta elettronica certificata per l’interoperabilità con altri titolari “;
4 – l’art. 1, D.P.C.M. 2.11.2005 definisce infine la firma del gestore di posta elettronica certificata come ” la firma elettronica avanzata, basata su un sistema di chiavi asimmetriche, che consente di rendere manifesta la provenienza e di assicurare l’integrità e l’autenticità dei messaggi del sistema di posta elettronica certificata, generata attraverso una procedura informatica che garantisce la connessione univoca al gestore e la sua univoca identificazione, creata automaticamente con mezzi che garantiscano il controllo esclusivo da parte del gestore “.

Prima deduzione: il servizio PEC è connesso alle firme elettroniche poiché la legge ne prevede il loro l’utilizzo in capo ai gestori.
Seconda deduzione: il soggetto che fornisce altri servizi connessi all’uso delle firme elettroniche, quindi anche la PEC, è da considerare per questo fatto, certificatore.

Conclusione: il certificatore, ivi incluso il gestore PEC, deve identificare la persona che richiede la certificazione.
Si noti che la legge non parla di certificato, ma di certificazione, ergo ciò che rileva è l’attività, ossia la funzione e non il prodotto (ossia il certificato o le chiavi). Considerato che la posta è definita proprio “certificata” (aggettivo che identifica l’avvenuto svolgimento di una attività di certificazione) risulta quantomeno plausibile la predetta considerazione.

Attenzione: non si sta affermando che i gestori PEC ed i certificatori che rilasciano firme elettroniche siano la stessa entità, ma solo che appartengano alla stessa categoria – astratta ovviamente – dei certificatori che, poi, possono essere ulteriormente diversificati (come in effetti sono concretamente) in base all’oggetto della certificazione: rilasciano PEC i primi e firme i secondi.
Tale differenza però non impedisce – sempre in via di interpretazione e dunque a livello astratto – di ritenerli assoggettati allo stesso obbligo di “identificazione”.

Si ricorda, infatti, che nel dubbio le norme (mutuando dal 1367 c.c.) ” devono interpretarsi nel senso in cui possono avere qualche effetto, anziché in quello secondo cui non ne avrebbero alcuno “. La seconda parte dell’art. 1 lett. g) del CAD (la previsione cioè di “altri servizi connessi”) non avrebbe senso – sarebbe cioè inutile o pleonastica – infatti, se fosse da riferire solo ai certificatori che rilasciano firme elettroniche.

A questo punto, quindi, l’inutilità dovrebbe suonare da campanello d’allarme e spingere il giurista a trovare una interpretazione che sia in grado di dare un qualche senso alle disposizioni di legge: quello che si è provato a fare…
Chiunque altro voglia o possa rintracciare altre possibili interpretazioni è benvenuto!
La diversità è valore. Anche se quando interessa il diritto crea incertezze…

Avv. Andrea Buti
www.tglex.com

I precedenti interventi di A.B. su PI sono reperibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • severo bianchi scrive:
    vedere dvd in 3d contv 3d serve lettore
    ho un tv samsung 46" con 3d per vedere dvd in 3d mi occorre un lettore blu-ray 3d?
  • so sempre io scrive:
    Solito business
    Cinema 3D, televisioni 3d, posso capire il cinema e vi dirò anche perchè, normalmente per le prime visioni, i film che viaggiano sul p2p sono ripresi al cinema, questo non è possibile farlo con i film 3d, di conseguenza è un sistema antipirateria naturale, ma io vedo già i miei figli, che dopo i primi due o tre film 3d, si sono rotti degli occhialini e mi chiedono di vederlo in normal, pensate a casa, siete sul vostro divano comodi, dediti allo svacco, con sti cosi sulla faccia pesanti e in alcuni casi con un filo che pende, lo so che esistono diversi modelli ma quelli senza filo costano una fucilata, pensate se invitate degli amici, diciamo almeno 4 occhialini servono, per vedere cosa?...qualche immagine in 3d?Solito spreco di soldi inutile, ho letto un commento sopra ridicolo, questa è un'evoluzione come l'audio, hahahaha, il 3d è una panacea per bimbi XXXXXXX, la vera evoluzione saranno gli ologrammi, li ci sarà il salto, ma siamo ancora molto lontani da tutto ciò.
    • MeX scrive:
      Re: Solito business
      QUOTO!- Scritto da: so sempre io
      Cinema 3D, televisioni 3d, posso capire il cinema
      e vi dirò anche perchè, normalmente per le prime
      visioni, i film che viaggiano sul p2p sono
      ripresi al cinema, questo non è possibile farlo
      con i film 3d, di conseguenza è un sistema
      antipirateria naturale, ma io vedo già i miei
      figli, che dopo i primi due o tre film 3d, si
      sono rotti degli occhialini e mi chiedono di
      vederlo in normal, pensate a casa, siete sul
      vostro divano comodi, dediti allo svacco, con sti
      cosi sulla faccia pesanti e in alcuni casi con un
      filo che pende, lo so che esistono diversi
      modelli ma quelli senza filo costano una
      fucilata, pensate se invitate degli amici,
      diciamo almeno 4 occhialini servono, per vedere
      cosa?...qualche immagine in
      3d?

      Solito spreco di soldi inutile, ho letto un
      commento sopra ridicolo, questa è un'evoluzione
      come l'audio, hahahaha, il 3d è una panacea per
      bimbi XXXXXXX, la vera evoluzione saranno gli
      ologrammi, li ci sarà il salto, ma siamo ancora
      molto lontani da tutto
      ciò.
    • angros scrive:
      Re: Solito business
      Infatti; e poi quante volte capita di mettere un film mediocre, e di seguirlo solo a metà (un po' guardi il film, un po' chiacchieri con gli amici). Se hai messo il film solo come "sottofondo", che fai? tieni gli occhiali? E se ti addormenti davanti alla tv che fai?
      • so sempre io scrive:
        Re: Solito business
        - Scritto da: angros
        Infatti; e poi quante volte capita di mettere un
        film mediocre, e di seguirlo solo a metà (un po'
        guardi il film, un po' chiacchieri con gli
        amici). Se hai messo il film solo come
        "sottofondo", che fai? tieni gli occhiali? E se
        ti addormenti davanti alla tv che
        fai?Ma lol, se ti addormenti con gli occhiali, ti svegli con un ologramma degli stessi in bassoriglievo sulla fronte, li si che sarai innovativo!!!hahahaha.
      • Virtual Reality scrive:
        Re: Solito business

        Se hai messo il film solo come
        "sottofondo", che fai? tieni gli occhiali? E se
        ti addormenti davanti alla tv che fai?Addormentarsi con gli occhiali?Pericolosissimo!!! :-D
        • angros scrive:
          Re: Solito business
          Se hai quelli col filo, ti giri nel sonno e tiri giù lettore bluray e tutto; buon divertimento.
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business

            Se hai quelli col filo, ti giri nel sonno e tiri
            giù lettore bluray e tutto; buon
            divertimento.Il filo si usava anni fa. Ora c'è un ricevitore a infrarossi.Quindi nessun pericolo.
          • angros scrive:
            Re: Solito business

            Il filo si usava anni fa. E anni prima c' erano le lenti polarizzate, molto più leggere e senza bisogno del filo, nè di batterie.
            Ora c'è un ricevitore a
            infrarossi.Provato sulle cuffie audio, un disastro: basta il minimo movimento e perdi il segnale.
            Quindi nessun pericolo.Finchè dura la batteria;
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business


            Il filo si usava anni fa.
            E anni prima c'erano le lenti polarizzate, molto
            più leggere e senza bisogno del filo, nè di batterie.Si usano ancora adesso.http://www.zalman.com/ENG/product/CategorySecond_Pic.asp?categoryname=3D%20Monitors

            Ora c'è un ricevitore a infrarossi.
            Provato sulle cuffie audio, un disastro: basta il
            minimo movimento e perdi il segnale.Ma stiamo parlando di un'onda quadra a 60 Hz.Un segnale audio è tutta un'altra cosa.

