La schiuma DARPA ferma le emorragie interne

Il Dipartimento della Difesa USA intende trattare le emorragie interne con iniezioni di schiuma estensibile a base di polimero: il rischio di mortalità si riduce ed è più facile trasportare il ferito verso i soccorsi

Roma – Bloccare le emorragie interne iniettando una schiuma che si estende e occupa la cavità toracica dei feriti sul campo di battaglia: per DARPA l’idea è vincente, al punto che merita ulteriori fondi per la ricerca e lo sviluppo di applicazioni pratiche da usare nelle battaglie USA del futuro.

La sempre attivissima agenzia del Dipartimento della Difesa continuerà dunque a finanziare i lavoro di ricerca e sviluppo di Arsenal Medical , società che lavora alla schiuma iniettabile: il composto, a base di polimero plastico (poliuretano) è formato da due diversi liquidi da iniettare nel corpo di un paziente che rischia la vita a causa di un’emorragia interna.

I due liquidi reagiscono tra di loro e formano la schiuma, la schiuma si solidifica e si espande all’interno della cavità toracica e dell’intestino fino a occupare un volume trenta volte superiore a quello iniziale. In tal modo le ferite si comprimono, l’emorragia e gli organi colpiti si stabilizzano e il paziente più essere trasportato più facilmente verso i soccorsi.

Un chirurgo si incaricherà infine di estrarre la schiuma-polimerica (apparentemente da rimuovere tutta d’un pezzo) e rammendare gli organi feriti. I test pre-clinici sin qui svolti (sui maiali) da Arsenal Medical hanno dimostrato la notevole efficacia della schiuma polimerica: da una percentuale di sopravvivenza dell’8 per cento in tre ore dopo l’inizio dell’emorragia si è passati a un sonoro 72 per cento – con una perdita di sangue enormemente ridotta.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MacGeek scrive:
    Arseniuro di gallio & Cray
    Non è che sia una novità l'arseniurio di gallio. È sempre stato il materiale candidato n° 1 per i computer più potenti del futuro. Il Cray 3 lo usava (o avrebbe voluto usarlo, visto che di quei computer ne hanno fatto 1 solo). Poi non so perché il suo utilizzo è stato messo da parte.http://it.wikipedia.org/wiki/Cray-3
  • Gnagno scrive:
    "è infatti cinque più efficiente"
    Certo! E' cinque più efficiente! Io barlare bene itagliano!
  • tucumcari scrive:
    il costo del materiale?
    vabbè trovare qualcosa che costi meno del silicio (sabbia) è francamente complicato... ma chiedersi quanto incide il costo del materiale (meglio sarebbe dire della sua produzione in forma utilizzabile nel proXXXXX industriale di produzione industriale) incide per quanto sul totale?A conti fatti è quasi irrilevante si può tranquillamente dare per scontato che possa aumentare (ovviamente in cambio di vantaggi che riducano, come sembra altri costi).
Chiudi i commenti