            Quindi nessun pericolo.
            Finché dura la batteriaPerché, poi esplodono? :-)
          • angros scrive:
            Re: Solito business

            Ma stiamo parlando di un'onda quadra a 60 Hz.

            Un segnale audio è tutta un'altra cosa.I ricevitori però sono uguali (e con le cuffie, la ricezione era del tipo "tutto-o-nulla", quindi non so quanto influisse la complessità del segnale)



            Quindi nessun pericolo.


            Finché dura la batteria

            Perché, poi esplodono? :-)Mi immagino la scena:-Aspetta, i miei occhiali non funzionano-Cosa hanno? Fai vedere?-Mi sta venendo la nausea...ogni tanto vedo doppio-Hai la batteria scarica, basta cambiarla-Ok, prendine una-Dove caxxo l' ho messa... qui non c' è... deve essere nel cassetto...(20 minuti dopo)-Non le trovo, devo comprarne di nuove-Alle 11 di sera, dove le vuoi comprare-Senti, per adesso guardalo così-Ma così fa schifo, prenditi tu questi occhiali-Ma sei stato tu che hai dimenticato di cambiare la pila-Guardiamolo in 2d, allora(altro spettatore) -senti, è da mezz' ora che discutete, lo vediamo o no 'sto film in 3d? Domani devo lavorare-Ma lui ha gli occhiali che non vanno-E dagliene degli altri-E dove li prendo?E così via...
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business


            Ma stiamo parlando di un'onda quadra a 60 Hz.

            Un segnale audio è tutta un'altra cosa.
            I ricevitori però sono uguali (e con le cuffie,
            la ricezione era del tipo "tutto-o-nulla", quindi
            non so quanto influisse la complessità del segnale)Stiamo parlando di una tecnologia che esiste da anni e che funzione. Probabilmente erano le cuffie a fare schifo.



            Quindi nessun pericolo.


            Finché dura la batteria

            Perché, poi esplodono?
            -Aspetta, i miei occhiali non funzionanoCapita (e soltanto se sono lcd glass), come ogni tanto capita che non funzioni il telecomando.Ogni volta descrivi scene apocalittiche al cui confronto le leggi di Murphy sono niente :-)
          • angros scrive:
            Re: Solito business

            Capita (e soltanto se sono lcd glass), come ogni
            tanto capita che non funzioni il
            telecomando.A me capita spesso di non trovare il telecomando, o che mi cada per terra, o di trovare quello sbagliato (videoregistratore? TV? digitale terrestre? satellite? dvd?)Immagino la stessa scena per gli occhiali, e penso "se li tengano!".

            Ogni volta descrivi scene apocalittiche al cui
            confronto le leggi di Murphy sono niente
            :-)Aspetta qualche mese... aspetta di sederti sugli occhiali, di rigarli, di farli cadere.Comunque, tu guardati i film come preferisci, ma non aspettarti che gli altri siano disposti a fare altrettanto.E, come ti ho già detto, mentre audio e colore appena sono stati disponibili si sono diffusi subito, la stereoscopia esiste da 90 anni, e non si è mai affermata, perchè alla maggior parte degli spettatori non piace doversi mettere gli occhiali.
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business

            Comunque, tu guardati i film come preferisci, ma
            non aspettarti che gli altri siano disposti a
            fare altrettanto.Ovvio, ognuno deve essere libero di vedere quello che gli pare come gli pare.
            alla maggior parte degli spettatori non piace doversi mettere gli
            occhiali.I cinema stereoscopici si stanno diffondendo moltissimo.Chiaro segnale che l'interesse c'è, e gli occhiali non sono un problema.http://amosgitai.blogspot.com/2009/05/la-lista-dei-cinema-con-sale-3d.htmlhttp://www.ainu.it/cinema/cinema-3d-in-italiahttp://www.screenweek.it/3d
          • angros scrive:
            Re: Solito business
            Cinema e televisione sono due cose ben diverse: al cinema molta gente va perchè spinta dalla curiosità, prova una volta o due, poi lascia perdere, perchè delusa (o stufa)
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business

            Cinema e televisione sono due cose ben diverse:
            al cinema molta gente va perchè spinta dalla
            curiosità, prova una volta o due, poi lascia
            perdere, perché delusa (o stufa)Non è vero.Questa è una tua idea, ma la realtà è ben diversa.Le sale aumentano continuamente, e non solo in Italia, ma in tutto il mondo.Credi forse che un cinema investirebbe decine di migliaia di euro se alla gente non interessasse?Volenti o nolenti, la stereoscopia si diffonderà e diventerà la normalità.Se poi uno non la vuole utilizzare, libero di farlo.http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/tecnologia/grubrica.asp?ID_blog=30&ID_articolo=3789 come fa notare un esperto come Olly Richards, direttore dell'Empire film magazine, «se si muovono registi come Cameron, Spielberg e Jackson, che sono probabilmente i tre più grandi al mondo, altri seguiranno lesempio, e i film in 3D potrebbero diventare lo standard del prossimo decennio». Rassegnatevi... :-)
          • angros scrive:
            Re: Solito business
            Visto hai scritto le stesse cose in due post, e che non ho voglia di fare altrettanto, ti rimando alla risposta che ti ho dato nell' altro:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2774772&m=2777282#p2777282
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business

            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2774772&m=2777282#p2777282Vedi risposta a link sopraindicato.
    • . . scrive:
      Re: Solito business
      Non posso che concordare. Personalmente ho acquistato un film 3D solo perche' conteneva gli occhialini. A parte il film orrendo, la resa 3D era scadente (ne ho visti di meglio).Per la riproduzione 3D esistono progetti promettenti e senza occhialini (ad es. i display multistrato). Il problema attualmente invalicabile per un 3D effettivo (ologrammi tipo starwars) e' la registrazione; girare un film d'azione da almeno 3 angolazioni differenti credo sia quasi impossibile (a meno che non venga generato al computer). Personalmente mi accontenterei di una visione simile all'ologramma 3D di minority report :-)
      • Virtual Reality scrive:
        Re: Solito business

        girare un film
        d'azione da almeno 3 angolazioni differenti credo
        sia quasi impossibile (a meno che non venga
        generato al computer)Non è vero.Esistono già le videocamere per farlo, e i film sono già stati fatti.L'ultimo in uscita è Avatar.
        • angros scrive:
          Re: Solito business

          L'ultimo in uscita è Avatar.Infatti abbiamo visto come ha funzionato bene:http://punto-informatico.it/2776017/PI/News/avatar-al-cinema-drm-permettendo.aspx
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business


            L'ultimo in uscita è Avatar.
            Infatti abbiamo visto come ha funzionato bene:
            http://punto-informatico.it/2776017/PI/News/avatarQuesta è veramente pretestuosa .La stereoscopia in sé non ha nulla a che fare con gli inutili drm.
          • angros scrive:
            Re: Solito business
            La solita storia: "Ok, non funziona, ma a parte questo è fantastico"Non hai scelto un esempio molto felice, tutto qui.
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business

            La solita storia: "Ok, non funziona, ma a parte
            questo è fantastico"E' un problema di drm, non si stereoscopia.Elimini il drm, elimini il problema.Sono due cose totalmente indipendenti.
          • angros scrive:
            Re: Solito business
            Ok, lo capisco perfettamente; dico solo che la figura che hanno fatto non è delle migliori (al di là della causa)Comunque, almeno sul fatto che il DRM sia una ca22ata siamo d' accordo.
          • markoer scrive:
            Re: Solito business
            - Scritto da: angros
            Ok, lo capisco perfettamente; dico solo che la
            figura che hanno fatto non è delle migliori (al
            di là della causa)Ma la tua argomentazione rimane pretestuosa e futile :-)Cordiali saluti
    • Virtual Reality scrive:
      Re: Solito business

      pensate a casa, siete sul
      vostro divano comodi, dediti allo svacco, con sti
      cosi sulla faccia pesantiSi, dai 10 ai 20 kg...Ma per piacere.Sono banalissimi occhiali del peso di pochi grammi.
      pensate se invitate degli amici,
      diciamo almeno 4 occhialini servono,Ognuno si porta i suoi.
      per vedere cosa?...qualche immagine in 3d?Si.
      questa è un'evoluzione come l'audioEsattamente, prima il sonoro, poi il colore, ora la stereoscopia.
      • angros scrive:
        Re: Solito business


        pensate se invitate degli amici,

        diciamo almeno 4 occhialini servono,

        Ognuno si porta i suoi.E se uno non li ha? Se non ho il lettore a casa, non ho neanche gli occhiali.
        Esattamente, prima il sonoro, poi il colore, ora
        la
        stereoscopia.No: come l' audio in cuffia , usato praticamente solo per i dispositivi portatili (non mi risulta che siano in tanti a guardare i film tenendo le cuffie)
        • Virtual Reality scrive:
          Re: Solito business



          pensate se invitate degli amici,


          diciamo almeno 4 occhialini servono,

          Ognuno si porta i suoi.
          E se uno non li ha?Se li compra per pochi euro e ti durano per anni.

          Esattamente, prima il sonoro, poi il colore, ora

          la stereoscopia.
          No: come l' audio in cuffia No. Stiamo parlando di TV stereoscopiche, mica di Head Mount Display!
          • angros scrive:
            Re: Solito business


            E se uno non li ha?

            Se li compra per pochi euro e ti durano per anni.Mi compro gli acXXXXXri per un apparecchio che non ho? E me li porto sempre dietro? E se poi si è in cinque, quattro hanno gli occhiali (tra quelli che si sono portati dietro, e quelli imprestati) e uno no? Cosa si fa?



            Esattamente, prima il sonoro, poi il colore,
            ora


            la stereoscopia.


            No: come l' audio in cuffia

            No. Stiamo parlando di TV stereoscopiche, mica di
            Head Mount
            Display!Stiamo parlando comunque di un apparecchio che deve essere usato da un solo utente per volta (occhiali, o cuffia), che in genere hai in numero limitato (quante cuffie audio hai?), e che in genere nessuno si porta dietro.
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business




            Esattamente, prima il sonoro, poi il colore,



            ora la stereoscopia.


            No: come l' audio in cuffia

            No. Stiamo parlando di TV stereoscopiche, mica

            di Head Mount Display!
            Stiamo parlando comunque di un apparecchio che
            deve essere usato da un solo utente per volta
            (occhiali, o cuffia), che in genere hai in numero
            limitato (quante cuffie audio hai?), e che in
            genere nessuno si porta dietro.Veramente non vedo tutti questi problemi.Semplicemente o uno se li porta dietro oppure userà quelli di chi ospita. Quando si diffonderanno le televisioni stereoscopiche in ogni casa ci saranno diverse paia.
          • angros scrive:
            Re: Solito business

            Veramente non vedo tutti questi problemi.

            Semplicemente o uno se li porta dietro oppure
            userà quelli di chi ospita. Quando si
            diffonderanno le televisioni stereoscopiche in
            ogni casa ci saranno diverse
            paia.Non credo proprio che si diffonderanno mai, se nessuno le compra (io di certo non intendo comprarla, e non mi sembra che nessun altro, qui, a parte te, sia interessato)
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business

            Non credo proprio che si diffonderanno mai, se
            nessuno le compra (io di certo non intendo
            comprarla, e non mi sembra che nessun altro, qui,
            a parte te, sia interessato)Se guardiamo la diffusione della stereoscopia al cinema, l'interesse c'è.
          • angros scrive:
            Re: Solito business
            Un interesse nato dalla curiosità, e che difficilmente è destinato a durare; non sarebbe la prima volta:http://it.wikipedia.org/wiki/Cinema_tridimensionale#L.27et.C3.A0_d.27oro_del_cinema_3-D_.281952-1955.29
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business

            Un interesse nato dalla curiositàI cinema non investono decine di migliaia di euro per una curiosità momentanea (Prevengo subito l'obiezione. Prima non erano necessari grossi investimenti dato che, usando gli anaglifi, erano sufficienti gli occhiali in cartone).La stereoscopia è il futuro del cinema e della televisione.http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/tecnologia/grubrica.asp?ID_blog=30&ID_articolo=3789 come fa notare un esperto come Olly Richards, direttore dell'Empire film magazine, «se si muovono registi come Cameron, Spielberg e Jackson, che sono probabilmente i tre più grandi al mondo, altri seguiranno lesempio, e i film in 3D potrebbero diventare lo standard del prossimo decennio».
          • angros scrive:
            Re: Solito business

            I cinema non investono decine di migliaia di euro
            per una curiosità momentanea Certo che lo fanno, se porta dei soldi (anche solo per poco tempo, non importa, se recuperi l' investimento iniziale e hai dei guadagni)
            (Prevengo subito
            l'obiezione. Prima non erano necessari grossi
            investimenti dato che, usando gli anaglifi, erano
            sufficienti gli occhiali in
            cartone).Un investimento minimo, rispetto al lavoro di girare in 3d, sia che tu usi gli occhiali di cartone o elettronici (che tra l' altro sono anche poco igienici, visto che non sai se chi l' ha messo prima di te aveva i pidocchi o peggio)E comunque, i cinema hanno spesso usato trucchetti (detti gimmicks) per attirare nuovi spettatori, e spesso richiedevano adattamenti altrettanto complessi (veniva spiegato bene nel film Matinèe , http://cinema-tv.corriere.it/film/matin-233-e/01_44_30.shtml)

            La stereoscopia è il futuro del cinema e della
            televisione.

            http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/tec

            come fa notare un esperto come Olly Richards,
            direttore dell'Empire film magazine, «se si
            muovono registi come Cameron, Spielberg e
            Jackson, che sono probabilmente i tre più grandi
            al mondo, altri seguiranno l’esempio, e i film in
            3D potrebbero diventare lo standard del prossimo
            decennio». Questo non vuol dire niente: se si muovono è per far soldi, e i soldi si possono fare approfittando della moda del momento, anche se sai che tra qualche anno sarà dimenticata (anzi, così fai i soldi più in fretta)
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business


            I cinema non investono decine di migliaia di

            euro per una curiosità momentanea
            Certo che lo fanno, se porta dei soldi (anche
            solo per poco tempoMa neanche per sogno.La conversione alla stereoscopia non si ammortizza con qualche film, ma negli anni. Questo significa che non torneranno indietro. La diffusione della stereoscopia è ormai un dato di fatto.
            Un investimento minimo, rispetto al lavoro di
            girare in 3dProprio NO.Se il film è in grafica 3D devi semplicemente fare due rendering al posto di uno.Se il film è con attori reali devi semplicemente utilizzare due videocamere al posto di una.
            i occhiali di
            cartone o elettronici (che tra l' altro sono
            anche poco igienici, visto che non sai se chi l'
            ha messo prima di te aveva i pidocchi o peggio)Per legge vengono sempre disinfettati.Rischi molto di più a tenerti alle maniglie dell'autobus e poi a toccarti la testa.
            E comunque, i cinema hanno spesso usato
            trucchettiLa stereoscopia non è un trucchetto perché va ad interessare l'intera catena dal produttore al consumatore.

            come fa notare un esperto come Olly Richards,

            direttore dell'Empire film magazine, "se si

            muovono registi come Cameron, Spielberg e

            Jackson, che sono probabilmente i tre più grandi

            al mondo, altri seguiranno l'esempio, e i film in

            3D potrebbero diventare lo standard del prossimo

            decennio".
            se si muovono è per
            far soldi, e i soldi si possono fare
            approfittando della moda del momentoGli investimenti sono troppo ingenti per essere una moda passeggera.Rassegnati... :-)
          • angros scrive:
            Re: Solito business

            Ma neanche per sogno.

            La conversione alla stereoscopia non si
            ammortizza con qualche film, ma negli anni.Dipende da quanto hai speso (non eri tu che dicevi che gli occhialini dovrebbero costare poco? Allora perchè costa così caro adeguare le sale?)
            Questo significa che non torneranno indietro. La
            diffusione della stereoscopia è ormai un dato di
            fatto.Si diceva la stessa cosa negli anni 50, e sappiamo come è andata.


            Un investimento minimo, rispetto al lavoro di

            girare in 3d

            Proprio NO.

            Se il film è in grafica 3D devi semplicemente
            fare due rendering al posto di
            uno.

            Se il film è con attori reali devi semplicemente
            utilizzare due videocamere al posto di
            una.E credi che basti? Devi anche avere personale capace di usarle, le due telecamere, e addestrare tale personale costa.Altrimenti, se ti accontenti di prendere una cinepresa 3d, otterrai film tipo questo:http://en.wikipedia.org/wiki/Robot_Monster

            E comunque, i cinema hanno spesso usato

            trucchetti

            La stereoscopia non è un trucchetto perché va ad
            interessare l'intera catena dal produttore al
            consumatore.Anche altri gli altri sistemi lo fanno (ad esempio Odorama )

            se si muovono è per

            far soldi, e i soldi si possono fare

            approfittando della moda del momento

            Gli investimenti sono troppo ingenti per essere
            una moda
            passeggera.Perchè? Spesso si investe di più per una moda passeggera che per qualcosa destinato a durare nel tempo, proprio perchè se una moda dura poco, per approfittarne devi investire tutto e subito.Parecchie "mode" tecnologiche sono durate poco (come quella del tamagotchi), ma in quel poco tempo hanno reso una fortuna a chi aveva realizzato l' idea e l' aveva pubblicizzata.

            Rassegnati... :-)Credo che sarai tu a doverti rassegnare...non so se tra qualche anno troverai ancora film in 3d.
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business


            La conversione alla stereoscopia non si

            ammortizza con qualche film, ma negli anni.
            Dipende da quanto hai speso (non eri tu che
            dicevi che gli occhialini dovrebbero costare
            poco? Allora perchè costa così caro adeguare le
            sale?)No.Io avevo detto che ora è costoso adeguare le sale perché le tecnologie attuali di proiezione sono molto più raffinate e costose degli anaglifi.

            Questo significa che non torneranno indietro. La

            diffusione della stereoscopia è ormai un dato di

            fatto.
            Si diceva la stessa cosa negli anni 50, e
            sappiamo come è andata.Negli anni '50 non c'era il fermento odierno intorno alla stereoscopia.


            Un investimento minimo, rispetto al lavoro di


            girare in 3d

            Proprio NO.

            Se il film è in grafica 3D devi semplicemente

            fare due rendering al posto di uno.

            Se il film è con attori reali devi semplicemente

            utilizzare due videocamere al posto di una.
            E credi che basti? Devi anche avere personale
            capace di usarle, le due telecamere, e addestrare
            tale personale costa.Addestrare gli operatori ha un costo irrisorio rispetto alla conversione di migliaia di sale (perché è questo che sta accadendo in tutto il mondo).Se poi parliamo di film in grafica 3D, non devi addestrare proprio nessuno.

            Rassegnati... :-)
            Credo che sarai tu a doverti rassegnare...non so
            se tra qualche anno troverai ancora film in 3d.Ci saranno, ci saranno, e saranno anche la normalità...
          • angros scrive:
            Re: Solito business

            No.
            Io avevo detto che ora è costoso adeguare le sale
            perché le tecnologie attuali di proiezione sono
            molto più raffinate e costose degli
            anaglifi.Il gestore del cinema sceglie se adeguare la sala o no (e paga lui); per fare questa scelta tiene conto di quanto gli costa, e di quante proiezioni gli occorrono per recuperare la spesa e iniziare a guadagnare (può vendere i biglietti più cari, e attirare qualche spettatore in più); credo che, grazie alla gente che viene per curiosità, recuperi in fretta la spesa (e a quel punto, anche se dopo un anno nessuno vuole più il 3d, lui ci ha guadagnato.
            Negli anni '50 non c'era il fermento odierno
            intorno alla
            stereoscopia.Un po' di storia non ti farà male:http://it.wikipedia.org/wiki/Cinema_tridimensionaleGuarda l' "età d' oro" quando è stata.


            Rassegnati... :-)


            Credo che sarai tu a doverti rassegnare...non so

            se tra qualche anno troverai ancora film in 3d.

            Ci saranno, ci saranno, e saranno anche la
            normalità...Non con gli occhiali: se ci saranno altre tecnologie, si potrà vedere, ma io non sono disposto a dover usare quegli stupidi occhialini, e quasi nessuno intende farlo, in casa propria (esattamente come quasi nessuno in casa propria ascolta la musica con la cuffia)
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Solito business


            Io avevo detto che ora è costoso adeguare le sale

            perché le tecnologie attuali di proiezione sono

            molto più raffinate e costose degli

            anaglifi.
            anche se dopo un anno nessuno vuole più il 3d,
            lui ci ha guadagnato.Un anno???Non recuperi un investimento del genere in un anno, te lo assicuro...

            Negli anni '50 non c'era il fermento odierno

            intorno alla stereoscopia.
            Un po' di storia non ti farà male:
            http://it.wikipedia.org/wiki/Cinema_tridimensionalTi ringrazio, ma la conosco molto bene.Ed è proprio per quello che ti dico che oggi c'è molto più fermento.E non solo dalla parete di chi produce, ma anche dalla parte del pubblico che finalmente ha a disposizione tecnologie all'altezza.



            Rassegnati... :-)


            Credo che sarai tu a doverti rassegnare...non


            so se tra qualche anno troverai ancora film in


            3d.

            Ci saranno, ci saranno, e saranno anche la

            normalità...
            ma io non sono disposto a dover usare quegli
            stupidi occhialini,Libero di non usarli, ma la tecnologia andrà per la sua strada comunque.
            e quasi nessuno intende farloConsiderata la popolarità delle proiezioni stereoscopia, è vero esattamente il contrario.
          • angros scrive:
            Re: Solito business
            A me non sembra così popolare, e quelli che l' hanno provata (con cui ho parlato) mi sembravano più che altro incuriositi; non ho ancora sentito di nessuno (a parte te) che volesse una cosa del genere in casa.
          • markoer scrive:
            Re: Solito business
            - Scritto da: angros
            A me non sembra così popolare, e quelli che l'
            hanno provata (con cui ho parlato) mi sembravano
            più che altro incuriositi; non ho ancora sentito
            di nessuno (a parte te) che volesse una cosa del
            genere in
            casa.LOL, hai fatto un'inchiesta? "a me non lo ha mai detto nessuno" sembra un argomento assai debole.Cordiali saluti
        • markoer scrive:
          Re: Solito business
          - Scritto da: angros[...]
          No: come l' audio in cuffia , usato
          praticamente solo per i dispositivi portatili
          (non mi risulta che siano in tanti a guardare i
          film tenendo le cuffie)LOL, come se la gente non avesse gli home theatre Dolby Surround 5.1 da un pacco di anni ormai. Siamo già al 7.2 e 9.2...E sì funziona benissimo, basta che gugoli... io ce l'ho a casa e lo uso e mi piace. Non vedo l'ora di avere anche il 3D.Cordiali saluti
    • markoer scrive:
      Re: Solito business
      - Scritto da: so sempre io
      Cinema 3D, televisioni 3d, posso capire il cinema
      e vi dirò anche perchè, normalmente per le prime
      visioni, i film che viaggiano sul p2p sono
      ripresi al cinema, questo non è possibile farlo
      con i film 3d, di conseguenza è un sistema
      antipirateria naturale,Basta attrezzarsi con due videocamere. Mica è difficile :-)
      ma io vedo già i miei
      figli, che dopo i primi due o tre film 3d, si
      sono rotti degli occhialini e mi chiedono di
      vederlo in normal,Mio figlio (6 anni) ha già visto tre film in 3D e non si è affatto "rotto". Anzi, è divertentissimo vedere la neve che sembra cadere nel cinema...
      pensate a casa, siete sul
      vostro divano comodi, dediti allo svacco, con sti
      cosi sulla faccia pesanti e in alcuni casi con un
      filo che pende, lo so che esistono diversi
      modelli ma quelli senza filo costano una
      fucilata, pensate se invitate degli amici,
      diciamo almeno 4 occhialini servono, per vedere
      cosa?...qualche immagine in
      3d?Avrebbero detto la stessa cosa del Wii Motion alcuni anni fa: ma quando ho un controller a che mi serve?
      Solito spreco di soldi inutile, ho letto un
      commento sopra ridicolo, questa è un'evoluzione
      come l'audio, hahahaha, il 3d è una panacea per
      bimbi XXXXXXX, la vera evoluzione saranno gli
      ologrammi, li ci sarà il salto, ma siamo ancora
      molto lontani da tutto ciò.Meglio stare con i piedi per terra. Solo i ricconi compreranno l'ultima novità appena uscita, ma l'anno successivo sarà disponibile a tutti a prezzi accessibili. D'altronde, se servono solo una Playstation e degli occhialini... l'anno prossimo la Playstation 3 te la tireranno dietro.Cordiali saluti
  • Pino scrive:
    30 frames al secondo
    Se non ricordo male già 30 frames al secondo danno un'immagine fluida per il cervello umano, perché qui ne servono necessariamente 60 per occhio?
    • Momento di inerzia scrive:
      Re: 30 frames al secondo
      Non ne conosco scientificamente i motivi, ma più aumenti la frequenza di aggiornamento d'immagine e più l'immagine sembra fluida.Prova a guardare una TV a tubo catodico (anche a 100Hz) con un occhio chiuso e poi mi dici in quanti nanosecondi ti viene il mal di testa.
      • . . scrive:
        Re: 30 frames al secondo
        - Scritto da: Momento di inerzia
        Non ne conosco scientificamente i motivi, ma più
        aumenti la frequenza di aggiornamento d'immagine
        e più l'immagine sembra fluida.Scientificamente parlando e' stato dimostrato (negli anni 20) che a 24 fps il cervello viene gia' ingannato. Aumentare i frame al secondo e' una cosa abbastanza inutile, tant'e' che il cinema analogico e' ancora a 24fps e nessuno si e' mai lamentato. Il cervello di alcuni animali (ad es. cani o uccelli) sono molto piu' specializzati e per loro la tv o il cinema non e' altro che una serie di scatti, uno slide show. Per ingannare il loro cervello sono necessari piu' di 100 frame al secondo.Per fornire un senso di profondita' 24-25 fps non sono sufficienti, perche' bisogna ingannare molte piu' parti del cervello, tra cui il controllo della convergenza oculare e via discorrendo.
        Prova a guardare una TV a tubo catodico (anche a
        100Hz) con un occhio chiuso e poi mi dici in
        quanti nanosecondi ti viene il mal di
        testa.864.000.000.000 nanosecondi. Posso guardare con un occhio solo per tutto il pomeriggio senza problemi (a parte prendere sonno). Non vedo perche' dovrebbe venire il mal di testa.
        • Virtual Reality scrive:
          Re: 30 frames al secondo

          Scientificamente parlando e' stato dimostrato
          (negli anni 20) che a 24 fps il cervello viene
          gia' ingannato.Si, viene ingannato, ma percepisce ancora l'immagine come non perfettamente fluida (difatti nei cinema, per aumentare la fluidità, ogni singolo fotogramma viene proiettato 3 volte http://it.wikipedia.org/wiki/Proiettore#Lampi_di_luce).Vari studi hanno evidenziato i 90Hz come limite oltre al quale il sistema visivo umano percepisce l'immagine come perfettamente fluida.Quindi, per la stereoscopia basata su lcd glass, basterebbero display da 180Hz.
          • . . scrive:
            Re: 30 frames al secondo
            Praticamente e' quello che succede sulle TV a 100Hz ... le trasmissioni sono sempre a 25fps (PAL) ma un singolo fotogramma viene rinfrescato piu' volte.
          • Plinio scrive:
            Re: 30 frames al secondo
            Non me ne intendo molto e quindi potrei sbagliare. Ma mi sento di dire che bisogna fare distinzione tra il numero dei fotogrammi (fps) e quanto gli stessi vengano aggiornati (Hz). Ad esempio sui monitor crt io che sono molto sensibile percepisco in maniera evidente se il refresh video è troppo basso, diciamo 60Hz (dipende anche dal tempo di decadimento dei fosfori impostato dal produttore a tavolino). Vedo con chiarezza i passaggi del pennello elettronico sullo schermo, alla stessa maniera di quando si vedono in televisione delle riprese fatte con delle telecamere che inquadrano dei video cioè a striscie chiare a scure. Ciò nonostante posso dire che le scene rappresentate mi appaiono fluide a 24/25 fps. Nel link suggerito infatti è spiegato il motivo per cui si aggiorna con un frequenza doppia. Lo si fa perchè la retina non percepisca il brusco calo di luce che avviene al cambio di fotogramma.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: 30 frames al secondo
            Infatti, la frequenza di aggiornamento del quadro video serve a dare all'immagine una migliore stabilità, mentre la cadenza dei fotogrammi serve a dare una maggiore fluidità.E sebbene il cervello sia ingannato già a 24 fps, aumentare questo valore aumenta la fluidità dell'azione; basta vedere un qualunque videogioco per rendersene conto.Probabilmente la confusione nel thread è colpa del mio uso disattento del termine "frequenza di aggiornamento d'immagine".
        • Momento di inerzia scrive:
          Re: 30 frames al secondo
          - Scritto da: . .
          Posso guardare con
          un occhio solo per tutto il pomeriggio senza
          problemi (a parte prendere sonno). Non vedo
          perche' dovrebbe venire il mal di
          testa.Buon per te.Io ho provato qualche volta che avevo l'occhio ferito e quindi inutilizzabile e non resistevo più di 10 secondi.Mi sono informato e a quanto pare la mia è la reazione normale.
          • Ale scrive:
            Re: 30 frames al secondo
            Ti sei informato? Dove? Quindi io sono anormale?Da che medico mi consigli di andare?
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: 30 frames al secondo
            Io non andrei da un medico per curare quello che a tutti gli effetti è un vantaggio.Ma se proprio vuoi, allora un buon oculista potrebbe essere tentato di violare il giuramento di Ippocrate e peggiorare la tua condizione attuale con un bel paio di occhiali correttivi.P.S. il sarcasmo lascialo a casa quando parli con gente che non conosci.
    • Valerio P. scrive:
      Re: 30 frames al secondo
      25/30 fps bastano se anche le sorgenti sono girate a quella frequenza... mi spiego meglio:se giri con pellicola a 30 fps e impressioni una scena in movimento ogni frame avrà la "scia" del movimento. Se metti tutto insieme vedi tutto fluido.Con un videogame o un film 3d questa cosa non funziona perché ogni fotogramma è perfettamente definito e per ingannare l'occhio servono più fotogrammi per interpolare gli oggetti da uno stato all'altro!Ciao
      • . . scrive:
        Re: 30 frames al secondo
        - Scritto da: Valerio P.
        25/30 fps bastano se anche le sorgenti sono
        girate a quella frequenza... mi spiego
        meglio:
        se giri con pellicola a 30 fps e impressioni una
        scena in movimento ogni frame avrà la "scia" del
        movimento. Se metti tutto insieme vedi tutto
        fluido.
        Con un videogame o un film 3d questa cosa non
        funziona perché ogni fotogramma è perfettamente
        definito e per ingannare l'occhio servono più
        fotogrammi per interpolare gli oggetti da uno
        stato
        all'altro!
        Non e' proprio cosi'. La mia videocamera digitale permette di regolare i tempi dell'otturatore: impostando valori bassissimi, la cattura di ciascun fotogramma risulta perfetta e nitida, ma inadatta per un video a 25fps: il risultato e' un filmato con uno sfarfallio terrificante.Aumentando i tempi di esposizione si ottiene l'effetto scia desiderato (ma i fotogrammi risultano sovraesposti).La casa costruttrice ha ovviato a questo problema impostando di default la cattura a 50fps interlacciati: l'esposizione e' corretta e l'effetto scia viene compensata dalla cattura a 50fps, rendendo confortevole la visione del filmato ma problematica l'operazione di editing video.
  • xbomber scrive:
    Occhiali LCD!
    NON CI POSSO CREDERE!!!! Hanno veramente usato occhiali con otturatore LCD sincronizzato???????Buon mal di testa a tutti!!!!!!!!!L'unica soluzione poco dolorosa ed invasiva sarebbe stata proprio quella a luce polarizzata con occhiali filtro!Ora scommetto che riempiranno il mercato di TV 3D ready con fastidiosi occhiali LCD, per poi passare alle Full 3d a luce polarizzata (Come nei cinema più moderni) solo tra un paio di anni! Olé!!! Che bello il marketing! Ma la vaselina la danno in dotazione?
    • Momento di inerzia scrive:
      Re: Occhiali LCD!
      Ho visto film in 3D con entrambe le tecnologie ed entrambe danno il mal di testa.L'unica differenza l'ho notata nelle scene di azione, con panning molto veloci in cui le immagini realizzate con la tecnologia scelta per i BD sembrano "destrutturarsi" e perdersi in un mare di linee.Ma non so se questo accada anche per la tecnologia a polarizzazione semplicemente perché non ho visto filmati in cui c'erano scene d'azione.
  • Francesco_Holy87 scrive:
    Sono salvo!
    La mia PS3 è salva :D
    • albertobs88 scrive:
      Re: Sono salvo!
      - Scritto da: Francesco_Holy87
      La mia PS3 è salva :DGià, sono curioso di sapere cosa ha la PS3 in più dei lettore Blu Ray da casa ;)
      • tRiKy scrive:
        Re: Sono salvo!
        - Scritto da: albertobs88
        - Scritto da: Francesco_Holy87

        La mia PS3 è salva :D

        Già, sono curioso di sapere cosa ha la PS3 in più
        dei lettore Blu Ray da casa
        ;)che dispone di molte alternative integrate per spillarti soldi senza cambiare niente =)
        • Francesco_Holy87 scrive:
          Re: Sono salvo!
          Oltre a giochi di ultima generazione, lettura di praticamente ogni formato audio e video, browser internet per collegarsi seduto in poltrona, aggregatore di RSS, chat, videochiamata, informazioni meteo in tempo reale ecc...?
          • MeX scrive:
            Re: Sono salvo!
            e li usi per davvero o ci giochi soltanto?
          • Francesco_Holy87 scrive:
            Re: Sono salvo!
            Vabbè ci gioco soprattutto, ma vedo spesso film e ascolto musica sulla PS3. La uso come un media-center.
          • MeX scrive:
            Re: Sono salvo!
            ok... quest infatti sono fuffettate markettare ;)"browser internet per collegarsi seduto in poltrona, aggregatore di RSS, chat, videochiamata, informazioni meteo in tempo reale"
      • . . scrive:
        Re: Sono salvo!

        Già, sono curioso di sapere cosa ha la PS3 in più
        dei lettore Blu Ray da casa
        ;)Sta scritto nell'articolo. Rileggitelo, comunque la PS3 sara' sicuramente compatibile con i BD-3D (al contrario dei comuni lettori BD).
      • Rainheart scrive:
        Re: Sono salvo!
        Il fatto che non si deve comprare un altro lettore?
  • Star scrive:
    Il bello è...
    ...che chi non riesce a vedere o ad apprezzare il 3D stereoscopico continuerà a dire che è inutile mentre chi come il sottoscritto lo apprezza e non vede l'ora che anche nel segmento home-video questo si diffonda continuerà a dire che notizie come questa sono graditissime.Il mondo è bello perché vario ;)
    • Virtual Reality scrive:
      Re: Il bello è...

      ...che chi non riesce a vedere o ad apprezzare il
      3D stereoscopico continuerà a dire che è inutileCome già accadde con l'introduzione del sonoro nei film.C'era chi, addirittura, prevedeva la morte del cinema...Fra una decina di anni la stereoscopia sarà una cosa normalissima, come lo sono il sonoro e il colore oggi. Il progresso non si ferma.
      • angros scrive:
        Re: Il bello è...

        Fra una decina di anni la stereoscopia sarà una
        cosa normalissima, come lo sono il sonoro e il
        colore oggi. Il progresso non si
        ferma.Credo che lo dicessero già nel 1920...Sono passati 90 anni, e non è accaduto; forse tra altri 90 si vedrà qualcosa.
        • Virtual Reality scrive:
          Re: Il bello è...


          Fra una decina di anni la stereoscopia sarà una

          cosa normalissima, come lo sono il sonoro e il

          colore oggi. Il progresso non si ferma.
          Credo che lo dicessero già nel 1920...Il primi film stereoscopici al cinema sono degli anni '50 e utilizzavano gli anaglifi, qualitativamente non paragonabili alle tecnologie attuali.
          Sono passati 90 anni60 anni.
          e non è accadutoOra accadrà.
      • pinco pallino scrive:
        Re: Il bello è...
        - Scritto da: Virtual Reality

        ...che chi non riesce a vedere o ad apprezzare
        il

        3D stereoscopico continuerà a dire che è inutile

        Come già accadde con l'introduzione del sonoro
        nei
        film.

        C'era chi, addirittura, prevedeva la morte del
        cinema...

        Fra una decina di anni la stereoscopia sarà una
        cosa normalissima, come lo sono il sonoro e il
        colore oggi. Il progresso non si
        ferma.Non credo proprio: 24 fotogrammi al secondo, occhialini con tempi di sincronizzazione non nulli che dopo un'ora e mezza di filmato stancano la vista non sono certo "appetibili" e questo obiettivamente parlando.Vanno bene solo la prima volta, poi se uno deve scegliere in genere si ricorda il male agli occhi e ritorna al filmato tradizionale ugualmente scattoso a 24 fotogrammi/secondo ma almeno che non da la sensazione di avere le pupille attorcigliate su se stesse.
        • markoer scrive:
          Re: Il bello è...
          - Scritto da: pinco pallino[...]
          Vanno bene solo la prima volta, poi se uno deve
          scegliere in genere si ricorda il male agli occhi
          e ritorna al filmato tradizionale ugualmente
          scattoso a 24 fotogrammi/secondo ma almeno che
          non da la sensazione di avere le pupille
          attorcigliate su se stesse.Ma chi diavolo usa ancora TV a 24 fps?!? mia nonna forse.Cordiali saluti
        • mazzolatore scrive:
          Re: Il bello è...
          ..tempi di "sincronizzazione" non nulli?mi sa che tu hai un po' di confuzione in testa.Il meccanismo è semplicemente quello della polarizzazione, non c'è un bel niente da sincronizzare!!
  • Virtual Reality scrive:
    Ottima notizia
    Ottima notizia.La stereoscopia è la naturale evoluzione dopo il sonoro e il colore.
    • angros scrive:
      Re: Ottima notizia
      Peccato che la stereoscopia esiste da 90 anni, e non si è mai affermata; e peccato che periodicamente viene proposta come novità, e dura pochi anni, poi viene dimenticata.
      • Virtual Reality scrive:
        Re: Ottima notizia

        Peccato che la stereoscopia esiste da 90 anni, e
        non si è mai affermataSemplicemente perché non era ancora disponibile la tecnologia per avere un'esperienza pienamente soddisfacente.Gli Uomini hanno sognato per secoli di poter volare, e oggi voliamo...
        • Alfonso Maruccia scrive:
          Re: Ottima notizia
          No, semplicemente perché infilarsi degli scomodi occhialini (perché sono scomodi, punto) quando ci si vuole rilassare per un paio d'ore con un film davanti alla televisione è una XXXXXXXta a prescindere.Ergo la "stereoscopia" è un prodotto di nicchia e tale rimarrà anche in futuro. Io "Coraline" al cinema l'ho visto in 3D, mi è piaciuto ma non ci penso proprio a infilarmi gli occhialini ogni santa volta che mi metto davanti a uno schermo.E questo purtroppo non è marketing ma semplice ragion pratica. Ché se i markettari ogni tanto usassero il cervello tante XXXXXXX, fallimenti e vuoti a perdere ce li risparmieremmo :-P
          • angros scrive:
            Re: Ottima notizia

            No, semplicemente perché infilarsi degli scomodi
            occhialini (perché sono scomodi, punto) quando ci
            si vuole rilassare per un paio d'ore con un film
            davanti alla televisione è una XXXXXXXta a
            prescindere.

            Ergo la "stereoscopia" è un prodotto di nicchia e
            tale rimarrà anche in futuro. Io "Coraline" al
            cinema l'ho visto in 3D, mi è piaciuto ma non ci
            penso proprio a infilarmi gli occhialini ogni
            santa volta che mi metto davanti a uno
            schermo.

            E questo purtroppo non è marketing ma semplice
            ragion pratica. Ché se i markettari ogni tanto
            usassero il cervello tante XXXXXXX, fallimenti e
            vuoti a perdere ce li risparmieremmo
            :-PTi quoto in toto.Chi vuole gli occhiali se li metta, ma non pretenda di farli indossare anche agli altri; oltre tutto, progettato così (con un canale video per occhio), il sistema potrebbe teoricamente utilizzare diversi tipi di visore: display autostereoscopici o lenticolari per i monitor da computer (tanto, in genere in tali casi c' è un solo spettatore, e si trova perfettamente al centro), o occhiali con due display LCD (per avere un dispositivo veramente portatile, in cui metti solo occhialini e cuffia, e ti vedi ad esempio il ilm sul treno o in sala d' attesa senza disturbare gli altri); tu prendi il film, e a seconda dei casi lo vedi con il dispositivo più adatto.Insistere sul megaschermo+occhialini è una idiozia unica, oltre ad essere una soluzione anacronistica.
          • pinco pallino scrive:
            Re: Ottima notizia
            - Scritto da: Alfonso Maruccia
            No, semplicemente perché infilarsi degli scomodi
            occhialini (perché sono scomodi, punto) quando ci
            si vuole rilassare per un paio d'ore con un film
            davanti alla televisione è una XXXXXXXta a
            prescindere.

            Ergo la "stereoscopia" è un prodotto di nicchia e
            tale rimarrà anche in futuro. Io "Coraline" al
            cinema l'ho visto in 3D, mi è piaciuto ma non ci
            penso proprio a infilarmi gli occhialini ogni
            santa volta che mi metto davanti a uno
            schermo.

            E questo purtroppo non è marketing ma semplice
            ragion pratica. Ché se i markettari ogni tanto
            usassero il cervello tante XXXXXXX, fallimenti e
            vuoti a perdere ce li risparmieremmo
            :-PQuoto. Alla fine del primo tempo già si comincia a sentire dolore agli occhi. Vedere un film in 3d non è affatto una esperienza piacevole (forse la prima volta o per piccoli pezzi di filmato potrebbe anche stupire...).Quello che sarebbe facile da fare (con i nuovi proiettori digitali) e renderebbe sicuramente più confortevole la visione sarebbe l'introduzione dei 48 fotogrammi al secondo al cinema che probabilmente farebbe meno "figo" ma sarebbe estremamente più realistico e riposante vedere un film in quel modo.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: Ottima notizia
            Mah, guarda, io ho una PS3 e un TV a 200Hz e quindi mi sono preparato da tempo all'avvento del 3D che vedevo come cosa positiva.Al cinema ho preferito spesso la versione 3D a quella 2D per abituarmi nell'attesa di una tecnologia sempre migliore.Ma posso tranquillamente dire che *questo* 3D è una cagata pazzesca, né più né meno di quello ottenuto con gli occhialini rossi e blu.E il problema non sta negli occhialini comodi o scomodi (quelli del cinema sono scomodi perché sono a taglia unica, ma a casa il problema non si dovrebbe porre), ma nel fatto che le immagini, come ha già detto qualcun altro, danno il mal di testa.Non vedendo miglioramenti tecnologici, da un po' di tempo ho iniziato a preferire la versione 2D a quella 3D.P.S. per i troll: la TV a 200Hz va benissimo lo stesso, grazie...
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Ottima notizia

            la "stereoscopia" è un prodotto di nicchia e
            tale rimarrà anche in futuro. I vostri televisori e i vostri monitor saranno assimilati. La resistenza è inutile. (cfr. http://it.wikipedia.org/wiki/Borg):-)
          • angros scrive:
            Re: Ottima notizia
            La stereoscopia è una tecnologia debole. Il debole perirà http://it.wikipedia.org/wiki/Specie_8472
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Ottima notizia

            La stereoscopia è una tecnologia debole.http://punto-informatico.it/2764384/PI/News/sony-tv-3d.aspxIn una dichiarazione di intenti che apparentemente non lascia adito a dubbi, il vicepresidente responsabile della divisione TV di Sony Hiroshi Yoshioka "spara" la previsione secondo cui, entro il 2012, la corporation venderà televisori con tecnologia 3D nell'ordine del 30-50 per cento del suo intero parco in alta definizione.
          • angros scrive:
            Re: Ottima notizia
            Sony? Non era la stessa azienda che riteneva che il futuro della vendita dei CD consistesse nell' introduzione di rootkit per impedirne la copia?
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Ottima notizia

            Sony? Non era la stessa azienda che riteneva che
            il futuro della vendita dei CD consistesse nell'
            introduzione di rootkit per impedirne la copia?Riferimento del tutto pretestuoso .La stereoscopia non ha nulla a che fare con i rootkit.
          • angros scrive:
            Re: Ottima notizia
            Forse no, ma il punto è che le previsioni della Sony non sono molto affidabili, visti i precedenti (e tu hai postato una previsione , e l' hai pure postata due volte)
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Ottima notizia

            Forse noNon forse, proprio no.
          • MeX scrive:
            Re: Ottima notizia
            - Scritto da: Alfonso MarucciaWIN
          • Virtual Reality scrive:
            Re: Ottima notizia

            Ergo la "stereoscopia" è un prodotto di nicchia e
            tale rimarrà anche in futuro.http://punto-informatico.it/2764384/PI/News/sony-tv-3d.aspxIn una dichiarazione di intenti che apparentemente non lascia adito a dubbi, il vicepresidente responsabile della divisione TV di Sony Hiroshi Yoshioka "spara" la previsione secondo cui, entro il 2012, la corporation venderà televisori con tecnologia 3D nell'ordine del 30-50 per cento del suo intero parco in alta definizione.
  • Mike scrive:
    Ma quanto è figo il bluray?
    La tecnologia bluray è puro marketing!http://grigio.org/ma_quanto_e_inutile_questo_oggetto
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Ma quanto è figo il bluray?
      Che c'entra adesso di cosa fa la Panasonic?Un lettore Blu Ray ormai lo compri anche a 100.
    • non so scrive:
      Re: Ma quanto è figo il bluray?
      Sono d'accordo che quell'oggetto a quel prezzo è inutile, ma cosa c'entra questo con la tecnologia BD in generale?- Scritto da: Mike
      La tecnologia bluray è puro marketing!
      http://grigio.org/ma_quanto_e_inutile_questo_ogget
  • LuNa scrive:
    adesso voglio vedere ..
    quanti cambieranno il loro figossissimo bravia da 58'' e lettore bd da nmila euro per questa cosa.un fallimento a prescindere, imho.
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: adesso voglio vedere ..
      Guarda che non serve un nuovo monitor, solo occhialini.
      • xbomber scrive:
        Re: adesso voglio vedere ..
        Purtroppo non è così!I monitor classici non hanno una frequenza di aggiornamento abbastanza elevata!In oltre mi sembra di avere capito che useranno la luce polarizzata come nei cinema moderni, quindi oltre alla frequenza anche la struttura fisica del pannello sarà diversa!CMQ se prima di buttarsi a pesce lesso in acquisti la gente si informasse, avrebbe già visto tempo fa che gli attuali LCD sarebbero solo stati di transizione.D'altronde viviamo in un mondo in cui quello che conta è solo il puro consumismo! Non mi stupisco che oggi ci sia una tale crisi, ma mi stupisco che la gente si lamenti come se tutti non ne fossero consapevoli!La colpa è si del sistema in cui viviamo, ma anche noi per pigrizia di vera informazione l'abbiamo lasciato diventare così, quindi la colpa è pure nostra!Buon proseguimento a tutti!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 dicembre 2009 11.51-----------------------------------------------------------
        • pinco pallino scrive:
          Re: adesso voglio vedere ..
          - Scritto da: xbomber
          Purtroppo non è così!
          I monitor classici non hanno una frequenza di
          aggiornamento abbastanza
          elevata!
          In oltre mi sembra di avere capito che useranno
          la luce polarizzata come nei cinema moderni,
          quindi oltre alla frequenza anche la struttura
          fisica del pannello sarà
          diversa!
          CMQ se prima di buttarsi a pesce lesso in
          acquisti la gente si informasse, avrebbe già
          visto tempo fa che gli attuali LCD sarebbero solo
          stati di
          transizione.Con il 3d attuale nessuno (percentuale bassa) cambierà il proprio televisore.
        • Francesco_Holy87 scrive:
          Re: adesso voglio vedere ..
          Beh ti posso dire che molti schermi LCD odierni supportano un refresh rate superiore ai 100Mhz, compreso il mio.Poi la soluzione del consumismo sai qual'è?Se non è necessario, non comprare.
          • DarkOne scrive:
            Re: adesso voglio vedere ..
            - Scritto da: Francesco_Holy87
            Beh ti posso dire che molti schermi LCD odierni
            supportano un refresh rate superiore ai 100Mhz,
            compreso il
            mio.
            Falso.Già trovarne uno che supporta i 100 hertz (non mega hertz) è difficile e costano più dei 60 hertz, ma trovarne uno che ne supporta più di 100 significa andare nella fascia dei 1000 euro a salire, spesa assolutamente spropositata.
      • Fiber scrive:
        Re: adesso voglio vedere ..
        - Scritto da: Francesco_Holy87
        Guarda che non serve un nuovo monitor, solo
        occhialini.perché tu conosci qualcuno che ha monitor o TV con frequenza di refresh verticale a 120Hz Max.....ovvero 60Hz + 60Hz (In NTSC) essendo il video 3D composto da 2 immagini progressive a 25Fps ( standard PAL ) o 30Fps (standard NTSC) o deinterlacciate a 50Hz ( standard PAL quindi 50Hz +50Hz ) o 60 Hz (standard NTSC quindi 60Hz + 60Hz) in stereoscopia?ma quando mai?comprate ,pagate e fate girar l'economia-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 giugno 2011 13.14-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti